Cray rilancia con Linux e Opteron

Con una svolta rispetto al passato, il celebre produttore di supercomputer sta progettando sistemi di nuova generazione capaci di sposare i vantaggi forniti da differenti tipi di processore

Seattle (USA) - La ricetta con cui Cray spera di uscire dalla sua lunga crisi finanziaria, e riacquistare competitivitÓ nei confronti degli altri colossi dell'high performance computing (HPC), prevede lo sviluppo di una nuova generazione di supercomputer basati su di un'architettura ibrida: in parte scalare, come quella delle tradizionali CPU general purpose, e in parte vettoriale, tipica invece dei processori dedicati a compiti specifici.

Cray sostiene che un'architettura eterogenea Ŕ pi¨ efficiente e versatile di una tradizionale, adattandosi in modo ottimale alle diverse tipologie di applicazione. Questo modello, che l'azienda chiama adaptive supercomputing, verrÓ utilizzato in sistemi formati da pi¨ server blade, ciascuno ottimizzato per una certa tipologia di calcolo: scalare, vettoriale e/o multi-threading. Ci˛ sarÓ possibile grazie al fatto che ogni server potrÓ contenere, oltre ai chip Opteron di AMD (scalari), altri tre tipi di processore: uno vettoriale di Cray, capace di elaborare certi problemi matematici in modo particolarmente efficiente; uno di TeraComputer (l'azienda che nel 2000 ha acquistato Cray assumendone il nome), adatto ad far girare certe applicazioni multi-threaded; ed uno riprogrammabile, che a seconda delle esigenze pu˛ essere configurato per svolgere compiti specifici.

In questi nuovi sistemi, che vedranno la luce non prima del 2008, assumerÓ un ruolo chiave il software che, analizzando in tempo reale il codice da elaborare, avrÓ il compito di smistare i task fra i vari server. Questo software girerÓ su Linux, il sistema operativo scelto da Cray per l'intera sua gamma di supercomputer ibridi.
Alla base della nuova strategia di Cray vi sono quindi due elementi su cui l'azienda, nel recente passato, ha giÓ scommesso molto: Linux e Opteron. Del primo intende sfruttare soprattutto l'elevata flessibilitÓ, che lo rende facilmente adattabile a qualsiasi tipo di processore e architettura; del secondo, alcune caratteristiche come la compatibilitÓ con il vasto parco di applicazioni x86, l'indirizzamento a 64 bit e la capacitÓ di supportare configurazioni fino a 8 processori.

Va detto che l'approccio di Cray, seppure "estremo" rispetto ad altre soluzioni, non Ŕ del tutto nuovo: la quasi totalitÓ delle moderne CPU per PC, ad esempio, include istruzioni vettoriali (come MMX e SSE), e il nuovo processore Cell di IBM affianca ad un core PowerPC, di tipo scalare, ben 8 unitÓ vettoriali.
115 Commenti alla Notizia Cray rilancia con Linux e Opteron
Ordina
  • microsoft ha riempito genialmente un vuoto
    mentale di ibm, ma non ha certo mai raggiunto
    neppure lontanamente i parametri del mondo
    unix

    crescendo (con moore) l'hw, qualsiasi pezzo
    di latta puo' supportare un unix, addirittura un
    linux con, chessò, il kernel 2.16.16, che può far
    girare il Cell di Ibme e il Mirage di Sun (se si
    chiamano davvero cosi') e che gestisce amd
    e intel 64bit come il tetris

    stiamo scherzando ? windows e' un incidente
    di percorso che giustamente ha fatto guadagnare
    enormi somme di denaro a chi ha saputo traghettare
    da ieri l'altro a ieri, ma oggi windows e' solo una
    schifezza, a meno che non si converta a *nix e non
    apra il codice: allora vendera' servizi e assistenza,
    se e' in grado di farlo, e non solo fuffa !

    noi italiani, primi tra tutti, abbiamo interesse che
    questo succeda, in quanto i costi dell'informatica,
    se lasciati nelle mani di b.gates, surclasserebbero
    quelli del petrolio e dell'energia, in cambio di un'
    efficienza ridicola rispetto ai costi bassissimi e
    all'efficenza enorme dell'erede di *unix chiamato
    GNU/Linux.

    poi chi mangia sulle schifezze deteriorate la pensera'
    sicuramente come detta il proprio interesse truffaldino e peracottaro, ma cosi si scivola nel sesto mondo nel giro di sei mesi

    ciao
    non+autenticato
  • =! ???

    lol
    non+autenticato
  • Non sono io il CEO di Cray, ma secondo me sbagliano target di mercato.

    Gli utenti di supercomputer al mondo non sono milioni, e c'è forte concorrenza perchè si tratta comunque di hardware praticamente custom, quindi spesso le università se li progettano e se li costruiscono per i fatti loro invece di comprarli. Poi ora c'è uno sviluppo enorme nel grid computing, e molti preferiscono i cluster ai supercomputer perche' si risparmia.

    Secondo me dovrebbero riciclare il know-how per produrre server adatti alla virtualizzazione nei data center.

    Ma io non sono un markettaro, quindi la mia parola conta poco
  • Università che si costruiscono da soli supercomputer ? Forse il mit negli anni 70 ma le maggior parti a meno che non sono private mantenute da chissà quali fondazioni a fatica hanno le attrezzature aggiornte. tutt'al più si fanno un cluster di x86 recuperati dal sottoscala
    non+autenticato
  • Ovunque ci sia crisi finanziaria si ricorre a Linux, sarà un caso ??

    Quando una azienda è in crisi che cosa adotta ?

    Se sta per fallire, con cosa sostituisce il suo sistema informatico ??

    Per forza, come fare concorrenza con il gratis, con la gente che lavora gratis, con il gregge belante open sorcio...
    non+autenticato
  • Ah ah. Ma te lo immagini un supercomputer che gira con win?
    Che mentre fa i calcoli per la NASA si riavvia un paio di volte senza motivo alcuno?

    Magari compaiono pure le schermate blu.

    Windows non sarà mai usato per queste cose.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 22/03/2006 1.08.46

  • > Windows non sarà mai usato per queste cose.

    Non lo metto in dubbio, solo che se non ci fossero un sacco di sviluppatori sciocchi e un sacco di fanatici, la Cray non sarebbe fallita

    La Cray l'ha uccisa Linux, sia chiaro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > > Windows non sarà mai usato per queste cose.

    > Non lo metto in dubbio, solo che se non ci
    > fossero un sacco di sviluppatori sciocchi e un
    > sacco di fanatici, la Cray non sarebbe fallita

    > La Cray l'ha uccisa Linux, sia chiaro.

    Si, e' vero, ha ucciso anche Kennedy se e' per questo !!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > La Cray l'ha uccisa Linux, sia chiaro.
    >
    > Si, e' vero, ha ucciso anche Kennedy se e' per
    > questo !!!

    Non dimentichiamoci di Giulio Cesare, che in punto di morte proferì la famosa frase "quoque Tux...."

    KaysiX
    non+autenticato

  • > Si, e' vero, ha ucciso anche Kennedy se e' per
    > questo !!!

    No, Kennedy no, però Os2 si.

    cosi come molti database sono stati uccisi da mySql

    Cosi come molti webserver da Apache

    Dove c'è GPL, c'è distruzione e morte
    non+autenticato
  • > No, Kennedy no, però Os2 si.
    >

    OS2 l'ha ucciso MS e il suo windows. Windows doveva essere (secondo un accordo MS - IBM) il SO che avrebbe poi preparato la strada per OS2. Poi MS decis di fare da sola, e tirò una pugnalata a IBM, e OS2, che era un VERO sistema operativo (non una costola di DOS), fu sepolto...


    > cosi come molti database sono stati uccisi da
    > mySql
    >

    qualche esempio??

    > Cosi come molti webserver da Apache
    >

    qualche esempioi??

    > Dove c'è GPL, c'è distruzione e morte

    A parlare a vanvera sono capaci tutti...
    non+autenticato

  • - > > cosi come molti database sono stati uccisi da
    > > mySql
    > >
    >
    > qualche esempio??

    O madonnina.....

    Informix comprata per un pugno di dollari da IBM

    Lo sviluppo di InterBase si è praticamente fermato

    Watcom SQL ecc...

    Ma chi lo compra, oggi come oggi, un DB ?? Ma chi ci iveste ??

    C'è MySql, e PostgreSQL GRATIS !! E ci sono pure i SORGENTI !!!

    >
    > > Cosi come molti webserver da Apache
    > >
    >
    > qualche esempioi??

    iPlanet, e tutti quelli neppure nati vista la concorrenza sleale di Apache.

    >
    > > Dove c'è GPL, c'è distruzione e morte
    >
    > A parlare a vanvera sono capaci tutti...

    Si, magari a vanvera.
    Dove c'è OpenSource ci sono tanti sistemisti e pchi programmatori, tanti schiavi e pochi soldi.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Dove c'è OpenSource ci sono tanti sistemisti e
    > pchi programmatori, tanti schiavi e pochi soldi.

    Contraddizione in termini.
    Rileggi con attenzione, ci arriverai pure tu...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Si, e' vero, ha ucciso anche Kennedy se e' per
    > > questo !!!
    >
    > No, Kennedy no, però Os2 si.
    Uhmm io andrei a chiedere a Redmond
    >
    > cosi come molti database sono stati uccisi da
    > mySql
    Che per usi commerciali si paga
    >
    > Cosi come molti webserver da Apache
    >
    > Dove c'è GPL, c'è distruzione e morte
    Peccato che Apache non sia sotto GPL...
    Ritenta sarai più fortunato


    ==================================
    Modificato dall'autore il 22/03/2006 17.00.49

  • - Scritto da: pikappa
    > > mySql
    > Che per usi commerciali si paga
    cha cacchio stai dicendo????
    > >
    > > Cosi come molti webserver da Apache
    > >
    > > Dove c'è GPL, c'è distruzione e morte
    > Peccato che Apache non sia sotto GPL...
    > Ritenta sarai più fortunato
    no, ma è open source
    non+autenticato
  • In tutti i casi in cui la stabilita' e l'efficenza sono
    importanti le merdacce di redmond vanno a
    finire nella tazza, e si usano sistemi seri
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > In tutti i casi in cui la stabilita' e
    > l'efficenza sono
    > importanti le merdacce di redmond vanno a
    > finire nella tazza, e si usano sistemi seri

    Windows di per se' non e' una merdaccia, solo non e' adatto a questi scopi in cui bisogna poter mettere le mani talmente in profondita' in un sistema operativo che praticamente rendmond dovrebbe dare tutto il parco dei codici sorgenti di un suo os compresi anche tutte le varie modifiche che loro fanno nei loro lab per poterci cacciare qualche ragno dal buco ed adattarlo ai loro scopi.
    Non e' un lavoro facile, con linux e' + facile perche' ci si puo' scambiare un'opinione su un determinato pacchetto o libreria mentre con windows non sarebbe possibile, quindi anche avendo tutti i suoi sorgenti cmq non li si potrebbe discutere per prendere delle decisioni strategiche.
    Tra l'altro windows spacca a casa, per il lavoro e per queste nicchie che riguardano i superpc ci sono sistemi diversi in tutto da windows che sono in piedi gia' da svariati anni.
    Io, personalmente uso sia windows che linux, e ho capito poche cose di questi due os, una di queste e' con windows ci si gioca, con linux ci si smanetta, col mac ci si disegna ed infine con i sistemi *nix ed os per risc ci si lavora seriamente.
    Ciao A bocca aperta

    P.S. : Non date troppo addosso a microsoft perche' se non ci fosse stato microsoft non ci sarebbe manco stata tutta questa voglia di produrre una cosa alternativa ad essaSorride
    Insomma in un mondo tutto duale ci vuole il male per apprezzare il beneSorride Occhiolino

  • - Scritto da: Super_Treje
    >
    > - Scritto da: Anonimo

    > P.S. : Non date troppo addosso a microsoft
    > perche' se non ci fosse stato microsoft non ci
    > sarebbe manco stata tutta questa voglia di
    > produrre una cosa alternativa ad essaSorride
    > Insomma in un mondo tutto duale ci vuole il male
    > per apprezzare il beneSorride Occhiolino

    MICROSOFT è il MALE.
    Il DRAGA se ne deve andare in pensione col NANO.
    non+autenticato
  • >con windows ci si gioca, con linux ci si smanetta, col mac >ci si disegna ed infine con i sistemi *nix ed os per risc ci >si lavora seriamente.

    hahahaha !!!!!!!!!!!!!!!!!
    ma che cavolo dici ?
    linux ormai e' un unix di livello medio alto che fa
    girare i supercomputer piu potenti del mondo e
    l'intera infrastruttura di enormi continenti come la
    cina e tu dici che e' per smanettoni

    non guidare in queste condizioni, mi raccomando
    l'etilometro esplode
    non+autenticato

  • - Scritto da: Super_Treje
    > Windows di per se' non e' una merdaccia, solo non
    > e' adatto a questi scopi in cui bisogna poter
    [CUT]
    ecco perché Open Source è il bene!Sorride

    > Tra l'altro windows spacca a casa, per il lavoro
    uhm... non sono d'accordo

    > Io, personalmente uso sia windows che linux, e ho
    > capito poche cose di questi due os, una di queste
    > e' con windows ci si gioca, con linux ci si
    > smanetta, col mac ci si disegna ed infine con i
    > sistemi *nix ed os per risc ci si lavora
    > seriamente.
    penso sia una classificazione entrata nel luogo comune. Ti potrei fare tanti esempi, il primo che mi viene in mente è che i più potenti software di rendering e grafica 3D girano su GNU/Linux (MatrixCon la lingua fuori).

    >
    > P.S. : Non date troppo addosso a microsoft
    > perche' se non ci fosse stato microsoft non ci
    > sarebbe manco stata tutta questa voglia di
    > produrre una cosa alternativa ad essaSorride
    se non ci fosse stata microsoft, l'informatica sarebbe andata avanti uguale. Il software open source è esistito prima di Ms. Le icone prima di windows, internet prima di iexplorer e ....

    e comunque: GNU/Linux e non soltanto Linux. (a meno che non parliamo solo del kernel).
    non+autenticato
  • infatti. La M$ ha creato winzozz scopiazzando mac os.
  • Ed entrambi hanno copiato dal Xerox Alto, se è per questo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ed entrambi hanno copiato dal Xerox Alto, se è
    > per questo.

    http://www.fortunecity.com/marina/reach/435//xerox...

    The concept of using a visual interface originated in the mid 1970s at the Xerox Palo Alto Research Center (PARC) where a graphical interface was developed for the Xerox Star computer system introduced in April 1981.
    The Xerox Star did not experience any commercial success, but its ideas were copied by Apple Computer, first in the innovative Lisa in 1983 and then in the Apple Macintosh introduced in January 1984. The Mac used the Motorola 68000 32-bit CPU running its own proprietary operating system. The primary new application that made the Mac popular was graphical desktop publishing.

    http://www.fortunecity.com/marina/reach/435//alto....

    non+autenticato
  • [cut]

    > > Io, personalmente uso sia windows che linux, e
    > ho
    > > capito poche cose di questi due os, una di
    > queste
    > > e' con windows ci si gioca, con linux ci si
    > > smanetta, col mac ci si disegna ed infine con i
    > > sistemi *nix ed os per risc ci si lavora
    > > seriamente.
    > penso sia una classificazione entrata nel luogo
    > comune. Ti potrei fare tanti esempi, il primo che
    > mi viene in mente è che i più potenti software di
    > rendering e grafica 3D girano su GNU/Linux
    > (MatrixCon la lingua fuori).
    beh... la maggior parte dei software 3D professionali sono per Windows e Mac. Solo alcuni sono ANCHE per linux (Maya).
    A parte il 3D mi vengono in mente pochi software grafici PROFESSIONALI (e non dite che GIMP e' PROFESSIONALE, please) che sono al limite ANCHE per linux.

    A quando un software professionale SOLO per linux?


    > > P.S. : Non date troppo addosso a microsoft
    > > perche' se non ci fosse stato microsoft non ci
    > > sarebbe manco stata tutta questa voglia di
    > > produrre una cosa alternativa ad essaSorride
    > se non ci fosse stata microsoft, l'informatica
    > sarebbe andata avanti uguale. Il software open
    > source è esistito prima di Ms. Le icone prima di
    > windows, internet prima di iexplorer e ....
    La GUI non e' ICONE!!
    possibile che i programmatori e gli utenti Linux vedano nella GUI solo le icone e le personalizzazioni (temi,ecc.) quando sui sistemi KDE e GNOME ad esempio ci sono ancora dei difetti strutturali di INTERFACCIA UTENTE!
    Un esempio? possibile che non posso far copy and paste tra programmi KDE e GNOME o tra programmi sotto X e console testuale!
    Il problema di fondo e' che non c'e' un vero studio delle interfacce sotto linux (forse GNOME lo fara' con uno sponsor tipo IBM, ma bisognera' aspettare...Triste ) e la liberta' lasciata ai programmatori che scopiazzano male le soluzioni di windows e mac, che invece sono studiate.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > sui sistemi
    > KDE e GNOME ad esempio ci sono ancora dei difetti strutturali di INTERFACCIA UTENTE!

    > Un esempio? possibile che non posso far copy and
    > paste tra programmi KDE e GNOME

    Ma a me lo fa: ho copiato un testo da gedit ed è possibile incollarlo in kwrite, e viceversa.



    > o tra programmi
    > sotto X e console testuale!

    Ma copiare da programmi sotto X e incollare in una console grafica come konsole, gnome-terminal o xterm dà fastidio?

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Un esempio? possibile che non posso far copy and
    > paste tra programmi KDE e GNOME o tra programmi
    > sotto X e console testuale!

    Possibile... se non lo sai usare! si puo' fare copia e incolla praticamente da tutto a tutto, cosa che non puoi fare in windows.

    > Il problema di fondo e' che non c'e' un vero
    > studio delle interfacce sotto linux (forse GNOME
    > lo fara' con uno sponsor tipo IBM, ma bisognera'
    > aspettare...Triste ) e la liberta' lasciata ai
    > programmatori che scopiazzano male le soluzioni
    > di windows e mac, che invece sono studiate.
    >

    Si', studiate... all'asilo. L'interfaccia di windows XP e' tutto fuorche' usabile, poi e' psichedelica, sembra disegnata dal figlio piccolo di bil gheiz sotto lsd.
    non+autenticato
  • C' è Gnu-Linux, cosa se no?!
    Non c' è bisogno di aggiungere altro.
    Vero?!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > C' è Gnu-Linux, cosa se no?!
    > Non c' è bisogno di aggiungere altro.
    > Vero?!

    Quando si parla di cose serie, ci vogliono le persone competenti e formate e non i soliti parassiti pronti a dare giudizi senza sapere di cosa stanno parlando.
    non+autenticato
  • > Quando si parla di cose serie, ci vogliono le
    > persone competenti e formate e non i soliti
    > parassiti pronti a dare giudizi senza sapere di
    > cosa stanno parlando.

    gia.
    non+autenticato