Microsoft accusa la Commissione UE

L'azienda consegna 75 pagine per dimostrare di aver adempiuto a tutte le richieste di documentazione delle autorità antitrust europee. E sottolinea: negato un esame equo delle prove

Bruxelles - C'è risentimento nel comunicato rilasciato ieri da Microsoft in occasione della consegna agli uffici della Commissione Europea di una ulteriore memoria di 75 pagine che a suo dire dimostrano come l'azienda abbia risposto completamente e nel migliore dei modi ("completo e accurato") alle autorità antitrust dell'Unione.

La Commissione - accusa Microsoft - "non ha tenuto conto delle informazioni più rilevanti e ha negato a Microsoft la possibilità di difendersi appieno".

La consegna della documentazione era stata richiesta dalle autorità comunitarie ma Microsoft sperava di poter contare su più tempo per mettere a punto il tutto. Secondo l'azienda, la Commissione "ha atteso molti mesi prima di informare Microsoft che riteneva necessari dei cambiamenti alla documentazione tecnica e poi ha dato a Microsoft solo poche settimane per fare ampie revisioni".
Come noto, nel marzo del 2004 l'Antitrust europeo aveva sentenziato che Microsoft aveva abusato della propria posizione dominante sul mercato del software, e all'azienda era stata assegnata una multa da 497 milioni di dollari corredata dalla richiesta di fornire ai propri competitor tutta la documentazione tecnica necessaria per far girare al meglio su Windows le proprie applicazioni. Dopo le prime richieste di revisioni, nelle scorse settimane Microsoft ha accelerato aprendo ai competitor la possibilità di leggere il codice sorgente dei protocolli necessari, una mossa che la Commissione non giudica sufficiente.

Per dar forza alla propria posizione, Microsoft ha presentato anche le conclusioni di un panel di esperti, presentato come indipendente, che in una nota afferma che le informazioni fornite da Microsoft "sono adeguate agli attuali standard industriali. Riteniamo che abbia fornito informazione completa ed accurata fin dove ciò possa essere fatto, riguardante i protocolli, il contesto e le informazioni relative".

Ma le polemiche sono forti. Secondo Microsoft infatti a fine dicembre, quando la Commissione ha reso noto di non ritenere sufficiente la documentazione dell'azienda, "la Commissione ed i suoi esperti non si sono neanche preoccupati di leggere le versioni più recenti che Microsoft aveva reso disponibili il 15 dicembre". Una eventualità rigettata dalla Commissione, il cui portavoce Jonathan Todd ha dichiarato che se quel materiale era stato reso disponibile, di certo lo era soltanto presso il quartier generale dell'azienda a Redmond e non a Bruxelles. In ogni caso quando poi la nuova versione fu letta, sostiene Todd, i cambiamenti fatti da Microsoft erano insufficienti.

Sebbene Microsoft ora rischi 2 milioni di euro di multa al giorno per mancato adempimento, la sua richiesta di un'audizione blocca ogni sanzione fino a quando sarà decisa, e ci vorrà del tempo. Solo successivamente l'antitrust determinerà la propria decisione che dovrà essere comunque discussa dal Consiglio europeo e dalle altre parti in causa, e ci vorranno probabilmente alcuni mesi.
TAG: microsoft
34 Commenti alla Notizia Microsoft accusa la Commissione UE
Ordina
  • Microsoft ha presentato anche le conclusioni di un panel di esperti, presentato come indipendente

    Si, indipendenti come quelli di get the fact, che sono stati sputtanati a iosa proprio per come si sono arrampicati sui vetri per ottenere i risultati di mamma MS
    non+autenticato
  • ora che ms ha dovuto pubblicare i codici...secondo me riprendera' lo sviluppo di reactos...magari con sede ufficiale in europa....
    non+autenticato
  • Volete capirlo o no?
    ReactOS è una flatulenza sparata nello spazio!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Volete capirlo o no?
    > ReactOS è una flatulenza sparata nello spazio!

    Rosichi, eh ?
    non+autenticato
  • Reactos IMHO è un progetto senza futuro, non ha neanche senso di esistereA bocca storta L'idea di fare un sistema con architettura windows-like.. bbrrr °_° C'è chi dice che non è simile a Windows, che è un sistema diverso che fa _anche _ girare i programmi win32.. ma col fatto che lo vogliono rendere a tutti i costi compatibile con i Windows vecchi, lo trasformeranno in un clone di Windows, che tristezzaA bocca storta
    Neanche Vista ha la piena compatibilità con le applicazioni vecchie, non vedo perchè la debba avere a tutti i costi ReactosCon la lingua fuori
    E' giusto la mia opinione, rispondete senza trollare plizA bocca aperta
    non+autenticato
  • ma....se react os potesse fare partire vecchi applicativi...secondo me potrebbe esere utile in tutte quele condizioni in cui servirebbe un pc nuovo ma che sfrutti software o magari periferiche vecchie...non sempre ' possibile, ma e' una opzione da considerare con tcpa e periferiche firmate....anche se a dire il vero linux + wine e' gia' a buon livelo

    diverso secondo me e' il discorso per sistemi che secondo me hanno pohissimo futuo verdi pegasos, reactos non e' tra quelli

  • - Scritto da: IL RE DEI TROLL
    > ma....se react os potesse fare partire vecchi
    > applicativi...secondo me potrebbe esere utile in
    > tutte quele condizioni in cui servirebbe un pc
    > nuovo ma che sfrutti software o magari
    > periferiche vecchie...non sempre ' possibile, ma
    > e' una opzione da considerare con tcpa e
    > periferiche firmate....anche se a dire il vero
    > linux + wine e' gia' a buon livelo
    >
    > diverso secondo me e' il discorso per sistemi che
    > secondo me hanno pohissimo futuo verdi pegasos,
    > reactos non e' tra quelli

    Di per sè, il fine di ReactOS è quello di proporre un alternativa FOSS, a Windows, in modo che l'utente non sia costretto a rimanere con OS obsoleti e a rischio di sicurezza. Inoltre, ci sia un ritorno alla compatibilità con i vecchi software, senza dover smadonnare e pagare (vedi Cedega), per poter usare una cosa già pagata a suo tempo. I motivi per passare a ROS sono molti, rispetto a Vista (e il TCPA è solo uno di questi).
    Il gruppo ROS italiano, nel forum del sito principale, sta proponendo delle innovazioni alquanto interessanti, riguardo la sicurezza e le future funzionalità. I discorsi presenti nei thread sono più che interessanti, per tutti gli interessati. Ahimè, putroppo, manca la mano d'opera, in quanto, oggi giorno, si preferisce scrivere 2 righe di codice, su Linux, per poi vantarsi d'aver contribuito.
    Per il resto, passare di botto a linux non ha alcun senso. Son due OS completamente differenti, con logiche differenti e non è costringendo l'utente a diventare un pseudo-informatico, che gli si cambia la mentalità o che altro. Semplicemente, un computer, in certi ambienti, deve proporre un interfaccia che semplifichi il lavoro di chi lo usa e non che lo complichi, semplicemente perchè qualche informatico deve gasarsi di saper di più e deve additare chi ne sà di meno. Con questo, però, non significa che bisogni adottare una logica completamente come Windows.
    non+autenticato
  • di cedega c'e' il cvs, e il nocdcheck non e' questo gran problema...
    non+autenticato
  • Ma quando la tolgono la pubblicità di quella scema con i guantoni viola?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma quando la tolgono la pubblicità di quella
    > scema con i guantoni viola?

    Quale pubblicita' ? Firefox+adblockSorride ...
    11237

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma quando la tolgono la pubblicità di quella
    > scema con i guantoni viola?
    Ma quando tolgono la pubblicità di quello scemo di Scimma Danzante.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma quando la tolgono la pubblicità di quella
    > scema con i guantoni viola?

    Ridateci il Bibolotti!!! Arrabbiato .
    non+autenticato
  • tante chiacchere mai soldi dove vanno ?
    se si devono proteggere i consumatori dovrebbero finire alle associazioni per una maggiore cultura informatica o alle scuole.
    Non certo nelle casse della UE.
    ciauz
    non+autenticato
  • ..non è la stessa Microsoft che dice che una povera azienda non può che sottostare alle leggi un paese ed adeguarvisi? Squallidissimo!

    Angioletto = minimicrosoft al congresso USA
    Indiavolato = nanomicrosoft alla commissione UE
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)