StarOffice 6 vuole lo scalpo di MS Office

Sun conferma: StarOffice 6 sarà solo a pagamento. La suite si arricchirà di supporto e servizi demandando al progetto OpenOffice lo sviluppo delle versioni free

Santa Clara (USA) - Dopo l'ufficioso annuncio dello scorso mese, da Sun arriva ora la conferma ufficiale: la nuova e ormai imminente versione di StarOffice, la 6, sarà a pagamento. Questo significherà, in soldoni, che non sarà più possibile scaricare gratuitamente StarOffice, ma lo si dovrà necessariamente acquistare attraverso uno dei vari canali distributivi previsti da Sun.

"Attraverso il programma di beta testing di StarOffice 6.0 abbiamo ricevuto un prezioso feedback da parte dei nostri clienti, molti dei quali si sono detti favorevoli a pagare per un prodotto di Sun che integri come valore aggiunto supporto e servizi", ha affermato Mike Rogers, vice presidente e direttore generale della desktop and office productivity di Sun.

Sarà comunque ancora possibile scaricare una versione free della suite sul sito OpenOffice.org, un progetto a cui Sun ha rinnovato il suo pieno appoggio. L'imminente OpenOffice 1.0, attesa per il prossimo trimestre, si basa in larga parte sullo stesso codice sorgente di StarOffice ma, rispetto a questa, è priva di qualsiasi supporto e di tutte quelle applicazioni di terze parti il cui codice non può essere rilasciato sotto licenza open source.
"Risulta chiaro come Sun si stia muovendo verso un modello di business di StarOffice che possa divenire sostenibile anche nel lungo periodo", ha commentato Dan Kusnetzky, vice presidente della ricerca sul software di sistema di IDC. "Con questa nuova struttura, le aziende di ogni dimensione possono sentirsi maggiormente garantite sul fatto che il software sarà commercialmente supportato e continuerà ad evolvere seguendo le necessità del mercato".

Sun ha affermato che rivelerà tutti i dettagli sulle nuove licenze - che saranno "per utente" - il prossimo mese: per il momento si è limitata a far sapere che il prodotto verrà offerto agli utenti finali "attraverso vari canali di vendita", inclusi quelli al dettaglio, e sarà distribuito insieme a varie distribuzioni di Linux - fra cui la Mandrake - e le workstation Solaris di Sun.

Il pacchetto retail di StarOffice 6 conterrà un CD con il software in versione per Linux, Solaris e Windows, il manuale per l'utente, un corso su Web ed un certificato per il supporto tecnico. Sun ha assicurato che la suite continuerà a costare sotto ai 100$ e rimarrà gratuita per il mercato education. Attualmente la versione retail di StarOffice 5.2, comprendente un CD e la relativa documentazione, costa 39,95$. Office XP, la suite per l'ufficio di Microsoft verso cui StarOffice 6 offre compatibilità a livello di formati, costa invece 579$ (329$ la versione aggiornamento).

Sun non nasconde l'ambizione di voler un giorno scalzare dalla sua posizione di monopolio la suite di Microsoft: "Stiamo posizionando questo prodotto - ha dichiarato Rogers - come un diretto concorrente di Microsoft Office".
131 Commenti alla Notizia StarOffice 6 vuole lo scalpo di MS Office
Ordina
  • Se ci fosse anche un alternativa ad Access (user-friendly naturalmente) sarebbe sicuramente interessante provare a cambiare ...

    In molti casi si acquista la suite MS perche' c'e' tutto e ormai ci si e' abituati a trovare anche un DB.

    In Star Office/Open Office qualcosa di equivalente non c'e': gli altri componenti sono valide alternative per fortuna.

    Soluzione ? Rinunciare a questa grande (forse unica opportunità) solo per la mancanza di un componente ???
    non+autenticato
  • - Scritto da: hey
    > Se ci fosse anche un alternativa ad Access
    > (user-friendly naturalmente) sarebbe
    > sicuramente interessante provare a cambiare
    > ...
    Passa a Delphi/Kylix.
    Aggiungendo il QR + un DB serio ci fai le stesse cose che ci fai con Access.
    Vabbè una o due righe di Pascal (Con la lingua fuori) ce le devi sempre mettere, non è integratissimo con il resto dell'office che vuoi usare (spero che tu preferisca koffice), il tutto in versione_che_ci_puoi_fare_una_minima_cosa è a paghi$$imo, hai licenze che ti dicono che ti insuppostano se osservi_lo_schermo_troppo_da_vicino, ecc. ecc.
    Non arriverai mai allo stesso livello di Access o Framework ma non sei neppure allo stesso miserabile livello del VB o dei vari ambienti di inviluppo per Javati.

    Gano
    non+autenticato
  • Purtroppo non lo dico per me che uso tranquillamente MySql/PostgresSql ma per gli utenti finali che hanno bisogno di interfacce grafiche semplici e potenti: MS Access da questo punto di vista va piuttosto bene. Non si puo' certo proporre MySql come DB di backend e MySqlFront come GUI ad un utente finale.
    Occorre un ambiente analogo ad Access altrimenti l'offerta alternativa di StarOffice resta zoppa.
    Spero che salti fuori, ma finora non ne ho visto nessuno. Non si puo' richiedere alcuna conoscenza di programmazione all'utente finale: sarebbero in pochi a gradirla.
    non+autenticato
  • Ho trovato questa soluzione su una rivista informatica appena comprata (Computer idea n.55) , ma non l'ho ancora prvata, anche perche' non uso programmi di filesharing. Intanto ve la propongo, poi vedete voi.

    Occorre crear, anche con "Blocco note", un file chiamato "hosts" (senza nessuna estensione ed ovviamente senza virgolette *smiles*) che a seconda della versione di windows va posto in:

    W95, W98 o W ME: in C:\Windows
    W NT o W2000: in c:\winnt\System32\Drivers\Etc
    W XP: in c:\windows\system32\drivers\etc

    Il file in semplice formato testo deve contenere righe cosi' composte:

    127.0.0.1     nomesito.xyz

    In sostanza il pc prima di cercare su DNS in rete l'indirizzo IP numerico di un sito lo cerca, se esiste, in questo file. Noi praticamente dirottiamo i pacchetti che verrebbero inviati al sito destinario dallo spyware.

    Ovviamente occorre inserire una riga per ognuno dei siti spioni, indicandone il nome nella colonna a destra esattamente. Il falso indirizzo Ip nella colonna a sinistra deve essere invece sempre lo stesso 127.0.0.1 che praticamente e' quello del nostro pc a cui i pacchetti vengono reinviati al posto del vero destinatario.

    Questo metodo avrebbe, secondo la rivista che lo ha pubblicato, due vantaggi:
    1) non rallenta la navigazione, anzi la velocizza perche' diminuisce i kb scambiati
    2) il programmi che avevano installato lo spyware continuano a funzionare, perche' lo spyware lavora, solo che noi non facciamo arrivare i pacchetti alla destinazione voluta da loroSorride

    Ripeto, io non l'ho provato, quindi non so se funziona realmente. Eventualmente fate sapere.Sorride

    Bye

    Garlet
    non+autenticato
  • ops, scusate, nella fretta ho sbagliato thread.

    Garlet
    non+autenticato


  • se

    "si è limitata a far sapere che il prodotto verrà offerto agli utenti finali "attraverso vari canali di vendita", inclusi quelli al dettaglio, e sarà distribuito insieme a varie distribuzioni di Linux - fra cui la Mandrake - e le workstation Solaris di Sun."

    allora è peggio di Microsoft ... quando mai ha dato word, excel ed access in omaggio????????
    non+autenticato


  • - Scritto da: prtvajskjhsdfjz<<<
    >
    >
    > se
    >
    > "si è limitata a far sapere che il prodotto
    > verrà offerto agli utenti finali "attraverso
    > vari canali di vendita", inclusi quelli al
    > dettaglio, e sarà distribuito insieme a
    > varie distribuzioni di Linux - fra cui la
    > Mandrake - e le workstation Solaris di Sun."
    >
    > allora è peggio di Microsoft ... quando mai
    > ha dato word, excel ed access in
    > omaggio????????


    Ma chi ti ha detto che sia in omaggio ?
    Sei per caso uno di quelli che quando compra un PC al supermercato pensa che Windows sia in omaggio ?
    non+autenticato



  • >
    > Ma chi ti ha detto che sia in omaggio ?
    > Sei per caso uno di quelli che quando compra
    > un PC al supermercato pensa che Windows sia
    > in omaggio ?

    Ringraziamo tutti che Tex è sceso dal cielo e ci ha rilasciato un suo commento

    Amen

    PS La modestia ed educazione non costa nulla proprio come Linux usale per cortesia!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Umbe75
    >
    >
    >   
    > >
    > > Ma chi ti ha detto che sia in omaggio ?
    > > Sei per caso uno di quelli che quando
    > compra
    > > un PC al supermercato pensa che Windows
    > sia
    > > in omaggio ?
    >
    > Ringraziamo tutti che Tex è sceso dal cielo
    > e ci ha rilasciato un suo commento
    >
    > Amen
    >
    > PS La modestia ed educazione non costa nulla
    > proprio come Linux usale per cortesia!

    Non mi sembra che sia pretendere molto chiedere di informarsi prima di fare certe sparate. StarOffice sarà in bundle in pacchetti Linux a pagamento, venduti insieme a sw proprietaro:

    "* StarOffice 6.0, la suite per l'ufficio completa e compatibile con MS-Office è disponibile nelle Mandrake Linux ProSuite e PowerPack Edition."

    http://www.linux-mandrake.com/it/82.php3

    http://www.mandrakestore.com/en/storemdksa-8.2.php?LANG=it&MDK_STORE_REFERER=http://www.linux-mandrake.com/it/82.php3

    Chiaro che il costo di queste versioni serve anche a pagare StarOffice & C.

    non+autenticato
  • << Sun non nasconde l'ambizione di voler un giorno scalzare dalla sua posizione di monopolio la suite di Microsoft: "Stiamo posizionando questo prodotto - ha dichiarato Rogers - come un diretto concorrente di Microsoft Office" >>

    Se non ce l'ha fatta Lotus SmartSuite che costa solo 120 euro ed è un ottimo prodotto, come possono sperare che ce la faccia StarOffice?
    non+autenticato


  • - Scritto da: QSECOFR

    > Se non ce l'ha fatta Lotus SmartSuite che
    > costa solo 120 euro ed è un ottimo prodotto,
    > come possono sperare che ce la faccia
    > StarOffice?

    Ma smartsuite non era gratuito? Io ho una vecchia versione 9.5, immagini che ce ne siano di più recenti vero?
    non+autenticato


  • - Scritto da: locc
    >
    >
    > - Scritto da: QSECOFR
    >
    > > Se non ce l'ha fatta Lotus SmartSuite che
    > > costa solo 120 euro ed è un ottimo
    > prodotto,
    > > come possono sperare che ce la faccia
    > > StarOffice?
    >
    > Ma smartsuite non era gratuito? Io ho una
    > vecchia versione 9.5, immagini che ce ne
    > siano di più recenti vero?
    >
    La SmartSuite *non* è mai stata gratuita: evidentemente ti sbagli.
    Adesso è in commercio la versione Millenium 9.7, al prezzo indicativo di cui sopra ma -purtroppo- con (+ o -) le stesse condizioni delle licenze dell'offix di M$.

    Comunque, visto che le condizioni di licenza sono le stesse, preferisco spendere 50/100 euro in più (quanto mi costa a me) per comprare l'offix di M$ con il "cesso diretto" (che se in giro c'è qualche macro o qualche "formattazione strana" almeno non mi rompo a rimettere a posto la cosa).

    E' il monopolio che causa questa mia scelta ?
    Purtroppo non lo credo. Credo invece che sia l'incapacità manifesta dei competitor di M$: non ci voleva molto per convincermi a cambiare ... chessò, dentro l'EULA bastava cassare una frasetta qui ed una lì, aggiungere una frase amichevole ora qua ed ora là ... ed il gioco era fatto.

    Lo stesso evidentemente sarà per il soffice.
    Servono vantaggi oggettivi, non teorici.
    E non bisogna puntare sull'odio, che se uno non è fesso capisce l'inganno.

    Gano
    non+autenticato

  • Amministratore di As400?
    non+autenticato
  • imporre un suo monopolio!
    Quindi chi lo pensa, crede che Sun con Star Office e con la sua politica di bassi costi e miglior rapporto qualità/prezzo rispetto a M$ Office, tenti di imporre un monopolio nel campo office addirittura trasversale: da windows a Linux a Solaris.
    Bè a parte il fatto che sarebbe giusto avere un sw office che giri su queste 3 piattaforme, perchè rappresenta una concorrenza a M$ Office su win, e alimenta la concorrenza all'o.s. win sui desktop; lascerei i sospetti a casa.
    L'unica sw house che finora ha imposto il suo monopolio, anche con metodi illegali, è M$; non dimentichiamolo.
    Finora Sun ha avuto comportamenti che provano il contrario; e se volesse divenire azienda leader nell'office per questi 3 o.s. non ci trovo nulla di male, rimane un'azienda che collabora con l'open source, mentre una certa house di Redmond oltre a non collaborare soffoca il mercato e impone il suo monopolio anche con metodi illegali.
    non+autenticato

  • - Scritto da: BSD_like
    > imporre un suo monopolio!

    Perché secondo te Java che cosa ci sta a fare? Beneficienza?

    Remember ECMA?
    non+autenticato


  • - Scritto da: BSD_like
    > imporre un suo monopolio!
    > Quindi chi lo pensa, crede che Sun con Star
    > Office e con la sua politica di bassi costi
    > e miglior rapporto qualità/prezzo rispetto a
    > M$ Office, tenti di imporre un monopolio nel
    > campo office addirittura trasversale: da
    > windows a Linux a Solaris.
    Questa è la terza volta che ci prova con armi "convenzionali":
    -La prima è stata con Java assieme a Netscape ed è adata buca
    -La seconda è stata quella di utilizzare Java "dentro il sistema nemico" ed è andata buca
    -La terza è questa (vedremo come finirà ...)

    > Bè a parte il fatto che sarebbe giusto avere
    > un sw office che giri su queste 3
    > piattaforme, perchè rappresenta una
    > concorrenza a M$ Office su win, e alimenta
    > la concorrenza all'o.s. win sui desktop;
    Essendo cross-platform è teoricamente vero.
    Però se devo avere le stesse restrizioni di licenza che mi impone M$ anche se cambio sistema, non risolvo -praticamente- nulla (ricodiamoci che quando acquisto un PC, Winzozz -male che vada- mi costa quanto una distro Linux boxed).
    Io, come il resto della gente comune, pretendo vantaggi apprezzabili per l'utente finale ... ma in questo modo non ne vedo (alternative a M$ non di poco migliori di soffice ce ne sono molte ...).

    > lascerei i sospetti a casa.
    Meglio essere sospettosi che averli alle spalle e raccoglere qualcosa da terra.

    > L'unica sw house che finora ha imposto il
    > suo monopolio, anche con metodi illegali, è
    > M$; non dimentichiamolo.
    Ma una volta neppure M$ aveva un monopolio.
    Quando mi sono avvicinato io all'informatica sviluppava il basic per gli msx ...
    E c'erano parrucconi masterizzati con la puzza sotto il naso che, guardandoti dall'alto in basso, invece dei prodotti M$ ti appioppavano il *nix di turno spillandoti capitali.

    > Finora Sun ha avuto comportamenti che
    > provano il contrario;
    Per ciò che riguarda l'adozione di *nix, hai ragione: ha avuto un comportamento elitarista/oligopolista.
    Per quanto riguardano eventi più recenti, tali comportamenti sono piuttosto sospetti (tendenti molto al monopolio).

    > e se volesse divenire
    > azienda leader nell'office per questi 3 o.s.
    > non ci trovo nulla di male,
    Dipende se è solo un leader oppure un monopolista o -peggio- un'azienda che forma un'oligopolio (o, se preferisci, cartello).

    >rimane
    > un'azienda che collabora con l'open source,
    Non è perchè ci crede o interesse per l'utente (si comporterebbe in modo ben diverso): è meramente per motivi di affiliazione, per favore, fai caso al suo atteggiamento.

    > mentre una certa house di Redmond oltre a
    > non collaborare soffoca il mercato e impone
    > il suo monopolio anche con metodi illegali.
    L'odio evidentemente ti acceca. Non bisogna che tu agisca per l'odio verso gli altri ma per il tuo interesse, altrimenti qualcuno ti utilizzerà per il suo (interesse).
    Se ti piace essere solo una pedina, buon divertimento (e buon scaricamento d'odio), altrimenti l'obiettivo non è semplicemente eradicare il monopolio di M$ ma quello di eliminare le condizioni affinchè un *qualsiasi* monopolio possa formarsi.
    E l'unica via è quella della disponibilità completa dei sorgenti.
    Ossia rimediare al "peccato originale" del software.

    Gano
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)