Laptop e PDA al bando negli aerei

Lo auspicano gli scienziati della Carnegie Mellon University. Gli studi confermano che le emissioni elettromagnetiche di cellulari, PDA ed altri dispositivi impattano sulla strumentazione di bordo

Pittsburgh (USA) - Il momento della partenza, così come quello dell'atterraggio, non è solo un brivido sulla schiena per molti passeggeri degli aerei di linea: è un momento delicatissimo per la strumentazione di bordo, che notoriamente impone il divieto di utilizzare telefoni cellulari ed altri dispositivi elettronici. Ma c'è di più: i ricercatori della Carnegie Mellon University, tra gli atenei più prestigiosi degli Stati Uniti, hanno scoperto che le emissioni elettromagnetiche di laptop, PDA e console portatili sono rischiose in qualsiasi momento del volo.

Dopo un'attenta analisi condotta con l'ausilio di spettrometri sistemati all'interno dei bagagli a mano, gli scienziati del dipartimento aerospaziale della Carnegie Mellon sono giunti ad una conclusione che già fa discutere: "Il livello delle emissioni sugli aerei di linea", sostiene Granger Morgan, responsabile della ricerca, "è abbastanza alto da causare malfunzionamenti al sistema di navigazione".

Morgan, dopo aver monitorato con cautela tre diversi voli, ha dichiarato che "le attività dei passeggeri che causano interferenze elettromagnetiche vanno messe al bando" e non soltanto durante l'avvicinamento o l'allontanamento dalla pista. "Non c'è mai stato un incidente correlato alle interferenze di questo tipo", ammette comunque Morgan. Tuttavia, lo scienziato consiglia estrema cautela sia ai passeggeri, sia alle compagnie aeree.
Un invito in netta controtendenza rispetto agli orientamenti del mercato. Sono ormai molti gli esperimenti condotti da produttori come Boeing, appoggiati parzialmente dall'autorità per l'aviazione civile americana, che vorrebbero dimostrare l'immunità degli aerei alle radiazioni elettromagnetiche. La tentazione di ammettere l'uso tout court dei dispositivi elettronici sta coinvolgendo persino la Germania, ma se ne parla in mezzo mondo.

Per il momento esistono norme internazionali molto ferree riguardo l'utilizzazione di apparecchi elettronici durante il volo. In casi estremi sono previste addirittura multe e provvedimenti amministrativi. L'uso dei cellulari a bordo rimane il motivo principale per le arrabbiature degli assistenti di volo, che devono seguire l'ordine perentorio di richiedere lo spegnimento di qualsiasi terminale telefonico che non sia satellitare, compresi i molti GSM ed UMTS dotati di modalità aereo, speciale funzione che sconnette l'apparecchio dalla rete di riferimento e lascia inalterato l'accesso ai videogiochi e alle altre utilità del dispositivo.

Tommaso Lombardi
TAG: ricerca
40 Commenti alla Notizia Laptop e PDA al bando negli aerei
Ordina
  • Ma quanti cacchio di aerei sono caduti finora per colpa delle emissioni di cellulari, pda e laptop?

    Ve lo dico io: nessuno.

    Eppure di gente che telefona in viaggio, usa il laptop o il pda ce n'è e ce n'è stata parecchia.

    La pericolosità dei GSM e compagnia bella è una grandissima balla.



  • Non sarebbe male poter giocare a Max Payne in volo...
    Vabbè che il mio powerbook non dovrebbe funzionare oltre i 3000 metri...
  • Roma, solo rai uno, dalla postazione di via cadlolo/hilton, esce con 50 Kw di potenza.
    Sommate tutte le altre emittenti e poi riflettete se un aereo puo' cadere per un GSM.
    Cadrebbero aerei come niente se fossero sensibili alle RF.
    Basta pensare a cosa c'e' su alcuni monti, tipo l'amiata dove passano tutte le dorsali di radio e tv.
    Oppure valcava a milano, monte cavo a roma......

    Piuttosto siamo sicuri che non ci si friggano le p@lle se il vicino sta tutto il giorno su internet con il suo apparecchietto wireless che irradia notoriamente OVUNQUE e non solo in casa sua???
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Piuttosto siamo sicuri che non ci si friggano le
    > p@lle se il vicino sta tutto il giorno su
    > internet con il suo apparecchietto wireless che
    > irradia notoriamente OVUNQUE e non solo in casa
    > sua???

    Salve ...
    sono il tuo vicino ....
    500 mw di WiFi non fanno un tazzo a un metro ...

    piuttosto spegni il tu cellulare ...
    e soprattutto il tuo fottuto baracchino modificato da 50 W
    che entra sparato nel mio HiFi ...

    Sentire le stronzate che dici ai caminionisti ...
    mi fa ridere una volta ...
    ma poi mi rompe le palle !!!
    non+autenticato
  • E che noia.... non basterebbe mettere una gabbia di farad intorno alla parte nella quale ci sono i passeggeri?

    Comunque sono del parere che siano preoccupazioni inutili... una volta non si potevana usare i lettori di CD perchè i dischi, girando, avrebbero potuto creare interferenze... idem per le macchine fotografiche (che notoriamente emettono molte frequenze radio) e le videocamere....

    Comunque uno dei motivi per cui devono essere vietati i cell sull'aereo è che alle 4 di notte sto dormendo e a quello accanto a me suona il cellulare, io lo uccido. A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E che noia.... non basterebbe mettere una gabbia
    > di farad intorno alla parte nella quale ci sono i
    > passeggeri?

    La gabbia di Farad, non scherma le cariche elettrostatiche?
    non+autenticato
  • di per se con la sua struttura metallica (leghe d'alluminio) e' gia' una gabbia di FARADAY( sicuramente non ideale ma lo e'), il vero problema e' che in questo caso i campi elettromagnetici non sono da interferenza esterna e quindi a potenziale 0 all'interno ma sono appunto generati al suo interno e rimangono "ingabbiati".

    da wikipedia:
    Se la superficie è approssimabile ad un conduttore ideale, su di essa si determina una superficie equipotenziale, ovvero una superficie in cui il potenziale elettrico è identico in ogni punto. Ne consegue che, in conseguenza del teorema di Gauss e della divergenza, NON ESSENDO PRESENTI CARICHE ALL'INTERNO, il campo elettrostatico interno alla gabbia deve essere nullo.

    SnOwMaN
    non+autenticato

  • Si e' deciso di vietare il cellulare a bordo degli aerei perche' c'erano dei grossi problemi di fatturazione delle chiamate...la sicurezza non c'entra un fico secco solo una scusa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Si e' deciso di vietare il cellulare a bordo
    > degli aerei perche' c'erano dei grossi problemi
    > di fatturazione delle chiamate...la sicurezza non
    > c'entra un fico secco solo una scusa.

    Intanto il cellofono interferisce con vor, adf e soprattutto con la bussola. Fai una prova su un aereo da turismo certificato ifr e/o vfr notturno, poi riparliamo della fatturazione.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Intanto il cellofono interferisce con vor, adf e
    > soprattutto con la bussola. Fai una prova su un
    > aereo da turismo certificato ifr e/o vfr
    > notturno, poi riparliamo della fatturazione.

    Ma anche se uno dista alcuni metri dalla cabina dei piloti?
    E mettiamo che sia così...però cazzo siamo nel 2006, non c'è un modo per isolare la parte dove c'è la strumentazione così il resto dell'aereo telefona, usa i pda e vive felice e tranquillo?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Ma anche se uno dista alcuni metri dalla cabina
    > dei piloti?
    > E mettiamo che sia così...però cazzo siamo nel
    > 2006, non c'è un modo per isolare la parte dove
    > c'è la strumentazione così il resto dell'aereo
    > telefona, usa i pda e vive felice e tranquillo?

    Semplicemente il tuo telefono che squilla al cinema, in barca, al ristorante, in biblioteca, in treno e in ogni altro luogo dove la gente desiderà un pò di tranquillità perchè non vuole essere scocciata dai tuoi discorsi, ha rotto veramente gli zebedei. Ora anche in aereo... nononono. Per qualche ora puoi farne benissimo a meno.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)