SalvaPC.com, è nata la newsletter antivirus

Contro le bufale, i raggiri, i virus e gli altri problemi di sicurezza, per vivere la rete con maggiore libertà, da oggi è attiva una newsletter firmata da Punto Informatico in collaborazione con Symantec Italia. I dettagli

SalvaPC.com, è nata la newsletter antivirusRoma - Una rete più sicura da vivere in maggiore libertà, uno strumento per non cadere vittima di allarmismi ingiustificati, di virus o di bufale e per evitare truffe e raggiri compiuti su internet: questi gli ambiziosi obiettivi di una newsletter che oggi viene lanciata da Punto Informatico e che è realizzata in collaborazione con Symantec Italia.

SalvaPC News, questo il nome del nuovo servizio distribuito come supplemento a quelli già offerti da Punto Informatico, informa solo quando è necessario, spiegando con semplicità quali sono i problemi del momento, come difendere il proprio PC e come evitare spiacevoli conseguenze.

L'idea di PI e Symantec non è quella di fornire una nuova "newsletter sulla sicurezza" ma di dare vita ad uno strumento che sia punto di riferimento per tutti, non solo dei più esperti, e che possa porre un freno al dilagare di fenomeni preoccupanti, dalle bufale allo spam e senz'altro anche ai virus. Si tratta di eventi, come ben sanno i lettori di questo giornale, con cui ogni giorno gli utenti internet e non solo quelli italiani hanno a che fare in misura crescente.
Come accade con tutti i prodotti informativi sviluppati da Punto Informatico, anche SalvaPC News è un servizio completamente gratuito. Si tratta di un servizio richiesto a gran voce dai lettori in questi anni: pertanto gli iscritti alla newsletter di Punto Informatico hanno ricevuto ieri il primo numero del nuovo supplemento distribuito via email.

Chi non avesse ricevuto SalvaPC News può procedere subito all'iscrizione direttamente sul sito di SalvaPC News dove sono presenti anche ulteriori informazioni su quello che Punto Informatico considera un primo serio tentativo di arginare l'invasione di messaggi inutili, indesiderati o persino pericolosi nelle caselle di posta elettronica.
TAG: sicurezza
63 Commenti alla Notizia SalvaPC.com, è nata la newsletter antivirus
Ordina

  • Inviavate una mail di avvertimento a tutti i vostri utenti, spiegando il servizio e dicendo una cosa tipo "rispondi a questa mail per attivare la ricezione della newsletter" oppure "clicca qui per attivare la ricezione della newsletter".

    Avreste comunque raggiunto i vostri utenti, mantenendo nel contempo un comportamento più rispettoso e meno intrusivo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Neural
    > Avreste comunque raggiunto i vostri utenti,
    > mantenendo nel contempo un comportamento più
    > rispettoso e meno intrusivo.

    e' vero, forse hai ragione...
    :-/


    anche se secondo questo ragionamento se domenica prossima (ad esempio) uscisse PI bisognerebbe mandare una email a tutti gli iscritti per dire
    "ciao! da oggi usciamo anche la domenica! vuoi ricevere il sommario anche la domenica e non piu' 5 giorni su 7 ?"

    ;)

    non+autenticato


  • :|

    secondo me non è proprio uguale-uguale.
    la mail aveva proprio una intestazione diversa dal solito ... non era come trovarsi una mail molto nota e periodica ... era un po' diversa...

    un tizio di un ufficio vicino al mio mi ha chiamato per chiedermi come mai l'antivirus non funzionava! ( va beh, pirla lui, ma io che ci posso fare ...)


    - Scritto da: LucaSchiavoni
    > - Scritto da: Neural
    > > Avreste comunque raggiunto i vostri
    > utenti,
    > > mantenendo nel contempo un comportamento
    > più
    > > rispettoso e meno intrusivo.
    >
    > e' vero, forse hai ragione...
    > :-/
    >
    >
    > anche se secondo questo ragionamento se
    > domenica prossima (ad esempio) uscisse PI
    > bisognerebbe mandare una email a tutti gli
    > iscritti per dire
    > "ciao! da oggi usciamo anche la domenica!
    > vuoi ricevere il sommario anche la domenica
    > e non piu' 5 giorni su 7 ?"
    >
    > Occhiolino
    non+autenticato
  • spero che il mio indirizzo email non sia stato dato alla Symantec
    non+autenticato
  • Assolutamente no!

    di la verità: stai scherzando!

    Ciao
    non+autenticato

  • beh, dopo aver ricevuto quella mail aver visto difesa con i denti una cappellata ... adesso io penso quasi quasi di leggermi BENE il contratto di accettazione...

    Triste

    vi apprezzo sempre, ma mi fido meno.



    - Scritto da: zanzibar
    > Assolutamente no!
    >
    > di la verità: stai scherzando!
    >
    > Ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stima e Affetto
    > adesso io penso quasi quasi di leggermi BENE
    > il contratto di accettazione...

    beh ma quelli vanno letti sempre bene!!!Occhiolino)))

    e che fai click click senza leggere ?!?!Occhiolino)))

    comunque tecnicamente la mailing list e' gestita da PI, come gia' detto e come è constatabile.

    ciao!
    non+autenticato


  • - Scritto da: LucaSchiavoni
    > - Scritto da: Stima e Affetto
    > > adesso io penso quasi quasi di leggermi
    > BENE
    > > il contratto di accettazione...
    >
    > beh ma quelli vanno letti sempre bene!!!
    > Occhiolino)))
    >
    > e che fai click click senza leggere ?!?!
    > Occhiolino)))



    noooooooo
    non lo fa mai nessuno!
    specialmente da voi ... tutti pensano che cliccando lasciano i loro averi a voi per 10 generazioni!   A bocca aperta

    hey!!

    io sai cosa ho fatto?
    ho fatto copia e incolla del contrattone, per sicurezza, per non dire "azz non hai letto nulla e oggi non puoi nemmeno leggere il testo!" ... ma ... si, mi sono fidato al 100% e ho fatto click click senza leggere.
    E se ci fosse stato un "unisci i puntini" fatto di "OK" da premere nel cui percorso obbligato fosse stato possibile leggere i vari paragrafi del contratto, credo che sarebbe stato un click click click click a velocità ultrasonica!!!A bocca aperta

    :D
    ti rendi conto? c'era la community! DOVEVO AVERE TUTTO E SUBITO!!!!!A bocca aperta

    clickclickclick!!!!


    > comunque tecnicamente la mailing list e'
    > gestita da PI, come gia' detto e come è
    > constatabile.

    :D    peace, love & eterosex (IMHO) !
    non+autenticato
  • Buongiorno,

    ho ricevuto ieri la newsletter e prima mi ha stupito l'iscrizione automatica, non in linea con il vostro stile.... e in secondo luogo l'idea....

    Verso gennaio 2002 ho registrato il dominio virusalert.it per realizzare un sito informativo (ma davvero informativo) su virus e codici maliziosi, e con un servizio di alert in italiano via e-mail. Per cercare sponsor contattai le 5 principali aziende produttrici di software antivirus, inviando loro un dettaglio dell'iniziativa, in quanto un progetto del genere avrebbe avuto dei costi e che bisogna pur mangiare.... L'unica a mostrare interesse reale fu la Symantec per il tramite della società che ne cura le iniziative di marketing.
    Tale società mi rispose che il progetto sarebbe stato sottoposto ai responsabili della Symantec e che mi avrebbero fatto sapere. Ad oggi non ho ricevuto nessuna risposta in merito. Se non ricevere la mail di salvaPC.com.
    Ora premetto che il progetto per ragioni aziendali si era arenato e che aspettavamo un incorraggiamento da parte di qualche sponsor. Ok che non siamo Punto informatico, ma mi chiedo dove ho sbagliato.
    Una risposta me la sono fatta: il nostro voleva essere un servizio di informazione indipendente (ciò non sponsorizzato da nessuna azienda in particolare ed in via esclusiva) proprio per offrire agli utenti un servizio informativo trasversale alle newsletter delle SW House antivirus e perchè i virus non appartengono a nessuno.
    Rendere il sito utile a tutti gli utenti, sia utenti di Symantec che di altri pacchetti. Laddove le sponsorizzazioni sarebbe state libere e in fuznione di condizioni di mercato libere.
    Invece Voi di P.I. avete fatto la scelta giusta: legarVi ad un azienda: accesso alle informazioni sulla sicuerezza di prima mano, un buon branding fa sempre effetto...... insomma un lavoro facile facile.....
    Io invece ho voluto fare l'idealista ed eccomi qua.... con un idea in meno senza nemmeno sentirmi dire "grazie del suggerimento: la prossima volta però sii più furbo, metta da parte indipendenza e stronzate simili".... Pensare pure che di solito sono geloso delle mie idee e non le sottopongo a nessuno.... poi figuriamoci se Symantec......... - Ho pensato -
    La scelta di essere indipendenti non era una scelta idealistica quanto di marketing, ovvero di percezione da parte dell'utente di un servizio libero laddove l'accesso alle fonti mi sarebbe stato fornito da società di ricerca indipendenti e "a pagamento".
    Tanto è che nello scambio di mail mi venne chiesto se Symantec dovesse fornire i contenuti, ma risposi che non sarebbe stato coerente con il progetto editoriale.

    Tanto dovevo dire. Questo vuol essere solo uno sfogo.... perchè starmene zitto mi avrebbe fatto rodere e mi hanno insegnato che quanto si ha ragione bisogna GRIDARLO....

    Buon lavoro e in bocca al lupo per l'iniziativa e se volete vi posso inviare il progetto e lo storyboard del progetto mio (oppure potete chiedeterlo a Symantec) con un website molto ricco di contenuti che poi vi fa traffico anche sul sito il che non guasta.

    Non sò che genere di ripercussioni eventualmente avrà questa mia mail ma non mi importa.

    PS Avevo anche pensato a P.I. come partner per la fornitura di contenuti e nella gestione del progetto riservandomi di coivolgerVi più in la e poi avevo paura che mi prendeste "in prestito" l'idea.... e poi pensavo che Voi di P.I. fosse un pò troppo "anarchici" e ciò avrebbe guastato l'immagine con gli sponsor...... ma questo succeddeva a gennaio..... oggi qualcosa è cambiato.

    PS2: Non ricordo bene ma una volta c'era la parola "indipendente" nel Vostro slogan??? Perchè io mi iscrissi all'epoca proprio per questa parola, al di là dell'informazione prezzolata che si trava ovunque.

    Grazie dell'ospitalità.

    Michele Giudilli
    Contents srl



    non+autenticato
  • E' chiaro che il mio progetto era limitato solo all'informativa virus e non a tutto il resto (hoax e sicuerezza in genere).

    Michele Giudilli
    non+autenticato
  • Vista la serieta' della vostra redazione sempre
    puntuale ad ogni notizia fornita, spero fortemente
    che la collaborazione con Symantec non porti a
    segnalazioni solo in una direzione.
    Praticamente la mia paura e' che si generi un
    allarmismo associato solo a virus scoperti e
    rilevati dal Norton antivirus.
    non+autenticato
  • IO il norton non ce l'ho e non ho nemmeno gli altri antivirus, semplicemente uso sistemi oerativi che non prendono virus Sorride))

    Linux, Free BSd, Mac OS X

    Ciao

    - Scritto da: Marco
    > Vista la serieta' della vostra redazione
    > sempre
    > puntuale ad ogni notizia fornita, spero
    > fortemente
    > che la collaborazione con Symantec non porti
    > a
    > segnalazioni solo in una direzione.
    > Praticamente la mia paura e' che si generi un
    > allarmismo associato solo a virus scoperti e
    > rilevati dal Norton antivirus.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marina
    > IO il norton non ce l'ho e non ho nemmeno
    > gli altri antivirus, semplicemente uso
    > sistemi oerativi che non prendono virus
    > Sorride))
    > Linux, Free BSd, Mac OS X

    ehm.. forse non sarei cosi sicuro, informati un po.. worms per linux e mac sono in circolazione.

    gli aggiornamenti degli antivirus escono anche per mac... quindi?!?!? di solito sono circa 2 mega per win e due mega per mac, quindi credo che il numero di virus sia lo stesso.


    comunque se uno non ha il norton puo controllare il pc on line aggratiseeee se non erro su www.zdnet.com o www.sarc.com nel caso di virus no?
    ma ce ne sono altri
    http://www.zdnet.it/zdnet/JumpCh.asp?IdChannel=896...

    e comunque oggi come oggi se uno spende 200 euro per un sistema operativo mi sembra il minimo spenderne 50 per avere una minima protezione almeno dai virus.. KLEZ ad un mio amico ha azzerato tutti i file !!! TUTTIIIIiii zeri ao, tutto i jpg doc htm.. azzerati non so se mi spiego.


    non+autenticato
  • Eh, magari... circolano meno ma qualcuno c'è anche per loro. Soprattutto per Mac. E' vero ceh sul piano della sicurezza non c'è confronto (sono un vecchissimo ingegnere Unix) ma per amministratori distratti il rischio del virus c'è pure per loro. Per ora meno, ma se, come spero, Linux et al. continueranno a diffondersi, credo che ne sentiremo parlare
    Ciao
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)