Attenzione! Il monitor ti osserva

Apple brevetta un sistema per innestare microsensori visivi all'interno della struttura dei monitor a cristalli liquidi: l'insolito risultato è uno schermo capace di acquisire e riprodurre immagini

Cupertino (USA) - Lo schermo del futuro, secondo Apple, sarà in grado di catturare immagini grazie a sensori visivi integrati nella struttura LCD. I progettisti dell'azienda californiana hanno infatti brevettato una tecnologia che apre la strada alla nascita dei "monitor che osservano", ovvero schermi con funzione di input ed output grafico.

L'idea è semplice e si basa sull'inserimento di migliaia di microsensori CCD "diffusi" su tutta la superficie dello schermo. Le varie immagini ottenute da ciascuna microcella ottica, attraverso un software, vengono poi ricomposte per creare un'unica immagine. Un chip aggiuntivo DSP avrà il compito di mantenere sempre il fuoco e di regolare i parametri foto-ottici per assicurare una resa sempre ottimale.

Si tratta di una piccola rivoluzione nel mondo dell'informatica e di una grande innovazione, capace di trasformare completamente l'uso degli strumenti elettronici. Ad esempio, nel settore delle videoconferenze e della comunicazione interpersonale gli utenti non avranno più bisogno di webcam o altre periferiche e godranno sempre di un'inquadratura perfetta semplicemente osservando il proprio schermo.
Allo stesso modo, questa tecnologia potrebbe essere inserita all'interno di dispositivi mobili come terminali cellulari o PDA. Le possibilità sono infinite e senza dubbio interessanti, anche se qualcuno si interroga: sarà sempre possibile disabilitare questa funzione oppure i computer Apple, in futuro, saranno tutti dotati di questa funzione che i soliti catastrofisti hanno già denominato " Grande Occhio "?
24 Commenti alla Notizia Attenzione! Il monitor ti osserva
Ordina
  • vi assicuro che questo tipo di nuova tecnologia e' attualmente gia' in circolazione sopratutto nelle video chat americane e russe dove le shows girl si fanno delle belle risate davanti al segaiolo di turno.altro che video conferenze.l'industria del sesso e'la prima a sperimentarle non a caso e' gia' business sulla rete ,ma l'ignaro utente cliente e' all'oscuro di tutto .pensate al politico che entra in una di queste chat puo' subire una ripresa video col belino in mano davanti ad una bionda da sballo e poi essere ricattato .
    non+autenticato
  • questa tecnologia a mio avviso non offre per il consumatore alcun vantaggio funzionale. Infatti non c'e' nulla in piu' (aspetto suggerimenti ovviamente)che una cam integrata in un portatile in un cellulare o in una tv non possa gia' fare. Chi costruira' questi prodotti potra' scegliere quale implementare, ma l'utente non ricevera' reali vantaggi dal suo uso.

    posibili usi:

    video chiamate dalla tv.

    Qualcuno potra' ritenere interessante la possibilita' di videochiamare usando la tv. Le videochiamate ad oggi non hanno avuto un grande successo, ma l'avere un dispositivo integrato in uno strumento cosi' popolare potrebbe dare un impulso all'uso di questa pratica. Ovviamente il successo sara' determinato dalla gratuita' del servizio dovuta all'integrazione dei televisori con internet. Rimane il fatto che l'avere il monitor o una cam integrata per il consumatore non fa alcuna differenza sempre a mio avviso.

    marketing.

    Potrebbe inaugurarsi una nuova stagione auditel.
    una scheda potrebbe elaborare le espressioni dei volti di chi sta guardando uno spot e calcolare un indice di gradimento emotivo da inviare online ad un database. Questo potrebbe venir implementato salvaguardando la privacy, cio' non toglie che una tale pratica debba essere dichiarata, e che si debba dare la possibilita' di disattivare il sistema.

    medicina.

    ancora una volta il sistema non fa nulla di piu' di quello che potrebbe fare una cam. Sto parlando ovviamente di telediagnosi, nei cui confronti peraltro i medici si sono mostrati estremamente riluttanti.

    applicazioni di sicurezza.

    un operatore video potrebbe essere telecontrollato senza l'ausilio di una videocamera, l'unico "vantaggio" che mi viene in mente e' quello di farlo all'insaputa del controllato, il che e' attualmente una pratica non esattamente legale. In un futuro prossimo potrebbe essere difficile capire se ci si puo' fidare di un monitor, visto che in qualuque di questi si potrebbe celare un sistema di video input.

    Se avete qualche applicazione da illustrare che realmente evidenzi un reale vantaggio nello sviluppo di questa tecnologia siete caldamente pregati di descriverla (lo dico senza polemica e con sana curiosita'§).

    hola
    non+autenticato
  • quando il tecnico dirà che il computer non vede la stampante, l'utonto potrà mettere il monitor in direzione della stampante a ragion veduta A bocca aperta
    non+autenticato
  • E se uno si trastulla il piffero davanti uno di questi monitor ?
    Maiale
    2744

  • - Scritto da: Maiale
    > E se uno si trastulla il piffero davanti uno di
    > questi monitor
    > ?

    Puo' fare a meno della telecamera...
    non+autenticato
  • Sei un genioSorride))
    non+autenticato
  • Non per vantarmi, ma personalmente ho accolto la notizia come un qualcosa che aspettavo da tempo: una quindicina di anni fa mi divertii a ipotizzare un sub-notebook il cui display presentava, inserito all'interno di ogni elemento ottico circolare, un altro elemento quadrato ottenendo una 'griglia' da cui si poteva acquisire qualsiasi immagine posta sul lato opposto del display, sia come uno 'scatto' fotografico sia poggiando lo schermo ribaltato su un documento, a mo' di scanner. La battezzai 'square-in-circle' ed era una delle caratteristiche rivoluzionarie di quell'ipotetico computer, che avevo a sua volta battezzato col nome di KnowLedger e conteneva altre tecnologie di cui solo alcune sono state finora realizzate (una era il rendering in stampa digitale dei documenti, ideato poi da Adobe col nome di Acrobat PDF). Un'altra, che riguarda sempre la stampa, era la capacita' di collegare il portatile a una qualsiasi uscita Centronics (allora esistevano solo quelle) simulando una stampante e acquisendo cosi' qualsiasi documento anche da software obsoleti, purche' in grado di stampare, con la possibilita' di ricodificarlo in formato testo o tabellare se necessario (usando l'OCR) dopo la renderizzazione, oppure 'leggendo' semplicemente i caratteri ASCII inviati dalla porta del computer cui era collegato.
    Certo, le mie restano fantasie di un geek ma non puo' che farmi piacere quando vedo realizzare qualcosa di simile a quanto ipotizzavo da 'ragazzo', e soprattutto quando a farlo e' un'azienda come Apple, con la speranza che sia parte di un nuovo 'device' rivoluzionario e come sempre utile e bello. Incrociamo le dita! Sorride
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Non per vantarmi, ma personalmente ho accolto la
    > notizia come un qualcosa che aspettavo da tempo:
    > una quindicina di anni fa mi divertii a
    > ipotizzare un sub-notebook il cui display
    > presentava, inserito all'interno di ogni elemento
    > ottico circolare, un altro elemento quadrato
    > ottenendo una 'griglia' da cui si poteva
    > acquisire qualsiasi immagine posta sul lato
    > opposto del display, sia come uno 'scatto'
    > fotografico sia poggiando lo schermo ribaltato su
    > un documento, a mo' di scanner. La battezzai
    > 'square-in-circle' ed era una delle
    > caratteristiche rivoluzionarie di quell'ipotetico
    > computer, che avevo a sua volta battezzato col
    > nome di KnowLedger e conteneva altre tecnologie
    > di cui solo alcune sono state finora realizzate
    > (una era il rendering in stampa digitale dei
    > documenti, ideato poi da Adobe col nome di
    > Acrobat PDF). Un'altra, che riguarda sempre la
    > stampa, era la capacita' di collegare il
    > portatile a una qualsiasi uscita Centronics
    > (allora esistevano solo quelle) simulando una
    > stampante e acquisendo cosi' qualsiasi documento
    > anche da software obsoleti, purche' in grado di
    > stampare, con la possibilita' di ricodificarlo in
    > formato testo o tabellare se necessario (usando
    > l'OCR) dopo la renderizzazione, oppure 'leggendo'
    > semplicemente i caratteri ASCII inviati dalla
    > porta del computer cui era
    > collegato.
    > Certo, le mie restano fantasie di un geek ma non
    > puo' che farmi piacere quando vedo realizzare
    > qualcosa di simile a quanto ipotizzavo da
    > 'ragazzo', e soprattutto quando a farlo e'
    > un'azienda come Apple, con la speranza che sia
    > parte di un nuovo 'device' rivoluzionario e come
    > sempre utile e bello. Incrociamo le dita!
    >Sorride

    andavi negli usa, ti registravi l'idea e adesso ti facevi i soldi...
    non+autenticato
  • Non basta l'idea, è quello il fatto, altrimenti tutti i registi di fantascienza e simili dovrebbero riscuotere a camionate
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)