Xerox celebra il suo fondatore

Ha inventato il processo da cui l'azienda ha preso il nome, oggi alla base di una quantità enorme di dispositivi elettronici utilizzati in case e uffici. Ecco come la società ricorda Chester Carlson, nato 100 anni fa

Roma - Riceviamo e volentieri pubblichiamo la nota con cui Xerox ha deciso di celebrare il 100esimo anniversario della nascita di Chester Carlson, a cui è attribuita l'invenzione della xerografia

Cento candeline per l'inventore della xerografia
Ricorre in questi giorni il centesimo anniversario della nascita di Chester Carlson, l'inventore della xerografia, il processo con cui oggi viene prodotta la maggior parte dei documenti, dagli estratti conto al direct mailing, fino a memorandum e ricevute. La xerografia, infatti, è il fondamento tecnologico di copiatrici, stampanti laser e stampanti digitali di produzione: nel 2004 circolavano nel mondo circa 4 milioni di miliardi di pagine stampate da apparecchiature rese possibili da questa invenzione.

Dopo esser riuscito a conseguire un diploma in fisica, nonostante i forti debiti, Carlson trovò lavoro come assistente di uno studio legale specializzato in brevetti: un'attività circondata dalla carta nella quale Carlson poté ben presto rendersi conto della necessità di un metodo semplice e comodo per produrre copie.
L'inventore della xerografiaIniziò quindi a sperimentare cariche elettrostatiche e materiali fotoconduttivi le cui proprietà elettriche si modificavano se esposte alla luce. Il 22 ottobre 1938, all'età di 32 anni, Carlson aveva finalmente creato la sua prima immagine xerografica - un processo il cui nome deriva dalle parole greche "secco" e "scrittura".

Servirono altri due decenni e l'investimento di una piccola ditta di New York chiamata The Haloid Company - divenuta Xerox Corporation nel 1961 - prima che le persone potessero sfruttare il processo di Carlson per ottenere copie in bianco e nero su carta comune in maniera semplice e rapida. Il prodotto che rese possibile questa rivoluzione, la fotocopiatrice automatica a carta comune Xerox 914, venne salutato dalla rivista Fortune come "il prodotto di maggior successo mai venduto sul mercato americano".

"Oltre a essere un inventore, Chester Carlson era anche una persona impegnata ad aiutare gli altri. Nella sua vita ha elargito più di 100 milioni di dollari a varie organizzazioni di beneficenza", ha ricordato sua figlia, Catherine Carlson.

Quella che si dice un'eredità di tutto rispetto. Buon centesimo compleanno, Chester.

Xerox Europe
TAG: ricerca
19 Commenti alla Notizia Xerox celebra il suo fondatore
Ordina
  • A tutti i trolloni che sostengono che il mouse la GUI le icone e tutto il resto sia stato inventato da Xerox o dalla Apple dico di studiare prima di parlare....

    Douglas Engelbart è il Padre (con la P maiuscola) dei computer moderni e l'inventore (fra le altre cose) del mouse, della GUI , dell'ipertesto, del multitasking e di molte molte molte molte altre cose.

    Scuasate l'OT ma mi sembrava doveroso...
    --
    CGA

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > A tutti i trolloni che sostengono che il mouse la
    > GUI le icone e tutto il resto sia stato inventato
    > da Xerox o dalla Apple dico di studiare prima di
    > parlare....
    >
    > Douglas Engelbart è il Padre (con la P maiuscola)
    > dei computer moderni e l'inventore (fra le altre
    > cose) del mouse, della GUI , dell'ipertesto, del
    > multitasking e di molte molte molte molte altre
    > cose.
    >
    > Scuasate l'OT ma mi sembrava doveroso...
    > --
    > CGA
    >

    Si, ma è da vedere Engelbart da chi ha copiato ;-D
  • Mi sembra doveroso ricordare che Xerox ha anche inventato le GUI moderne che usiamo oggi. Oltre alla Ethernet mi pare.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Mi sembra doveroso ricordare che Xerox ha anche
    > inventato le GUI moderne che usiamo oggi. Oltre
    > alla Ethernet mi pare.

    La GUI degli Xerox Alto è ben lontana da quelle moderne.
    I concetti di desktop, cestino e compagnia bella li ha introdotti Apple, da qui non si scappa.

    Rimane il fatto che, si, quei computer avevano una primitiva interfaccia grafica e soprattutto avevano un mouse (però, per ovvietà di cose, non integrato nel contesto 'desktop').
    I vertici di Xerox li ritenevano dei computer inutili e non dissero no ad Apple quando questi bussarono alla porta per dare un'occhiata e prendere ispirazione Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Mi sembra doveroso ricordare che Xerox ha anche
    > > inventato le GUI moderne che usiamo oggi. Oltre
    > > alla Ethernet mi pare.

    > La GUI degli Xerox Alto è ben lontana da quelle
    > moderne.

    Per forza, nessuna finestra trasparente, ma guarda che strumenti:
    http://arstechnica.com/articles/paedia/gui.ars/3

    Qui c'e' un software di grafica dello Xerox Alto
    http://www.windoweb.it/edpstory_new/eh1970.htm

    > Rimane il fatto che, si, quei computer avevano
    > una primitiva interfaccia grafica

    Non tanto primitiva, guarda lo Xerox Star 8010 del 1981.

    http://www.cedmagic.com/history/xerox-star-8010.ht...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Mi sembra doveroso ricordare che Xerox ha
    > anche
    > > > inventato le GUI moderne che usiamo oggi.
    > Oltre
    > > > alla Ethernet mi pare.
    >
    > > La GUI degli Xerox Alto è ben lontana da quelle
    > > moderne.
    >
    > Per forza, nessuna finestra trasparente, ma
    > guarda che strumenti:
    > http://arstechnica.com/articles/paedia/gui.ars/3
    >
    > Qui c'e' un software di grafica dello Xerox Alto
    > http://www.windoweb.it/edpstory_new/eh1970.htm
    >
    > > Rimane il fatto che, si, quei computer avevano
    > > una primitiva interfaccia grafica
    >
    > Non tanto primitiva, guarda lo Xerox Star 8010
    > del 1981.
    >
    > http://www.cedmagic.com/history/xerox-star-8010.ht
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > >
    > > > - Scritto da: Anonimo
    > > > > Mi sembra doveroso ricordare che Xerox ha
    > > anche
    > > > > inventato le GUI moderne che usiamo oggi.
    > > Oltre
    > > > > alla Ethernet mi pare.
    > >
    > > > La GUI degli Xerox Alto è ben lontana da
    > quelle
    > > > moderne.
    > >
    > > Per forza, nessuna finestra trasparente, ma
    > > guarda che strumenti:
    > > http://arstechnica.com/articles/paedia/gui.ars/3

    Lascia perdere le finestre trasparenti, la gui Xerox era più o meno quello che sarebbe stata anni dopo la shell grafica di MSDOS.

    Per avere:
    -menu a tendina
    -drag&drop
    -cestino
    -finestre sovrapponibili (in ALTO c'era UNA sola finestra, in pratica NON era "a finestre")
    -ICONE di documenti e applicazioni (NON c'erano neanche queste su ALTO)
    -doppio click
    -desktop
    -oserei dire "eccetera"...

    ci è voluta Apple.
    Che a Bill piaccia o meno, con tutti i soldi che ha può fare pressioni sul futuro ma ancora non può permettersi di cambiare la storia passata.
    Solo i troll di P.I. possono......
    Triste
    non+autenticato
  • Tutti i concetti di base delle GUI moderne le trovi in Smalltalk. Anche i menu popup contestuali (invenzione insieme alle finestre sovrapponibili proprio del PARC di Xerox).

    Ti consiglio di guardare la storia dello Smalltalk e poi ne riparliamo.


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Tutti i concetti di base delle GUI moderne le
    > trovi in Smalltalk. Anche i menu popup
    > contestuali (invenzione insieme alle finestre
    > sovrapponibili proprio del PARC di Xerox).


    :|DelusoDelusoDeluso
    ?????
    PARC è la sede "storica" dei laboratori Xerox, non un computer, né tantomeno un s.o.
    Cosa hai messo in mezzo poi? Menu popup, menu contestuali, finestre sovrapponibili...NESSUNA DI QUESTE IDEE era presente nello Xerox ALTO.
    NESSUNA

    P.I. è diventato la discarica di tutti i troll del pianeta?
    :|


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Mi sembra doveroso ricordare che Xerox ha anche
    > > inventato le GUI moderne che usiamo oggi. Oltre
    > > alla Ethernet mi pare.
    >
    > La GUI degli Xerox Alto è ben lontana da quelle
    > moderne.
    > I concetti di desktop, cestino e compagnia bella
    > li ha introdotti Apple, da qui non si scappa.

    Soprattutto ha introdotto i troll e i macachi.

    > Rimane il fatto che, si, quei computer avevano
    > una primitiva interfaccia grafica e soprattutto
    > avevano un mouse (però, per ovvietà di cose, non
    > integrato nel contesto 'desktop').
    > I vertici di Xerox li ritenevano dei computer
    > inutili e non dissero no ad Apple quando questi
    > bussarono alla porta per dare un'occhiata e
    > prendere ispirazione Occhiolino

    Si, copiare pari pari....
    non+autenticato

  • > > La GUI degli Xerox Alto è ben lontana da quelle
    > > moderne.
    > > I concetti di desktop, cestino e compagnia bella
    > > li ha introdotti Apple, da qui non si scappa.
    >
    > Soprattutto ha introdotto i troll e i macachi.

    Quoto. Sembra proprio di avere a che fare con un troll macaco. La Apple ci ha messo del suo, ma dire che la prima interfaccia grafica sia arrivata dai mac è una balla colossale.

    "Individual windows in Smalltalk were contained by a graphical border, and stood out against the grey pattern of the background below them. They each had a title bar on the top line of each window which could be used to identify the window and move it around the screen. Similar to BeOS, the title bar did not stretch the full length of the window, but started at the top left and only extended as far as the title itself. Windows could overlap other windows on the screen, and a selected window would move itself to the top of the "stack." The concept of "icons" was also invented at this time ? small iconic representations of programs or documents that could be clicked on to run them or manipulate them. Popup menus were also invented at the same time ? the user would click one of the mouse buttons and hierarchical, graphical menus based on the task at hand would appear at the last position of the mouse cursor. Also appearing for the first time were scroll bars, radio buttons and dialog boxes."

    http://arstechnica.com/articles/paedia/gui.ars/3
    non+autenticato

  • vedi il film "i pirati dell'informatica, la vera storia della microsoft"
    bella la scena della capa dei laboratori che si vede depredare delle idee da Jobs che si porta via tutto

    > I vertici di Xerox li ritenevano dei computer
    > inutili e non dissero no ad Apple quando questi
    > bussarono alla porta per dare un'occhiata e
    > prendere ispirazione Occhiolino
  • > vedi il film "i pirati dell'informatica, la vera
    > storia della microsoft"
    il titolo corretto del film è "I pirati della silicon valley"
    e c'è la storia di apple e microsoft
    non+autenticato