HP e Mandriva volano in Sud America

Le due aziende si incontrano sul territorio latino-americano per portare PC a basso costo con la distribuzione Linux Mandriva pre-installata

Palo Alto (USA) ? HP ha annunciato la nuova roadmap che comprende la vendita di nuovi PC, basati su sistema operativo Linux, nei paesi dell'America Latina. La distribuzione del pinguino che verrà utilizzata a tal scopo sarà Mandriva, che vanta la caratteristica di essere uno tra i sistemi operativi open source più amichevoli e meno ostici da utilizzare.

I paesi toccati dall'ampia distribuzione di Hewlett-Packard includeranno Argentina, Brasile e Messico. Il primo sistema verrà venduto in Brasile e conterrà la distribuzione Mandriva 2006. Mentre le vendite di PC basati su sistemi operativi Linux non stanno avendo il successo auspicato sul suolo statunitense ed europeo, nei paesi più poveri sta diventando un vero e proprio toccasana. È proprio qui, negli stati dove la tecnologia non è fruibile dalla maggioranza della popolazione (per ovvi motivi legati ai prezzi), che i sistemi operativi gratuiti, o a basso costo se si considera la spesa per l'assistenza tecnica, trovano un ampio consenso. Inoltre, i PC che verranno venduti nel subcontinente americano saranno provvisti di programmi e assistenza tecnica in lingua spagnola e portoghese.

"La collaborazione con HP ha confermato la qualità e la semplicità del nostro sistema operativo", ha affermato Sherry Elrod Manzano. "Il nuovo accordo per la distribuzione di PC a basso costo in America Latina aumenta ancora di più il nostro impegno verso questi paesi, nei quali noi pensiamo di poter crescere smisuratamente".
Dario Panzeri
TAG: desktop