Microsoft si oppone all'antitrust sudcoreano

Muro contro muro tra l'azienda di Redmond, multata per abuso di posizione dominante, e l'autorità di vigilanza antitrust sudcoreana. Microsoft ricorrerà in appello entro 30 giorni

Seoul - La pesantissima sanzione che la commissione antitrust di Seoul ha inflitto a Microsoft Korea continua a far discutere. La divisione locale del gigante di Redmond non intende soddisfare le richieste del Garante sudcoreano, che ha condannato l'azienda per abuso di posizione dominante.

"E' nostra intenzione ricorrere in appello entro i prossimi trenta giorni", hanno dichiarato i portavoce dell'azienda di Bill Gates, "vogliamo bloccare il procedimento in corso contro la nostra società". Microsoft non ha rilasciato ulteriori dettagli: l'unico dato certo è che la scadenza finale per il pagamento dell'ammenda, pari ad un totale di 25 milioni di euro, è stabilita per il prossimo 24 agosto.

La multinazionale del software, che secondo le autorità sudcoreane tiene in mano una quota attorno al 90% del mercato locale, è stata inoltre costretta a vendere il proprio sistema operativo Windows XP in versione ridotta, senza player multimediale e servizio di messaggistica istantanea. Una situazione per certi versi simile a quella europea, anche se Microsoft Korea la definisce "ancora più pesante e cupa".
"Continuiamo a credere che la versione integrale e completa di Windows XP sia perfettamente in linea con le leggi sudcoreane", incalzano i rappresentanti dell'azienda, "e che i componenti multimediali ed interattivi rimossi siano sempre stati un beneficio per milioni di consumatori". Microsoft Korea sta infatti tentando di fare pressione sulla sfera pubblica, alla ricerca di sostegno da parte degli utenti e delle imprese.

"Quella dell'antitrust è una decisione tutta a scapito dell'industria locale, degli utenti e dell'innovazione tecnologica", incalzano i rappresentanti di Microsoft Korea. In un intervento sulla stampa locale, un portavoce di Microsoft ha specificato che l'attuale situazione "causa grossi svantaggi a tutti, specialmente al grado d'innovazione tecnologica del paese".

Stando all'analisi offerta da Telecoms Korea, questo significa che "Microsoft potrebbe minacciare di ritardare l'uscita sudcoreana di Windows Vista, causando grossi problemi a tutta l'industria hardware e software correlata". In particolare, "le aziende locali che producono memorie ed altri componenti potrebbero perdere di conseguenza la congiuntura favorevole legata all'arrivo di Vista".

Negli ultimi tempi, il governo sudcoreano ha dimostrato un grado sempre maggiore di ostilità nei confronti del big di Redmond. In previsione di un distacco totale, Seoul ha iniziato ad investire cospicue somme di denaro nello sviluppo di alternative open source, specialmente per il mercato degli utenti desktop.

Tommaso Lombardi
TAG: corea
27 Commenti alla Notizia Microsoft si oppone all'antitrust sudcoreano
Ordina
  • Media Player, Outlook Java ecc. ecc. ma intanto sta cosa di vendere i pc con windows preinstallato non cessa, anzi in molti paesi viene pigramente imposto.
    In Italia, se un utente compra un nuovo pc non esiste un negozio o un grande magazzino d'informatica che considera di venderlo proponendo un'alternativa al SO di microsofot, installando gratuitamente sistemi open source, ma ti sbatte subito sul naso che comprando il pc immediatamente si ottierraà anche l'istallazione di Works e di altre belinate "gratuite".
    Tutti, ripeto TUTTI i rivenditori installano windows, e fra poco quella specie di svista mozzata sarà pure integrata con un ulteriore pagamento, per cui è palese che qualcosa nel sistema antitrust di molti paesi non funziona! Ma anche un cretino se ne dovrebbe accorgere!Deluso

    Fa bene, quindi, la Corea a multare. Se poi questo fa nascere i ricatti da parte del colosso verso i coreani amanti di windows, ma chi se frega, vorrà dire che molti utenti con gli occhi a mandora scopriranno che esiste l'alternativa.

    Per quanto riguarda noi e molti altri paesi windowsdipedenti, chi pensa che deve essere l'utente a fare la sua scelta, rispondo che è giusto ma anche che a caval donato quasi sempre non si guarda in bocca...

    Mah, speriamo che la corea riesca a dare al mondo un esempio di giusta giustizia antitrust
  • Credo che la catena essedì installi linux su richiesta. Non vogli fare pubblicità, quindi chi ha altre segnalazioni si faccia avanti.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Credo che la catena essedì installi linux su
    > richiesta. Non vogli fare pubblicità, quindi chi
    > ha altre segnalazioni si faccia avanti.

    Non importa cosa ti installa essedì, conosco anche altri che lo fanno. Ma poi sul portatile non avrai il lettore di SD che funziona e altre cosette di cui nessuno ti garantisce il funzionamento al 100%.
    Se invece fosser HP, DELL ecc... a darteli con Linux o anche con un altro OS andrebbe tutto di sicuro.
    non+autenticato
  • Finchè l'utente è UTONTO,,,,,,,
    non ci sarà speranza.

  • - Scritto da: lorenzaccio
    > Finchè l'utente è UTONTO,,,,,,,
    > non ci sarà speranza.


    ma non dire le solite belinates , l'utente che compra un pc nuovo non deve per forza essere uno pseudoinformatico con la psiche skizzata da trollista in avanzato stato di decomposizione.
    L'utente normale che tu chiami utonto può anche essere, anzi spesso lo è, il ragazzino di prima media che si avvicina al pc regalato dal un parente che non conosce le potenzialità effettive di un pc, ma si è solo fidato del rivenditore!
  • Apple?
    non+autenticato
  • è inutile protestare: l'estremo oriente, il futuro scientifico e tecnologico del pianeta, ha scelto

    figuriamoci se i miliarducci di tipi con gli occhi a mandorla che quando il buco dove vive b.gates è stato scoperto avevano 5000 anni di storia si fanno controllare da quell'ominicchio

    non esiste proprio
    non+autenticato
  • Perché non fare uscire una distribuzione per comunisti? Magari in Corea del Nord qualche straccio di utente riuscite a procurarvelo voi linari ... A bocca aperta    :D    :D
    non+autenticato

  • - Scritto da: segaiolo
    > Perché non fare uscire una distribuzione per
    > comunisti? Magari in Corea del Nord qualche
    > straccio di utente riuscite a procurarvelo voi
    > linari ... A bocca aperta   A bocca aperta   A bocca aperta
    Troll chiacchierone

    Parlare conoscendo ciò di cui si parla fa così schifo?
    Prova a leggere qualche testo di quel comunistaccio di Adam Smith.

  • - Scritto da: segaiolo
    > Perché non fare uscire una distribuzione per
    > comunisti? Magari in Corea del Nord qualche
    > straccio di utente riuscite a procurarvelo voi
    > linari ... A bocca aperta   A bocca aperta   A bocca aperta

    In verità, in verità ti dico:
    Bill Gates è servo del male, pentiti e sarai risparmiato.
  • Bisogna obbligare i produttori di PC a non poter preinstallare software microsoft su una quota di computer maggiore del 50%. Così si ricreano degli equilibri e non c'è bisogno più di tutte queste cause.
    non+autenticato
  • 50% di pc venduti in meno
    allegria.
    Ma dai alla gente quello che vuole

    - Scritto da: Anonimo
    > Bisogna obbligare i produttori di PC a non poter
    > preinstallare software microsoft su una quota di
    > computer maggiore del 50%. Così si ricreano degli
    > equilibri e non c'è bisogno più di tutte queste
    > cause.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > 50% di pc venduti in meno
    > allegria.
    > Ma dai alla gente quello che vuole

    Ma va', la concorrenza non ha mai fatto male. Se un altro 50% avrà la possibilità di preinstallare il proprio sistema operativo la microsoft si ridurrà e altre compagnie si amplieranno e si ridurranno anche tutti quei monopoli collaterali derivati da quello principale che vanno dai videogiochi, al microsoft office, al windows media player ecc...ecc...



    non+autenticato

  • >
    > Ma va', la concorrenza non ha mai fatto male. Se
    > un altro 50% avrà la possibilità di preinstallare
    > il proprio sistema operativo la microsoft si
    > ridurrà e altre compagnie si amplieranno e si
    > ridurranno anche tutti quei monopoli collaterali
    > derivati da quello principale che vanno dai
    > videogiochi, al microsoft office, al windows
    > media player ecc...ecc...
    >

    Ok, ma perchè li devi obbligare?
    Se c'è veramente una grande domanda di pc senza win preinstallato, dovrebbero fioccare le società che propongono questi pc!

  • - Scritto da: matcion

    > Se c'è veramente una grande domanda di pc senza
    > win preinstallato, dovrebbero fioccare le società
    > che propongono questi pc!

    Una societa' o vende solo PC con Win preinstallato o non vende nessun PC con Win preinstallato. Una via di mezzo e' difficile.
    11237

  • - Scritto da: Giambo
    >
    > - Scritto da: matcion
    >
    > > Se c'è veramente una grande domanda di pc senza
    > > win preinstallato, dovrebbero fioccare le
    > società
    > > che propongono questi pc!
    >
    > Una societa' o vende solo PC con Win
    > preinstallato o non vende nessun PC con Win
    > preinstallato. Una via di mezzo e' difficile.

    IBM, almeno coi server, lo fa.
    E anche i grandi produttori di pc, come dell o acer, se volessero potrebbero farlo: neanche ms potrebbe permettersi di perdere le loro vendite!

  • - Scritto da: matcion

    > IBM, almeno coi server, lo fa.

    IBM e' grande, grandissima, piu' grande di Microsoft.
    Del resto anche Dell sui suoi servers offre Linux.
    Sui desktops pero' non c'e' santo che tenga: Windows e basta.

    > E anche i grandi produttori di pc, come dell o
    > acer, se volessero potrebbero farlo: neanche ms
    > potrebbe permettersi di perdere le loro vendite!

    No, pero' potrebbe decidere che il produttore in questione non e' piu' un "premium customer" e quindi far lievitare i prezzi della licenza OEM di -diciamo- un buon 10%.
    E' successo, tutto documentato nel famoso "Finding of Facts" (Punto 118).
    11237

  • > No, pero' potrebbe decidere che il produttore in
    > questione non e' piu' un "premium customer" e
    > quindi far lievitare i prezzi della licenza OEM
    > di -diciamo- un buon 10%.
    > E' successo, tutto documentato nel famoso
    > "Finding of Facts" (Punto 118).

    il 10% non è tanto.
    Sul sito Dell trovo pc a 4-500 euro. Non so quanto sia la quota di windows, ma se anche un pc che oggi vendo a 500 euro sono costretto a venderlo a 550, non credo che cambi molto il target di mercato.
    E potrebbe assorbire parte della differenza scaricandola sui pc linux-based nei quali dovrebbe spendere meno di licenza.
    Se non lo fanno si vede che non vedono ancora una domanda sufficiente.

  • - Scritto da: matcion

    > > No, pero' potrebbe decidere che il produttore in
    > > questione non e' piu' un "premium customer" e
    > > quindi far lievitare i prezzi della licenza OEM
    > > di -diciamo- un buon 10%.
    > > E' successo, tutto documentato nel famoso
    > > "Finding of Facts" (Punto 118).
    >
    > il 10% non è tanto.

    In un mercato dove i margini sono rosicatissimi, un 10% puo' fare la differenza tra la vita e la morte.

    > Se non lo fanno si vede che non vedono ancora una
    > domanda sufficiente.

    Oppure, e pare piu' probabile, i venditori sono "ostaggi" di Microsoft (L'ha gia' fatto in passatto). Vedremo come andra' a finire il (nuovo) processo intentato contro Microsoft ...
    11237

  • - Scritto da: Anonimo
    > 50% di pc venduti in meno
    > allegria.
    > Ma dai alla gente quello che vuole
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Bisogna obbligare i produttori di PC a non poter
    > > preinstallare software microsoft su una quota di
    > > computer maggiore del 50%. Così si ricreano
    > degli
    > > equilibri e non c'è bisogno più di tutte queste
    > > cause.

    Bisognerebbe smantellare microsoft.
    Farle rispettare quelle leggi che esistono anche negli USA, ma che, grazie al delinquente che occupa la Casa Bianca, si può permettere di violare.
    Altro che 90% del mercato, riducendo la presenza di quella spazzatura dai pc di tutto il mondo, vedremmo finalmente sparire anche un bel po' di troll da questo forum.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > 50% di pc venduti in meno
    > allegria.
    > Ma dai alla gente quello che vuole


    e' una espressione vaga: sembra che se uno
    vuole l'amianto puo usarlo, che se vuole fumare
    fuma dove gli pare, se si droga e' un problema
    suo, se costruisce una centrale nucleare la cosa
    non riguarda altri, e se beve oltremisura non ci
    sono problemi, come quando guida oltre i limiti
    o chiede cocaina


    il problema e' di natura economica, il danno
    che viene causato e' di natura, e certo se chiedi
    ad un bimbo per strada ti dice che vuole xp con
    media player e instant message m$

    Peccato che esista l'antitrust che controlla che
    poi questo non crei casini all'economia di una
    nazione intera. Che cosa buffa e'? chissa chi
    sono questi cretini dell'antitrust e perche' non
    si fanno i cazzi loro.
    non+autenticato
  • Questa cosa mi ha sempre lasciato perplesso visto che la Corea è un paese assolutamente integrato nel ciclo produttivo del pc e degli accessori. In altri termini dalle vendite Windows ne trae beneficio. Chissà cosa c'è sotto.

    Diverso mi sembra il caso europeo dove una lobby (per lo più formata da aziende USA) cerca di utilizzare le regole dell'Unione per far fuori un concorrente scomodo.

    Mah?! Cosa c'entrano i consumatori Dio solo lo sa!

    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > Questa cosa mi ha sempre lasciato perplesso visto
    > che la Corea è un paese assolutamente integrato
    > nel ciclo produttivo del pc e degli accessori. In
    > altri termini dalle vendite Windows ne trae
    > beneficio. Chissà cosa c'è sotto.

    C'e' sotto che ai coreani stanno enormemente sulle palle gli USA mille volte piu' che al piu' sinistroso antiamericano italiano.
    non+autenticato

  • >
    > C'e' sotto che ai coreani stanno enormemente
    > sulle palle gli USA mille volte piu' che al piu'
    > sinistroso antiamericano italiano.

    Beh, a parte questo, che cmq è vero...

    In Corea, non come in Italia, esisto azienda che fanno player e programmi IM.
    Detto questo, forse ha senso la sanzione del garante coreano.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Questa cosa mi ha sempre lasciato perplesso visto
    > che la Corea è un paese assolutamente integrato
    > nel ciclo produttivo del pc e degli accessori. In
    > altri termini dalle vendite Windows ne trae
    > beneficio. Chissà cosa c'è sotto.
    >
    > Diverso mi sembra il caso europeo dove una lobby
    > (per lo più formata da aziende USA) cerca di
    > utilizzare le regole dell'Unione per far fuori un
    > concorrente scomodo.
    >
    > Mah?! Cosa c'entrano i consumatori Dio solo lo sa!
    >

    Io lo so ma non lo dico!
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)