Madster/Aimster in bancarotta

Il celebre sistema di file sharing audio-video escogita questa mossa per respingere le majors

Roma - Madster, più noto con il precedente nome di Aimster, celebre servizio di file-sharing, ha escogitato una nuova mossa per respingere gli attacchi legali della major che vorrebbero farlo chiudere: chiedere la bancarotta.

L'ingresso in bancarotta, infatti, ha l'effetto di sospendere le denunce civili presentate dalle majors della RIAA (i discograficia americani) e della MPAA (gli studios di Hollywood).

La notizia della bancarotta l'ha data il presidente e fondatore di Madster, Johnny Deep, che ha spiegato di aver ottenuto dal tribunale la temporanea immunità contro le denunce. A sua volta Madster sostiene che le major utilizzano il tribunale per fare competizione sleale nei confronti dei sistemi alternativi di distribuzione e per aumentare il prezzo delle opere sulle quali detengono il copyright.
In ogni caso Deep ha assicurato che il tutto non influenzerà il funzionamento di Madster.

Il sito di Madster è disponibile qui.
2 Commenti alla Notizia Madster/Aimster in bancarotta
Ordina