Gay World of Warcraft

Sara Andrews stava per essere bannata dai server di WoW perché la sua Gilda si dichiarava gay-friendly. Proteste e marce arcobaleno virtuali hanno fatto ritornare la software house Blizzard sui suoi passi. Applaudono i seguaci di WoW

Roma - La comunità gay è riuscita a conquistare il diritto di outing anche nella dimensione virtuale di World of Warcraft, uno dei più famosi videogiochi MMPORG del momento: una novità che sta già scaldando i motori di sociologi e studiosi dei comportamenti nell'era digitale.

In un gioco di ruolo online dove ogni espressione del sé è in grado prendere forma non solo sotto il punto di vista estetico, la Blizzard - distributrice e sviluppatrice del prodotto - aveva tentato di censurare gli utenti che pubblicizzavano Gilde "arcobaleno", ovvero simpatizzanti nei confronti del mondo gay.

Sara Andrews, il cui avatar è il mago Shimmre presente sul server Shadow Moon, aveva dato vita alla Gilda "OZ" lo scorso gennaio. Una sorta di accolita cooperativa, per risolvere le missioni più difficili e fare amicizia con altri utenti che condividono passioni comuni. La campagna di arruolamento di OZ aveva sfruttato, come tutte, il canale chat utilizzato da WoW. L'unico problema, almeno per Blizzard, era che nella presentazione della Gilda si faceva un chiaro riferimento alla buona disposizione nei confronti di gay, lesbiche, bi-sex e transgender.
L'admininstrator del server, quasi istantaneamente, aveva deciso di notificare un alert ad Andrews invitandola a cessare di utilizzare quel genere di linguaggio in contrasto con i termini del contratto riguardanti il servizio. In caso contrario sarebbe stata bannata dal server. A quel punto Sara Andrews ha iniziato a frequentare più assiduamente i forum degli appassionati di WoW esponendo la questione e in poco tempo raccogliendo solidale consenso. Le proteste sono giunte a Blizzard, così come sono iniziate le prime marce virtuali in stile Gay Pride. Stonewall Champions e The Spreading Taint, due Gilde gay-friendly hanno deciso di spedire una lettera all'azienda statunitense per criticare la sua policy.

Il risultato di cotanto impegno non si è fatto attendere. Blizzard si è scusata ufficialmente con una mail recapitata a Andrews. "Accetta le nostre sentite scuse per come il nostro staff ha criticato la tua condotta, inoltre ti assicuriamo che il tuo account non sarà penalizzato in nessun modo per questo caso", si legge nella lettera firmata da Thor Bifore, senior manager del servizio clienti di Blizzard.

Nei prossimi mesi i 1000 administrator che vigilano sul mondo di WoW parteciperanno a dei corsi di aggiornamento in modo che situazioni di questo genere possano essere evitate. I tutor cercheranno di sensibilizzare sui temi della sessualità e della discriminazione. In un cyberworld frequentato soprattutto da giovani ora in molti sperano che valori positivi, come la curiosità per le diversità, possano farsi strada.

Non è del tutto d'accordo Blizzard. Secondo l'azienda infatti le informazioni sulla vita reale dei giocatori non dovrebbero entrare nel gioco perché potrebbero stimolare un'ondata di molestie. A breve sarà realizzato un canale chat separato proprio per l'arruolamento delle Gilde, e non certo suddiviso a sua volta in base agli orientamenti sessuali.

Questa storia ai non appassionati del genere potrà sembrare piuttosto bizzarra, ma la verità è che i "casi" su WoW diventano subito di interesse planetario. Gli attuali giocatori WoW hanno raggiunto quota 5 milioni. Una piccola nazione insomma, a volte turbata da gravi fatti che accadono ai suoi "cittadini" nel mondo reale.

Dario d'Elia
44 Commenti alla Notizia Gay World of Warcraft
Ordina
  • Da oggi esiste in Italia un blog per videogaymer in cui si parla di videogiochi gay.
    l'indirizzo è: www.geekqueer.blogspot.com

    spero sia utile
    GQ
    non+autenticato
  • possono essere "bannati", voce del verbo "bannare".

    Io banno
    tu banni
    egli banna
    noi banniamo
    voi bannate
    essi bannano.

    Tutti quanti.
    non+autenticato
  • indipendentemente dalla fesseria di bannare una gilda del genere, qual'era l'esigenza di crearla? per me creare una gilda gay, se tale era, equivale creare un qualcosa di chiuso in quanto "riservato a...".
    Secondo me creare una gilda gay è come creare una gilda in cui i gay sono esclusi, per me da vietare entrambe. Scusate l'esempio eccessivo, ma se si facesse una gilda di ariani tutti si risentirebbero, ma in fondo in fondo è la stessa cosa: individuare una comunità che non ha nulla a che fare col gioco.
    Spero di essermi spiegato: questo post non vuole affatto essere contro gay, lesbiche, transgender eccetera.
    non+autenticato
  • Concordo. L'unica gilda che ha senso di esistere è quella dei "Vietato agli Homer"
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > indipendentemente dalla fesseria di bannare una
    > gilda del genere, qual'era l'esigenza di crearla?
    > per me creare una gilda gay, se tale era,
    > equivale creare un qualcosa di chiuso in quanto
    > "riservato a...".
    > Secondo me creare una gilda gay è come creare una
    > gilda in cui i gay sono esclusi, per me da
    > vietare entrambe. Scusate l'esempio eccessivo, ma
    > se si facesse una gilda di ariani tutti si
    > risentirebbero, ma in fondo in fondo è la stessa
    > cosa: individuare una comunità che non ha nulla a
    > che fare col gioco.
    > Spero di essermi spiegato: questo post non vuole
    > affatto essere contro gay, lesbiche, transgender
    > eccetera.


    "....si faceva un chiaro riferimento alla buona disposizione nei confronti di gay, lesbiche, bi-sex e transgender."

    Credo che quella glida non diceva niente nei confronti dell'omosessualità è altro in generale.
    Sgabbio
    26177
  • i gay hanno la strana tendenza a crearsi ghetti tutti da soli.
    Sara' perche' fa trendy cosi', bho.
    non+autenticato
  • SCEGLIERE di creare un posto in cui poter essere se stessi senza dover fare continuamente i conti con i soliti pregiudizi non è un ghetto.

    Daniele

    NB Il ghetto era il luogo in cui gli ebrei erano OBBLIGATI a vivere (non se lo sceglievano).
    non+autenticato
  • ghetto
    h       t
    e       t
    t        e
    t        h
    ottehg
    non+autenticato
  • gay-friendly.. non ONLY-GAY

    la sostanziale differenza è che essendo gay-friendly ha un approccio amichevole con i gay, se fosse stata only gay allora avrebbe escluso i non-gay.

    poi cmq nn vedo cosa ci sarebbe di male nel farla solo-gay.. è una gilda di un gioco online non un gabinetto pubblico

    - Scritto da: Anonimo
    > indipendentemente dalla fesseria di bannare una
    > gilda del genere, qual'era l'esigenza di crearla?
    > per me creare una gilda gay, se tale era,
    > equivale creare un qualcosa di chiuso in quanto
    > "riservato a...".
    > Secondo me creare una gilda gay è come creare una
    > gilda in cui i gay sono esclusi, per me da
    > vietare entrambe. Scusate l'esempio eccessivo, ma
    > se si facesse una gilda di ariani tutti si
    > risentirebbero, ma in fondo in fondo è la stessa
    > cosa: individuare una comunità che non ha nulla a
    > che fare col gioco.
    > Spero di essermi spiegato: questo post non vuole
    > affatto essere contro gay, lesbiche, transgender
    > eccetera.
    non+autenticato
  • io sono davvero stanco di questa ottusità di una certa parte degli eteresessuali. Si tratta di ottusità a tutti i livelli, non solo per quel che riguarda il gioco online.
    Il concetto è semplice quindi penso che chiunque ce la possa fa...
    una gilda/locale/cena/pacs whatever gay non è un ghetto. E' un'opportunità in più per tutti, non una libertà in meno.
    Un ghetto è un posto in cui ti rinchiudono, non un posto in cui scegli di entrare per via di uno spirito di affinità o, nel caso in cui tu decida di essere gay, appartenenza.

    Perchè nun se decidemo a farla anche in Italia una gilda gay?
    Io sarò il primo iscritto...anzi mò che cce penso mi informo su come crearla io e bonanotte al secchioOcchiolino

    Epidermide(blood elf warlock su crushridge)/Nerone(night elf druid su argent dawn)
    non+autenticato
  • Scusate il titolo fuorviante ma lo vedo già come titolo sui giornaliA bocca aperta
    Se poi lo vedono i nostri ministri ci censurano pure questoA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Scusate il titolo fuorviante ma lo vedo già come
    > titolo sui giornaliA bocca aperta
    > Se poi lo vedono i nostri ministri ci censurano
    > pure questoA bocca aperta

    Niente diritti per chi gioca a WOW, niente pensione, niente matrimonio, niente.A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Scusate il titolo fuorviante ma lo vedo già come
    > > titolo sui giornaliA bocca aperta
    > > Se poi lo vedono i nostri ministri ci censurano
    > > pure questoA bocca aperta
    >
    > Niente diritti per chi gioca a WOW, niente
    > pensione, niente matrimonio, niente.A bocca aperta
    Niente più PI, spero.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Per la miseriaccia.
    > Deluso

    E pensa che è tutta gente pagante, con giochi tipo questo la piratiera non ci può fare niente.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Per la miseriaccia.
    > > Deluso
    >
    > E pensa che è tutta gente pagante, con giochi
    > tipo questo la piratiera non ci può fare niente.

    E ciò dimostra che se il tuo lavoro è buono e col marketing ci sai fare, gli utenti paganti li trovi... e come!
    Personalmente non ci ho mai giocato, ma qui in casa con me ci sono 2 ragazzi che ci giocano. E conosco una marea di gente che ci gioca... a 10 Euro al mese!

    bye
    non+autenticato
  • conosco una marea di gente che ci gioca... a 10
    > Euro al mese!

    allora ho giocato alla versione "alternativa" per qualche mese.. poi per caso ho potuto provare la versione UFFICIALE da un mio amico, wow..alla 2° volta che l'ho provato..ho comprato 2 copie del gioco (ci giochiamo io e mia moglie), abbiamo provato per un mese gratis il gioco e abbiamo deciso di fare 2 abbonamenti trimestrali (uno a testa) e paghiamo con CC
    alla fine riassumendo sono 10,7 euro iva compresa a testa al mese..

    ma nè vale proprio la pena.. è stupendo..
    lroby
    5311
  • > allora ho giocato alla versione "alternativa" per
    > qualche mese.. poi per caso ho potuto provare la
    > versione UFFICIALE da un mio amico, wow..alla 2°
    > volta che l'ho provato..ho comprato 2 copie del
    > gioco (ci giochiamo io e mia moglie)
    Ma, scusa con tua moglie non hai niente di meglio da fare?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > allora ho giocato alla versione "alternativa"
    > per
    > > qualche mese.. poi per caso ho potuto provare la
    > > versione UFFICIALE da un mio amico, wow..alla 2°
    > > volta che l'ho provato..ho comprato 2 copie del
    > > gioco (ci giochiamo io e mia moglie)
    > Ma, scusa con tua moglie non hai niente di meglio
    > da fare?A bocca aperta

    ma 2° te.. con mia moglie...gioco solo a WOW ?
    A bocca aperta
    senza contare tutti quelli che seguono il GF o la Defilippi.. meglio il WOW Occhiolino

    ==================================
    Modificato dall'autore il 14/02/2006 18.31.57
    lroby
    5311
  • > E pensa che è tutta gente pagante, con giochi
    > tipo questo la piratiera non ci può fare niente.

    10 EUR al mese non sono pochi, si potrebbe dire... ma in fin dei conti giocandoci almeno 1h al giorno sono 30 centesimi al dì. Non è una cifra esagerata (e tutto sommato dubito che la gente ci si dedichi solo 1h al giorno...).

    Piuttosto, pensate alla miniera d'oro per la Blizzard. 5.000.000 di utenti a 10$/mese sono 50.000.000 di dollari al mese. Cioè circa 40 milioni di EUR. Al mese.

    Notevole, pur considerando le spese aziendali (manutenzione server, connettività, personale, locali, eccetera).
    non+autenticato
  • Tranquillo la maggior parte degli utenti gioca gratis!   ;)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Tranquillo la maggior parte degli utenti gioca
    > gratis! Occhiolino
    Mi sa che ti sbagli, la maggioranza delle gente paga, e comunque il servizio offerto dai server gratuiti non è neanche lontanamente paragonabile a quello dei server ufficiali.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Tranquillo la maggior parte degli utenti gioca
    > > gratis! Occhiolino
    > Mi sa che ti sbagli

    Anche a me, 5 milioni sono quelli iscritti e paganti a wow, non credo ce ne siano altri 5 milioni che giocano sui server gratuiti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Tranquillo la maggior parte degli utenti gioca
    > > > gratis! Occhiolino
    > > Mi sa che ti sbagli
    >
    > Anche a me, 5 milioni sono quelli iscritti e
    > paganti a wow, non credo ce ne siano altri 5
    > milioni che giocano sui server gratuiti.
    Anche perchè di fatto server alternativi non ne esistono, a quanto so tutti quelli esistenti si basano su una versione "fuoriuscita" del server ufficiale, ormai vecchia, e cmq non in grado di garantire lo stesso livello di gioco del server ufficiale.
    Personalmente ho avuto modo di giocare per 15gg gratis, e il gioco mi è piaciuto, non mi sono abbonato per semplice mancanza di tempo da dedicare al gioco
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)