Dude.it/ Chi ha paura di Usenet?

di Luca & Mafe. Lungi da noi enfatizzare ipotesi di complotto e simili, ma ci piaceva dare una risposta alla domanda con cui ci siamo lasciati la settimana scorsa

Web - La domanda di Dude.it - Ok, il fatto è che sempre più fornitori di accesso "veloce" a Internet dimenticano di garantire il server di news. Ma perché? Il sospetto è che questo meccanismo, più che a una naturale evoluzione dei comportamenti in rete, risponda a una vera e propria strategia. I luoghi non moderati sono scomodi, e per una serie di ragioni ben precise:

1. Usenet non rende commercialmente. I newsgroup rappresentano un costo di gestione (veramente minimo, a dire la verità) che non può essere ripagato da inserzioni pubblicitarie.

2. Usenet non ha le luci e i colori. Nell'ottica distorta e semplicistica dei colossi della comunicazione, qualsiasi ambiente in cui non siano possibili animazioni, effetti sonori e grafica trendy è "primitivo".
3. Usenet è pericolosa. La libertà di espressione è ancora vista come una minaccia. Un ambiente di libera comunicazione non censurato rappresenta un impedimento al controllo del cittadino.

4. Usenet è gratis e aperta a tutti, in lettura e in scrittura. Chiunque, seguendo una procedura democratica, può aprire uno spazio di discussione, a costo zero.

Vogliamo fare una scommessa? Entro dieci anni - forse molto prima - l'anonimità in rete sarà considerata un reato. Questo non corrisponde alle "necessità operative delle forze dell'ordine per contrastare la criminalità via Internet", come probabilmente vi verranno a dire. Il terrorista telematico, se esiste, è un terrorista scemo e i veri pedofili non hanno alcun bisogno della Rete, visto che la stragrande maggioranza delle violenze su minori avvengono in famiglia.

E ' un processo lento e quasi inavvertibile, iniziato da un po ' di tempo: un giorno scopriremo che non abbiamo più accesso a nessun luogo pubblico non moderato. E il bello sarà che ce la passeranno come una scelta inevitabile dovuta al necessario abbandono di tecnologie obsolete, o come un provvedimento preso per garantire la sicurezza del cittadino, simile allo straordinario specchietto per le allodole noto anche come "legge sulla privacy". Ma la minaccia al cittadino non viene dai pedofili o dai terroristi o dal ricevere pubblicità per posta, e qui non si tratta solo di un paio di nostalgici che hanno paura di perdere il loro giocattolo: la questione è ben più ampia, ed è una questione di controllo e impedimento della libera circolazione delle informazioni, delle opinioni, delle relazioni.

Dude, giornale per caso
TAG: italia
19 Commenti alla Notizia Dude.it/ Chi ha paura di Usenet?
Ordina
  • Ciao a tutti....purtroppo ho parecchia difficoltà a capire di cosa state parlando e come diventare partecipe di questi newsgroup(usenet/freenet ecc.).Vi chiedo scusa per la mia ignoranza!!!C'è qualche sito che possa darmi delucidazioni in merito???grazie ivan
    non+autenticato
  • > C'è qualche
    > sito che possa darmi delucidazioni in
    > merito???grazie ivan

    Ciao Ivan.
    Prova a dare un'occhiata a
    http://beatles.cselt.it/news-it/FAQ.html

    E' una FAQ (Frequently Asked Questions) che ti darà molte indicazioni utili su cosa sono i newsgroup e come accedervi.

    Luca
    www.dude.it
    non+autenticato
  • GRAZIE!!!!!

    - Scritto da: Luca Vanzella
    > > C'è qualche
    > > sito che possa darmi delucidazioni in
    > > merito???grazie ivan
    >
    > Ciao Ivan.
    > Prova a dare un'occhiata a
    > http://beatles.cselt.it/news-it/FAQ.html
    >
    > E' una FAQ (Frequently Asked Questions) che
    > ti darà molte indicazioni utili su cosa sono
    > i newsgroup e come accedervi.
    >
    > Luca
    > www.dude.it
    non+autenticato
  • "Entro dieci anni - forse molto prima - l'anonimità in rete sarà considerata un reato."

    Ho i brividi.

    non+autenticato
  • "Vogliamo fare una scommessa? Entro dieci anni - forse molto prima - l'anonimità in rete sarà considerata un reato. "

    Assolutamente d'accordo. Oppure ci faranno credere di averla ma non sara' cosi'...

    Fabio D.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Fabio D.
    > "Vogliamo fare una scommessa? Entro dieci
    > anni - forse molto prima - l'anonimità in
    > rete sarà considerata un reato. "
    >
    > Assolutamente d'accordo. Oppure ci faranno
    > credere di averla ma non sara' cosi'...
    >
    Beh, anche adesso nessuno è veramente anonimo in rete:
    ti connetti usando uno username e una password da un certo numero di telefono e ti viene assegnato un indirizzo IP (e le compagnie telefoniche e i provider tengono un registro delle chiamate e delle connessioni, per legge, chiunque è rintracciabile in rete, almeno teoricamente...), o no?
    ciao.
    TeOSorride
    non+autenticato
  • Ma non c'è sempre freenet all'orizzonte?
    ho imparato a sperarci in queste pagine.
    Per ora non ho trovato nessuno che mi prenda per manina e mi ci porti... ma sto aspettando.
    Non sono un veterano della rete, non sono una supercybergirl... non sono un anziano programmatore politicamente scorretto.

    Sono una persona e mi sto interessando ... trovo che fino ad oggi quanto vedo e sento mi dica che la libertà si muove in quella direzione...

    Qualcuno vuole indicarmi con chiarezza e semplicità la via?
    non+autenticato


  • > Qualcuno vuole indicarmi con chiarezza e
    > semplicità la via?


    freenet.sourceforge.net
    non+autenticato
  • Un po di tempo fa avevo bisogno di risolvere un piccolo problema col VC++ e dopo aver chiesto un po in giro mi sono rivolto ad un newsgroup
    Grandiosi,mi hanno risposto quasi subito ed ho risolto il problema
    1 punto in +
    In seguito spinto dalla curiosita mi sono messo a spulciare qualche canale a caso e sono capitato su uno che aveva messaggi che pubblicizzavano siti pedofili
    1 punto in -
    = pareggio
    ovvero non pensate solo alle cose positive ma fate una valutazione + ampia delle cose
    non+autenticato
  • - Scritto da: Davide
    > In seguito spinto dalla curiosita mi sono
    > messo a spulciare qualche canale

    "canale"?

    > a caso e
    > sono capitato su uno che aveva messaggi che
    > pubblicizzavano siti pedofili
    > 1 punto in -
    > = pareggio

    Cioe', la liberta' di espressione ha dei risvolti negativi? Proprio un bel concetto...
    A me pare che, se bisogna trovare qualcosa di negativo nel tuo esempio, non sia la pubblicita' del "sito pedofilo", quanto piuttosto il fatto che il "sito pedofilo" esista. Cosa che Usenet non c'entra un bel niente.
    E permettimi di virgolettare, perche' mi sono capitate spesso in mano cose del genere, ed erano tutte bufale di normalissimi siti xxx che volevano farsi pubblicita'.
    non+autenticato
  • > E permettimi di virgolettare, perche' mi
    > sono capitate spesso in mano cose del
    > genere, ed erano tutte bufale di
    > normalissimi siti xxx che volevano farsi
    > pubblicita'.

    facendoti scaricare un bel filettino .exe che ti reimposta la connessione e ti fa telefonare in cile...Sorride
    basta un editor esadecimale per vederloOcchiolino
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)