Il Software Libero sbarca anche a Lodi

Aumentano i comuni italiani interessati a spingere l'open source nelle tecnologie istituzionali come alternativa a quelle proprietarie. Dopo Firenze è la volta di Lodi, mentre in Parlamento viene depositata la proposta di legge

Il Software Libero sbarca anche a LodiRoma - Il Consiglio Comunale di Lodi ha adottato una mozione con la quale si appoggia l'introduzione del software libero nei sistemi istituzionali e della pubblica amministrazione come alternativa alle tecnologie proprietarie. Una mozione che ricorda da vicino quella già approvata in tempi recenti anche dal Comune di Firenze.

La mozione, approvata dalla maggioranza di centrosinistra con l'astensione dell'opposizione, conferma e dà grande peso ad alcune delle tesi da sempre sostenute dai paladini dell'open source. Il documento rileva, per esempio: "Si fa presente come l'impiego di prodotti proprietari di aziende che non rilasciano il codice con cui sono stati prodotti i programmi rende di fatto impossibile anche ad esperti sapere esattamente cosa quel programma fa o potrebbe fare". E osserva ancora che questo "ha convinto alcuni paesi tra cui la Francia (ad esempio il Ministero della Cultura, dell'Educazione e del Tesoro), gli USA (comprese agenzie governative come CIA, FBI e NASA), il governo centrale messicano e la Cina a dotare la propria Amministrazione pubblica prevalentemente e preferibilmente di software a codice aperto (open source)".

Riprendendo i temi che erano a suo tempo apparsi nella celebre lettera-appello Soggezione informatica dello Stato italiano alla Microsoft promossa da InterLex, la mozione del Consiglio Comunale di Lodi sottolinea i maggiori costi dei pacchetti proprietari, nominando esplicitamente il caso di Microsoft Office, e della difficoltà di verificare l'effettiva necessità di certi aggiornamenti, considerati costosi. "Si rileva - afferma la mozione - come di alcuni pacchetti software vengano messe sul mercato di continuo nuove versioni, all'atto pratico spesso diverse dalle precedenti solo per pochi dettagli o poche funzioni marginali, e che, come ogni utilizzatore di strumenti informatici ha avuto modo di osservare, spesso non esiste compatibilità fra due versioni di uno stesso prodotto, derivando così che se un qualunque ufficio della Pubblica Amministrazione che ha acquistato i prodotti Office, poniamo, della serie 2000 trasmette per posta elettronica o tramite floppy disk un documento elaborato con questa versione ad un altro ufficio che utilizza ancora i prodotti Office di una serie precedente, quest'ultimo non sarà in grado di leggerlo".
Le accuse ai produttori proprietari contenute nella mozione appaiono circostanziate: "Si tratta, in pratica, per quanto variamente mascherata con licenze multiple, sconti e piani di upgrade, di una costrizione piuttosto discutibile ad acquistare sempre il prodotto più recente".

Secondo il Consiglio Comunale, dunque, solo la scelta del software libero, il cui codice può essere in qualsiasi momento analizzato, offre un paradigma di sicurezza, compatibilità, accessibilità e stabilità del formato tale da garantire efficienza e produttività alla Pubblica Amministrazione, riducendo al contempo i costi di aggiornamento.

"Rilevato che Internet e l'impiego di strumenti informatici diverrà sicuramente quasi un obbligo per ogni abitazione civile (come e più del televisore) di qui a pochi anni - insiste la mozione - non sembra davvero opportuno che in ogni computer, in ogni casa ci sia soltanto software prodotto da una sola azienda e il cui codice non è noto a nessuno tranne che al produttore: questa ipotesi, attualmente estremamente reale, apre scenari preoccupanti almeno in potenza".

La mozione si conclude dunque con un invito all'amministrazione comunale di Lodi affinché preveda la realizzazione di progetti e l'apertura dei budget necessari a verificare i modi e i tempi della progressiva introduzione del software libero quale tecnologia centrale e "preferibile" per i propri sistemi informativi. Al contempo si chiede anche di operare affinché siano sensibilizzati nella stessa direzione anche altri enti pubblici.

Per il software libero in Italia questo sembra essere un momento d'oro. Basti pensare il risalto che ha avuto l'elaborazione prima e la realizzazione poi della proposta di legge per l'introduzione del software libero nella Pubblica Amministrazione nazionale, proposta presentata recentissimamente dal senatore verde Fiorello Cortiana e appoggiata senza riserve dall'intera comunità open source.

Un plauso all'iniziativa del Consiglio Comunale di Lodi è già arrivato dall'Associazione Software Libero.
60 Commenti alla Notizia Il Software Libero sbarca anche a Lodi
Ordina
  • il signor dart vader non ha ancora capito che l'unico comunista è il monopolista.
    infatti, il classico sistema economico in cui esiste solo un soggetto (il monopolista, appunto) è quello sovietico.

    Se vogliamo veramente liberarci del PEGGIO degli ultimi regimi sovietici, dobbiamo APRIRE il MERCATO, abbattendo la statua del "padre" della patria di tutti i monopolisti: microsoft

    Boicottiamo microsoft su tutti i fronti:

    usiamo Mozilla, Apache, Gimp: sono prodotti validissimio anche per chi usa windows.

    evitiamo l'utilizzo del software microsoft, ed evitiamo l'acquisto degli altri suoi prodotti e dei suoi servizi (hotmail ed altri)

    Facciamo terra bruciata intorno a microsoft (soffocatrice di innovazione e di MERCATO), e il solo che ne soffrirà sara il suddetto dart vader (il privilegiato).



    non+autenticato
  • E poi dicono che non sono concetti comunisti...

    No logo = No global = Linux
    non+autenticato
  • - Scritto da: Darth Vader
    > E poi dicono che non sono concetti
    > comunisti...
    >
    > No logo = No global = Linux


    Ehi, mi ricordo di te!! Sei quello che diceva che la Microsoft è grande perchè rilascia una patch alla settimana!!!!

    HAHAHAHAHAAHAHAHAHAHA!!!!!!!

    Non dire in giro che sei di destra, se no le prossime elezioni le vince Bertinotti!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Darth Vader
    > E poi dicono che non sono concetti
    > comunisti...
    >
    > No logo = No global = Linux

    dove abito io la mozione e' stata pianificata (ma non ancora presentata, purtroppo) contemporaneamente da RC/verdi e da AN... fai tu..

    il problema e' che non hai ancora capito che la politica non c'entra un cavolo... se tu vuoi per forza mettercela dentro, fai pure, ma ti ritengo solamente il solito chiacchiero da bar che tra una "se allenassi io la nazionale..." e un "ma stai zitto comunista/fascista!" si trangugia la sua birra con la maglietta della salute sporca e intrisa di sudore...

    e ho come l'impressione di avere azzeccato molto la tua caratterizzazione...

    non+autenticato

  • Se un ufficio salva un file doc con Word 2000, un altro uffico con Word 97 sarà perfettamente in grado di leggerlo.

    Vedremo quando gli arriverà un tex.dvi.tar.gzip insieme al messaggio "compilatelo e stampatelo".
    non+autenticato
  • Da quello che hai scritto si vede che sei intelligente, peccato che non vedi più in la del tuo naso: NON si può dare in pasto ad una sola potenza commerciale dei dati sensibilissimi come quelli delle amministrazioni pubbliche.
    Pensi di essere più intelligente dei governi che ora e (sono sicuro) fra un po' sposeranno questa cultura? Daresti in pasto ad Access i tuoi dati bancari rimanendo con il dubbio che il tuo pc, una volta connesso in internet, comunichi, tramite comandi occulti ai più, tutto alla Microsoft e di rimbalzo a qualche potente organizzazione parastatale (se non statale direttamente...) i tuoi dati?
    Immagini i servizi segreti che usano Excel? Mi vien difficile crederlo, ma se fosse così è un disastro: l'intelligenza sarebbe sostituita dal cieco fanatismo per una sola ditta che ne approfitterebbe senz'altro.
    Amico, siamo già nei guai... non peggioriamo la situazione.
    Ciao.
    non+autenticato
  • > del tuo naso: NON si può dare in pasto ad
    > una sola potenza commerciale dei dati
    > sensibilissimi come quelli delle
    > amministrazioni pubbliche.

    Mah, stanno consegnando tutti i nostri dati a Microsoft ?

    > Pensi di essere più intelligente dei governi
    > che ora e (sono sicuro) fra un po'
    > sposeranno questa cultura? Daresti in pasto
    > ad Access i tuoi dati bancari rimanendo con
    > il dubbio che il tuo pc, una volta connesso
    > in internet, comunichi, tramite comandi
    > occulti ai più, tutto alla Microsoft e di
    > rimbalzo a qualche potente organizzazione
    > parastatale (se non statale direttamente...)
    > i tuoi dati?

    Fantascenza. Sei sicuro che in una distribuzione Linux non ci sia un bel trojan che comunichi il tutto a qualcun'altro ?

    > Mi vien difficile crederlo, ma se fosse così
    > è un disastro: l'intelligenza sarebbe
    > sostituita dal cieco fanatismo per una sola
    > ditta che ne approfitterebbe senz'altro.

    Il fanatismo è delle persone che credono che una decisione, lecita, di qualcuno di adottare software libero sia una vittoria, e quella di adottare software commerciale, una sconfitta spregevole.

    Siamo liberi di adottare il software che vogliamo, prendendocene i pregi e difetti.
    non+autenticato
  • > Mah, stanno consegnando tutti i nostri dati
    > a Microsoft ?

    Puoi esserne certo? Potresti sottoscriverlo??
    Io no, ne in un senso ne nell'altro.

    > Fantascenza. Sei sicuro che in una
    > distribuzione Linux non ci sia un bel trojan
    > che comunichi il tutto a qualcun'altro ?

    Almeno hai un barlume di sicurezza, visto che i codici sono open.


    > Il fanatismo è delle persone che credono che
    > una decisione, lecita, di qualcuno di
    > adottare software libero sia una vittoria, e
    > quella di adottare software commerciale, una
    > sconfitta spregevole.
    >
    > Siamo liberi di adottare il software che
    > vogliamo, prendendocene i pregi e difetti.

    Ti sbagli! La libertà individuale termina dove inizia quella di un altro individuo! TU sei libero di usare quello che vuoi, ma non sei libero di imporlo! E se sei seduto in una poltrona da dove gestisci dati sensibili sei OBBLIGATO a dare (o per lo meno a cercare) certezze sulla correttezza dei tuoi strumenti!

    Tu sei libero di fare quello che vuoi... io non sono libero di gestirti la tua vita!

    Suona bene, mi sono spiegato?

    Mi sembra una cosa semplice!

    Senza rancori.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Er
    > > Mah, stanno consegnando tutti i nostri
    > dati
    > > a Microsoft ?
    >
    > Puoi esserne certo? Potresti sottoscriverlo??

    Io si. Ho una macchina 2000 server dietro un gateway che mi monitorizza il traffico. Di traffico "sospetto" non ne ha mai registrato.

    > Io no, ne in un senso ne nell'altro.

    Allora perchè parli?


    non+autenticato


  • - Scritto da: Rotfl
    >
    >
    > - Scritto da: Er
    > > > Mah, stanno consegnando tutti i nostri
    > > dati
    > > > a Microsoft ?
    > >
    > > Puoi esserne certo? Potresti
    > sottoscriverlo??
    >
    > Io si. Ho una macchina 2000 server dietro un
    > gateway che mi monitorizza il traffico. Di
    > traffico "sospetto" non ne ha mai
    > registrato.
    >
    > > Io no, ne in un senso ne nell'altro.
    >
    > Allora perchè parli?
    >
    >
    Perché non hai capito il senso di quel che ho scritto visto che ti sei incaponito solo sulla prima parte del messaggio... pazienza.
    non+autenticato


  • Io ho fatto notare il fud sui formati, che c'è tutto.
    Sull'utilità o meno di usarli possiamo discutere.
    non+autenticato
  • guarda che non é sempre vero che se salvi un .doc con Word 2000 poi riesci a leggerlo con Word 97 o viceversa !!
    non+autenticato
  • Chi pagherà sarà il povero cittadino di Lodi. Se un dipendente comunale aveva problemi a mandare il documento in formato RTF (così che tutte le versioni di Office, StarOffice, ecc.) potessero leggerlo, figuriamoci quando si troverà di fronte alla shell di Linux.
    Già me lo vedo, file di 10 ore per un certificato, pratiche mescolate, ecc.

    Mah, non sarebbe costato meno fare prima un bel corso di informatica senza cambiare nulla ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Antibufala
    ]zac[

    ahahah. che trollata, galattica, come se gli sportellisti sapessero invece rinstallare office, sbloccare il correttore ortografico quanto decide che quello che scrivi e' degno di crash ...

    > Mah, non sarebbe costato meno fare prima un
    > bel corso di informatica senza cambiare
    > nulla ?

    A ecco, gia' meglio, tu vuoi che non cambi nulla.
    Infati non cambiera' nulla, i dipendenti faranno click e clack, sono che sotto non ci saranno programmi ms.

    P.S. ci saranno dei corsi di recupero per drogati ms
    non+autenticato
  • > ahahah. che trollata, galattica, come se gli
    > sportellisti sapessero invece rinstallare
    > office, sbloccare il correttore ortografico
    > quanto decide che quello che scrivi e' degno
    > di crash ...

    Vogliamo confrontare l'usabilità di un sistema win con quello Linux ?

    > P.S. ci saranno dei corsi di recupero per
    > drogati ms

    Drogati ms ? Mah, mi sa che ti sei fumato qualche cosa ...
    non+autenticato
  • > Vogliamo confrontare l'usabilità di un
    > sistema win con quello Linux ?
    infatti non v'e paragone...linux e 10000000 volte meglio...
    non+autenticato


  • > Lodi. Se un dipendente comunale aveva
    > problemi a mandare il documento in formato
    > RTF (così che tutte le versioni di Office,
    > StarOffice, ecc.) potessero leggerlo,
    > figuriamoci quando si troverà di fronte alla
    > shell di Linux.

    eggià, perchè tu il documento rtf lo leggi da shell... altre leggende metropolitane no? tipo il dipendente come fa a ricompilare il kernel, dove troverà i driver, come farà a configurarsi internet, i dns e i firewall?
    te l'hanno mai detto che ai dipendenti i pc arrivano già configurati, e che sicuramente verranno usati kde o gnome? il dipendente non vedrà mai una shell in vita sua.

    > Già me lo vedo, file di 10 ore per un
    > certificato, pratiche mescolate, ecc.

    certo, perchè invece con i sw ms non ci sono code... è scritto nella eula...

    >
    > Mah, non sarebbe costato meno fare prima un
    > bel corso di informatica senza cambiare
    > nulla ?

    perchè non cominci tu? di informatica conosci qualche luogo comune, niente di più.
    non+autenticato
  • > > Lodi. Se un dipendente comunale aveva
    > > problemi a mandare il documento in formato
    > > RTF (così che tutte le versioni di Office,
    > > StarOffice, ecc.) potessero leggerlo,
    > > figuriamoci quando si troverà di fronte
    > alla
    > > shell di Linux.
    >
    > eggià, perchè tu il documento rtf lo leggi
    > da shell... altre leggende metropolitane no?

    Hai fatto un'associazione che non esiste. Se sai leggere (la tua affermazione fa pensare il contrario), che non ho mai scritto che l'rtf la apri con la shell.

    > arrivano già configurati, e che sicuramente
    > verranno usati kde o gnome? il dipendente
    > non vedrà mai una shell in vita sua.

    Calma calma. Ho Mandrake 8.0 eppure la shell la vedo parecchio. Prima che diventi user friendly come Win ci vorrà ancora un pò di tempo.

    > certo, perchè invece con i sw ms non ci sono
    > code... è scritto nella eula...

    Hai mai visto come ragiona un dipendente pubblico ? Se gli sposti un pulsante da dx a sx si perde...

    > perchè non cominci tu? di informatica
    > conosci qualche luogo comune, niente di più.

    Perchè non fai un corso di italiano ?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Antibufala

    > Hai mai visto come ragiona un dipendente
    > pubblico ? Se gli sposti un pulsante da dx a
    > sx si perde...

    Verissimo. Ho visto un impiegato perfino rifiutarsi di cambiare una cartuccia di una Epson (pur avendola in mano), perchè non era nel suo mansionario.
    non+autenticato
  • > Hai fatto un'associazione che non esiste. Se
    > sai leggere (la tua affermazione fa pensare
    > il contrario), che non ho mai scritto che
    > l'rtf la apri con la shell.

    hai perfettamente ragione, ti chiedo scusa.


    > Calma calma. Ho Mandrake 8.0 eppure la shell
    > la vedo parecchio. Prima che diventi user
    > friendly come Win ci vorrà ancora un pò di
    > tempo.

    si, questo è vero, pero' se dai in mano un so configurato come si deve (stampanti, programmi,ecc) a un dipendente, cosa va a fare nella shell? penso niente.

    non+autenticato
  • Sicuramente il software microsoft costa troppo, e sopratutto è di gran lugga troppo sofisticato: secondo me il 90% degli utenti usa il 10% delle sue funzioni. Io ho usato Word per scrivere la tesi e mi pare di aver visto si e no il 5% del programma; figuratevi che l'utilizzo principale di Word negli uffici è per scrivere lettere e fax...... volete che non sia adatto anche Abiword per quello???? o al limite, se proprio si vuole rimanere in Windows, di sicuro il wordpad si può usare per farci la maggior parte del lavoro.

    In ogni caso, non è la prima volta che leggo che le versioni sono incompatibili e questo non lo trovo completamente esatto: voglio dire che "mamma MS" garantisce la compatibilità all'indietro dei programmi, ma ovviamente non se utilizzate le funzioni peculiari della versione più recente: il problema è solo che tutto è di default attivato e così ogni volta che salvate una lettera in Word 2K con giusto due font e una tabella in effetti il vostro file può non essere compatibile con il 97. Si può però sempre attivare l'opzione "Disattiva funzionalità non supportate da Word 97" in "Strumenti/Opzioni/Salva" e la compatabilità è (speriamo) assicurata.......





    non+autenticato

  • > sicuro il wordpad si può usare per farci la

    Ma secondo te come mai da wordpad hanno rimosso l'allineamento giustificato del paragrafo?
    non+autenticato

  • > Si può però
    > sempre attivare l'opzione "Disattiva
    > funzionalità non supportate da Word 97" in
    > "Strumenti/Opzioni/Salva" e la compatabilità
    > è (speriamo) assicurata.......

    Gia' fatto da molto tempo: formato predefinito RTF. Ogni volta che salvo mi chiede: "ma sei sicuro (deficiente) di voler utilizzare il formato che hai scelto? Potresti perderti delle cose... ecc."
    A casa mia si chiama FUD.
    Ciao.

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)