AMD collauda i 65 nanometri

Il chipmaker ha sfruttato le tecnologie implementate nella sua nuova fabbrica tedesca, la Fab 36, per produrre processori su wafer da 300 millimetri e i primi campioni di chip a 65 nanometri

Monaco di Baviera - Anche per AMD si avvicina l'era dei 65 nanometri, una tecnologia di processo che il chipmaker ha implementato nella sua nuova fabbrica di Dresda (Fab 36), in Germania. Qui AMD ha appena avviato la produzione in volumi di processori che, benché ancora basati su circuiti a 90 nanometri, vengono "sfornati" su wafer da 300 millimetri: questo diametro, superiore ai 200 mm tradizionali, permette all'azienda di incrementare le rese e abbassare i costi di produzione.

Nello stabilimento è stata portata avanti, in parallelo con la produzione a 90 nm, anche quella di un "numero significativo" di chip sperimentali con tecnologia di processo a 65 nm, la cui produzione è prevista per la seconda parte dell'anno. La completa conversione della Fab 36 alla fabbricazione di chip a 65 nm, è invece prevista per la prima metà del 2007.

"L'accresciuta potenzialità produttiva ottenuta grazie alla Fab 36 contribuirà al raggiungimento dell'obiettivo di raddoppiare la produzione totale dal 2005 al 2008", ha dichiarato Dirk Meyer, presidente e COO di AMD. "Oggi più che mai siamo in grado di soddisfare al meglio le esigenze a lungo termine dei nostri clienti e realizzare i nostri obiettivi di crescita".
Fab 36Le tecnologie utilizzate nella Fab 36 sono state messe a punto da AMD nella vicina Fab 30, che produce chip su wafer da 200 mm. Grazie soprattutto alla propria tecnologia Automated Precision Manufacturing, fra il primo trimestre del 2004 e il quarto trimestre del 2005 AMD afferma di aver incrementato la produzione totale della Fab 30 dell'80% circa. Lo stabilimento, originariamente progettato per produrre un massimo di 20.000 wafer al mese, ora ne produce circa 10.000 in più.

La grande rivale di AMD, Intel, ha avviato la produzione in volumi di chip a 65 nm già da diversi mesi: il suo primo processore basato su questa tecnologia è stato Core Duo, che ha raggiunto il mercato all'inizio dell'anno.
TAG: hw
10 Commenti alla Notizia AMD collauda i 65 nanometri
Ordina
  • li fa a 50 nanometri sputando su un wafer (loacker)

    http://mcgyverisback.blogspot.com/

  • - Scritto da: TomSawyer
    > li fa a 50 nanometri sputando su un wafer
    > (loacker)
    >
    > http://mcgyverisback.blogspot.com/

    si ma McGiver è McGiver A bocca aperta
    non+autenticato
  • .. A novembre dello scorso 2004 (meno di 18 mesi fa) ho comprato un 3500+ da 130 nm (non ricordo il codename, sorry).
    Si vociferava del 90 nm, che però non era ancora negli scaffali (il solito arrivo di Natale?).
    Pazienza.
    Ma adesso già il 65nm mi scoccia e non di poco: so che le leggi di mercato sono queste ma .. che diamine!!!

  • - Scritto da: The Raptus
    > .. A novembre dello scorso 2004 (meno di 18 mesi
    > fa) ho comprato un 3500+ da 130 nm (non ricordo
    > il codename, sorry).
    > Si vociferava del 90 nm, che però non era ancora
    > negli scaffali (il solito arrivo di Natale?).
    > Pazienza.
    > Ma adesso già il 65nm mi scoccia e non di poco:
    > so che le leggi di mercato sono queste ma .. che
    > diamine!!!

    Mi domando come facciano ad ammortizzare le spese di una catena di produzione a 65nm e a 90nm in cosi' poco tempo.

  • - Scritto da: nattu_panno_dam
    >
    > - Scritto da: The Raptus
    > > .. A novembre dello scorso 2004 (meno di 18 mesi
    > > fa) ho comprato un 3500+ da 130 nm (non ricordo
    > > il codename, sorry).
    > > Si vociferava del 90 nm, che però non era ancora
    > > negli scaffali (il solito arrivo di Natale?).
    > > Pazienza.
    > > Ma adesso già il 65nm mi scoccia e non di poco:
    > > so che le leggi di mercato sono queste ma .. che
    > > diamine!!!
    >
    > Mi domando come facciano ad ammortizzare le spese
    > di una catena di produzione a 65nm e a 90nm in
    > cosi' poco tempo.

    con i fessi che comprano i proci appena usciti a 1000euro


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: nattu_panno_dam
    > >
    > > - Scritto da: The Raptus
    > > > .. A novembre dello scorso 2004 (meno di 18
    > mesi
    > > > fa) ho comprato un 3500+ da 130 nm (non
    > ricordo
    > > > il codename, sorry).
    > > > Si vociferava del 90 nm, che però non era
    > ancora
    > > > negli scaffali (il solito arrivo di Natale?).
    > > > Pazienza.
    > > > Ma adesso già il 65nm mi scoccia e non di
    > poco:
    > > > so che le leggi di mercato sono queste ma ..
    > che
    > > > diamine!!!
    > >
    > > Mi domando come facciano ad ammortizzare le
    > spese
    > > di una catena di produzione a 65nm e a 90nm in
    > > cosi' poco tempo.
    >
    > con i fessi che comprano i proci appena usciti a
    > 1000euro
    >
    >

    ma perchè comprate sempre l'ultimo? un computer serve per uno o più scopi, se va bene per quegli scopi è buono sennò se ne prende uno nuovo
    non+autenticato
  • Chiedo da perfetto ignorante:
    ci sono fabbriche di Intel o AMD in Italia?
    e se no, come mai in Germania ce ne sono almeno 2 della sola AMD?
    per quale motivo non attiriamo gli investitori stranieri?
    non+autenticato
  • In Germania, la Sassonia (la regione in cui ci sono le due fabbriche AMD (chiamate Fab30 e Fab36), ha pagato la maggior parte dell'investimento iniziale e continua a pagare parte degli stipendi.
    Intorno alla AMD si é creato un indotto che ha portato negli ultimi anni 1300 imprese hitech solo nell'area di Dresda (tra cui Infineon).
    In Italia nessuno fa politiche del genere.
    L'unico caso, partito credo nel 1998, é in Sicilia ed é la STMicroelectronics a Catania ma l'ultimo Governo ha tolto anche il credito di imposta e proprio per questo in quell'area non é partita la seconda fabbrica (M6) che é ancora in fase di startup.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > In Germania, la Sassonia (la regione in cui ci
    > sono le due fabbriche AMD (chiamate Fab30 e
    > Fab36), ha pagato la maggior parte
    > dell'investimento iniziale e continua a pagare
    > parte degli stipendi.
    > Intorno alla AMD si é creato un indotto che ha
    > portato negli ultimi anni 1300 imprese hitech
    > solo nell'area di Dresda (tra cui Infineon).
    > In Italia nessuno fa politiche del genere.
    > L'unico caso, partito credo nel 1998, é in
    > Sicilia ed é la STMicroelectronics a Catania ma
    > l'ultimo Governo ha tolto anche il credito di
    > imposta e proprio per questo in quell'area non é
    > partita la seconda fabbrica (M6) che é ancora in
    > fase di startup.
    >

    quelli lì hanno una cultura elettronica (i tedeschi e gli inglesi in particolare)....pensate che lì sono nate la Commodore e la Inmos per citarne solo due
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Chiedo da perfetto ignorante:
    > ci sono fabbriche di Intel o AMD in Italia?
    > e se no, come mai in Germania ce ne sono almeno 2
    > della sola AMD?
    > per quale motivo non attiriamo gli investitori
    > stranieri?

    Giusta domanda, alla quale ti hanno già risposto correttamente.
    Possono solo aggiungere che gli investimenti di questo genere si basano essenzialmente su:
    - costo del lavoro e disponibilità di manodopera adatta;
    - disponibilità e qualità dei servizi;
    - incentivi (concreti) all'investimento.
    Detto questo facile capire come mai in Italia gli investimenti di questo tipo siano scarsi.
    Saluti
    Prospero
    non+autenticato