Boeing: sicuri i cellulari in aereo

E se lo dice il costruttore... Per ribattere a chi ritiene ancora rischioso l'uso dei telefonini sui voli di linea, il costruttore e i suoi partner scendono in campo. Ormai non c'è pericolo, dicono

Washington (USA) - I tecnici della Connexion, sussidiaria Boeing, devono essere saltati dalla sedia dopo aver letto le dichiarazioni dei ricercatori della Carnegie Mellon University: "Le emissioni elettromagnetiche di laptop, PDA e console portatili sono considerate rischiose in qualsiasi momento del volo".

L'azienda statunitense è infatti impegnata nello sviluppo e installazione di sistemi wireless broadband per gli aerei di linea trans-oceanici: se le interferenze fossero un pericolo - sostengono - qualcuno se ne sarebbe accorto. "Non vi è mai stato alcun danneggiamento o incidente provocato dall'interferenza magnetica dei cellulari o di altri dispositivi portatili. Ci sono delle accuse, ma nessuna prova", ha dichiarato Dave Carson, portavoce di Connexion.

Anche OnAir condivide le valutazioni di Connexion, e ha sottolineato che Carnegie Mellon fa riferimento a uno studio con tecnologie vecchie di tre anni. Le attuali tecnologie, a detta degli esperti, non rendono possibile l'interferenza con i sistemi di navigazione degli aerei. Insomma, i passeggeri possono essere sicuri che i servizi di comunicazione broadband di entrambe le aziende sono sicure.
Boeing ha iniziato ad utilizzare i servizi Connexion nel maggio del 2004 su alcuni voli internazionali Lufthansa. Da allora non si è mai verificato alcun problema, anche quando sono state coinvolte altre compagnie come El Al, Japan Airlines, Korean Airlines, Scandinavian Airlines, e Singapore Airlines.

OnAir ha appena iniziato a fornire i suoi sistemi alla Airbus. "La nostra tecnologia dimostrerà che non vi sono interferenze con i sistemi di navigazione e neanche con i network delle telecomunicazioni a terra", ha dichiarato Charlie Pryor, portavoce di OnAir. "Le compagnie aeree saranno in grado di controllare ogni aspetto che riguarda l'utilizzo del servizio. I nostri studi hanno dimostrato che la maggior parte dei passeggeri vorrebbero poter disporre di ogni opzione, sia essa voce o dati".

Connexion e OnAir, comunque, hanno riconosciuto la professionalità dei ricercatori della Carnegie Mellon. Condividono infatti l'opinione che il decollo e l'atterraggio siano da considerarsi comunque momenti critici, e che quindi ogni dispositivo portatile nonché cellulare dovrebbe essere spento. "In quei momenti i sistemi di navigazione svolgono un ruolo fondamentale, sono d'accordo nel mantenere il divieto solo in queste fasi", ha dichiarato Carson.

"In verità c'è una minoranza che si oppone all'idea dell'utilizzo dei cellulari sugli aerei, ma è la stessa che, se potesse, li vieterebbe in ogni luogo pubblico", ha dichiarato Pryor.

Carson è stato a lungo tempo membro del RTCA 202 Advisory Committee, che sta esaminando la questione dei dispositivi elettronici sugli aerei. Il Comitato fa riferimento alla U.S. Federal Aviation Authority e alla Federal Communications Commission, che entro la fine dell'anno prenderanno una decisione definitiva al riguardo.

Dario d'Elia
TAG: 
1 Commenti alla Notizia Boeing: sicuri i cellulari in aereo
Ordina