USA, bracciali GPS per braccare le gang

Delinquenza giovanile? Strade violente? Basta un bracciale GPS alle caviglie dei membri più pericolosi delle gang metropolitane ed il problema è sotto controllo. Questa l'opinione dell'amministrazione californiana

Los Angeles (USA) - Le forze dell'ordine di San Bernardino, nei pressi di Los Angeles, hanno deciso di tenere a bada i membri più pericolosi delle gang giovanili con un sistema di braccialetti GPS per la sorveglianza remota. Il numero di stati americani che utilizza tecnologie satellitari per tracciare criminali in libertà vigilata e pregiudicati sale così a cinque: Delaware, Massachussets, Tennessee, Arizona e California.

Le guerre tra bande criminali e le sanguinose sparatorie tra Bloods e Crips sono ormai un capitolo chiuso dell'epopea metropolitana californiana, immortalata da numerosi rapper e film di successo. Tuttavia, lo Stato del governatore Arnold Schwarzenegger non vuole rischiare: "Questa tecnologia è finalmente accessibile ed abbiamo intenzione di utilizzarla al meglio", fanno sapere i portavoce dell'amministrazione locale.

"Il sistema consiste in un'unità GPS integrata dentro una cavigliera o un braccialetto da polso", spiega Rick Shaw, uno dei coordinatori nazionali dell'iniziativa. "Ogni unità invia un segnale costante ad una base-trasmittente che delimita l'area di libertà vigilata", continua Shaw. L'interruzione del contatto tra GPS e base determinerà l'invio di un segnale d'allarme a tutte le unità di polizia nei dintorni. "Non appena l'unità si allontana dalla zona coperta dalla base-trasmittente, la polizia locale viene subito informata del potenziale tentativo di fuga", conclude Shaw, "e saprà esattamente le coordinate dell'ultimo luogo visitato dal criminale".
I costi di gestione per ciascun sorvegliato ammontano a circa 12 dollari al giorno: "Possiamo risparmiare moltissimo perché ogni agente affidato ad un sorvegliato in libertà vigilata è una spesa da 100-200 dollari al giorno per le casse dello Stato", fa sapere un responsabile della contea californiana di Irvine, coinvolta nel programma.

I dispositivi e le infrastrutture necessarie al tracking satellitare sono prodotte da iSECUREtrac, un'azienda del Nebraska che ha vinto numerose gare d'appalto su tutto il territorio degli Stati Uniti. L'unione tra sicurezza, servizi penitenziari ed alta tecnologia si fa sempre più solida: non rimane che sperare nella ragionevolezza delle istituzioni, affinché un futuro alla Wedlock resti soltanto una finzione cinematografica.

Tommaso Lombardi
TAG: usa
11 Commenti alla Notizia USA, bracciali GPS per braccare le gang
Ordina

  • - Scritto da: Anonimo
    > http://www.americannaziparty.com/
    Troll Troll occhiolino Troll chiacchierone Troll occhi di fuori
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > http://www.americannaziparty.com/

    Va bè la trollata, ma questi sono fusi forte! Deluso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > http://www.americannaziparty.com/


    welcome to Amerika
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > http://www.americannaziparty.com/
    >
    >
    > welcome to Amerika

    Esatto, Amerika in cui, nonostante i tanti difetti, e' ancora possibile esprimersi pubblicamente a favore del nazionalsocialismo, del maoismo, del fascismo, del comunismo o di qualunque altra ideologia. C'e' anche il partito della Marijuana.

    Per maggiori informazioni:

    http://www.politics1.com/parties.htm

    In Austria invece si arrestano scrittori negazionisti filonazisti solo per aver detto delle sonore panzane.sull'Olocausto. Beh, sara' anche cialtrone Irving, ma c'e' di molto peggio in giro, e a piede libero.

    Oh well...
    non+autenticato
  • Io sono a favore delle più assolute libertà, e non hai idea di quanto. E credimi che nella vita me ne sono prese veramente tante. Forse troppe.
    Ma...hai mai visto un documentario sui campi di concentramento? Hai mai provato a pensare, veramente, a come potresti sentirti tu se dovesse capitare una simile realtà a coloro che più ami?
    Immagina la tua ragazza (o tua madre, padre, figli, amici) costretta a..ciò che di peggio si possa immaginare (e oltre lei altri milioni di persone), e infine uccisa senza nessun rimorso, senza neanche la "soddisfazione" di vedere negli occhi del suo carnefice che quel gesto ha una qualche importanza, anzi, sapendo che dopo la sua morte la sua pelle verrà usata per fare poltrone e lampade.
    Io ti dico una cosa, se dovesse capitare una cosa del genere a coloro che amo, il primo che ne parla offendendone la memoria (e negare simili realtà è offensivo. Cazzo non parliamo dei tempi degli antichi romani, c'è un intero pianeta testimone, e molti sono ancora vivi)...bhe...credimi che non vedrebbe mai la faccia di un giudice.
    non+autenticato
  • Chi avrà l'onore di portare quel braccialetto? In U.S.A., specie sotto i repubblicani, prima o poi sarà un "privilegio" dei poveracci, al fine di limitarne i movimenti, non dei peggiori delinquenti. Come se Bush & C. dicessero: MORTE A CHI NON É FIGO!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Chi avrà l'onore di portare quel braccialetto? In
    > U.S.A., specie sotto i repubblicani, prima o poi
    > sarà un "privilegio" dei poveracci, al fine di
    > limitarne i movimenti, non dei peggiori
    > delinquenti. Come se Bush & C. dicessero: MORTE A
    > CHI NON É FIGO!

    Mah, qua si parla di membri di gangs, gente che andava in giro armata come plotoni di Marines, non certo di homeless. Poi ancora San Bernardino e' la piu' vasta contea degli USA (due volte la Sicilia), con un livello di immigrazione illegale da spavento, e chi non trova impiego e' facile che venga "reclutato" da queste gangs del cazzo, peraltro diffuse nell'area. Fortunatamente, grazie alle collaborazioni sempre piu' strette fra forze dell'ordine e cittadini (vedere l'ottimo esempio di Chino Hills, diventata una delle cittadine piu' vivibili degli States, a dispetto dell'eccezionale flusso immigratorio che ha contribuito a triplicarme la popolazione in 15 anni) le cose stanno migliorando sensibilmente in certe aree, ma bisogna sempre tenere alta la guardia e forse questo sistema potrebbe dare una mano ai tutori della legge.

    SC
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Chi avrà l'onore di portare quel braccialetto?
    > In
    > > U.S.A., specie sotto i repubblicani, prima o poi
    > > sarà un "privilegio" dei poveracci, al fine di
    > > limitarne i movimenti, non dei peggiori
    > > delinquenti. Come se Bush & C. dicessero: MORTE
    > A
    > > CHI NON É FIGO!
    >
    > Mah, qua si parla di membri di gangs, gente che
    > andava in giro armata come plotoni di Marines,
    > non certo di homeless.
    Ho purtroppo avuto occasione di vedere queste persone, e di vedere con che facilità tirano fuori armi da fuoco che neanche nei videogiochi le vedi
    > Poi ancora San Bernardino
    > e' la piu' vasta contea degli USA (due volte la
    > Sicilia), con un livello di immigrazione illegale
    > da spavento, e chi non trova impiego e' facile
    > che venga "reclutato" da queste gangs del cazzo,
    > peraltro diffuse nell'area. Fortunatamente,
    > grazie alle collaborazioni sempre piu' strette
    > fra forze dell'ordine e cittadini (vedere
    > l'ottimo esempio di Chino Hills, diventata una
    > delle cittadine piu' vivibili degli States, a
    > dispetto dell'eccezionale flusso immigratorio che
    > ha contribuito a triplicarme la popolazione in 15
    > anni) le cose stanno migliorando sensibilmente in
    > certe aree, ma bisogna sempre tenere alta la
    > guardia e forse questo sistema potrebbe dare una
    > mano ai tutori della legge.
    >
    > SC
    Negli Stati Uniti c'è una certa diffusione di gangs, non è come da noi, sono molto inserite nel tessuto della malavita locale e trovano armi con una velocità impressionante, in più sono molto più scontrose, non stanno certo a dividersi i quartieri a tavolino, lo decidono a sbottigliate o con simpatici giocattolini a 9 colpi.
    beka
    149

  • - Scritto da: beka
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Chi avrà l'onore di portare quel braccialetto?
    > > In
    > > > U.S.A., specie sotto i repubblicani, prima o
    > poi
    > > > sarà un "privilegio" dei poveracci, al fine di
    > > > limitarne i movimenti, non dei peggiori
    > > > delinquenti. Come se Bush & C. dicessero:
    > MORTE
    > > A
    > > > CHI NON É FIGO!
    > >
    > > Mah, qua si parla di membri di gangs, gente che
    > > andava in giro armata come plotoni di Marines,
    > > non certo di homeless.
    > Ho purtroppo avuto occasione di vedere queste
    > persone, e di vedere con che facilità tirano
    > fuori armi da fuoco che neanche nei videogiochi
    > le vedi
    > > Poi ancora San Bernardino
    > > e' la piu' vasta contea degli USA (due volte la
    > > Sicilia), con un livello di immigrazione
    > illegale
    > > da spavento, e chi non trova impiego e' facile
    > > che venga "reclutato" da queste gangs del cazzo,
    > > peraltro diffuse nell'area. Fortunatamente,
    > > grazie alle collaborazioni sempre piu' strette
    > > fra forze dell'ordine e cittadini (vedere
    > > l'ottimo esempio di Chino Hills, diventata una
    > > delle cittadine piu' vivibili degli States, a
    > > dispetto dell'eccezionale flusso immigratorio
    > che
    > > ha contribuito a triplicarme la popolazione in
    > 15
    > > anni) le cose stanno migliorando sensibilmente
    > in
    > > certe aree, ma bisogna sempre tenere alta la
    > > guardia e forse questo sistema potrebbe dare una
    > > mano ai tutori della legge.
    > >
    > > SC
    > Negli Stati Uniti c'è una certa diffusione di
    > gangs, non è come da noi, sono molto inserite nel
    > tessuto della malavita locale e trovano armi con
    > una velocità impressionante, in più sono molto
    > più scontrose, non stanno certo a dividersi i
    > quartieri a tavolino, lo decidono a sbottigliate
    > o con simpatici giocattolini a 9 colpi.
    Ma in generale il livello di stupidità giovanile americano è molto piu' alto che in qualsiasi altra parte del mondo, forse solo i giovani italiani si avvicinano a tanta deficenza.
    non+autenticato
  • > Negli Stati Uniti c'è una certa diffusione di
    > gangs, non è come da noi, sono molto inserite nel
    > tessuto della malavita locale e trovano armi con
    > una velocità impressionante, in più sono molto
    > più scontrose, non stanno certo a dividersi i
    > quartieri a tavolino, lo decidono a sbottigliate
    > o con simpatici giocattolini a 9 colpi.

    Certo, poi dipende molto anche dalle citta', dalle zone, dalle aree, non e' semplice fare un quadro delle gangs statunitensi. San Bernardino cmq, essendo nel Sud della California, e' sicuramente piu' esposta rispetto ad altre contee.

    L'unico modo per cercare di contrastarle e' cooperare il piu' possibile assieme alle comunita' delle varie minoranze, specie asiatiche. Dico asiatiche perche' il razzismo, l'intolleranza e la violenza che si respira fra gli emigrati di origine asiatica a volte ha del spaventoso, e va al di la delle lotte fra gangs. Credo sia un fatto culturale. Per certi versi nemmeno nel loro oriente si amano granche' (vedere cinesi e vietnamiti, coreani e giapponesi ecc). Riguardo alle cooperazioni, qualche volta danno risultati apprezzabili, qualche volta no, dipende ovviamente da una moltitudine di fattori.

    SC
    non+autenticato