Seminari/ Sviluppatori web e Accessibilità

A Genova

Roma - Si terrà a Genova il prossimo 6 aprile, dalle 20 in poi, l'incontro Lo sviluppatore web esperto in accessibilità organizzato nell'ambito della VIII Settimana della Cultura presso la Culture Factory della Fondazione ENI Enrico Mattei (Piazza della Vittoria 7/2).

Ad intervenire sul tema sarà Marco Bertoni, consulente per il CNIPA (Centro Nazionale per L'Informatica nella Pubblica Amministrazione), esponente di IWA/HWG e membro dei gruppi di lavoro CSS e WCAG del W3C.

"In una società globalizzata ed interconnessa come quella in cui viviamo - si legge in una nota - la certificazione della professionalità rappresenta una variabile sempre più importante. L'accessibilità dei contenuti del Web è una sfida che gli aspiranti sviluppatori Web devono raccogliere e vincere, non solo a causa del mercato in crescita e della recente normativa italiana, ma anche per l'etica e la responsabilità sociale implicite nell'idea stessa di accessibilità.
A partire dal significato del termine disabilità e da una breve analisi della Legge 4/2004, il relatore parlerà della propria esperienza professionale e sarà a disposizone per rispondere alle domande dei partecipanti..."
L'incontro, ad ingresso gratuito su prenotazione telefonica (dal lu al gi dalle 14:00 alle 20:00 allo 0105774357, il ve allo 0105774356), è patrocinato da Comune di Genova, Provincia di Genova e Regione Liguria. L'incontro è pensato e riservato ai soli studenti universitari, laureandi e neolaureati..

Altre info qui
TAG: italia
4 Commenti alla Notizia Seminari/ Sviluppatori web e Accessibilità
Ordina
  • legiferiamo su ciò che non conosciamo e nn sappiamo valutare, rendendo pure le cose più difficili per quelli ke lo sanno fare ma nn hanno e non vogliono fogli di carta (straccia)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > legiferiamo su ciò che non conosciamo e nn
    > sappiamo valutare, rendendo pure le cose più
    > difficili per quelli ke lo sanno fare ma nn hanno
    > e non vogliono fogli di carta (straccia)

    Scusa?
    sai che la Legge sull'accessibilità dei siti internet, nella sua parziale completezza, è imporantissima per i diritti dei disabili nella società moderna?

    non credo sia solo una questione professionale.. quella si può sempre correggere

    la morale no
  • > non credo sia solo una questione professionale..
    > quella si può sempre correggere
    >
    > la morale no

    Infatti la 4/2004 è la dimostrazione che, partendo da una questione "morale" e "politically correct" saltano fuori leggi sballate che ingessano l'innovazione della pubblica amministrazione e la caricano di costi, infatti con questa legge:

    - Non puoi usare ajax
    - Limiti moltissime funzioni lato utente in quanto devi renderle più macchinose, la legge è stata pensata per sitarelli da due paine e non per applicativi web complessi
    - I costi di sviluppo web sono quantomeno raddoppiati (non fosse altro che chi vende deve tutelarsi dalla nullità del contratto)

    In questo momento metà delle attività web della PA sono bloccate in attesa che il decreto venga rivisto alla luce delle WCAG 2, a fine 2006, sempre che poi venga rivisto.

    Un approccio tipo section 508 faceva schifo vero? troppo semplice e poco burocratizzato? A noi imprese italiane dovete sempre rendere le cose difficili con tasse, burocrazia e leggi incomprensibili.

    Grazie per metterci i bastoni tra le ruote in ogni occasione, è la via più facile per non renderci competitivi nel mondo.

    Cla!
    cla
    397

  • - Scritto da: cla
    > > non credo sia solo una questione professionale..
    > > quella si può sempre correggere
    > >
    > > la morale no
    >
    > Infatti la 4/2004 è la dimostrazione che,
    > partendo da una questione "morale" e "politically
    > correct" saltano fuori leggi sballate che
    > ingessano l'innovazione della pubblica
    > amministrazione e la caricano di costi, infatti
    > con questa legge:
    >
    > - Non puoi usare ajax
    > - Limiti moltissime funzioni lato utente in
    > quanto devi renderle più macchinose, la legge è
    > stata pensata per sitarelli da due paine e non
    > per applicativi web complessi
    > - I costi di sviluppo web sono quantomeno
    > raddoppiati (non fosse altro che chi vende deve
    > tutelarsi dalla nullità del contratto)
    >
    > In questo momento metà delle attività web della
    > PA sono bloccate in attesa che il decreto venga
    > rivisto alla luce delle WCAG 2, a fine 2006,
    > sempre che poi venga rivisto.
    >
    > Un approccio tipo section 508 faceva schifo vero?
    > troppo semplice e poco burocratizzato? A noi
    > imprese italiane dovete sempre rendere le cose
    > difficili con tasse, burocrazia e leggi
    > incomprensibili.
    >
    > Grazie per metterci i bastoni tra le ruote in
    > ogni occasione, è la via più facile per non
    > renderci competitivi nel mondo.
    >
    > Cla!

    Sono d'accordo con te che la legge non è perfetta, ho seguito anche dei seminari e delle conferenze in proposito.
    Però quello che voglio dire è di non sminuire l'importanza a livello etico di questa proposta..

    non ho detto che è perfettaA bocca storta

    ciao