I dati della new economy italiana

Sono quelli raccolti dal rapporto IBI, presentato il 27

Roma - Quante sono le aziende su Internet, quali risultati hanno avuto, come li hanno raggiunti, in che modo hanno impostato la loro attività online, qual è la struttura dei siti realizzati, che tipo di strategia di marketing hanno adottato?

A queste e ad altre domande tenta di dare risposta il quinto "IBI- Internet Benchmarking Italia", il Rapporto annuale sui numeri, fatti e tendenze delle attività produttive presenti su Internet.

Dall'analisi di oltre 30.000 siti messi a confronto e dalle risposte dei 6000 imprenditori interpellati sono state evidenziate le "best practices", identificando i fattori di successo, le "sensazioni" sui trend di mercato.
"La delusione per la "New Economy" è forte - spiegano i ricercatori - La crescita del mercato affari si è fermata. La crisi incombe, soprattutto per le PMI che offrono servizi; si tratta di migliaia di Imprese e relativi posti di lavoro a rischio senza un puntuale, efficace e rapido intervento di politica economica. Va evidenziato che si tratta di Aziende e posti di lavoro inerenti i giovani e l'innovazione tecnologica".

L'IBI sarà presentato a Roma mercoledì 27 marzo alle 16.30 presso l'Unione degli Industriali di Roma (via Po 19). Altre informazioni qui.
2 Commenti alla Notizia I dati della new economy italiana
Ordina
  • Bella la new economy ... e solo adesso si tirano le somme ad un anno dal tracollo.
    Ci sono aziende oneste che hanno lavorato cercando di fornire servizi di qualità e che ora sono in difficoltà perchè troppe sono state le aziende capitalizzate a cifre astronomiche e quelle che vendevano progetti per il web a cifre esorbitanti con una qualità finale pressochè nulla. Ora i potenziali clienti sono tutti diffidenti grazie a questi "furboni" e riuscire a vendere qualche cosa inerente il web o il multimedia in genere è difficile.
    Complimenti cari furboni ... per fortuna l'ora del giudizio è arrivata e chissà che le saracinesche abbassate non le rialziate più.
    non+autenticato
  • NIUECONOMI
    ci sarebbe da dire tanto
    sulle speculazioni di alcuni stronzetti
    che si sono *rubati* i soldi degli investitori
    quotando in borsa aziende con 6 mesi di vita
    e nessuna garanzia;
    ben gli stia a chi voleva arricchirsi
    in poco tempo;
    ancora una volta la competenza paga
    e l'incompetenza no.

    Leggete www.gandalf.it

    Pino Silvestre
    non+autenticato