USA, legge shock contro la stampa?

Nei prossimi giorni un senatore repubblicano presenterà una nuova legge che renderà perseguibile chiunque divulghi informazioni riguardanti i programmi di intercettazione

Washington (USA) - La libertà di azione della stampa statunitense sta per essere nettamente ridimensionata. Il senatore Repubblicano Mike DeWine presenterà entro pochi giorni una nuova legge che di fatto permetterà la persecuzione di chiunque decida di divulgare informazioni riguardanti le operazioni di sorveglianza. E non si parla dei funzionari che devono per legge e policy mantenere il segreto, ma anche di chi, ottenendo notizie di quelle informazioni, decide di pubblicarle.

La polemica è scattata dopoché Associated Press è entrata in possesso di una copia della proposta di legge. Nella bozza si legge: "Verranno perseguite penalmente le persone che intenzionalmente divulgano informazioni riguardanti il programma di sorveglianza anti-terrorismo o qualsiasi altro programma di intercettazione coperto dalla legge vigente". Le sanzioni sono durissime: multa fino ad un massimo di 1 milione di dollari e pene detentive fino ad un massimo di 15 anni.

Secondo Kate Martin, direttore del Center for National Security Studies, si tratterebbe di una delle misure più drastiche degli ultimi anni, anche per la vaghezza del testo, che parla di informazioni "intoccabili" senza specificare esattamente di cosa si tratti. "La legge, in pratica, trasformerebbe l'informazione in un crimine, anche quando fosse evidente una violazione della legge da parte del presidente. I giornali si troverebbero così con le mani legate", ha dichiarato Martin, con un chiaro riferimento all'attuale querelle che vede coinvolti la Casa Bianca e il New York Times. Se poi si pensa ai blog e ai siti di informazione web, spesso assai più veloci e dinamici delle testate tradizionali, viene da chiedersi in che modo le censure colpiranno la rete.
DeWine sta portando avanti il suo progetto di legge con il sostegno ufficiale di altri tre senatori, e quello ufficioso del Gruppo Repubblicano e della Casa Bianca. Sebbene i politici coinvolti non abbiano escluso la possibilità di intervenire con correzioni, l'impianto della legge rimette completamente in discussione l'attuale normativa. Al momento, infatti, in caso di diffusione di documentazione "classified" la magistratura cerca di fare chiarezza all'interno degli enti governativi, insomma tende a perseguire chi ha "passato le carte".

Un altro spiacevole effetto collaterale della nuova legge potrebbe farsi sentire sugli stessi ufficiali governativi. "Le informazioni provengono dall'interno delle strutture. Un reporter metterebbe nei guai anche la sua fonte", ha dichiarato David Tomlin, consigliere di AP.

"Utilizzeranno questa legge per punire i giornali e la tv? Essenzialmente, questa legge non permetterebbe di fare informazione sui programmi di sorveglianza. Scusate, ma è questo è assolutamente incostituzionale", ha sentenziato Lucy Dalglish, direttore esecutivo di Reporters Committee for Freedom of the Press.

Visto il tono delle polemiche, DeWine in queste ore sta cercando di gettare acqua sul fuoco. "Non influirà in alcun modo nel lavoro dei reporter - sostiene ora - Se dovesse evidenziarsi l'esigenza di una correzione. Modificheremo il progetto".

Dario d'Elia
TAG: censura
49 Commenti alla Notizia USA, legge shock contro la stampa?
Ordina
  • Non è possibile permettera alla stampa di mettere a rischio operazioni segrete "per dovere di cronaca".
    Troppi giornalisti hanno facilitato e facilitano terroristi e criminali e pochi, sempre meno, hanno il giudizio di scegliere cosa è giusto e cosa non è giusto rendere pubblico in un determinato momento. Oltretutto dietro alla pubblicazione di molte cose ci sono interessi politici e finanziari, già sbagliati di loro perchè dimostrano come la stampa sia tutto fuorchè libera ma se questi hanno come risultato poi quello di mettere a rischio la popolazione facendo saltare operazioni segrete che devono restare tali, è giusto perseguire questo tipo di stampa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Non è possibile permettera alla stampa di mettere
    > a rischio operazioni segrete "per dovere di
    > cronaca".

    certo, ovvio che svelare ad es. l'identita' di un agente segreto deve rimanere vietato...
    (ehm... e' la casa bianca ad essere imputata per fatti del genere)

    > Troppi giornalisti hanno facilitato e facilitano
    > terroristi e criminali e pochi, sempre meno,

    esempio?

    > hanno il giudizio di scegliere cosa è giusto e
    > cosa non è giusto rendere pubblico in un
    > determinato momento. Oltretutto dietro alla

    oltre alla legge dovrebbe essere l'opinione pubblica a punire i giornali che aiuterebbero spudoratamente i terroristi come sostieni tu

    Cmq sia, perche' mai i giornali dovrebbero appoggiare i terroristi?

    > facendo saltare operazioni segrete che devono
    > restare tali, è giusto perseguire questo tipo di
    > stampa.

    Il problema e': chi decide cosa deve restare segreto?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non è possibile permettera alla stampa di mettere
    > a rischio operazioni segrete "per dovere di
    > cronaca".

    ti consiglio comunque, a parte tutto, di leggere cosa dice una cosa chiamata Costituzione Italiana, all'articolo 21Occhiolino

    "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

    La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure."

    Chiediti, infine, come mai questo articolo e' sempre stato ignorato e tradito, in Italia.
    Ah gia' c'e' l Ordine, qui.

    ahem.

    ciao!
    LucaS
  • ....e così siamo più vicini al new world order A bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ....e così siamo più vicini al new world order A bocca storta

    In 'sti forum al massimo siamo vicini all'NTO

    Nuovo Trolling Organizzato.
    non+autenticato
  • Questa gente vuole darla vinta ai terroristi, ma puo' un attacco per quanto grave far crollare gli USA?!? Se continuano con leggi speciali anticostituzionali i terroristi avranno vinto e noi saremo un po' meno figli di Jefferson-Franklin-Paine e un po' piu' disepoli di Maometto... e la differenza, si sa, sta nella postura.

    Non credo che passera' una legge del genere... sarebbe la fine dell'America che per inciso e' l'incarnazione del primo emendamento! Certo si respira aria da maccartismo... ma anche quella volta a costo di sacrifici l'America si e' ripresa la propria liberta'...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Questa gente vuole darla vinta ai terroristi, ma
    > puo' un attacco per quanto grave far crollare gli
    > USA?!? Se continuano con leggi speciali
    > anticostituzionali i terroristi avranno vinto e
    > noi saremo un po' meno figli di
    > Jefferson-Franklin-Paine e un po' piu' disepoli
    > di Maometto... e la differenza, si sa, sta nella
    > postura.
    >
    > Non credo che passera' una legge del genere...
    > sarebbe la fine dell'America che per inciso e'
    > l'incarnazione del primo emendamento! Certo si
    > respira aria da maccartismo... ma anche quella
    > volta a costo di sacrifici l'America si e'
    > ripresa la propria liberta'...

    Ma che bravi a sinistra a rigirare la frittata, eh ?
    Veramente è palese come la stampa pubblicando informazioni che dovrebbero restare segrete abbia negli ultimi anni solo favorito i gruppi terroristici.
    Se la stampa non fosse tanto fanaticamente di sinistra e pro-terroristi e disposta a tutto pur di fare il bravo servetto dei '68ini e non fosse composta principalmente da '68ini, avrebbe potuto usare un minimo di moderazione in questi anni e di giudizio, che manca, ed evitare di diventare un'informazione utile per i criminali.
    non+autenticato
  • > Se la stampa non fosse tanto fanaticamente di
    > sinistra e pro-terroristi e disposta a tutto pur
    > di fare il bravo servetto dei '68ini e non fosse
    > composta principalmente da '68ini, avrebbe potuto
    > usare un minimo di moderazione in questi anni e
    > di giudizio, che manca, ed evitare di diventare
    > un'informazione utile per i criminali.
    esempi concreti
    non+autenticato

  • > Se la stampa non fosse tanto fanaticamente di
    > sinistra e pro-terroristi e disposta a tutto pur

    hai dimenticato di dire che mangiano i bambini...
    non+autenticato
  • "Non influirà in alcun modo nel lavoro dei reporter - sostiene ora - Se dovesse evidenziarsi l'esigenza di una correzione. Modificheremo il progetto".

    un'affermazione simile a questa l'ho gia' sentita tempo fa da un certo Urbani, poi sappiamo come e' finita.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "Non influirà in alcun modo nel lavoro dei
    > reporter - sostiene ora - Se dovesse evidenziarsi
    > l'esigenza di una correzione. Modificheremo il
    > progetto".
    >
    > un'affermazione simile a questa l'ho gia' sentita
    > tempo fa da un certo Urbani, poi sappiamo come e'
    > finita.
    Straquoto ! Ficoso
    non+autenticato
  • non vale neanche l'impegno di scriverlo quindi
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > non vale neanche l'impegno di scriverlo quindi

    ...non sei perseguibile. Furbetto, eh? Ma la prossima volta non ci scappi, manganello e olio di ricino...
    A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)