Cina, la censura online è divertente

L'idea del regime: una mascotte colorata e carina che indichi con un sorriso agli utenti web la presenza di sistemi di monitoraggio e filtri internet. Presto sorrideranno molti siti nazionali

Shenzhen (Cina) - La repressione sistematica delle libertà digitali sta per acquistare una tinta accattivante. L'amministrazione di Shenzhen ha infatti creato due coloratissime mascotte destinate ai maggiori siti web ad accesso pubblico: Jingjing e Chacha, due simpatici poliziotti la cui presenza su certe pagine e servizi, forum, bacheche e chat indicherà la presenza delle cosiddette guardie rosse telematiche addette alla censura.

La notizia arriva direttamente da Shanghaiist, pubblicazione gestita da statunitensi trapiantati in estremo oriente. "Le nuove forze speciali di polizia telematica entrate in azione all'inizio del 2006", sostiene l'autore Dan Washburn, "vogliono rendere la loro presenza meno ingombrante e sembrare come innocui cartoni animati". Il problema è che "i due poliziotti a fumetti sembrano innocui fintanto le loro controparti reali non si riversano a casa tua per confiscare tutti i tuoi computer", aggiunge Washburn, "specie dopo che hai parlato del Tibet, della corruzione e dell'assenza di diritti umani".

Con questa mossa, forte di una certa influenza orwelliana, i burocrati del partito comunista cinese intendono intimidire gli utenti Internet prima ancora che osino esprimere informazioni e concetti proibiti. Jingjing e Chacha, gioco di parole sulle due parti del termine jingcha (polizia), sono già iniziati ad apparire su alcuni grandi portali della provincia di Shenzhen. La loro immagine è sempre accompagnata da una sorta d'avvertimento: "Questo è un luogo pubblico, quindi state attenti a cosa dite".
La mascotte pechineseL'immagine delle due mascotte, in certi casi, può essere addirittura utilizzata per seguire un apposito collegamento ipertestuale e mettersi in contatto diretto con un operatore di polizia telematica. Gli uffici addetti al mantenimento dell'ordine online, secondo fonti locali, sono presenti in almeno 700 città della Repubblica Popolare Cinese e puntano a fornire un servizio di sorveglianza ed assistenza agli utenti Internet.

Le autorità di Pechino hanno più volte fatto sapere che la massiccia presenza di poliziotti su Internet è dovuta a motivi di "sicurezza interna", in modo da "combattere la minaccia delle truffe" e "salvaguardare l'integrità morale degli utenti". La cruda realtà, ormai sempre più evidente, è che il governo cinese ha paura delle potenzialità democratizzanti della Rete.

Nonostante la violazione dei diritti umani sia uno degli aspetti più vergognosi della Cina moderna, destinata ad un ruolo sempre più centrale nel futuro dell'alta tecnologia, il tentativo di nascondere questa anomalia dietro una maschera fumettistica non può che far riflettere ulteriormente sulle intenzioni della più grande dittatura planetaria.

Tommaso Lombardi
TAG: censura
39 Commenti alla Notizia Cina, la censura online è divertente
Ordina
  • la Cina sta accumulando risorse proprio per il fatto che:
    1)stanno trasferendo li le aziende per risparmiare sulla manodopera
    2)vendono a prezzi bassissimi la loro robaccia.

    Se fossero costretti a pagare 500 dollari al mese invece degli attuali 100 per loro sarebbe la catastrofe visto che si troverebbero le aziende straniere che li lasciano per altri paesi più economici, i loro prodotti a basso costo diventerebbero a costo normale (in più sono quasi sempre robaccia, parlo dei loro, non quelli delle industrie straniere che operano li) e la Cina dovrebbe affrontare il problema di 1 miliardo e 300 milioni di persone che potrebbero avere il problema di dove andare a lavorare.
    La democrazia ora come ora ucciderebbe la Cina. Il problema è: in futuro riusciranno mai a creare un tenore di vita come quello occidentale senza creare una disoccuzione a livelli record (10% di disoccupati sono 130 milioni di persone, più di 2 volte il nostro intero Paese)
    non+autenticato
  • ....funziona così...propaganda...e il cinesino che si vedrà bloccare pure l'aria che respira sarà contento di farlo per il bene del partito!! questo è il comunismo...milioni di poveri e 4 ricconi immanicati col partito
    Su raitre han fatto uno speciale su un industria ittica...intervistati vecchi donne, bambini e l'imprenditore...economia libera?? lo sapevate che in cina bisogna essere segretari di partito per condurre imprese di medie e grosse dimensioni??? e quei poveri cristi lavoravano dalla 4 del mattino alle 7 di sera per circa 150 euro al mese...mentre il segretario di partito che manda avanti la baracca ne prendeva 70mila l'anno! Proprio vero che per fermare la cina basta mandare là i nostri sindacati..comunque lo volete sapere il bello? Quando il giornalista (durante una visita a casa di una famiglia, casa a dir poco al limite della sopravvivenza umana) ha chiesto al padre di famiglia se sapeva quanto il segretario di partito prendeva di stipendio, lui rispose: "No non ci interessa, quello che ci paga ci basta per mangiare!!"
    Morale della favola: 1 miliardo e passa di persone povere e felici di esserlo! Che dire..la propaganda cinese ha fatto un lavoro coi fiocchi!!!
    non+autenticato
  • Che il governo cinese non sia dei più democratici, è un dato di fatto.

    Che sia in costante crescita, è un altro dato di fatto.

    Che al momento il resto del mondo (giappone compreso!) abbia deciso di aprirvi attività commerciali ignorando i diritti umani tanto per convenienza, è un altro dato di fatto.

    Cosa farà la Cina quando sarà la superpotenza?

    C'è da aver paura.

    E cosa fare nel frattempo? Attendere?

    Unica mia speranza, è che con l'incremento del benessere il governo cinese non riesca più ad arginare le spinte democratiche che nascono dal miglioramento delle condizioni economiche.

    Quanto alle aziende, mi rendo conto che siano pressate da tanti fattori, primo fra tutti dalla concorrenza (chi prima arriva meglio si accomoda), a cedere a certe, per noi intollerabili richieste, da parte del governo cinese.

    Mi auguro nel futuro abbiano più polso. La lotta fra mondo libero e comunismo (quello cinese direi si sia annacquato in fascismo, ma non è che sia tanto meglio) si può vincere solo con un po' di testardaggine e minore ossessione per i guadagni a tutti i costi.

    D'altra parte rifiutarsi di commerciare con la cina sarebbe deleterio, visto che c'è sempre quello che viene a patti. L'importante è far valere con maggiore decisione le proprie ragioni quando si negozia.

    Un po' come con la mafia. Se si accetta di pagare il pizzo una volta, si rischia di doverlo pagare per sempre. Se si ride in faccia al mafioso e lo si affronta, quello si fa piccolo piccolo e scompare.

    Anonimo
    non+autenticato
  • che altro dire?
    indorar la pillola l'ho sempre ritenuto da ipocriti e falsi.

    comunque, voi non lo sapete ma quando gli arrestano i poliziotti raccontano barzellette per sdrammatizzare 8 )
    Akiro
    1904

  • - Scritto da: Akiro

    > comunque, voi non lo sapete ma quando gli
    > arrestano i poliziotti raccontano barzellette per
    > sdrammatizzare 8 )

    La sai quella dello studente ammazazto a Tienammen ?
    E quella del ladro al quale dovevano sparare nella nuca ?
    Una nuova, quella del dissidente che si e' beccato 20 anni di carcere ! Allora, c'era questo tale che ha scritto "Democrazia in Tibet" in un blog della Microsoft ...
    Deluso Mattacchioni, questi poliziotti cinesi ...
    11237
  • ...e che risate in fabbrica!!!
    non+autenticato
  • vi faccio riflettere su alcuni punti:
    - è la più grande dittatura politica
    - è vero che usa un sistema economico libero, ma il partito può fare ciò che vuole e subito senza sentire nessuno, tipo una leva obbligatoria di massa (400 milioni di soldati subito o forse anche 800 milioni su 1miliardo e 300 milioni di cittadini).
    - non ha rispetto dei diritti umani (paese con più uccisioni giudiziali).
    - Adesso è 5° come produzione, ma già fra 1-2 anni sarà 3°, fra 4 anni sarà 2° (superando il giappone) e fra meno di 10 anni sarà vicino se non uguale agli stati uniti. Cosa succederà allora? Rivalità economiche tra superpotenze che potranno fare (aggravate dal petrolio).
    - è il paese con più alta crescita mondiale (8 punti contro i 3 degli stati uniti)
    -E' il paese più popoloso (1 miliardo e 300 milioni contro le poche centinaia statiunitensi)
    -Hanno la paga più bassa -> prodotti commerciali più economici -> industria potenzialmente più potente
    - E' Completamente ATEA (combatte le religioni, non è più buddista come un tempo dopo la rivoluzione culturale cinese). E' contro le religioni.
    - I cinesi sono contenti della dittatura, per disinformazione, e perchè pensano sia merito della loro dittatura se hanno questa crescita.
    - LA CINA E' AMICA DELLA COREA DEL NORD
    - USA SONO NEMICI DELLA COREA DEL NORD
    -USA SONO RIVALI POLITICA E ECONOMICA DELLA CINA
    - CINA E' NEMICA CULTURALMENTE ED ECONOMICAMENTE DEL GIAPPONE
    -USA SONO AMICI DEL GIAPPONE
    Vi faccio riflettere su queste preoccupanti cose..... speriamo che non scoppi la terza guerra mondiale in futuro tra cina e usa quando saranno a pari livello (o peggio quando la cina supererà gli usa)
  • comunque non sono pessimista, ma oggettivo. Sappiamo anche che purtroppo, come ci insegna la storia, prima o poi scoppia sempre qualche altra guerra, e più si va nel futuro e più le guerre diventano disastrose e apocalittiche. Avevamo per fortuna superato la guerra fredda usa-russia e adesso si rischia di entrare in una cosa analoga usa-cina. Non c'è niente di peggio che 2 superpotenze rivali, diverse che vogliono primeggiare su tutti (ma gli usa più economicamente, perchè sono liberali, mentre la cina potrebbe essere anche militarmente dato che è una dittatura che non gli importa dei diritti e della libertà). Pensate che per motivi demografici obbligano le famiglie cinesi a fare solo 1 figlio, pena altrimenti la il carcere a vita o anche peggio).
  • in pratica... siamo nella merda!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Spyrito85
    > comunque non sono pessimista, ma oggettivo.
    > Sappiamo anche che purtroppo, come ci insegna la
    > storia, prima o poi scoppia sempre qualche altra
    > guerra, e più si va nel futuro e più le guerre
    > diventano disastrose e apocalittiche. Avevamo per
    > fortuna superato la guerra fredda usa-russia e
    > adesso si rischia di entrare in una cosa analoga
    > usa-cina. Non c'è niente di peggio che 2
    > superpotenze rivali, diverse che vogliono
    > primeggiare su tutti (ma gli usa più
    > economicamente, perchè sono liberali, mentre la
    > cina potrebbe essere anche militarmente dato che
    > è una dittatura che non gli importa dei diritti e
    > della libertà). Pensate che per motivi
    > demografici obbligano le famiglie cinesi a fare
    > solo 1 figlio, pena altrimenti la il carcere a
    > vita o anche peggio).

    C'è però uno scenario che non avete ipotizzato. UNA RIVOLUZIONE DEL POPOLO. Quando ci sarà nessuno lo sa. Ma di sicuro sarà molto sanguinosa e pericolsa per l'intera stabilità mondiale.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Spyrito85
    > > comunque non sono pessimista, ma oggettivo.
    > > Sappiamo anche che purtroppo, come ci insegna la
    > > storia, prima o poi scoppia sempre qualche altra
    > > guerra, e più si va nel futuro e più le guerre
    > > diventano disastrose e apocalittiche. Avevamo
    > per
    > > fortuna superato la guerra fredda usa-russia e
    > > adesso si rischia di entrare in una cosa analoga
    > > usa-cina. Non c'è niente di peggio che 2
    > > superpotenze rivali, diverse che vogliono
    > > primeggiare su tutti (ma gli usa più
    > > economicamente, perchè sono liberali, mentre la
    > > cina potrebbe essere anche militarmente dato che
    > > è una dittatura che non gli importa dei diritti
    > e
    > > della libertà). Pensate che per motivi
    > > demografici obbligano le famiglie cinesi a fare
    > > solo 1 figlio, pena altrimenti la il carcere a
    > > vita o anche peggio).
    >
    > C'è però uno scenario che non avete ipotizzato.
    > UNA RIVOLUZIONE DEL POPOLO. Quando ci sarà
    > nessuno lo sa. Ma di sicuro sarà molto sanguinosa
    > e pericolsa per l'intera stabilità mondiale.

    Una rivoluzione del popolo cinese?

  • - Scritto da: otacu
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > - Scritto da: Spyrito85
    > > > comunque non sono pessimista, ma oggettivo.
    > > > Sappiamo anche che purtroppo, come ci insegna
    > la
    > > > storia, prima o poi scoppia sempre qualche
    > altra
    > > > guerra, e più si va nel futuro e più le guerre
    > > > diventano disastrose e apocalittiche. Avevamo
    > > per
    > > > fortuna superato la guerra fredda usa-russia e
    > > > adesso si rischia di entrare in una cosa
    > analoga
    > > > usa-cina. Non c'è niente di peggio che 2
    > > > superpotenze rivali, diverse che vogliono
    > > > primeggiare su tutti (ma gli usa più
    > > > economicamente, perchè sono liberali, mentre
    > la
    > > > cina potrebbe essere anche militarmente dato
    > che
    > > > è una dittatura che non gli importa dei
    > diritti
    > > e
    > > > della libertà). Pensate che per motivi
    > > > demografici obbligano le famiglie cinesi a
    > fare
    > > > solo 1 figlio, pena altrimenti la il carcere a
    > > > vita o anche peggio).
    > >
    > > C'è però uno scenario che non avete ipotizzato.
    > > UNA RIVOLUZIONE DEL POPOLO. Quando ci sarà
    > > nessuno lo sa. Ma di sicuro sarà molto
    > sanguinosa
    > > e pericolsa per l'intera stabilità mondiale.
    >
    > Una rivoluzione del popolo cinese?

    ...E perche' no ???

    http://www.asianews.it/view.php?l=it&art=5169
    non+autenticato
  • > > > C'è però uno scenario che non avete
    > ipotizzato.
    > > > UNA RIVOLUZIONE DEL POPOLO. Quando ci sarà
    > > > nessuno lo sa. Ma di sicuro sarà molto
    > > sanguinosa
    > > > e pericolsa per l'intera stabilità mondiale.
    > >
    > > Una rivoluzione del popolo cinese?
    >
    > ...E perche' no ???
    >
    > http://www.asianews.it/view.php?l=it&art=5169

    Sarebbe anche ora ma dubito
  • Un pò come se Hitler si fosse travestito da Charlie Chaplin, mentre mandava al forno gli ebrei...

    La cina pretende un controllo eccessivo sulle libertà individuali, al solo scopo di rafforzare il suo potere basato appunto sul controllo.

    Questa, signori, è dittatura e va assolutamente condannata, tra i diritti fondamentali concessi ad un essere umano quello d'informazione è il più importante, inquanto consente di formarsi opinioni proprie su determinati argomenti.

    Il motivo per cui la cina non è ancora mutata è appunto questo suo controllo sull'informazione, che condiziona gli individui di generazione in generazione, favorendo unicamente le autorità al vertice di questa perversa piramide.

    Io dico, date la possibilità ai cittadini cinesi di informarsi liberamente come chiunque altro.. Il solo pensiero di quello che stanno provando a fare è vomitevole, le persone non si possono schiavizzare in questo modo, vediamo di chiudere per sempre questo immenso lager xfavore e promuoviamo una volta x tutte l'Informazione libera a livello mondiale, è una delle nostre più grandi conquiste.
    non+autenticato


  • > La cina pretende un controllo eccessivo sulle
    > libertà individuali, al solo scopo di rafforzare
    > il suo potere basato appunto sul controllo.


    Ma sbaglio o con Bush si sta andando verso quella direzione?

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    > > La cina pretende un controllo eccessivo sulle
    > > libertà individuali, al solo scopo di rafforzare
    > > il suo potere basato appunto sul controllo.
    >
    >
    > Ma sbaglio o con Bush si sta andando verso quella
    > direzione?
    >

    Sì, sbagli
    non+autenticato
  • la terza guerra mondiale (guerra calda ) non si realizzerà per un bel pezzo per motivi economici (anche se sul lungo termine non so cosa faranno i cinesi quando finirà il petrolio) .. la guerra fredda è già in atto almeno dal 2000
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)