Australia, i CD si copiano al supermercato

Nel paese aumentano in negozi e supermercati le macchine a monete in grado di duplicare CD. Alla faccia delle campagne anti-pirateria delle major

Adelaide (Australia) - Mentre l'industria discografica è impegnatissima a mettere in atto colossali piani anti-pirateria, comprendenti proposte di legge che vanno dalla tassazione dei CD all'integrazione in hardware di meccanismi anti-copia, presso i supermercati e i punti vendita di Adelaide, in Australia, si stanno pacificamente diffondendo macchine a monete per la duplicazione dei CD.

Per 5$ le "Copy Cat CD Duplication" - questo il nome dei sistemi che hanno sostituito i distributori di chewing gum - sono in grado di copiare un CD in meno di 10 minuti bypassando persino le protezioni più comuni.

Secondo quanto riporta il quotidiano australiano The Advertiser, pare che le macchinette duplicatrici siano già state prese d'assalto da un pubblico giovane, per lo più dedito a scambiarsi e copiare al volo album di musica.
Alcuni esponenti della comunità discografica australiana hanno già lanciato le loro grida di protesta, ed uno di loro, Glenn A. Baker, ha definito queste macchine "moralmente riprovevoli".

La ditta che produce e installa le Copy Cat, la Multi Tech, replica però che questi sistemi sono del tutto equiparabili alle fotocopiatrici ed operano sotto la stessa legislazione: questo significa che la responsabilità di eventuali violazioni del copyright non ricadono sul proprietario dell'apparecchiatura bensì sull'utilizzatore.

Non senza sarcasmo, qualcuno ha scritto sui forum di Slashdot.org che "questo potrebbe essere un uso interessante di un laptop dotato di CD-RW". Un portatile in grembo ed una ciotola per le monetine davanti. Altro che new economy...
24 Commenti alla Notizia Australia, i CD si copiano al supermercato
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)