iLife '06 e iWork '06, le novità più calde

di D. Galimberti - Panoramica delle principali novità introdotte da Apple nelle nuove edizioni delle proprie suite di applicazioni

Roma - Dieci anni fa, nel primo numero di Punto Informatico, si parlò di quella profonda crisi di Apple che aprì la strada al ritorno Jobs. In quel contesto si disse che "la piattaforma per il rilancio è Internet, nuovo fulcro del prossimo secolo sulla quale occorrerà basarsi per riuscire a risalire la china", ed Apple doveva pensarla allo stesso modo viste le contromisure messe in atto per uscire dalla crisi.

In quel periodo furono tagliati molti rami morti o controproducenti, come i cloni Macintosh e il rimpianto Newton, e arrivarono nuove idee per riconquistare alcuni segmenti di mercato (iMac) o crearne di nuovi (iPod), ma buona parte della nuova strategia aziendale, che contribuì alla rinascita della società, passò proprio per Internet. Apple, andando contro gli interessi dei rivenditori, aprì un negozio online per vendere i propri computer, offrì ai propri utenti una serie di servizi internet (all'inizio gratuiti, ora venduti come abbonamento annuale a ".Mac"), e dopo il lancio dell'iPod inaugurò quello che attualmente è il negozio di musica online di maggior successo, l'iTunes Music Store, che ultimamente ha espanso la propria offerta grazie ai podcast e ai contenuti video (proprio in questi giorni si sta svolgendo un concorso per la miliardesima canzone venduta).

Un altro tassello della strategia di Apple, almeno per quanto riguarda la sua ripresa nel mercato consumer, si può ritrovare in quel genere di applicazioni che ultimamente stanno riscuotendo un largo consenso di pubblico (non solo su Mac) grazie alla larga diffusione di fotocamere e videocamere digitali: nel caso specifico stiamo parlando di iLife, una raccolta di applicazioni destinata all'archiviazione di foto, l'elaborazione di filmati, la realizzazione di DVD, e la creazione di musica. Con l'ultima release di questo pacchetto, Apple ha incluso una nuova applicazione chiamata iWeb, studiata appositamente per chiudere il cerchio con i propri servizi internet e realizzare un legame ancora più forte tra il software fornito su ogni Mac e le possibilità offerte della rete.
Garageband - Clicca per ingrandireGià in passato alcune applicazioni di iLife permettevano di accedere direttamente ad alcuni servizi messi a disposizione su internet: da iPhoto, per esempio, era possibile pubblicare direttamente le immagini sullo spazio messo a disposizione dell'abbonamento ".Mac", oppure ordinare le stampe delle proprie raccolte fotografiche sotto forma di album in vari formati. Il punto di forza di iLife è sempre stato la forte interazione tra le diverse applicazioni, ed oggi questo concetto viene maggiormente centralizzato grazie ad un nuovo elemento comune, iWeb, che a sua volta consente un ulteriore passo di interazione con.Mac o, più in generale, con Internet. Andiamo ad esaminare nel dettaglio come avviene questa interazione partendo dall'applicazione che ha subito maggiori migliorie in questo update del 2006.

iPhoto - Clicca per ingrandireiPhoto presenta nuove funzioni che permettono di inviare una raccolta di immagini a iWeb per la creazione di pagine o la realizzazione di un blog, oppure per la pubblicazione immediata di un Photocast (una sorta di podcast di immagini). La pubblicazione di pagine in Internet diventa meno immediata rispetto a prima, ma il passaggio attraverso iWeb permette maggiori possibilità di personalizzazione, e consente di creare pagine HTML senza possedere necessariamente un abbonamento ".Mac".

Passando a Garageband, anche qui una delle novità più interessanti riguarda le nuove funzioni per creare podcast da inviare a iWeb per la successiva pubblicazione online. Anche iMovie non sfugge alla nuova regola, e permette di passare i filmati alla nuova applicazione per l'inserimento in una pagina web o per la realizzazione di un Podcast video. L'unica applicazione che, per ovvi motivi, non ha nulla a che spartire con iWeb è iDVD, applicazione in cui sono stati aggiunti diversi temi, e soprattutto è stato implementato il supporto al formato 16:9, che inspiegabilmente mancava nella precedente versione nonostante fosse già stato implementato in iMovie-HD.

Se le novità fossero solo queste, la nuova versione di iLife non sarebbe un grande affare, ma slegandoci momentaneamente dal discorso iWeb, vale la pena di osservare anche le altre novità introdotte da Apple nella suite.
TAG: apple
74 Commenti alla Notizia iLife '06 e iWork '06, le novità più calde
Ordina
  • orami apple ha finito con sti software patetici e senza grinta...i primi itunes e ipotho erano buoni, ma ora solo minestra riscaldata e SALATA!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > orami apple ha finito con sti software patetici e
    > senza grinta...i primi itunes e ipotho erano
    > buoni, ma ora solo minestra riscaldata e SALATA!

    detto da uno che usa winzzoz...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > orami apple ha finito con sti software patetici e
    > senza grinta...i primi itunes e ipotho erano
    > buoni, ma ora solo minestra riscaldata e SALATA!

    Ci hai pensato molto per dire la vaccata, o ti è venuto spontaneo?

    iPhoto, con questa versione, ha subito uno dei maggiori miglioramenti, che da solo vale i soldi di iLife (ma è evidente che tu non l'hai mai visto, né questa versione, né le precedenti)

    iTunes è gratis

    Tu sei messo male.... ma veramente molto male...

    bye
    non+autenticato
  • A me pare che questa suite sia decisamente sottovalutata, probabilmente anche da Apple stessa, a parte keynote che è uno splendido software, niente a che vedere con powerpoint, c'è pages, che sebbene giovane è un ottimo word processor, e tra l'altra ha un'ottima compatibilità con word (superiore anche a openoffice/Neooffice)
    Non capisco perchè la vogliano lasciare così, un foglio di calcolo l'avrebbe resa perfetta per l'utente comune che deve farsi 2 conti, scrivere 2 letterine e magari impaginare 2 volantini, per l'utenza professionale il basso costo è allettante per la sola presenza di keynote.
    Appleworks è sicuramente più completo, ma è dannatamente vecchio, e non penso che giri sui nuovi mac intel.
    Io spero che facciano uscire una versione di iWork con un foglio di calcolo ben compatibile con office, sarei il primo acquirente: Neooffice è buono, ma parecchio pesante, Office è pesante e costa uno sproposito, iwork sarebbe perfetto!
    Niente da dire invece su iLife che nella versione 06 mi pare decisamente migliorato
  • La Apple ha un po' paura di inimicarsi Microsoft, come pure ha paura di inimicarsi Adobe.

    Vedrai che prima o poi una suite Office completa arriverà dalla Apple, ma secondo me se la sviluppano in sordina, e solo quando sarà finalmente migliore di Office la spigeranno come si deve.

    Stessa cosa per Photoshop, per ora si guardano bene da pestare i piedi ad Adobe (l'hanno già fatto con Final Cut, Adobe ha immediatamente cassato la versione Mac di Premiere, per fortuna Final Cut è MOLTO meglio...), per cui il loro Aperture non fa realmente concorrenza a Photoshop, ma magari, in segreto, come hanno fatto per OSX per Intel, che è 4 anni che gira anche su Intel ma nessuno lo sapeva, stanno lavorando al vero "Photoshop killer"

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > La Apple ha un po' paura di inimicarsi Microsoft,
    > come pure ha paura di inimicarsi Adobe.
    >
    > Vedrai che prima o poi una suite Office completa
    > arriverà dalla Apple, ma secondo me se la
    > sviluppano in sordina, e solo quando sarà
    > finalmente migliore di Office la spigeranno come
    > si deve.
    >
    > Stessa cosa per Photoshop, per ora si guardano
    > bene da pestare i piedi ad Adobe (l'hanno già
    > fatto con Final Cut, Adobe ha immediatamente
    > cassato la versione Mac di Premiere, per fortuna
    > Final Cut è MOLTO meglio...), per cui il loro
    > Aperture non fa realmente concorrenza a
    > Photoshop, ma magari, in segreto, come hanno
    > fatto per OSX per Intel, che è 4 anni che gira
    > anche su Intel ma nessuno lo sapeva, stanno
    > lavorando al vero "Photoshop killer"
    >

    il problema è che poi servirebbero i killer di indesign, flash, dreamweaver...Perplesso Perplesso Perplesso
    non+autenticato
  • Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle poche volte che sono stata costretta ad usarli e' stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per di piu' sotto le mie manine "crashava" !

    lulla
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui
    > usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle
    > poche volte che sono stata costretta ad usarli e'
    > stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho
    > trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per di
    > piu' sotto le mie manine "crashava" !
    >
    > lulla

    una mia dipendete ha avuto lo stesso problema, solo che non crashava mai e dopo sei mesi si è presa un MiniMac.... parlando dello stress che provava ogni giorno accendondo il suo vecchio PC a casa la sera...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui
    > usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle
    > poche volte che sono stata costretta ad usarli e'
    > stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho
    > trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per di
    > piu' sotto le mie manine "crashava" !
    >
    > lulla

    capitato anche a me con un imac..andava in "bomba"
    lroby
    5311

  • - Scritto da: lroby
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Mi è capitato di lavorare in uno studio in cui
    > > usavano solo Mac (una tragedia per me!) e quelle
    > > poche volte che sono stata costretta ad usarli
    > e'
    > > stato per collegarmi ad internet, ma non l'ho
    > > trovato per niente comodo ne' intuitivo. E per
    > di
    > > piu' sotto le mie manine "crashava" !
    > >
    > > lulla
    >
    > capitato anche a me con un imac..andava in "bomba"

    bomba? quindi su OS9? un os di nato 8 anni fa e morto da 4 anni?
    non+autenticato
  • > bomba? quindi su OS9? un os di nato 8 anni fa e
    > morto da 4 anni?

    Si esatto. su un OS9 molto vecchio,anche mi è successo qualche anno fà..ma questo non significa che sto additanto il dito contro i mac e tantomeno sto facendo l'associazione (stupida) che mac = crash.
    Era solo 1 testimonianza che anche un prodotto prodotto dalla Apple può uscire con i suoi problemi.

    Inoltre sono molto convinto che gli ultimi MAC, sopratutto il mac mini (che ho potuto provare personalmente) sia un prodotto decisamente valido e dall'elevata qualità..almeno a livello HW & OS..
    Stenderei un velo abbastanza pietoso sulla casa madre..Probabilmente fosse venduto da un'altra società l'avrei comprato anche io..
    lroby
    5311

  • - Scritto da: lroby
    > > bomba? quindi su OS9? un os di nato 8 anni fa e
    > > morto da 4 anni?
    >
    > Si esatto. su un OS9 molto vecchio,anche mi è
    > successo qualche anno fà..ma questo non significa
    > che sto additanto il dito contro i mac e
    > tantomeno sto facendo l'associazione (stupida)
    > che mac = crash.
    > Era solo 1 testimonianza che anche un prodotto
    > prodotto dalla Apple può uscire con i suoi
    > problemi.

    Una testimonianza inutile, visto che stai parlando di un sistema vecchio di almeno 6 anni...
    MacOSX è completamente diverso sotto ogni aspetto
    Una testiminianza in malafede, visto che non avevi specificato che si trattava di un sistema vecchio... qui stiamo parlando di applicazioni nuove per il sistema nuovo.

    > Inoltre sono molto convinto che gli ultimi MAC,
    > sopratutto il mac mini (che ho potuto provare
    > personalmente) sia un prodotto decisamente valido
    > e dall'elevata qualità..almeno a livello HW &
    > OS..
    > Stenderei un velo abbastanza pietoso sulla casa
    > madre..Probabilmente fosse venduto da un'altra
    > società l'avrei comprato anche io..

    E qui ti dimostri troll... a meno che non vuoi spiegarci cosa intendi dire
    non+autenticato
  • > E qui ti dimostri troll... a meno che non vuoi
    > spiegarci cosa intendi dire

    Intendo dire che non mi è mai piaciuto nè mai mi piacerà il modo in cui la Apple tratta gli utenti..
    Nulla di trollesco e nulla contro i suoi prodotti
    lroby
    5311

  • - Scritto da: lroby
    > > E qui ti dimostri troll... a meno che non vuoi
    > > spiegarci cosa intendi dire
    >
    > Intendo dire che non mi è mai piaciuto nè mai mi
    > piacerà il modo in cui la Apple tratta gli
    > utenti...

    Quale modo? se non spiegi hai la coda di paglia...
    E cmq non è che gli utenti Apple sono idioti che si fanno trattare male, tant'è che Apple è in testa alle classifiche di soddisfazione del cliente.
    Forse non staranno bene "a te" certe cose, e guardacaso tu *non sei* utente Apple...

    > Nulla di trollesco e nulla contro i suoi prodotti

    nulla di trollesco potrà esserlo quando spiegherai qualcosa, perché detto così è solo un'affermazione da troll
    non+autenticato
  • > Quale modo? se non spiegi hai la coda di paglia...
    > E cmq non è che gli utenti Apple sono idioti che
    > si fanno trattare male, tant'è che Apple è in
    > testa alle classifiche di soddisfazione del
    > cliente.
    > Forse non staranno bene "a te" certe cose, e
    > guardacaso tu *non sei* utente Apple...

    http://groups.google.com/group/it.comp.macintosh/b...

    Questo sito è solo un esempio di cosa non mi piace della Apple, non mi piace a me punto..
    Non significa trollare dire che una compagnia non mi piace, è soltanto manifestare un proprio pensiero.
    lroby
    5311

  • - Scritto da: lroby

    > http://groups.google.com/group/it.comp.macintosh/..
    >
    > Questo sito è solo un esempio di cosa non mi
    > piace della Apple, non mi piace a me punto..

    Non piace *a te*, ma tu *non sei* un utente Apple.
    E cmq, gli utenti Apple sono quelli che comprano un Mac... Apple ha tutti i diritti di vendere il proprio sistema *solo* per le proprie macchine, così come MS realizza Windows solo per x86 o Access solo per Windows. Si chiama "libero mercato"... se non sei d'accordo rivolgiti pure all'open surce.

    > Non significa trollare dire che una compagnia non
    > mi piace, è soltanto manifestare un proprio
    > pensiero.

    E' trollare se si esprime un commento negativo senza motivarlo

    bye
    non+autenticato

  • - Scritto da: lroby
    > > Quale modo? se non spiegi hai la coda di
    > paglia...
    > > E cmq non è che gli utenti Apple sono idioti che
    > > si fanno trattare male, tant'è che Apple è in
    > > testa alle classifiche di soddisfazione del
    > > cliente.
    > > Forse non staranno bene "a te" certe cose, e
    > > guardacaso tu *non sei* utente Apple...
    >
    > http://groups.google.com/group/it.comp.macintosh/b
    >
    > Questo sito è solo un esempio di cosa non mi
    > piace della Apple, non mi piace a me punto..
    > Non significa trollare dire che una compagnia non
    > mi piace, è soltanto manifestare un proprio
    > pensiero.

    guarda che siamo al limite della liceità su quanto viene fatto su quel sito....

    a meno che tu non sia uno che se ne impippa delle leggi...

    non+autenticato
  • Come mai ci sono prodotti del genere altamente professionali per il mac e non per linux?

    Ok i programmatori Apple li pagano, ma a parte questo?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Come mai ci sono prodotti del genere altamente
    > professionali per il mac e non per linux?
    >
    > Ok i programmatori Apple li pagano, ma a parte
    > questo?

    forse perché nessuno che usa Linux comprerebbe software? o almeno in larga parte?

    io fossi in Apple venderei iWork e iLife per Linux...
    come fa per shake.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Come mai ci sono prodotti del genere altamente
    > > professionali per il mac e non per linux?
    > >
    > > Ok i programmatori Apple li pagano, ma a parte
    > > questo?
    >
    > forse perché nessuno che usa Linux comprerebbe
    > software? o almeno in larga parte?
    >
    > io fossi in Apple venderei iWork e iLife per
    > Linux...
    > come fa per shake.

    Ma in effetti a fare un porting per linux cosa ci vorrebbe?
    non+autenticato
  • Parecchio, visto che é tutto 100% cocoa?

    Shake é nato su linux, poi la apple lo comprò e lo portò al mac os.

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Come mai ci sono prodotti del genere altamente
    > > > professionali per il mac e non per linux?
    > > >
    > > > Ok i programmatori Apple li pagano, ma a parte
    > > > questo?
    > >
    > > forse perché nessuno che usa Linux comprerebbe
    > > software? o almeno in larga parte?
    > >
    > > io fossi in Apple venderei iWork e iLife per
    > > Linux...
    > > come fa per shake.
    >
    > Ma in effetti a fare un porting per linux cosa ci
    > vorrebbe?

    nel 95% dei casi molto poco...credo... dato che il 95% di quello che gira su Linux gira anche su Mac...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > nel 95% dei casi molto poco...credo... dato che
    > il 95% di quello che gira su Linux gira anche su
    > Mac...

    Il tuo amico sopra dice il contrario.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > nel 95% dei casi molto poco...credo... dato che
    > > il 95% di quello che gira su Linux gira anche su
    > > Mac...
    >
    > Il tuo amico sopra dice il contrario.

    boh, non so... fatti un giro su qualche sito per software opensource e guarda nell'elenco delle versioni per download, Windows spesso non c'è Mac OSX appare addirittura assieme tra le distribuzioni Linux...

    magari ha ragione lui, magari ci sono due modi diversi... cocoa non so cosa c'entri ma puoi scrivere una app in tanti modi, java, xcode...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > magari ha ragione lui, magari ci sono due modi
    > diversi... cocoa non so cosa c'entri ma puoi
    > scrivere una app in tanti modi, java, xcode...

    Appunto potrebbero farlo. Probabilmente non lo fanno perché poi se uno può avere i loro programmi migliori su un sistema operativo stabile come Linux poi non si compra più il loro hardware.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > cocoa non so cosa c'entri

    Se riesci a compilare per Linux un'applicazione scritta in cocoa (magari con "qualche" chiamata a librerie proprietarie per MacOSX), fatti pure avanti... avrai molto successo...

    ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > nel 95% dei casi molto poco...credo... dato che
    > il 95% di quello che gira su Linux gira anche su
    > Mac...

    perchè a portare da Linux a Mac ci vuole relativamente poco, il problema è portare da Mac a Linux un programma (esempio) Cocoa, che è pieno di chiamate proprietarie Apple.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Ma in effetti a fare un porting per linux cosa ci
    > vorrebbe?

    Più di quanto non ce ne voglia per portare da Linux a MacOSX...

    Eppoi si fa presto a dire Linux... quale distribuzione? con quale kernel? per Gnome? Per KDE? Per vattelapesca? ecc...

    E poi, sei convinto che gli utenti Linux, dall'alto della loro "filosofia" OpenSource, sw free, condividi tutto, no alle multinazionali del sw, ... comprerebbero software di Apple?

    bye
    non+autenticato