Broadband wireless nel Casentino

La Comunità Montana diventa il centro del polo di connettività che unisce i 13 comuni distribuiti in un'area orograficamente difficile

Milano - Un altro piccolo passo verso la diffusione del broadband. Così può essere descritto il progetto realizzato da General Impianti (Gruppo Loccioni): una rete wireless in tecnologia Hyperlan con apparati Alvarion BreezeNET B per la Comunità Montana del Casentino, che si estende su un territorio di 108 km quadrati nella provincia di Arezzo.

Come illustrato dalla stessa Alvarion, si tratta di un sistema a banda larga per il collegamento degli uffici pubblici e la videosorveglianza del territorio. Il Casentino comprende un bacino di quasi 50mila utenti, distribuiti in 13 comuni in una situazione geografica eterogenea colpita dal digital divide che separa aree urbanizzate e aree montane.

Scartata l'ipotesi di ricorrere alle infrastrutture tecnologiche tradizionali per i costi elevati o la non disponibilità del servizio, è stata valutata la soluzione di una rete privata, in tecnologia Hyperlan con prodotti Alvarion. "Ogni comune casentinese - comunica l'azienda in una nota - può oggi contare su una connettività ad Internet centralizzata e sicura a 16 Mb, condividere documenti e servizi con gli altri comuni, aumentando l'efficienza e diminuendo i costi. Le PA possono monitorare in maniera centralizzata luoghi sensibili, come le aree ecologiche nelle quali si erano riscontrati in passato scarichi abusivi e non autorizzati. Il progetto si è concluso dopo soli 4 mesi di lavori e con un impatto ambientale assolutamente irrisorio".
La rete è costituita da una dorsale che ha come centro stella la sede della Comunità Montana. Il progetto prevede che tutti i collegamenti wireless siano di tipo Punto-Punto, con l'utilizzo di apparati BreezeNET B 28 Bridge Punto-Punto, con capacità fino a 10/11 Mbps Full Duplex e più di 22 Mbps di picco di troughput netto FTP, con e senza antenna pannellare integrata.

"Tra i progetti futuri - prosegue il comunicato - vi sono la realizzazione di un sistema di gestione online dei dati catastali, sia per gli utenti che per le amministrazioni comunali della Rete Civica del Casentino, la Firma Digitale, l'implementazione di sistemi di prenotazioni per la gestione del flusso turistico, servizi di telemedicina, la telefonia su IP. Si prevede inoltre di ampliare l'utilizzo del network ad altri enti pubblici, aziende e privati, facendo quindi dell'infrastruttura wireless Hiperlan una vera e propria risorsa per tutto il territorio del Casentino".

"La tecnologia wireless Hyperlan", spiega Andrea Marco Borsetti, Regional Sales Manager di Alvarion, "costituisce in questo senso una risposta assolutamente conveniente, se non l'unica possibile. Permette infatti di offrire alle municipalità accesso ai servizi su IP - videosorveglianza delle aree ecologiche, VOIP, videoconferenza ecc. - di costruire un network in breve tempo e a bassi costi, e di creare una soluzione espandibile, per fornire in futuro numerosi servizi alla cittadinanza".

D.B.
TAG: 
2 Commenti alla Notizia Broadband wireless nel Casentino
Ordina