Distruggere IE, diffondere Firefox

Nasce un movimento anti-Microsoft, chiamato Explorer Destroyer: gli attivisti si appoggiano e confidano in Google. Diffondono script che bloccano l'accesso alle pagine web per gli utenti del browser Microsoft

Roma - Guerra dei browser, atto secondo: dopo la sfida tra produttori, Microsoft, Opera e Mozilla, la lotta infiamma anche alle radici del conflitto e coinvolge direttamente gli utenti finali. Alcuni utilizzatori di Firefox, il noto browser open-source, hanno infatti lanciato la campagna di mobilitazione Explorer Destroyer, una "protesta" certamente poco pacifica che mira a "far diventare Internet Explorer un browser di minoranza".

"È tempo di fare sul serio", si legge sul sito dell'iniziativa. I creatori della protesta hanno infatti programmato uno script anti-IE che i gestori di siti web potranno installare sulle proprie pagine per tenere alla larga gli utenti Microsoft e bersagliarli di pubblicità pro-Firefox. Secondo una recente ricerca del gruppo Forrester, Firefox è il terzo browser più diffuso di Internet dopo IE ed AOL.

"La missione è semplice", dicono i membri di Explorer Destroyer rivolgendosi ai potenziali sostenitori, "ed è in ballo il futuro del web: installate il plug-in sui vostri siti ed i vostri visitatori potranno convertirsi in modo pacifico per salvare la propria anima e per farvi guadagnare soldi".
Già, perché l'iniziativa di protesta di appoggia ad una recente presa di posizione da parte di Google: il grande motore di ricerca, attraverso il proprio programma pubblicitario AdSense, pagherà un dollaro per ogni Firefox installato attraverso un'apposita campagna di banner testuali e grafici. Lo script di Explorer Destroyer visualizza appunto questo tipo di spazi pubblicitari.

Non solo: contemporaneamente, Google ha iniziato a promuovere Firefox direttamente sulla homepage del distaccamento americano. "Siamo veramente felici di tutto questo", riferiscono i portavoce di Mozilla. "Google sta promuovendo Firefox perché vuole garantire maggiore sicurezza", rispondono i delegati del motore di ricerca.
329 Commenti alla Notizia Distruggere IE, diffondere Firefox
Ordina
  • un'altro con la mania di onnipotenza
    si scrive senza l'apostrofo
    non+autenticato
  • ma molte volte ci si azzecca.....

    quante volte e' successo che una ditta si scagliasse contro MS e continuasse a fare la voce grossa (in base alle proprie capacita' ) solo per avere un accordo con essa.......

    La ditta fa un accordo con MS per fare in modo che i suoi servizi/prodotti funzionino meglio con windows e pace fatta.

    Antitrus, Monopolio, Abuso di posizione dominante, Abuso di altro....... tutto dimenticato e amiconi piu' di prima........
    non+autenticato
  • Non occorrono script o altre strane idee ampiamente criticabili per tagliare fuori IE!

    Basta fare un sito aderente agli standard W3C, in XHTML e servito con mime-type application/xhtml+xml (per chi sa di cosa parlo)! Usate estensivamente i CSS 2 e via dicendo.

    Vi assicuro che funzionerà con tutti i browser moderni (Firefox, Opera, Safari, Konqueror), ma non con IE, versione 7 compresa.

    Un sistema molto più onesto per raggiungere lo scopo! A bocca aperta
    non+autenticato
  • Una piccola considerazione di cui forse pochi si sono accorti: possibile che google faccia questo (o appoggi questa campagna) per mettere fuori gioco IE?
    Chiunque sano di mente e con i piedi ben piantati per terra sa che questa campagna non può funzionare in alcun modo.
    Se proprio Google volesse mettere ko IE si potrebbe muovere in prima persona, ad es. impedendo agli utenti di IE di accedere alle sue aree riservate, come la home personalizzata e gmail: non lo trovate più logico?
    Quindi, fate molta attenzione perché questi annunci sono sospetti.
    Una considerazione per tutti: ho sentito qualcuno che metteva in dubbio il fatto che IE sia un problema per il web, addirittura affermare che gli standard limitano la libertà dell'uomo!!!
    Questo mi fa cadere le braccia: IE è IL problema del web: i controlli ActiveX sono il più grande buco della rete, il suo non aderire agli standard costringe gli sviluppatori a scrivere due volte il codice css e javascript (provate a controllare se volete: prendete qualunque sito a grossa diffusione e verificate i sorgenti!), raddoppiando o triplicando i costi di sviluppo e mantenimento: un 10% del peso delle pagine web serve solo per renderle visibili a IE... E poi: gli standard rendono liberi l'uomo: sono decisi dai più grandi esperti al mondo e servono per evitare che gli utenti siano schiavi delle multinazionali.
    Di fatto sono contrario ad ogni guerra di religione: se IE si rivelerà migliore perché non usarlo; ma ora è di gran lunga il peggiore...
    Mi dispiace doverlo ribadire a tutti gli ingenui: IE vive solo perché è parte integrante di Win; ok, lasciamolo preinstallato in Win, ma diamo la possibilità di rimuoverlo e non rendiamolo obbligatorio per il live update. Basterebbe questo a dimezzarne l'uso: se non uscisse con Win non arriverebbe nemmeno all'1%!
    non+autenticato
  • a tempi record è stata data la patch per l'ultima vulnerabilità scoperta.
    http://ftp.mozilla.org/pub/mozilla.org/firefox/nig...
    a presto la disponibilità in "aggiornamenti incrementali"
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > a tempi record è stata data la patch per l'ultima
    > vulnerabilità
    > scoperta.
    > http://ftp.mozilla.org/pub/mozilla.org/firefox/nig
    > a presto la disponibilità in "aggiornamenti
    > incrementali"


    e' ancora beta, il tempo lo calcolerei quando viene rilasciata la versione ufficiale.

    corregge anche questo?

    http://www.securident.com/vuln/ffdos.htm
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | Successiva
(pagina 1/11 - 51 discussioni)