Si apre la caccia ai laser alieni

Costato 400mila dollari, il nuovo telescopio del Massachusets ha un solo scopo: rintracciare segnali luminosi prodotti da intelligenze extra-terrestri

Boston (USA) - Quelli della potente organizzazione non profit Planetary Society ne hanno fatta un'altra delle loro: nelle scorse ore hanno annunciato la messa in opera di un telescopio decisamente speciale nel Massachusets, a qualche decina di chilometri da Boston.

Il nuovo apparecchio finanziato dalla Society con 400mila dollari, un budget assai più contenuto di quello che richiedono i più sensibili telescopi astronomici, avrà il singolare compito di intercettare segnali luminosi inviati da intelligenze aliene nello spazio.

Secondo i responsabili della Planetary Society, tutt'altro che nuovi ad imprese spaziali dal sapore epico, il nuovo telescopio sarà in grado di osservare i segnali luminosi coprendo un'area di cielo superiore di 100mila volte rispetto a quanto accada oggi. L'occhio elettronico del telescopio può individuare, secondo i suoi promotori, flash luminosi da un miliardesimo di secondo.
Il radiotelescopio già esistenteLa speranza dei ricercatori è che vi siano extra-terrestri effettivamente impegnati in forme di comunicazione fondate sulla trasmissione di segnali luminosi. "Inviare segnali laser attraverso il cosmo - ha dichiarato Bruce Betts, direttore di progetto alla Society - sarebbe un modo molto logico per ET di raggiungerci, ma fino ad ora non abbiamo avuto sufficiente strumentazione per ricevere un qualsiasi segnale del genere".

Secondo Betts, certi segnali luminosi potrebbero coprire enormi distanze siderali e portare con sé dei messaggi ed è solo su questi che si concentrerà il nuovo telescopio, una delle ragioni principali del budget contenuto che è servito a realizzarlo.

Il nuovo apparecchio è stato collocato all'Osservatorio di Oak Ridge, una struttura che fa capo all'Università di Harvard nel Massachussets. Fino ad oggi in quella sede i ricercatori della Society si sono dovuti "accontentare" di un radiotelescopio dal diametro di 84 piedi (vedi foto).
TAG: ricerca
106 Commenti alla Notizia Si apre la caccia ai laser alieni
Ordina
  • Oppure la raccontano tanto per lasciarli fare?
    non+autenticato
  • E' un tentativo di collegamento al server p2p AndromedaRazorBack visto che qui sulla terra li stanno chiudendo tutti.
    Troll
    non+autenticato
  • Pensiamo sempre a ricevere dati inviati nello spazio da altre forme di vita ma noi stessi non inviamo mai niente di onde comunicative o laser nello spazio.

    Perche' non pensiamo anche a trasmettere casomai altri alieni facessero come noi e cioe' attivassero strumentazioni per ricevere dati inviati nello spazio?

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Pensiamo sempre a ricevere dati inviati nello
    > spazio da altre forme di vita ma noi stessi non
    > inviamo mai niente di onde comunicative o laser
    > nello spazio.
    >
    > Perche' non pensiamo anche a trasmettere casomai
    > altri alieni facessero come noi e cioe'
    > attivassero strumentazioni per ricevere dati
    > inviati nello spazio?

    Siamo pieni di alieni, la Luna è abitata da alieni. Sono ovunque.
    Se iniziassero a permettere di sparare messaggi di qualsiasi tipo direzionati verso l'esterno c'è il rischio che una delle razze aliene in contatto con i governi ombra delle unità segrete che nascondono a loro presenza possano considerarlo un atto ostile e rispondere di conseguenza... Ecco perchè.
    non+autenticato
  • beh perché non abbiamo apparecchiature così potentiSorride
    comunque c'è il radio-telescopio di arecibo che può anche essere configurato per trasmettere, e quello si è potente, ma è sempre occupato a fare altro, quindi mi pare che solo una volta a settimana o molto di meno viene usato anche per trasmettere, mo non ricordo, me ne parlò il mio professore di astronomia che ci ha lavorato tempo fa

    comunque non dimenticarti che in passato sono state mandate molte sonde nello spazio, molte delle quali stanno ancora in giro e non sono mai rientrate, può darsi che prima o poi qualcuno le troviSorride
    non+autenticato

  • >
    > Perche' non pensiamo anche a trasmettere casomai
    > altri alieni facessero come noi e cioe'
    > attivassero strumentazioni per ricevere dati
    > inviati nello spazio?
    >


    Ma guarda che trasmettiamo e anche parecchio.
    Pensa solo alla televione e alle radio.

    La Terra, se vista da fuori, e dal punto di vista radio e' un anomalia tale che anche il piu' addomentato degli ET la vedrebbe.

    non+autenticato
  • Una sola motivazione: troppo costoso

    il costo per trasmettere è di molte volte più elevato che ricevere...

    speriamo che gli alieni siano meno "indigenti" di noiSorride

    - Scritto da: Anonimo
    > Pensiamo sempre a ricevere dati inviati nello
    > spazio da altre forme di vita ma noi stessi non
    > inviamo mai niente di onde comunicative o laser
    > nello spazio.
    >
    > Perche' non pensiamo anche a trasmettere casomai
    > altri alieni facessero come noi e cioe'
    > attivassero strumentazioni per ricevere dati
    > inviati nello spazio?
    >
    non+autenticato
  • Ci sono popolazioni che muiono di fame perchèi signori della guerra hanno deciso che si potevano benissimo sfruttare per i loro profitti.
    Altre popolazioni si sono estinte dalla terra sempre per il predominio dei più violenti. Oggi ci trasciniamo dietro povertà ereditate da governi di 100-200 e anche più anni fa.
    Da esseri intellegenti quali siamo ci preoccupiamo quindi "di intercettare segnali luminosi inviati da intelligenze aliene nello spazio", buttando via 400 mila dollari, così, in un soffio.
    Ci teniamo le malattie, i morti, la fame, la povertà, l'inquinamento e mentre affoghiamo lentamente in questo nauseabondo mare, rivolgiamo gli occhi, lassù nel cielo e chiediamo: "C'è qualcuno?? No perchè quaggiù non sappiamo più che farcene della dignità."

    ________________________
    http://bit01.wordpress.com
  • Secondo me è un commento totalmente fuori luogo... Buttiamo via soldi per ogni cosa, ma anche la ricerca va avanti, malattie che una volta uccidevano ora sono semplici raffreddori.
    Certo, le cifre in ballo spesso dovrebbero essere un po più bilanciate, ma è proprio il genere umano ad essere sbilanciato, e anche la sua moralità; ma c'è comunque molta gente che si impegna nell'aiutare.
    Il punto non è se spendere soldi in una ricerca che può sembrare più o meno fantascientifica, ma capire che ognuno di noi dovrebbe comportarsi in modo più costruttivo in tutte le cose che fa, dal rapporto con gli altri, al proprio lavoro, al rispetto per quello che ci circonda...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Secondo me è un commento totalmente fuori
    > luogo... Buttiamo via soldi per ogni cosa, ma
    > anche la ricerca va avanti, malattie che una
    > volta uccidevano ora sono semplici raffreddori.
    > Certo, le cifre in ballo spesso dovrebbero essere
    > un po più bilanciate, ma è proprio il genere
    > umano ad essere sbilanciato, e anche la sua
    > moralità; ma c'è comunque molta gente che si
    > impegna nell'aiutare.
    > Il punto non è se spendere soldi in una ricerca
    > che può sembrare più o meno fantascientifica, ma
    > capire che ognuno di noi dovrebbe comportarsi in
    > modo più costruttivo in tutte le cose che fa, dal
    > rapporto con gli altri, al proprio lavoro, al
    > rispetto per quello che ci circonda...

    Guarda è come se tu avessi in famiglia con te un fratello che soffre di una malattia che richiede attenzione, soldi, conforto e partecipazione e lasciassi fare tutto ai tuoi genitori e a tua sorella preoccupandoti invece solamente di investire soldi e tempo in ricerche, magari curiose, fantasiose, insperate o intraprendenti ma decisamente, in quel momento, fuori luogo.
    Io non dico di no alla fantasia e alla particolarità. Mi stanno bene, mi fanno pensare che l'uomo in fondo è un gran curioso e non da mai nulla per scontato, ma queste cose, questi progetti, devono essere attuati con una priorità ben inferiore a qulli di natura umanitaria e sociale. Quando staremo bene o benino tutti quanti allora si potrà parlare di idee stravaganti e di progetti fuori dal normale.
  • - Scritto da: bit01
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Secondo me è un commento totalmente fuori
    > > luogo... Buttiamo via soldi per ogni cosa, ma
    > > anche la ricerca va avanti, malattie che una
    > > volta uccidevano ora sono semplici raffreddori.
    > > Certo, le cifre in ballo spesso dovrebbero
    > essere
    > > un po più bilanciate, ma è proprio il genere
    > > umano ad essere sbilanciato, e anche la sua
    > > moralità; ma c'è comunque molta gente che si
    > > impegna nell'aiutare.
    > > Il punto non è se spendere soldi in una ricerca
    > > che può sembrare più o meno fantascientifica, ma
    > > capire che ognuno di noi dovrebbe comportarsi in
    > > modo più costruttivo in tutte le cose che fa,
    > dal
    > > rapporto con gli altri, al proprio lavoro, al
    > > rispetto per quello che ci circonda...
    >
    > Guarda è come se tu avessi in famiglia con te un
    > fratello che soffre di una malattia che richiede
    > attenzione, soldi, conforto e partecipazione e
    > lasciassi fare tutto ai tuoi genitori e a tua
    > sorella preoccupandoti invece solamente di
    > investire soldi e tempo in ricerche, magari
    > curiose, fantasiose, insperate o intraprendenti
    > ma decisamente, in quel momento, fuori luogo.
    > Io non dico di no alla fantasia e alla
    > particolarità. Mi stanno bene, mi fanno pensare
    > che l'uomo in fondo è un gran curioso e non da
    > mai nulla per scontato, ma queste cose, questi
    > progetti, devono essere attuati con una priorità
    > ben inferiore a qulli di natura umanitaria e
    > sociale. Quando staremo bene o benino tutti
    > quanti allora si potrà parlare di idee
    > stravaganti e di progetti fuori dal normale.

    Ok, tu ferma le guerre che noi iniziamo a preparare i laboratori e a mettere via cibo per il 3' mondo.
    non+autenticato
  • Allora sai cosa ti dico?

    Perchè invece di buttare soldi dietro la religione, che non ha nemmeno un fondamento, non aiutiamo chi ha bisogno di cose vere? Non oso immaginare le cifre mostruose che ruotano attorno al clero.

    Ben venga la scienza, che almeno un fondamento lo ha e che non sarebbe mai arrivata dov'è ora senza osare.

    Mi scuso per il pensiero forse troppo laico che a qualcuno potrebbe risultare fastidioso.
    non+autenticato
  • > Ci teniamo le malattie, i morti, la fame, la
    > povertà, l'inquinamento e mentre affoghiamo
    > lentamente in questo nauseabondo mare, rivolgiamo
    > gli occhi, lassù nel cielo e chiediamo: "C'è
    > qualcuno?? No perchè quaggiù non sappiamo più che
    > farcene della dignità."
    >
    Pensa a quanti bambini del terzo mondo potresti aver
    salvato se li aiutavi invece di comprare pc, auto, vestiti e consimili.
    non+autenticato
  • ci sono bambini che muoiono per colpa dei Signori della guerra e tu sei dietro una tastiera al calduccio a giocare con il tuo pc... potresti tranquillamente vivere in una caverna e con quello che si risparmia si potrebbero salvare centinaia di bambini.

    Altri cento bambini li salviamo perchè mentre loro muoiono di fame lo Stato Italiano spende centinaia di migliaia di euro per istruirti, per venderti le aspirine, per permettere alla tua auto di portarti a divertire durante il weekend, durante le vacanze di pasqua assieme a 15milioni di italiani, etc.etc.etc.

    Il tuo ragionamento denota miopia ed egoismo... tu consideri soldi buttati la ricerca di forme di intelligenza ET, io considero soldi buttati quelli che spendi per muovere la tua automobile e per inquinare il pianeta, quelli che spendi per la tua adsl o fibra ottica, per la rata della tua auto, per arredare la tua casa, etc.etc.etc.etc..

    Se tutti ragionassero come te saremmo ancora ai tempi della clava e dei Mammut. Non ci sarebbe il problema fame nel mondo semplicemente perchè il mondo sarebbe pressochè disabitato...

    Come altri ti hanno risposto... è necessario bilanciare le risorse planetarie ma io credo che il bilanciamento dovremmo farlo per primi noi occidentali con il nostro stile di vita e poi la ricerca, di qualsiasi forma essa sia.

    La ricerca ha sempre portato sviluppo e benessere per tutti, al contrario delle tue serate in discoteca, delle tue vacanze, della tua automobile, dei tuoi rifiuti, dei tuoi sprechi, del tuo computer, etc. etc.etc.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)