Caccia aperta ad Echelon e ai suoi fratelli

Ci prova un sito italiano che da qualche tempo propone documentazione ed iniziative sui sistemi globali di controllo delle comunicazioni. E che ora ospita la preview di un film su Echelon e dintorni. L'intervista di PI

Roma - Se ne è parlato molto, ma ben poco in forma ufficiale: su Echelon e sugli altri sistemi di intercettazione che le nuove tecnologie consentono di realizzare ed attivare, da tempo è calata una "cappa di silenzio" che qualcuno interpreta persino come complotto. Passare al setaccio il mito e cercare la realtà è un compito che in rete siti come cryptome.org rendono più facile. In Italia ha visto di recente la luce TiStannoAscoltando.net, uno spazio dedicato a documentazione ed iniziative di sensibilizzazione. Punto Informatico ne ha parlato con Quarantino, uno dei curatori.

Punto Informatico: Da quanto tempo è attivo il vostro sito? Che interesse state registrando sul tema delle intercettazioni e delle tecnologie di intelligence?
Quarantino: Il sito è attivo da oltre un anno in forma di blog. Solo dal mese scorso abbiamo deciso di registrare un dominio e provare a fare le cose un pochino più in grande. Abbiamo registrato il dominio e stiamo lanciato un po' di iniziative diverse e speriamo originali.

PI: Per il 21 aprile avete organizzato un Echelon Take Over Day, di che si tratta?
Q: E' un invito a pronunciare al telefono o scrivere via mail o attraverso tutti i mezzi di comunicazione che vi vengono in mente, 3 semplici parole chiave. Un esperto ci ha suggerito di usare questa sequenza: "TUMBLEWEED-INNESCO-T4". Questo perchè il sistema Echelon è un sistema di intercettazione automatizzato.
PI: Cioè?
Q: E' concettualmente diverso dalle modalità con cui funzionano le intercettazioni ordinate dalla magistratura o quelle "non legali" realizzate dai servizi segreti o altri poteri occulti. Echelon è un sistema "economico": non è un sistema di controllo centrato su una singola persona per un determinato periodo di tempo. Echelon in qualche modo intercetta tutti e in modo continuativo; il controllo umano scatta soltanto quando alcune parole chiave vengono pronunciate.
Cosa succede allora se tante persone nel medesimo momento pronunciano uno stesso insieme di parole? Immaginiamo che il sistema sia tecnologicamente tarato su una quantità media di allarmi. E che comunque esistano risorse umane limitate in grado di verificare l'attendibilità della segnalazione.

PI: Ma è davvero sufficiente pronunciare al telefono alcune, poche "parole chiave" per mettere in crisi il sistema? Come poter controllare che una cosa del genere funzioni?
Q: Sinceramente nessuno sa come effettivamente funzioni Echelon. La nostra è un ipotesi di reverse engineering. Se Echelon funziona davvero nel modo che sappiamo, crediamo che una qualche difficoltà si riuscirà a crearla.
E' comunque chiaro che l'ECHELON TAKE OVER DAY è anche un azione per creare attenzione intorno al problema di Echelon e della privacy in generale.

PI: Sono molte le informazioni che circolano in rete sui vari Echelon, TIA e derivati, molte sono le indiscrezioni: come distinguere il vero dal falso?
Q: E' difficile. Al punto che qualcuno potrebbe essere tentato di dire che il maggior successo di Echelon deriva dalle paure ingenerate dalla sua stessa esistenza. Potrebbe funzionare anche senza esistere.
Siamo consapevoli di questo fatto ma crediamo che invece Echelon esista davvero.

PI: Perché?
Q: Ci sono basi militari, interpellanze parlamentari, testimonianze assolutamente verificate. Ci sono giornalisti come Duncan Campbell che si sono interessati seriamente al caso, al punto da essere diventati il riferimento del Parlamento europeo. Poi certamente è un terreno dove molte voci sono impossibili da verificare ed è facile cedervi fintanto che gli Stati Uniti continuano a rifiutare di fornire qualsiasi spiegazione. In questo modo sfruttano proprio quel grande potere simbolico di cui dicevamo sopra.

PI: Sul vostro sito è ora disponibile un'anteprima con i minuti iniziali del film "In ascolto - The Listening" di Giacomo Martelli. Non capita spesso che un film venga lanciato in questo modo. Come nasce questa collaborazione? La sua uscita quanto potrà influire sulla percezione degli italiani per questi temi?
Q: Appena abbiamo saputo che era in uscita un film su Echelon, abbiamo immediatamente contattato il regista Giacomo Martelli. Abbiamo trovato una persona assolutamente disponibile ed entusiasta del nostro lavoro. Non sappiamo come sia successo ma la nostra proposta di mettere il film in rete è stata accolta senza difficoltà. A questo punto siamo praticamente diventati il sito non ufficiale del film. Siamo contenti perchè abbiamo capito come film su questi temi siano difficili a farsi perché in fondo nessuno vuole che se ne parli troppo.

PI: Tra intercettazioni telefoniche, il cui numero in Italia è assai elevato, log delle connessioni, data retention di tutte le comunicazioni web, telecamere nelle strade, conservazione dei dati commerciali e delle transazioni, per il cittadino oggi molte nuove tecnologie sono sinonimo di "trasparenza", intesa come perdita della propria riservatezza. Ma cosa può fare praticamente chi volesse opporsi ad un modus operandi delle autorità di pubblica sicurezza sempre più diffuso nei paesi più sviluppati?
Q: Quello che possiamo fare noi è sollevare il problema utilizzando tutti i mezzi possibili. Rendere "trasparente" che i cittadini sono contrari e infastiditi da questi metodi.
Poi dovrà essere la politica a passare all'azione attraverso leggi e interventi concreti. Ma non possiamo pensare che succeda qualcosa se non siamo noi i primi a fare qualcosa. Noi, nel nostro piccolo, ci stiamo provando e fortunatamente non siamo i soli.

a cura di Paolo De Andreis
TAG: italia
34 Commenti alla Notizia Caccia aperta ad Echelon e ai suoi fratelli
Ordina
  • Echelon lo hanno gli altri, gli anglosassoni, e lo sfruttano contro di noi (spionaggio industriale).
    Alla faccia della comunità europea, della Nato e compagnia bella.
    Un osservazione OT (off topic Occhiolino:
    qual'é la differenza tra una lingua ed un dialetto?
    La lingua é un dialetto con una marina militare.
    Cos'é la lingua inglese? Una lingua con la marina (e non solo) più grande del mondo.
    non+autenticato
  • Le imprese non dicono niente di sti controlli a tappeto?
    Il segreto industriale e di stato (da uno stato all'altro) non è violato da simili controlli?
    Cos'è, il copyright è da proteggere solo quando è loro?
    Certo che sti americani sono proprio una barzelletta (letale, eppure ridicola).
    In tutta sincerità credo che il popolo americano sia il più stupido del mondo. Ci sono dei controsensi (e anche dei sensi) che solo la stupidità può generare.
    Parlano di libertà ed è il popolo più controllato. Parlano di Dio e se uno non ha due soldi può morire per un raffreddore. Consumano l'80% delle riserve planetarie, ed è in assoluto il popolo che ha più poveri al mondo, e dove le distinzioni tra classi sociali sono simili a quelle dei paesi del terzo mondo.
    Ecc Ecc Ecc

    E noi li stiamo seguendo.

    Non so come si combatterà la quarta guerra mondiale, ma la terza la stiamo combattendo a colpi di spettacoli televisivi e controlli telefonici.
    E sarà letale come tutte le altre.
    (parafrasando Einstein)
    non+autenticato
  • pur essendo perfettamente consapevole del problema, e quindi condividendo in parte il problema, vorrei farvi notare come sia assolutamente lamero far "paura" alla gente con dei trucchetti da javascript e con un traceroute. Nel privacy checkup c'e' uno script che fa vedere al povero e ignaro lettore che deve temere echelon quali sono i siti che ha visitato... noi sappiamo cosa visiti!!!

    poi vai a vedere... e' un javascript che rende visibili i :visited, preso da una lista di siti ben specificata nel javascript stesso, che con buona probabilita' sara' nell'elenco dei siti visitati

    http://www.tistannoascoltando.net/checkup/sites.js

    questo implica che il sito remoto non ha la piu' pallida idea di che siti abbia nella history l'utente (e ci mancherebbe, sarebbe una vulnerabilita' bella grossa) ma l'utente vede quello che il suo browser sa, niente di piu'. Non e' spiare questo... e' come se la mia banca mi telefonasse dicendomi: noi sappiamo tutto di te... ecco il tuo numero di conto corrente, e quanto hai sopra. Bella scoperta!

    Insomma, e' un po' una presa per il culo dai.... e non gioca molto a vostro favore.
    non+autenticato
  • quoto!!!!

    fa schifo veder trattato un problema simile con tali mezzucci :/

    il visualroute sulle mappe google lo fanno tutti... altro che satellite lol :/


    - Scritto da: munehiro
    > pur essendo perfettamente consapevole del
    > problema, e quindi condividendo in parte il
    > problema, vorrei farvi notare come sia
    > assolutamente lamero far "paura" alla gente con
    > dei trucchetti da javascript e con un traceroute.
    > Nel privacy checkup c'e' uno script che fa vedere
    > al povero e ignaro lettore che deve temere
    > echelon quali sono i siti che ha visitato... noi
    > sappiamo cosa visiti!!!
    >
    > poi vai a vedere... e' un javascript che rende
    > visibili i :visited, preso da una lista di siti
    > ben specificata nel javascript stesso, che con
    > buona probabilita' sara' nell'elenco dei siti
    > visitati
    >
    > http://www.tistannoascoltando.net/checkup/sites.js
    >
    > questo implica che il sito remoto non ha la piu'
    > pallida idea di che siti abbia nella history
    > l'utente (e ci mancherebbe, sarebbe una
    > vulnerabilita' bella grossa) ma l'utente vede
    > quello che il suo browser sa, niente di piu'. Non
    > e' spiare questo... e' come se la mia banca mi
    > telefonasse dicendomi: noi sappiamo tutto di
    > te... ecco il tuo numero di conto corrente, e
    > quanto hai sopra. Bella scoperta!
    >
    > Insomma, e' un po' una presa per il culo dai....
    > e non gioca molto a vostro favore.
    non+autenticato
  • ho letto il contenuto del sito.....

    non avete tutti i torti .....ma arrivare al punto a cui siete arrivati voi significa avere anche tanta fantasia.... il che non guasta.....ma servirebbe anche un po' di concretezza....
    per prima cosa vi consiglio di documentare le vostre informazioni con link e bibliografie... esempio : dite che provenzano l'hanno acchiappato con l'aiuto del "macchinone" ....e che l'ha detto uno del MI5..... bene.... che l'ha scritto sul sito dell'MI5 (?!?!?!?) ....bene..... E IL LINK? NON LO METTETE?..... MALE !!!! .... per me il sito a questo punto della lettura ha perso ogni aggancio alla realtà.....

    potevate dedicare il vostro tempo a fare un sito contro la fame del mondo.....anche se inutile....era più utile del vostro....
    non+autenticato
  • sono d'accordo
    oltretutto visto che è in uscita un film sull'argomento .....
    SEMBRA fatto apposta per attirare attenzione sull'argomento.


  • - Scritto da: klingsor
    > sono d'accordo
    > oltretutto visto che è in uscita un film
    > sull'argomento .....
    > SEMBRA fatto apposta per attirare attenzione
    > sull'argomento.
    >

    Perche' invece non date una mano?
    non+autenticato
  • dare una mano a chi??? al regista a far soldi??? se volete/vuole denunciare echelon, che renda gratuito il suo film....

    e poi, xchè cancellate i post da vostro/loro blog, se remano controcorrente ????
    non+autenticato
  • Se esistesse davvero e prevenisse gli attentati..?
    Magari fosse così..
    Cosa abbiamo davvero da nascondere in quel caso scusate?
    Poi, volgio dire.. Non lamentiamoci se quando scoppia una bomba non lo sapevamo...
    O è zuppa o pan bagnato..



  • > Se esistesse davvero e prevenisse gli attentati..?
    > Magari fosse così..

    siccome per ora non li ha prevenuti, e dato che non credo i governi siano sprovveduti, credo che la sua funziona sia un'altra...

    > Cosa abbiamo davvero da nascondere in quel caso
    > scusate?

    per esempio l'offerta per una gara


    una ditta europea di forniture aeree si é fatta soffiare un appalto col brasile per poche centinaia di $ da una concorrente usa da quel momento in poi usano crittografia forte per ogni comunicazione e non hanno avuto più questi problemi

    > Poi, volgio dire.. Non lamentiamoci se quando
    > scoppia una bomba non lo sapevamo...

    ma figurati che quando scoppia una bomba non sappiamo nulla neanche DOPO, spariscono i tracciati radar militari, depistaggi istituzionali e massonici, arresti di poveri cristi poi rivelatisi granchi ecc
    e tu vorresti affidare la tua privacy a questa gente sperando che prevenga gli attentati ?

    > O è zuppa o pan bagnato..

    non é che volevi dire
    "non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca ?"


    non+autenticato
  • Senti ai fatti miei io ci tengo e se scrivo a un amico cose personali vorrei che rimanessero tra noi e non lette da qualche imbecille che non ha niente di meglio da fare nella vita, poi tu se vuoi vai a vivere in una casa di vetro...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Senti ai fatti miei io ci tengo e se scrivo a un
    > amico cose personali vorrei che rimanessero tra
    > noi e non lette da qualche imbecille che non ha
    > niente di meglio da fare nella vita, poi tu se
    > vuoi vai a vivere in una casa di vetro...

    ...finisce come la barzelletta sui bagni dell'URSS che erano fatti tutti di vetro, per poter osservare gli sforzi del popolo russo nel momento del bisogno.
    non+autenticato

  • > massonici

    Parla piano per carita', quelli ci ammazzano tutti

    > cristi poi rivelatisi granchi ecc

    Anche calamari, a volte

    > non é che volevi dire
    > "non si può avere la botte piena e la moglie
    > ubriaca ?"

    Voleva dire "La moglie piena"
    non+autenticato
  • Cosa vuol dire "se esiste davvero"?
    Chiedilo all'inventore di pgp se esiste.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 15/04/2006 14.30.14

  • - Scritto da: nightwolf83
    > Se esistesse davvero e prevenisse gli attentati..?
    > Magari fosse così..
    > Cosa abbiamo davvero da nascondere in quel caso
    > scusate?
    > Poi, volgio dire.. Non lamentiamoci se quando
    > scoppia una bomba non lo sapevamo...
    > O è zuppa o pan bagnato..
    >


    http://www.indicius.it/archivio_11_settembre.htm

    e VOLGIO dire pure io...
    quà è zuppa >E< pan bagnato. Che è diverso!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)