FlexiSPY, malware o cimice benigna?

F-Secure qualifica come Trojan un'applicazione-cimice, regolarmente commercializzata, da installare sul cellulare del coniuge se si ritiene necessario controllare cosa fa del proprio telefonino

Roma - Se qualcuno sospetta l'infedeltà del proprio coniuge, oggi può controllarne il telefonino, senza toccarlo, con FlexiSPY, applicazione che registra informazioni su chiamate ed SMS dal cellulare per spedirle ad un server remoto. L'importante è che sul cellulare da monitorare non sia installato l'antivirus di F-Secure, che identifica FlexiSPY come il primo Spyware-Trojan per Symbian.

Vervata, il produttore tailandese di FlexiSPY, nega energicamente l'accusa di "fabbricante di spyware". L'azienda, al prezzo di 49,95 dollari (poco più di 40 euro), ha infatti messo in vendita il programmino come "trappola per coniugi infedeli". Sarebbe a dire? Vervata spiega che FlexiSPY "è la prima applicazione progettata e realizzata esclusivamente per telefoni cellulari, assolutamente non rilevabile dall'utente", che cattura tutte le informazioni, ricevute ed inviate da un telefonino, per trasmetterle al "committente". Tipicamente, un marito o una moglie che sospetta l'infedeltà del consorte. E che non deve fare altro che installare l'applicazione sul telefono del presunto fedifrago per carpirne le comunicazioni più segrete.

Vervata, che garantisce l'affidabilità di questo software, prossimamente disponibile per ambiente BlackBerry e Windows Mobile per Pocket PC, ha già in corso lo sviluppo di una versione più evoluta, in grado di trasmettere addirittura l'audio delle conversazioni in tempo reale. Un autentico dispositivo di intercettazione.
L'azienda dichiara inoltre che la definizione di Trojan attribuita a FlexiSPY da F-Secure non è corretta: "Non è un cavallo di Troia, nè un virus, e non è necessario ricorrere all'antivirus F-Secure per rimuoverlo. C'è un'opzione di disinstallazione che l'utente può utilizzare (ma il software non era invisibile? ndr) in qualunque momento". Il software inoltre non ha, secondo Vervata, la capacità di autoreplicarsi come molti malware, poiché per risiedere su un telefonino deve essere consapevolmente installato da una persona. "Come ogni dispositivo di controllo, esiste la possibilità che se ne abusi, ma nessuna caratteristica di FlexiSPY lo rende illecito".

F-Secure ribatte che spiare comunicazioni o conversazioni riservate è comunque illegale in molti Paesi e la memorizzazione di queste informazioni sui server di Vervata è un'ulteriore aggravante. L'azienda scandinava segnala inoltre che alcuni hacker potrebbero utilizzare FlexiSPY come base per sviluppare nuovi malware. Per questo motivo ha scelto di integrare nel proprio antivirus per cellulari la possibilità di identificare e isolare l'applicazione.

Dario Bonacina
TAG: 
9 Commenti alla Notizia FlexiSPY, malware o cimice benigna?
Ordina