Italia, PDF valido per la firma digitale

Firmato l'accordo che consacra il formato Adobe: gli utenti di firma digitale potranno utilizzarlo per sottoscrivere i documenti redatti. Rimane valido il formato P7M che richiede però software diversi e specifici

Roma - Mai decollata veramente, la firma digitale italiana potrebbe conoscere una nuova diffusione grazie ad un'intesa firmata ieri dal braccio informatico del Governo, il CNIPA con Adobe Systems, un accordo che inserisce il PDF tra i formati utilizzabili per sottoscrivere documenti con la firma digitale.

Questo significa, hanno spiegato gli esperti del CNIPA, che non sarà più necessario utilizzare programmi diversi e specifici per la sottoscrizione dei documenti e che si apre immediatamente una nuova possibilità per quei 2,5 milioni di utenti italiani che oggi fanno uso di firma digitale. La firma viene utilizzata perlopiù per la trasmissione di documenti ufficiali alla pubblica amministrazione, ma con il nuovo accordo potrebbe conoscere una più ampia applicazione.

Sul piano normativo, il protocollo d'intesa nasce dal riconoscimento che il formato Adobe PDF possiede i requisiti richiesti dall'articolo 12, comma 9, della Deliberazione CNIPA 4/2005, in particolare per quanto concerne la disponibilità pubblica e gratuita sia delle specifiche del formato che di un prodotto di verifica, Adobe Reader, il diffuso visualizzatore di file Adobe PDF.
Il riconoscimento del formato Adobe PDF è stato accolto con favore anche da AssoCertificatori, l'Associazione che raggruppa le principali società iscritte dal CNIPA nell'Elenco pubblico dei Certificatori accreditati, cioè i soggetti in possesso dei maggiori requisiti di qualità e sicurezza previsti dalla normativa di settore.

Secondo Livio Zoffoli, presidente del CNIPA, "l'accettazione del formato PDF (...) rientra nelle strategie del CNIPA (...) volte a dare un ulteriore impulso significativo alla diffusione della firma digitale nel nostro Paese, non solo perché questo è uno dei dieci principali obiettivi del Piano per l'e-Government varato dall'attuale legislatura, ma anche e soprattutto per stimolare, mediante l'innovazione tecnologica, una effettiva semplificazione degli adempimenti che cittadini ed imprese affrontano nei rapporti con la Pubblica amministrazione, centrale e locale".

Va detto che fino ad oggi gli utenti hanno dovuto fare ricorso al formato P7M, che richiede strumenti software specifici, formato che naturalmente rimarrà legalmente valido. Ieri è stato sottolineato come i due formati "garantiranno un totale livello di interoperabilità delle firme digitali rilasciate in Italia".

Com'è ovvio, l'intesa è stata accolta con favore da AssoCertificatori, associazione che raccoglie i Certificatori iscritti nell'Elenco pubblico del CNIPA, ovvero i soggetti accreditati al rilascio delle firme digitali.
TAG: italia
40 Commenti alla Notizia Italia, PDF valido per la firma digitale
Ordina

  • Niente piu' software specifici!?!?
    E Adobe Acorobat che cavolo e' allora!?

    Per firmare un PDF servirà una versione di Acrobat, programma che produce solamente adobe (a pagamento ovviamente)!

    Firmare un P7M e' un'operazione moooooolto piu' semplcie che applicare una firma ad un PDF!

    In questo modo CNIPA da un vantaggio tecnologico enorme ad adobe, scegliendo il suo formato di firma proprietario!!!

    Ed in tutto questo faccio notare che Adobe non e' manco un'azinda italiana!


  • - Scritto da: midori
    >
    > Niente piu' software specifici!?!?
    > E Adobe Acorobat che cavolo e' allora!?

    Pare sia il secondo programma piu' diffuso tra gli utenti web......


    > Firmare un P7M e' un'operazione moooooolto piu'
    > semplcie che applicare una firma ad un PDF!

    Si puo' continuare a fare


    > In questo modo CNIPA da un vantaggio tecnologico
    > enorme ad adobe, scegliendo il suo formato di
    > firma proprietario!!!

    Quoto

    >
    > Ed in tutto questo faccio notare che Adobe non e'
    > manco un'azinda italiana!

    Riquoto
    non+autenticato

  • - Scritto da: midori
    >
    > Niente piu' software specifici!?!?
    > E Adobe Acorobat che cavolo e' allora!?
    >
    > Per firmare un PDF servirà una versione di
    > Acrobat, programma che produce solamente adobe (a
    > pagamento ovviamente)!

    Su Windows, forse.
    Su Mac si creano PDF da qualsiasi applicazione supporti la stampa e forse per questo che Adobe Acrobat per OSX non lo scarica nessuno.
    I PDF li legge perfino QuickTime.....A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Su Windows, forse.
    > Su Mac si creano PDF da qualsiasi applicazione
    > supporti la stampa e forse per questo che Adobe
    > Acrobat per OSX non lo scarica nessuno.
    > I PDF li legge perfino QuickTime.....A bocca aperta

    Penso che tu firmerai un PDF su MAC tra un annetto o due, a meno che non ti compri Acrobat Professional (ammesso che esista per Mac)
    Ed ammesso che esita una cosa del genere per Mac, allora al 99% esisteva per Windows gia' da almeno un annoCon la lingua fuori
    L'unico primato che conosco di MacOS e' l'implementazione del DRM.... sai che felicita'!

    Cmq il PDF e' uno standard de facto, esistono altri software non adobe per crearli e leggerli.
    Ma l'estensione per la firma digitale e' una novità, non esiste ancora niente di alternativo, che io sappia.

    In ogni caso, pure se l'accordo con CNIPA e' stato firmato, non c'e' traccia di coumentazione sul formato, e per questo Adobe, un'azienda americana, ha un enorme vantaggio!
  • > L'unico primato che conosco di MacOS e'
    > l'implementazione del DRM.... sai che felicita'!

    Stai volutamente esagerando, sì?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > L'unico primato che conosco di MacOS e'
    > > l'implementazione del DRM.... sai che felicita'!
    >
    > Stai volutamente esagerando, sì?
    OvvioCon la lingua fuori

  • > Penso che tu firmerai un PDF su MAC tra un
    > annetto o due, a meno che non ti compri Acrobat
    > Professional (ammesso che esista per Mac)
    > Ed ammesso che esita una cosa del genere per Mac,
    > allora al 99% esisteva per Windows gia' da almeno
    > un annoCon la lingua fuori

    Acrobat Pro è più utilizzato da chi usa un Mac (dato che è nato per la stampa professionale e poi adattato alle esigenze Web)

    > L'unico primato che conosco di MacOS e'
    > l'implementazione del DRM.... sai che felicita'!

    falso, mentre è vero che l'unico prima di Windows è l'implemetazione perfetta con Virus, spyware e dialer

    > Cmq il PDF e' uno standard de facto, esistono
    > altri software non adobe per crearli e leggerli.

    il PDF è alla base di Quart il motore grafico 2D di OSX, tutta la GUI 2D di OSX è gestita come un PDF pensa te che livello di integrazione...

    > Ma l'estensione per la firma digitale e' una
    > novità, non esiste ancora niente di alternativo,
    > che io sappia.

    l'articolo non dice mica che ADOBE è l'unica che può gestire le firme digitali, parla di PDF.

    Probabilmente la prossima versione di OSX Leopard avrà la possibilità di firmare PDF a livello di sistema
    non+autenticato
  • A ben leggere il tutto si basa sulla deliberazione Cnipa numero 4, e in particolare sull'articolo 12.
    Ne riporto il contenuto:
    ----------------------------
    Il CNIPA può sottoscrivere specifici protocolli d?intesa al fine di rendere disponibili ulteriori formati di firma. Detti protocolli d?intesa devono contenere l?impegno del sottoscrittore ad assicurare:
    a) la disponibilità delle specifiche necessarie per lo sviluppo di prodotti di verifica o di generazione e eventuali librerie software necessarie per lo sviluppo di prodotti di verifica di firme digitali conformi al formato oggetto del protocollo d?intesa;
    b) l?assenza di qualunque onere finanziario a carico di chi sviluppa, distribuisce o utilizza i prodotti menzionati al comma precedente;
    c) la disponibilità di ogni modifica inerente a quanto indicato alla lettera a) con un anticipo di almeno 90 giorni rispetto alla data del rilascio di nuove versioni del prodotto che implementa il formato di busta crittografica oggetto del protocollo d?intesa;
    d) la disponibilità, a titolo gratuito per uso personale, di un prodotto per verificare firme digitali del formato oggetto del protocollo d?intesa e visualizzare il documento informatico oggetto della sottoscrizione;
    e) la capacità di utilizzare le informazioni contenute nell?elenco pubblico dei certificatori di cui all?articolo 41 delle regole tecniche e nelle liste di revoca di cui all?articolo 29 del citato provvedimento nel prodotto di verifica di cui al comma precedente.
    ---------------------------------
    Quindi, affermare che il pdf "con la firma" è proprietario non mi sembra corretto, anzi leggo che chiunque potrà sviluppare codice per gestirlo senza pagare nulla ad Adobe (lerre a e b).

    Circa un ipotetico obbligo per le pubbliche amministrazioni di dotarsi di n prodotti di verifica.... leggiamo il comma 11 :

    ----------------------------
    Le pubbliche amministrazioni possono accettare documenti informatici sottoscritti con i formati di firma di cui ai commi 8 e 9 e, nel caso ritengano opportuno accettare uno o più di detti formati, dovranno farne apposita menzione nei procedimenti amministrativi cui si applicano e comunicarlo al CNIPA. Le pubbliche amministrazioni garantiscono la gestione del formato di cui al comma 1.
    -------------------------
    Come vedete non sono obbligate. Per loro è un'opportunità e basta. Si ribadisce l'obbligo di accettare le firme del comma 1 (il caro p7m).

    Circa la firma XML, arriverà, sono certo che arriverà sulla base delle previsioni del comma 8......

    Per chi volesse prendere la versione integrale della deliberazione Cnipa, è sul sito
    http://www.cnipa.gov.it/site/it-IT/Attivit%c3%a0/C...[...]" /





    non+autenticato
  • > Per chi volesse prendere la versione integrale
    > della deliberazione Cnipa, è sul sito
    > http://www.cnipa.gov.it/site/it-IT/Attivit%c3%a0/C

    A parte che il link e' incompleto, sul sito cnipa non c'e' traccia di documentazione riguardante i PDF!!



  • E' in home page:
    www.cnipa.it.
    oppure
    www.cnipa.gov.it/site/it-IT/Notizie/accordo_adobe_cnipa.html
    è il link diretto.....

    circa il link incompleto, riprovo:

    http://www.cnipa.gov.it/site/it-IT/Attivit%c3%a0/C.../


    non+autenticato
  • Invece di utilizzare il formato pdf per pagine scansionate, usate djvu, crea file di dimensioni davvero piccolissime senza perderci in qualità.
    non+autenticato
  • Sono stufi di questi pdf

    non sono affatto portable. Per la Adobe portable significa solo che rilascia (si fa per dire (*)) i vari programmi per diversi sitemi operativi

    (*) si fa per dire, visto che per linux si e' dovotu aspettare anni per avere la nuova versione ed ora si ha solo un macinio mastodontico difficilmente utilizzabile.

    Se si vuole parlare di criptazione o di firma digitale allara qualsiasi file, una volta stabilito l'algoritmo puo' essere firmato digitalemnte. Perche' allora inserire un altro strato (quello pdf)?

    Se poi si vuole sostenere che scegliendo il pdf tutti possono essere in grado di leggerli e modificarli, allora questa semplicemente non e' vero. (e nessuno ci puo' garantire su come si evolverera' il formato in seguito, ne' che la Adobe continuera' a rilasciare lettori e programmi per scrivere)

    Poi una cosa che non mi piace affatto dei pdf che questo formato facilita tantissimo chi era abituato a fare rapporti e fascicoli lunghissimi, con tanto di prima copertina, controcopertina, pagine introduttive con foto, ecc. Cose che gia' servono a ben poco nei fascicoli cartacei che abbondano negli uffici delle nostre burocratiche amministrazioni, ma che diventano del tutto inutili in un formato elettronico (la copertina serve in un libro perche' cosi' se la prima pagina si rovina per lo strofinio basta cambiare la copertina, senza aver perso nulla del contenuto).

    Peggio ancora quando il file in formato pdf altro non e' che la scansione del fascicolo cartaceo.

    Il vero passo in avanti si fara' quando i dati verranno trasmessi in un formato comodo non per essere stampati ed ottenere il fascicolo vecchio tipo, bensi' in un formato comodo da essere utilizzato in forma elettronica (e con questo intendo non solo di essere visto sullo schermo senza essere stampato, bensi' anche che i dati possano essere ottenuti, senza che sia necessario leggere il documento come se si trattasse di un opuscolo cartaceo).

  • - Scritto da: AnyFile

    > Il vero passo in avanti si fara' quando i dati
    > verranno trasmessi in un formato comodo non per
    > essere stampati ed ottenere il fascicolo vecchio
    > tipo, bensi' in un formato comodo da essere
    > utilizzato in forma elettronica

    Sottoscrivo in pieno e uppo il tuo pensiero.
    Ciao
    corrado


  • - Scritto da: corrado1972
    >
    > - Scritto da: AnyFile
    >
    > > Il vero passo in avanti si fara' quando i dati
    > > verranno trasmessi in un formato comodo non per
    > > essere stampati ed ottenere il fascicolo vecchio
    > > tipo, bensi' in un formato comodo da essere
    > > utilizzato in forma elettronica
    >
    > Sottoscrivo in pieno e uppo il tuo pensiero.
    > Ciao
    > corrado
    >

    concordo anch'io visto infatti spedendo una lettera in TEIOcchiolino

  • - Scritto da: corrado1972
    >
    > - Scritto da: AnyFile
    >
    > > Il vero passo in avanti si fara' quando i dati
    > > verranno trasmessi in un formato comodo non per
    > > essere stampati ed ottenere il fascicolo vecchio
    > > tipo, bensi' in un formato comodo da essere
    > > utilizzato in forma elettronica
    >
    > Sottoscrivo in pieno e uppo il tuo pensiero.
    > Ciao
    > corrado
    >


    il vero formato eletronico ci sarà SOLO quando usciranno monitor che non stancano gli occhi, sembrando uguali alla controparte cartacea.
    Oppure quando uscirà un supporto in grado di sostituire degnamente la carta stampata
    non+autenticato
  • - Scritto da: AnyFile
    > Sono stufi di questi pdf
    > non sono affatto portable. Per la Adobe portable
    > significa solo che rilascia (si fa per dire (*))
    > i vari programmi per diversi sitemi operativi
    > (*) si fa per dire, visto che per linux si e'
    > dovotu aspettare anni per avere la nuova versione
    > ed ora si ha solo un macinio mastodontico
    > difficilmente utilizzabile.

    Si si... e poi sono costretto ad usare Xpdf (costreto si fa per dire visto che, nonostante sia un po' troppo spartano, funziona meglio ed e' piu' leggero), dato che di certi documenti mi stampa solo laprima pagina o solo tutte le pagine dopo la prima... (vai a capire perche'...), per non parlare dei documenti con form compilabili: per quelli devo usare per forza acrobat win32 sotto wine perche' senno', anche l' ultima versione x linux, non stampa assolutamente nulla. BELLO SCHIFO

    > Se si vuole parlare di criptazione o di firma
    > digitale allara qualsiasi file, una volta
    > stabilito l'algoritmo puo' essere firmato
    > digitalemnte. Perche' allora inserire un altro
    > strato (quello pdf)?
    > Se poi si vuole sostenere che scegliendo il pdf
    > tutti possono essere in grado di leggerli e
    > modificarli, allora questa semplicemente non e'
    > vero. (e nessuno ci puo' garantire su come si
    > evolverera' il formato in seguito, ne' che la
    > Adobe continuera' a rilasciare lettori e
    > programmi per scrivere)
    > Poi una cosa che non mi piace affatto dei pdf che
    > questo formato facilita tantissimo chi era
    > abituato a fare rapporti e fascicoli lunghissimi,
    > con tanto di prima copertina, controcopertina,
    > pagine introduttive con foto, ecc. Cose che gia'
    > servono a ben poco nei fascicoli cartacei che
    > abbondano negli uffici delle nostre burocratiche
    > amministrazioni, ma che diventano del tutto
    > inutili in un formato elettronico (la copertina
    > serve in un libro perche' cosi' se la prima
    > pagina si rovina per lo strofinio basta cambiare
    > la copertina, senza aver perso nulla del
    > contenuto).
    > Peggio ancora quando il file in formato pdf altro
    > non e' che la scansione del fascicolo cartaceo.

    Senza contare che inserire un a scansione in un PDF e' di un' inutilita' mostruosa... basta inviare direttamente il Jpeg o il Tiff anche multipagina, tanto ormai tutti i visualizzatori piu' diffusi li leggono correttamente (per Linux l' unico che ho trovato e' XNview).

    > Il vero passo in avanti si fara' quando i dati
    > verranno trasmessi in un formato comodo non per
    > essere stampati ed ottenere il fascicolo vecchio
    > tipo, bensi' in un formato comodo da essere
    > utilizzato in forma elettronica (e con questo
    > intendo non solo di essere visto sullo schermo
    > senza essere stampato, bensi' anche che i dati
    > possano essere ottenuti, senza che sia necessario
    > leggere il documento come se si trattasse di un
    > opuscolo cartaceo).

    Non e' che il PDF sia sbagliato in se dipende dall' uso che se ne fa', io lo uso quando da OO o Koffice devo salvare documenti di testo formattati in formati indipendenti dalla piattaforma e non ho mai avuto problemi, nessuno si e' mai lamentato di non poterli leggere correttamente, magari sarebbe meglio un formato vettoriale aperto ma e' un altra questione.
  • > - Scritto da: AnyFile
    > > Sono stufi di questi pdf
    > > non sono affatto portable. Per la Adobe portable
    > > significa solo che rilascia (si fa per dire (*))
    > > i vari programmi per diversi sitemi operativi
    > > (*) si fa per dire, visto che per linux si e'
    > > dovotu aspettare anni per avere la nuova
    > versione
    > > ed ora si ha solo un macinio mastodontico
    > > difficilmente utilizzabile.

    Vedo che non sono l'unico a non gradire sta porcheria!

    > Si si... e poi sono costretto ad usare Xpdf
    > (costreto si fa per dire visto che, nonostante
    > sia un po' troppo spartano, funziona meglio ed
    > e' piu' leggero), dato che di certi documenti mi
    > stampa solo laprima pagina o solo tutte le pagine
    > dopo la prima... (vai a capire perche'...)

    P.S. è distribuito con i sorgenti... se qualcosa non ti va bene rimboccati le manicheA bocca aperta

    > Senza contare che inserire un a scansione in un
    > PDF e' di un' inutilita' mostruosa... basta
    > inviare direttamente il Jpeg o il Tiff anche
    > multipagina, tanto ormai tutti i visualizzatori
    > piu' diffusi li leggono correttamente (per Linux
    > l' unico che ho trovato e' XNview).

    Si, magari il jpeg della scansione di una stampa di emailA bocca aperta come capita nella mia dittaTriste

    > Non e' che il PDF sia sbagliato in se dipende
    > dall' uso che se ne fa', io lo uso quando da OO o
    > Koffice devo salvare documenti di testo
    > formattati in formati indipendenti dalla
    > piattaforma e non ho mai avuto problemi, nessuno
    > si e' mai lamentato di non poterli leggere
    > correttamente, magari sarebbe meglio un formato
    > vettoriale aperto ma e' un altra questione.
    rtf ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > Si si... e poi sono costretto ad usare Xpdf
    > > (costreto si fa per dire visto che, nonostante
    > > sia un po' troppo spartano, funziona meglio ed
    > > e' piu' leggero), dato che di certi documenti
    > mi
    > > stampa solo laprima pagina o solo tutte le
    > pagine
    > > dopo la prima... (vai a capire perche'...)
    >
    > P.S. è distribuito con i sorgenti... se qualcosa
    > non ti va bene rimboccati le manicheA bocca aperta

    XPdf stampa benissimo , e' l' originale acrobat che stampa male

    > > Senza contare che inserire un a scansione in un
    > > PDF e' di un' inutilita' mostruosa... basta
    > > inviare direttamente il Jpeg o il Tiff anche
    > > multipagina, tanto ormai tutti i visualizzatori
    > > piu' diffusi li leggono correttamente (per Linux
    > > l' unico che ho trovato e' XNview).

    > Si, magari il jpeg della scansione di una stampa
    > di emailA bocca aperta come capita nella mia dittaTriste

    Il fatto e' che molti appena vedono uno chermo con tastiera e mopuse pretendono di saper fare tutto senza nemmeno un corsettino di base e si arrabbiano se quando gli si spiega qualcosa non capiscono.

    > > Non e' che il PDF sia sbagliato in se dipende
    > > dall' uso che se ne fa', io lo uso quando da OO
    > o
    > > Koffice devo salvare documenti di testo
    > > formattati in formati indipendenti dalla
    > > piattaforma e non ho mai avuto problemi, nessuno
    > > si e' mai lamentato di non poterli leggere
    > > correttamente, magari sarebbe meglio un formato
    > > vettoriale aperto ma e' un altra questione.
    > rtf ?

    RTF soffre dei problemi di qualsiasi alltro doc (word, OD ecc.) formattato: anche a parita' di piattaforma e di programma usato se mancano certi font o se cambiano certe impostazioni del programma usato, la visualizzazione puo' non corrispondere dando anche risultati molto diversi; immaginiamo cosa puo' succedere cambiando anche programma e piattafoma... il PDF come altri formati vettoriali, avendo sempre la stessa visualizzazione ovunque e potendo includere (ma non necessariamente) tutti i font nel documento stesso, ovvia egregiamente a questi problemi. Solo che il PDF non e' OPen.
    SVG invece lo e'.


    ==================================
    Modificato dall'autore il 18/02/2006 0.23.52

  • -> Si si... e poi sono costretto ad usare X

    prova firefox

    almeno non ci mette 5 minuti prima di aprirlo
    non+autenticato
  • meglio un pdf che un doc...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)