Italia, mai pių Napster in ufficio

Lo spera Confindustria che diffonde nelle aziende il nuovo regolamento: mai usare in ufficio il PC come lo si userebbe a casa. Le imprese ci stanno. E spiano

Treviso - Scaricare immagini pornografiche dalla rete, riempire gli hard disk con file musicali in formato mp3, inviare e ricevere tonnellate di posta elettronica per mantenere i rapporti con amici, familiari e conoscenti, utilizzare insomma a fini personali il computer quando si č in ufficio: queste sono le abitudini di cui il nuovo regolamento promosso da Confindustria e realizzato insieme a Unindustria Treviso sta facendo piazza pulita.

L'idea di fondo, che pare stia attecchendo nelle aziende associate a Unindustria, č che non serve un confronto sindacale per introdurre un regolamento di servizio. E questo sarebbe all'origine della grande diffusione che i divieti stanno avendo, con l'effetto di rendere pių chiaro anche per i dipendenti cosa il datore di lavoro si aspetta nell'uso del personal computer, strumento ormai diffuso quanto il telefono.

Il documento, "Regolamento per il corretto utilizzo degli strumenti informatici", di fatto crea un perimetro all'interno del quale le aziende possono decidere le proprie policy in merito al comportamento che devono tenere i dipendenti al computer.
Rimane sul tappeto il problema ancora irrisolto della privacy dell'email dei dipendenti anche quando si trovano in ufficio. Una questione controversa che corre parallela a quella del controllo sulla navigazione internet o sull'uso dei documenti presenti sul computer.

Secondo Giampietro Breda, responsabile dell'area sindacale di Unindustria, ora gli imprenditori possono pių facilmente "spiare" i propri dipendenti. "E anche prendere provvedimenti disciplinari - sostiene Breda - per eventuali comportamenti scorretti. Ma contestazioni ancora non ce ne sono nonostante il regolamento sia ormai abbastanza diffuso". "Delle due l'una - spiega Breda intervistato da La Tribuna di Treviso - o gli imprenditori non sono in grado di esercitare il controllo, o i lavoratori hanno capito cosa possono e cosa non possono fare. Mi piace pensare alla seconda. Anche qui serve un po' d'intelligenza, il punto di riferimento č il telefono aziendale. Nessuno si lamenta se il dipendente chiama a casa per dire che ritarda, ma se fa campagna elettorale dall'ufficio...".
TAG: italia
167 Commenti alla Notizia Italia, mai pių Napster in ufficio
Ordina
  • Situazione mia: in ufficio ci hanno sbarrato tutto tranne l'http.
    Talvolta per lavoro devo usare ftp, faccio prima a spedirmi via email la roba a casa, e appena arrivo a casa fare l'ftp da li', che non richiedere l'abilitazione all'ftp inoltre da casa è piu' veloce.
    Spesso e volentieri la sera o nei giorni festivi che c'erano problemi, da casa, mi sono collegato in remoto e ho lavorato.
    Viceversa capita che ci sono mattine quasi intere che è tutto tranquillo e le passo su internet per i cavoli miei su siti non di lavoro a volte addirittura aggiornavo dal lavoro (con frontpage via http, che per fortuna va) un sito personale che tengo per hobby.
    Ho quasi sempre rispettato le scadenze dei progetti, tranne un paio di volte per cause non imputabili a me.
    Piu' di una volta mi è capitato che 15 minuti prima di andare via mi si presentasse lavoro straordinario che mi ci ha fatto rimanere fino alle 22 di sera e non necessariamente guasti ai server, ma anche normale lavoro che doveva essere pronto il giorno dopo e che i capi per disorganizzazione ce lo hanno detto all'ultimo monento.
    E non ho mai protestato, né fiatato.
    Una volta ho anche portato la mia macchina fotografica digitale.
    Se vogliono farmi il culo perché spesso vado su internet per i cazzi miei e addirittura lavoro su siti web personali in orario di lavoro (inammissibile: il dipendente fa un lavoro non dell'azienda in orario di lavoro, da licenziamento immediato!) facciano pure, vorrà dire che se si guasta qualcosa di domenica il mio cellulare sarà spento (non ho la reperibilità) e tutto il resto.
    Ma non lo fanno, perché c'è un tacito accordo di disponibilità reciproca.
    Guardate che se i dipendenti si inacidiscono perche' si sentono sfruttati, poi lavorano peggio e se c'è da dare una mano perche' l'azienda è nella melma (esempio access server rotto la domenica) vi vanno nel ----.
    Se lo volete capire, bene, altrimenti tanto chi ci rimetterete sarete voi padroni.
    non+autenticato


  • "tutti sono necessari, nessuno indispensabile - arrivederci".


    - il mio capo.

    ne trovano mille per uno che se ne va.



    - Scritto da: Worker
    > Situazione mia: in ufficio ci hanno sbarrato
    > tutto tranne l'http.
    > Talvolta per lavoro devo usare ftp, faccio
    > prima a spedirmi via email la roba a casa, e
    > appena arrivo a casa fare l'ftp da li', che
    > non richiedere l'abilitazione all'ftp
    > inoltre da casa è piu' veloce.
    > Spesso e volentieri la sera o nei giorni
    > festivi che c'erano problemi, da casa, mi
    > sono collegato in remoto e ho lavorato.
    > Viceversa capita che ci sono mattine quasi
    > intere che è tutto tranquillo e le passo su
    > internet per i cavoli miei su siti non di
    > lavoro a volte addirittura aggiornavo dal
    > lavoro (con frontpage via http, che per
    > fortuna va) un sito personale che tengo per
    > hobby.
    > Ho quasi sempre rispettato le scadenze dei
    > progetti, tranne un paio di volte per cause
    > non imputabili a me.
    > Piu' di una volta mi è capitato che 15
    > minuti prima di andare via mi si presentasse
    > lavoro straordinario che mi ci ha fatto
    > rimanere fino alle 22 di sera e non
    > necessariamente guasti ai server, ma anche
    > normale lavoro che doveva essere pronto il
    > giorno dopo e che i capi per
    > disorganizzazione ce lo hanno detto
    > all'ultimo monento.
    > E non ho mai protestato, né fiatato.
    > Una volta ho anche portato la mia macchina
    > fotografica digitale.
    > Se vogliono farmi il culo perché spesso vado
    > su internet per i cazzi miei e addirittura
    > lavoro su siti web personali in orario di
    > lavoro (inammissibile: il dipendente fa un
    > lavoro non dell'azienda in orario di lavoro,
    > da licenziamento immediato!) facciano pure,
    > vorrà dire che se si guasta qualcosa di
    > domenica il mio cellulare sarà spento (non
    > ho la reperibilità) e tutto il resto.
    > Ma non lo fanno, perché c'è un tacito
    > accordo di disponibilità reciproca.
    > Guardate che se i dipendenti si inacidiscono
    > perche' si sentono sfruttati, poi lavorano
    > peggio e se c'è da dare una mano perche'
    > l'azienda è nella melma (esempio access
    > server rotto la domenica) vi vanno nel ----.
    > Se lo volete capire, bene, altrimenti tanto
    > chi ci rimetterete sarete voi padroni.
    non+autenticato
  • perfetto, sempre piu' chiaro con chi abbiamo a che fare, sempre piu' convinto che non devo piu' assumere: solo consulenti esterni che, se fanno i capricci come te, fuori dalle palleSorride

    - Scritto da: Worker

    > Se lo volete capire, bene, altrimenti tanto
    > chi ci rimetterete sarete voi padroni.
    non+autenticato
  • gente come te presto chiuderà baracca !!
    (e non è un eufemismo)
    non+autenticato
  • .. chi vivra' vedra'

    - Scritto da: io
    > gente come te presto chiuderà baracca !!
    > (e non è un eufemismo)
    non+autenticato
  • Certo! Un consulente esterno ti costa dai 300 agli 800 euro al giorno....
    non+autenticato
  • piccolo dettaglio:

    con questi costi in realta' spendo moooolto di meno che con dei dipendenti, semplicemente perche' un consulente esterno e' mooolto piu' produttivo di due dipendenti messi assieme, formati, certificati ..

    inoltre: se si ammala non lo pago, quando e' in ferie non lo pago, se non ne ho bisogno non lo pago .. etc ...

    i consulenti esterni normalmente lavorano 8 ore al giorno .. e non lasciano mai lavori fatti a meta' ... inoltre se lavorano male o se non rendono a sufficienza gli dico "ciao"

    quest'ultimo e' il motivo per cui i fornitori esterni sono piu' professionali, piu' economici, piu' seri .. di qualsiasi dipendente

    sanno che la loro sicurezza sono loro, non un diritto acquisito e inalienabile ...


    - Scritto da: worker
    > Certo! Un consulente esterno ti costa dai
    > 300 agli 800 euro al giorno....
    non+autenticato
  • Se è vero quello che dici, perche' non mi hanno licenziato dopo il periodo di prova? (ho fatto 6 mesi da precario, dopodiche' mi hanno assunto) se è come dici te, gli conveniva licenziarmi, no?

    P.S. Un consulente esterno che ti fa l'amministratore dei server potrebbe tranquillamente leggerti la posta elettronica, lo puo' fare anche un dipendente interno ma è un danno minore perche' lavora solo per te e non ha interesse a divulgare ad altri le info private dell'azienda
    non+autenticato


  • - Scritto da: mauro
    > ... se si ammala non lo pago, quando e'
    > in ferie non lo pago, se non ne ho bisogno
    > non lo pago .. etc ...

    Mi sa che più o meno è lo spesso motivo per il quale la Adidas fabbrica le scarpe in Pakistan

    non+autenticato
  • .. ma dove vivi ??

    i liberi professionisti non sono ne' pakistani ne' afghani, ne' altro da terzo mondo e, se sono bravi, guadagnano almeno 2 volte quello che guadagna un dipendente ...

    sono imprenditori, imprenditori di se' stessi ..

    e se sono capaci guadagnano bene, vivono bene, senno' tornano a fare i dipendenti ..

    Bye

    - Scritto da: Stefano
    >
    >
    > - Scritto da: mauro
    > > ... se si ammala non lo pago, quando e'
    > > in ferie non lo pago, se non ne ho bisogno
    > > non lo pago .. etc ...
    >
    > Mi sa che più o meno è lo spesso motivo per
    > il quale la Adidas fabbrica le scarpe in
    > Pakistan
    >
    non+autenticato
  • .. eh sì .. cari colleghi imprenditori .. quello che abbiamo letto oggi su questo forum e' sepmlicemente la fotografia della realta', ricordatevi che chi cazzeggia con mp3 e similari in ufficio e' fuori dall'azienda immediatamente, funziona cosi':

    1) sospensione e richiesta di giustificazioni

    2) giustificazioni in genere non arrivano oppure arrivano dimissioni perche' il "lavoratore modello" non vuole che si sappia in giro che e' stato licenziato per giusta causa

    3) licenziamento o dimissioni del "lavoratore modello"

    Considerazione, dopo un po' di esperienze con fancazzisti vari:

    Appena (i dipendenti) fanno una cazzata colpire e affondare senza pieta' (=licenziare per giusta causa), non c'e' mai scusa, tutti (e su questo forum si e' visto per bene) sanno bene quello che fanno

    non+autenticato

  • perché ti hanno risposto solo quelli, caro squartagatti.
    Se vuoi colpisci pure a fondo.
    Vedrai con chi ti ritroverai a lavorare.
    Certo, non scaricheranno mai un mp3.
    Perché non avranno neanceh idea di come cazzo si fa.

    e così per tutto il resto.

    Chiudi chiudi la tua mente ... vedrai come si aprirà la tua azienda ... ha ha....

    poverEtto


    - Scritto da: mauro
    > .. eh sì .. cari colleghi imprenditori ..
    > quello che abbiamo letto oggi su questo
    > forum e' sepmlicemente la fotografia della
    > realta', ricordatevi che chi cazzeggia con
    > mp3 e similari in ufficio e' fuori
    > dall'azienda immediatamente, funziona cosi':
    >
    > 1) sospensione e richiesta di giustificazioni
    >
    > 2) giustificazioni in genere non arrivano
    > oppure arrivano dimissioni perche' il
    > "lavoratore modello" non vuole che si sappia
    > in giro che e' stato licenziato per giusta
    > causa
    >
    > 3) licenziamento o dimissioni del
    > "lavoratore modello"
    >
    > Considerazione, dopo un po' di esperienze
    > con fancazzisti vari:
    >
    > Appena (i dipendenti) fanno una cazzata
    > colpire e affondare senza pieta'
    > (=licenziare per giusta causa), non c'e' mai
    > scusa, tutti (e su questo forum si e' visto
    > per bene) sanno bene quello che fanno
    >
    non+autenticato
  • charlie chaplin - tempi moderni
    e divertente... Occhiolino


    non+autenticato

  • ma i regolamenti interni (policy?) possono essere più forti/importanti di leggi dello Stato?

    se la legge sulla privacy dice che non mi puoi venire a leggere i files, entrare nel computer, chiedere la password, leggere le e-mail, controllarmi ... perché lo fanno lo stesso? Perché se io faccio qualcosa che è contro la legge, io vengo punito!

    Comunque il controllo sulla produttività si può fare senza vessare il dipendente/lavoratore.
    non+autenticato
  • Mia situazione: unico dipendente di una piccola web agency, abbiamo cmq circa 300 clienti, medio-piccoli anche loro.

    Mi occupo di realizzare i siti, gestisco in housing il server web su cui risiedono siti stessi e email, ottimizzazione pagine x segnalazione ai motori e segnalazione agli stessi, registrazione domini, assistenza tecnica telefonica sia per i clienti che hanno solo l'hosting sia per le email; scrivo le email al capo (che in italiano scritto se la cava malino) e cmq gli tolgo parecchie castagne dal fuoco.
    Stipendio netto: 1.923.000 al mese in coll.coord.continuata (COCOCO).
    Ora, va bene che non saro' un Maestro in nessuna delle cose di cui mi occupo, ma riesco a fare tutto a livelli piu' che accettabili; sono qui da ormai due anni e l'azienda e' in continua crescita (acquisiamo diversi clienti al mese)

    E io con uno stipendio del genere dovrei anche lavorare 8 ore al giorno? Il minimo che si possa aspettare e' che 1-2 ore le dedichi agli affari miei. Quando mollera' uno stipendio migliore ne riparleremo (cioe' mai... due anni fa ho iniziato con un milione e mezzo al mese...).
    Per quello che guadagno e che gli faccio guadagnare, sono sin troppo buono.
    non+autenticato
  • ma secondo te perche' ti pagano poco ? te lo sei mai chiesto ? forse perche' ti conoscono per quello che non fai durante la giornata ... hai mai pensato che il tuo lavoro tu non vale nemmeno quei quattro soldi che ti pagano ?
    non+autenticato
  • occuparsi di un parco clienti di 300 aziende (seppur piccole) non mi sembra facile...
    perche non vai tu a farlo, a molto meno naturalmente...

    > ma secondo te perche' ti pagano poco ? te lo
    > sei mai chiesto ? forse perche' ti conoscono
    > per quello che non fai durante la giornata
    > ... hai mai pensato che il tuo lavoro tu non
    > vale nemmeno quei quattro soldi che ti
    > pagano ?
    non+autenticato


  • - Scritto da: blah
    > occuparsi di un parco clienti di 300 aziende
    > (seppur piccole) non mi sembra facile...
    > perche non vai tu a farlo, a molto meno
    > naturalmente...

    E perchè non se ne va lui, invece, se lo stipendio non è adeguato? Magari in un posto dove la sua professionalità è pagata per quello che vale, ma dove anche gli sia richiesto di lavorare 8 ore per l'azienda, come da contratto! Non credo che in quel settore la mobilità sia impossibile...
    I miei due attuali soci hanno fatto così...

    non+autenticato

  • > E perchè non se ne va lui, invece, se lo
    > stipendio non è adeguato? Magari in un posto
    > dove la sua professionalità è pagata per
    > quello che vale, ma dove anche gli sia
    > richiesto di lavorare 8 ore per l'azienda,
    > come da contratto! Non credo che in quel
    > settore la mobilità sia impossibile...
    > I miei due attuali soci hanno fatto così...

    Non hai torto, ci ho pensato varie volte, ma x adesso mi va bene lavorare l'80% delle otto ore prendendo il 70% dello stipendio che (credo) sarebbe giusto.
    In futuro non escludo di fare come dici tu, ma non ne sono nemmeno certoSorride
    Insomma, si lavora per vivere o si vive per lavorare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: mauro
    > ma secondo te perche' ti pagano poco ? te lo
    > sei mai chiesto ? forse perche' ti conoscono
    > per quello che non fai durante la giornata
    > ... hai mai pensato che il tuo lavoro tu non
    > vale nemmeno quei quattro soldi che ti
    > pagano ?

    Se fosse vero, non si spiega come mai io sia l'unico dipendente ma l'azienda sia florida e redditizia.

    Forse magia?Sorride
    non+autenticato


  • - Scritto da: Attila Xihar

    > Se fosse vero, non si spiega come mai io sia
    > l'unico dipendente ma l'azienda sia florida
    > e redditizia.
    >
    > Forse magia?Sorride

    Attila, se e' cosi' investi su te stesso e apri un'attivita' per conto tuoSorride Se gestisci 300 clienti evidentemente la preparazione ce l'hai.

    Dopo pero' cambi opinione appena assumi un dipendenteOcchiolino)

    Si tratta di avere un po' di coraggio e rischiare.
    (Un 80% vuole il posto sicuro e non rischiera' mai, e di quel 20% solo il 10% ha i fondi per aprire ... spero tu faccia parte del 10% restante)

    In bocca al lupo, Pasquale
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pasquale
    >
    > Attila, se e' cosi' investi su te stesso e
    > apri un'attivita' per conto tuoSorride Se
    > gestisci 300 clienti evidentemente la
    > preparazione ce l'hai.

    Come gia' detto, non sono un Mostro, ma faccio le cose in maniera piu' che decente.

    > Dopo pero' cambi opinione appena assumi un
    > dipendenteOcchiolino)

    Eheheheheh!!!Sorride)

    > Si tratta di avere un po' di coraggio e
    > rischiare.
    > (Un 80% vuole il posto sicuro e non
    > rischiera' mai, e di quel 20% solo il 10% ha
    > i fondi per aprire ... spero tu faccia parte
    > del 10% restante)

    Mi sono appena sobbarcato un mutuo ventennale, x cui rischiare e' l'ultima cosa che posso permettermi (e cmq preferisco lavorare per vivere e non vivere per lavorare).
    Peraltro, ovviamente, appartengo al primo 10%...Sorride

    > In bocca al lupo, Pasquale

    Crepi il lupo, e grazie x l'incoraggiamento!A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)