USA, sensori e robot a guardia dei confini

Washington lancia la Border Initiative Net: il governo americano è pronto ad offrire contratti miliardari alle aziende che realizzeranno un sistema automatizzato per il controllo dei confini

Washington (USA) - Come fare per riprendere il controllo dei confini, continuamente attraversati da milioni di clandestini, trafficanti di droga e mercanti di umani? La soluzione ha l'eccezionale valore di due miliardi di dollari e si chiama Border Initiative Net, presentato dall'amministrazione americana come un rivoluzionario sistema informatico ad altissima tecnologia per salvaguardare l'integrità dei confini nazionali.

L'iniziativa, nata su decisione del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale fondato dall'amministrazione Bush dopo gli attacchi dell'11 settembre 2001, mira alla creazione di una rete di sensori e telecamere lungo tutto il perimetro del territorio statunitense.

I sensori, capaci di captare il calore corporeo di qualsiasi essere vivente, saranno collegati ad una infrastruttura in grado di dare l'allarme al pronto intervento delle guardie di confine. Il progetto principale, come si apprende dalle fonti ufficiali e da un articolo apparso sul Washington Post, prevede addirittura l'impiego di automezzi robotizzati, capaci di "battere" intere zone e sorvegliare lunghi tratti di confine. Tali automezzi potrebbero essere accompagnati da aerei senza pilota in grado di fotografare le zone più "calde".
Il sistema sarà destinato principalmente alla punta meridionale degli Stati Uniti, trafficata da più di un milione di clandestini all'anno, prevalentemente provenienti dal Messico e da altre zone del Sud America. Immigrati illegali che, nonostante l'impegno di 9.500 agenti delle forze dell'ordine, riescono a farsi beffa dei sistemi di controllo tradizionale.

"Chi può dire se tra tutte quelle persone si nasconde un terrorista, uno che intende venire nel nostro paese per farci del male?" si domanda Kevin Stevens, responsabile del programma. "La sfida che ci troviamo ad affrontare è proprio questa", incalza. L'amministrazione federale di Washington ha già aperto il bando di gara per l'assegnazione dei contratti.

L'offerta ha interessato 400 aziende del settore: i favoriti sono il colosso dell'elettronica bellica, General Dynamics, nonché i pesi massimi dell'industria degli armamenti, Lockheed e Northrop. I fondi finora stanziati dal governo statunitense sono considerevoli: "Il costo finale dell'iniziativa", sostiene Bruce Walker di Northrop, "potrebbe arrivare facilmente attorno ai due miliardi e mezzo di dollari".

Tommaso Lombardi
TAG: robotica
20 Commenti alla Notizia USA, sensori e robot a guardia dei confini
Ordina
  • Nel 2001 poterono uscire indisturbati dal territorio USA a bordo di aerei di linea.

    Chi può dire se tra di loro ci fosse un terrorista?
    non+autenticato
  • Faccio il tifo per i messicani che invadono gli USA. Vogliamo un America cattolica e un presidente latino!

    ==================================
    Modificato dall'autore il 28/02/2006 12.44.30
    non+autenticato

  • - Scritto da: segaiolo
    > Faccio il tifo per i messicani che invadono gli
    > USA. Vogliamo un America cattolica e un
    > presidente latino!
    >
    > ==================================
    > Modificato dall'autore il 28/02/2006 12.44.30
    gli vuoi proprio male all'america
    non+autenticato
  • > Faccio il tifo per i messicani che invadono gli
    > USA. Vogliamo un America cattolica e un
    > presidente latino!

    Magari pure donna, il presidente, così fanno incazzare il papa (il quale poi sarà costretto a dire "ecco la prova che il cattolicesimo non discrimina le donne")
    non+autenticato
  • Per chi ha visto The Matrix, basta un semplice apparecchio IEM (impulso elettromagnetico) per annienta re apparechci elettronici nel raggio di chilometri.....
    hehehehe
    non+autenticato
  • La mia fisica spicciola ricorda che il campo elettromagnetico e' inversamente proporzionale al quadrato della distanza - per ottenere un effetto EMP significativo credo che dovresti usare qualcosa di estremamente potente e sofisticato; non sono sicuro che potresti realizzare un'arma del genere in casa.

    Credo sia piu' facile "cuocere" le elettroniche con un fascio di microonde; altresi abbastanza facile schermarle, etc.

    I poveri messicani faranno da cavia per le armi dei conflitti dei prossimi venti anni.
    non+autenticato
  • "Chi può dire se tra tutte quelle persone si nasconde un terrorista, uno che intende venire nel nostro paese per farci del male?" si domanda Kevin Stevens, responsabile del programma.

    Ancora con sta storia del terrorismo? A stare a sentire l'attuale amministrazione americana sembra che tutti i giorni ci sia la fila di terroristi fuori dai confini usa che aspettano di entrare per farsi saltare per aria.

    Eppure, nonostante nello stesso articolo si faccia notare come attualmente migliaia di persone bypassino i controlli con il confine messicano ed immigrino clandestinamente negli stati uniti, non mi pare che che ci sia stato un SINGOLO EPISODIO di terrorismo attribuibile a questi clandestini.

    Per l'ennesima volta , la scusa del terrorismo viene utilizzata come scusante per qualunque genere di iniziativa, anche quando non ce ne sarebbe bisogno.
    Purtroppo il vero terrorista non e' il pazzo che si fa saltare per aria , ma quello che "velatamente" minaccia i propri cittadini dicendo loro che ci sono torme di kamikaze e estremisti vari pronti a colpire e coltiva la paura fra la gente perche' gli permettano di agire in modo completamente illiberale, quando in una condizione di normalita' certe iniziative non avrebbero nemmeno modo di essere avviate.

    Detto questo, se volgiono mettere sistemi automatizzati per la sorveglianza dei confini, non vedo che ci sia di male, ma capisco perche' utlizzare queste scusa una volta tanto che l'iniziativa e' perfettamente legittima , come nel caso della sorveglianza dei propri confini nazionali!!
    non+autenticato
  • Si sensori e robot a guardia dei confini : ma che robot ci mettono ? Robocop ? A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Si sensori e robot a guardia dei confini : ma che
    > robot ci mettono ? Robocop ? A bocca aperta

    No. ci mettono il T-1000 che ti fa a fettine!!!A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)