Anche Vista trotta su Mactel

Dopo Windows XP e alcune distro di Linux, un hacker è riuscito a far girare su di un Mac Intel-based anche Windows Vista, il futuro OS di Microsoft. C'è chi spera in un supporto ufficiale

Roma - Vincendo il contest lanciato lo scorso mese da OSx86 Project, un hacker è finalmente riuscito a fare quello che, fino a pochissimo tempo fa, sembrava impossibile: installare e far girare Windows Vista su di un Mac con chip Intel.

La notizia, a cui solo pochi giorni fa i media del settore avrebbero dato grande rilievo, è quasi passata sotto silenzio: il motivo è che Apple, con il recente rilascio del software Boot Camp, ha già spianato la strada all'uso di Windows XP sui Mactel. Il supporto ufficiale a Vista, e magari alle principali distribuzioni Linux x86, appare solo una questione di tempo.

Ciò non sminuisce tuttavia l'impresa di AirmanPika, soprannome di colui che per primo è riuscito, come dimostrato da questi screenshot, a fare il boot di un iMac Intel-based con Vista. In precedenza, altri smanettoni erano riusciti ad installare il sistema operativo di Microsoft, ma non a farlo avviare.
"Vista si è dimostrato ostico (da far girare su di un Mactel, NdR) persino con Boot Camp", si legge in un post apparso su osx86project.org. "È dunque comprensibile l'emozione che abbiamo provato quando AirmanPika ci ha fatto sapere di aver installato e avviato con successo Vista".

L'autore dell'hack ha tuttavia ammesso che l'installazione di Vista è ancora afflitta da alcuni problemi, primo fra tutti la necessità di cancellare la partizione dove è installato Mac OS X: ciò al momento esclude la possibilità del dual-booting con il sistema operativo di Apple. Altro problema è rappresentato dai driver: quelli contenuti nel CD di Boot Camp, infatti, sono apparentemente inutilizzabili con Vista. AirmanPika si è tuttavia detto fiducioso che questi ostacoli verranno superati entro un ragionevole arco di tempo.
TAG: apple
6 Commenti alla Notizia Anche Vista trotta su Mactel
Ordina