Privacy, manifestazione davanti all'Ambasciata USA

Verdi

Roma - Il senatore dei Verdi Fiorello Cortiana ha annunciato una manifestazione dinanzi alla sede dell'Ambasciata statunitense a Roma per opporsi ai provvedimenti messi in campo dall'amministrazione USA sui dati raccolti dai motori di ricerca. "Dopo Cina e Iran - afferma Cortiana - anche gli USA attentano alla libertà sul web".

"Come facemmo sotto l'ambasciata cinese e sotto l'ambasciata iraniana - dichiara Cortiana - Mercoledì saremo sotto le finestre dell'ambasciata americana, di fronte all'ennesimo tentativo di attentare gravemente al diritto alla privacy e alla libertà della rete. La richiesta del Dipartimento di Stato americano di avere accesso alle domande che noi facciamo ai motori di ricerca, con la scusa della battaglia antipornografia, è grave perchè rischia di mettere a disposizione dell'amministrazione dati e identità degli utenti di tutto il mondo, e ha sollevato infatti accese proteste da parte delle principali associazioni americane per i diritti civili. Anche noi faremo la nostra parte".

"Le motivazioni degli attacchi che si susseguono contro la libertà della rete sono svariate - spiega il senatore dei Verdi - che si tratti della conservazione della dittatura e della repressione dei dissidenti, come a Cuba e in Cina, che si voglia salvaguardare la morale integralista dell'Iran e dei Teo-con americani, che si usi la necessaria lotta al terrorismo come leva per smantellare diritti acquisiti, come è avvenuto con la conservazione delle mail dei cittadini per anni, come avviene in Italia grazie al Decreto Pisanu sul terrorismo. Siamo insomma di fornte ad un attacco che tende a trasformare il web in un controllatissimo supermarket, dove l'unica voce consentita è quella dei Governi".
"Tutto cio' - continua Cortiana - è ancora piu incredibile, se pensiamo che le Nazioni Unite hanno deciso di andare verso una regolamentazione di internet che non dipenda dai Governi, anche grazie a numerosi appelli internazionali per una Carta dei Diritti della Rete, come quello promosso, insieme a me, dal Prof. Stefano Rodotà e del Ministro brasiliano Gilberto Gil. Per questo, ancora una volta, dopo Cina e Iran, Mercoledì sera saremo sotto all'ambasciata americana per chiedere con nettezza che internet non subisca le ingerenze degli Stati, e che la privacy venga garantita a livello internazionale".

La manifestazione si terrà alle 18 in Via Veneto, a Roma.
TAG: italia
2 Commenti alla Notizia Privacy, manifestazione davanti all'Ambasciata USA
Ordina