Da Redmond un... regalo per il web

Il nuovo softwarillo messo a punto da Ray Ozzie verrà diffuso da Microsoft sotto Creative Commons: gratuito, potrà essere modificato a patto che le modifiche vengano condivise. Si chiama Live Clipboard

San Diego (USA) - Il suo nome è Live Clipboard e più ancora delle sue caratteristiche ad aver catalizzato l'attenzione di alcuni osservatori è il fatto che a proporlo sia Microsoft, che sia un software distribuito in copyleft sotto licenza Creative Commons e che possa essere liberamente utilizzato e modificato, a patto di render pubbliche e condividere le modifiche.

A presentare questo strumento che ha sollevato un certo interesse alla conferenza 0'Reilly Emerging Technology è stato Ray Ozzie, celeberrimo sviluppatore da tempo in Microsoft ed ideatore del progetto. Ha spiegato che Live Clipboard è "un modo semplice e comodo per copiare e condividere contenuti" tra applicazioni e siti web, o all'interno degli stessi, con un clic.

Per comprendere di cosa si tratti un esempio è stato postato dallo stesso Ozzie sul suo blog: come si può vedere il "giochino" permette di duplicare e spostare contenuti con gli strumenti già noti a tutti per copiare, incollare, tagliare o spostare.
Ma c'è di più. Come si è visto nella presentazione-demo di San Diego, l'adozione di Live Clipboard permette di eseguire queste operazioni anche quando i dati siano particolarmente complessi, magari integranti un'immagine o altro ancora, e anche quando ad essere interessati sono siti web e/o applicazioni residenti su PC. L'idea, sfruttando tecnologie standard e JavaScript, è dunque quella di dare al concetto di clipboard, gli "appunti", una funzionalità dinamica, per la rappresentazione, inserimento e duplicazione in luoghi diversi da quelli di origine.

"Consente - ha spiegato Ozzie - di copiare informazioni strutturate da un luogo all'altro in un modo semplice".

Ai siti interessati, ha sottolineato Ozzie, non serve molto per implementare la nuova funzionalità: l'idea è che la diffusione massiccia di Live Clipboard possa consentire ad una grande varietà di servizi online, e di software, di interagire in modo nuovo, mettendo nelle mani degli utenti un potente strumento di organizzazione personale.

Una descrizione tecnica del funzionamento di Live Clipboard è a disposizione di chiunque voglia saperne di più o, appunto, procedere all'integrazione del "giochino" sulle proprie pagine.

"È un piccolo regalo per il Web", ha concluso Ozzie.
TAG: microsoft
46 Commenti alla Notizia Da Redmond un... regalo per il web
Ordina
  • se funzionasse anche il drag and drop sarebbe + utile
    QW
    81
  • ma non era la MS a vedere la GPL come un cancro che infetta tutto ciò che tocca perchè qualsiasi modifica deve essere rilasciata sempre secondo GPL?

    CC Share Alike sotto questo punto di vista non è differente.

  • Allora si inventano una cosa carina, cross browser e come la implementano ?

    Si inventano un formato proprietario in XML invece di usare JSON che per javascript è lo standard per la serializzazione degli oggetti.

    Fate control+v sul notepad e vedrete l'xml.

    "A preliminary specification for the Live Clipboard XML data format is in the works. Please keep in mind that the data format used by the control in the example will change somewhat by the time we release the specification. When this happens, we will update the control here, so if you are already using it on your page you will have to update it with the new version. Also, if you write code that uses the WebClipData object, you might have to modify it slightly."

    Insomma ci vogliono imporre uno standard.
    non+autenticato
  • Json è al più uno standard de facto, ossia non è uno standard. Non vedo perchè devi gridare alla lesa maestà se qualcuno decide di non usarlo e gli preferisce un altro formato, nuovo ma pubblico.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Json è al più uno standard de facto, ossia non è
    > uno standard. Non vedo perchè devi gridare alla
    > lesa maestà se qualcuno decide di non usarlo e
    > gli preferisce un altro formato, nuovo ma
    > pubblico.

    Quoto in pieno!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Json è al più uno standard de facto, ossia non è
    > uno standard. Non vedo perchè devi gridare alla
    > lesa maestà se qualcuno decide di non usarlo e
    > gli preferisce un altro formato, nuovo ma
    > pubblico.

    Si vabbè, allora questa live clipboard mi sembra una grossa c...a.

    Dovremo fare come per i layer, per ajax, etc .... scrivere che piace a microsoft e poi scrivere quella standard.

    Quand'è che si deciderà a definire gli standard con gli altri invece di imporli ?

    non+autenticato
  • Non c'è una implementazione diversa per xmlhttprequest, qui; c'è solo un formato (pubblico) specifico all'applicazione che è stato preferito, per quella sola applicazione, ad un formato diffuso ma in nessun modo "ufficiale".
    E' come se ti stessi lamentando perchè non tutti i motori 3d usano bsp. E che diavolo, bsp sarà anche diffuso ma se uno sviluppatore preferisce il suo formato sarà un problema suo, no?
    non+autenticato
  • Per forza è in Creative Common... è in Javascript!!!

    CTRL+U e copy e incolli tramite Live ClipBoard!!! Ficoso
    non+autenticato


  • > Per forza è in Creative Common... è in
    > Javascript!!!

    e allora?
    1. avere disponibile il codice nn vuol dire poterlo utilizzare legalmente

    2. esistono programmi che offuscano il codice in modo
    che costa meno programmare il tutto da zero piuttosto che fare reverse eng.



    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Per forza è in Creative Common... è in
    > Javascript!!!
    >
    > CTRL+U e copy e incolli tramite Live ClipBoard!!!
    > Ficoso

    Non significa nulla... anche un sacco di applicazioni in PHP girano dal sorgente, ma sono commerciali e non sono open source, nel senso che è espressamente vietato usare parti del codice per altre applicazioni, anche freeware. Ovviamente puoi farlo per una tua applicazione personale, perchè nessuno lo saprà, ma è quando inizi a distribuirla che incominciano i problemi...

    "girare in sorgente" non significa "sorgente aperto", anche un eseguibile binario può essere disassemblato...
    non+autenticato
  • Dire che Ray Ozzie è un celeberrimo sviluppatore di Microsoft è come dire che Michael Jordan è un discreto giocatore di golf a livello dilettantistico.
    Riporto un suo profilo preso giusto giusto da O'Reillynet:

    Ray Ozzie, the creator of IBM's Lotus Notes, is an industry visionary and pioneer in computer-supported cooperative work. As a chief technical officer of Microsoft Corp., Ozzie reports to Microsoft chairman and chief software architect Bill Gates. In this role, Ozzie has responsibility for influencing corporate communications and collaboration strategy, applications and platform infrastructure, and for helping drive Microsoft's software-based services strategy and execution across all three of the company's divisions.

    Ozzie is the founder of Groove Networks Inc., a leading provider of collaboration software for the virtual office, which Microsoft acquired in April 2005. Ozzie continues to be involved with future development of the Groove technologies as part of Microsoft's Information Worker Group.

    Before founding Groove Networks in October 1997, Ozzie was the founder and president of Iris Associates Inc. There he created and led the initial development of Lotus Notes. Before Iris, Ozzie was instrumental in the development of Lotus Symphony and Software Arts Inc.'s TK!Solver and VisiCalc, and was involved in early distributed operating systems development at Data General Corp.
    non+autenticato
  • Allora e' con lui che me la devo prendere se Lotus Notes non ha un cut&paste decente?

    asd

    non+autenticato
  • > Dire che Ray Ozzie è un celeberrimo sviluppatore
    > di Microsoft è come dire che Michael Jordan è un
    > discreto giocatore di golf a livello
    > dilettantistico.

    Ciao
    guarda che di Ozzie abbiamo parlato non una ma decine di volte
    http://punto-informatico.it/cerca.asp?s=%22ozzie%2...
    e in archvio (che parte dal 1999) non ci sono cose precedenti.
    La frase che critichi dice:
    "celeberrimo sviluppatore da tempo in Microsoft ed ideatore del progetto" e' assolutamente corretta.
    Per la biografia di Ray Ozzie c'e' anche il link al blog.

    Insomma magari la prossima volta una ricerchina nel motore.. a volte aiutaOcchiolino

    Ciao
    Lamberto
    Lamb
    754
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)