Resa dei conti per il cracker del Pentagono

Ci si attende l'estradizione dal Regno Unito per Gary McKinnon, atteso negli USA, dove rischia decenni di carcere per aver bucato server che avrebbero dovuto essere sicuri

Londra - Gary McKinnon, il britannico ricercato dal Pentagono per aver violato i sistemi informatici della NASA e dell'esercito americano , sta per affrontare il verdetto dei giudici inglesi: se verrà concessa l'estradizione negli USA rischia fino a 70 anni di reclusione.

"Volevo solo sapere se gli UFO esistono": così si difende il cracker a cui il Dipartimento di Giustizia americano ha attribuito un alto livello di pericolosità. I giudici britannici decideranno il prossimo 10 maggio se estradare McKinnon negli USA , dove lo attendono accuse che potrebbero costargli fino a settanta anni di reclusione . McKinnon, infatti, è più volte penetrato all'interno dei sistemi informatici della NASA e dell'esercito statunitense.

McKinnon non è un ragazzino, è un uomo di 39 anni che non tutti si sentono di condannare per le proprie scorribande digitali. "Avevo visto il film War Games - ha dichiarato in una intervista alla Reuters - e ricordo chiaramente di aver ammirato, all'epoca, il giovane e brufoloso teenager alle prese con un potente sistema informatico militare". E ci sono blogger che difendono il cracker arrivando a sostenere che aver bucato quei sistemi è stato un bene, perché ne ha dimostrato la fallibilità.
Il cracker britannico "Sono estremamente preoccupato", ha detto McKinnon alla stampa locale, "perché se verrò estradato negli Stati Uniti ci sono buone possibilità che finisca sotto un tribunale militare segreto". Con le attuali leggi antiterrorismo statunitensi, infatti, McKinnon rischia addirittura la prigionia presso il temutissimo carcere di Guantanamo Bay , frequentato dai criminali affiliati ad al Quaeda.

"Non ho mai fatto niente di malevolo", si difende il cracker, "ma mi sono sempre limitato ad utilizzare le falle di alcuni software molto diffusi sul mercato". Solo , questo il nickname di McKinnon, è così entrato in un numero di sistemi top-secret del network militare statunitense senza penare molto: in molti casi, ha dichiarato, "sono entrato dentro sistemi privi di password per l'accesso".

Secondo gli inquirenti statunitensi, McKinnon ha causato ben 700mila dollari di danni . "Non avevo alcuna intenzione di causare danni ma solo di scoprire se il governo statunitense stesse nascondendo qualcosa sugli UFO e sugli alieni", ha ribadito McKinnon.
18 Commenti alla Notizia Resa dei conti per il cracker del Pentagono
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)