USA, blindatura dei contenuti dietro l'angolo

Avanza al Congresso una nuova versione della broadcast flag. L'obiettivo è rendere obbligatoria la blindatura antipirateria di quanto trasmesso da tutte le Tv e le radio digitali d'oltreoceano. Open source fuori gioco

Washington (USA) - Le emittenti televisive e radiofoniche digitali tremano e sono costrette ad affrontare l'ennesimo assalto frontale dei legislatori statunitensi: il cosiddetto broadcast flag, l'espediente per blindare del tutto i contenuti digitali, è riaffiorato nell'ultima proposta legislativa sulle telecomunicazioni - la stessa che dovrebbe garantire la neutralità della rete.

La proposta, avanzata dal senatore Ted Stevens, ormai noto come zar antipirateria , obbligherebbe qualsiasi produttore di hardware audiovisivo ad implementare tecnologie DRM compatibili con gli standard dettati di volta in volta dalla FCC, l'ente governativo che vigila sulle telecomunicazioni. Lo scotto da pagare per la violazione delle norme è l'impossibilità di vendere e produrre apparecchi in grado di registrare programmi audiovisivi digitali .

Insieme alla produzione ed all'uso di normali apparecchi di registrazione , l'eventuale approvazione del broadcast flag eliminerebbe la possibilità di usare software open source per creare emittenti digitali , televisive o radiofoniche. I software open source, infatti, sono considerati "modificabili" e quindi facilmente aggirabili dai pirati multimediali: allo stato attuale delle cose, questi sistemi "insicuri" verrebbero immediatamente messi al bando da FCC.
Non è la prima batosta che il mercato delle piccole emittenti digitali statunitensi ha dovuto subire: nei giorni scorsi è stata presentata presso il parlamento americano la cosiddetta legge anti-ripping, che equipara ogni emittente digitale via Internet o via satellite ad un qualsiasi "servizio di download", tecnicamente identico ad iTunes.

Oltre alle proposte di legge, negli USA avanzano anche le tecnologie di blindatura : nei giorni scorsi ha sollevato molto rumore quella sviluppata da Philips e per la quale è stato richiesto un brevetto negli States, un sistema pensato per impedire al telespettatore di cambiare canale durante la pubblicità o di saltarla in caso di trasmissioni registrate.

Tommaso Lombardi
51 Commenti alla Notizia USA, blindatura dei contenuti dietro l'angolo
Ordina
  • Non si rendono conto in che senso si muoverà il senso di libertà della gente, rischiano di esagerare e scatenare reazioni che saranno anche pesanti nei loro confronti e contro le blindature in genere.
    Se io smetto di consumare, e per quanto riguarda certe cose lo posso fare benissimo io in 3 mesi li riduco sul lastrico !
    il problema è che vivo con qualche miliardo di faciloni che non capiscono il potere che hanno in mano.
    non+autenticato
  • Presso alcune popolazioni papuasiche della Papua Nuova Guinea e dei territori orientali occupati dall'Indonesia, le "povere vittime" del furto di un maialino o di una misera quantità di patate non vanno per il sottile: rispettando la tradizione, possono benissimo uccidere il ladro (anche per mangiarselo) o quantomeno fargli tutto ciò che vogliono.
    A mio parere, la politica repressiva propugnata da RIAA ed MPAA è basata sullo stesso principio, solo rivisitato in chiave moderna.
  • Più leggo queste notizie e più penso che la follia abbia preso il sopravvento nella mente di queste persone. Non riesco ad immaginare una persona che possa accettare imposizioni simili, senza dire una parola, e che continui a comprare a comprare a comprare, come niente fosse. C'è qualcosa di profondamente sbagliato in tutto questo...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Non riesco ad immaginare una
    > persona che possa accettare imposizioni simili,
    > senza dire una parola, e che continui a comprare
    > a comprare a comprare, come niente fosse. C'è
    > qualcosa di profondamente sbagliato in tutto
    > questo...

    E' il Mercato. Capito perché non abbiamo speranze?
  • Ciao a Tutti !

    Oltre alle proposte di legge, negli USA avanzano anche le tecnologie di blindatura : nei giorni scorsi ha sollevato molto rumore quella sviluppata da Philips e per la quale è stato richiesto un brevetto negli States, un sistema pensato per impedire al telespettatore di cambiare canale durante la pubblicità o di saltarla in caso di trasmissioni registrate.

    In effetti mi stavo chiedendo cosa aspettarssero ad inserire anche questa teconlogia, tutto per il nostro bebe, si intende.
    Boh, forse un lato positifo in tutto questo c'è ... MAGARI (ma veramente MAGARI) la gente imparerà a fare a meno della televisione.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 maggio 2006 14.00
    -----------------------------------------------------------

  • Non so voi, ma uso le radio shoutcast poiche' e' l'unico posto dove si trovano quelle dedicate che fanno la musica che piace a me; per ascoltarle uso a volte winamp per windows e linux ma prevalentemente una xbox con il mediacenter installato (uscita spdif).
    C'e' una lista aggiornata in tempo reale con la lista delle 500 radio piu' ascoltate dove trovate moltissime radio musicali molto settorizzate in specifici generi mosicali dove quelle che fanno musica disco anni '80 stanno sempre in alto; fra le varie ricordo anche una radio che trasmetteva solo materiale dei Pink Floyd 24 ore al giorno ed aveva nel suo archivio una grande quantita' di rarita' introvabili.
    In particolare ho trovato la musica che interessava a me con almeno 4 o 5 radio che fanno space rock, psichedelia, ambient e derivati e si tratta di materiale molto di nicchia.

    Se questa legge passa tutto questo sparisce, non esiste un sistema di diffusione alternativo che abbia lo stesso potenziale per cui l'intero sistema di radio su Shoutcast e' destinato a sfaldarsi; forse e' a questo che mirano.

    non+autenticato
  • Ti chiedo solo un favore:
    qualche link Sorride

    TnKs

    - Scritto da:

    > Non so voi, ma uso le radio shoutcast poiche' e'
    > l'unico posto dove si trovano quelle dedicate che
    > fanno la musica che piace a me; per ascoltarle
    > uso a volte winamp per windows e linux ma
    > prevalentemente una xbox con il mediacenter
    > installato (uscita
    > spdif).
    > C'e' una lista aggiornata in tempo reale con la
    > lista delle 500 radio piu' ascoltate dove trovate
    > moltissime radio musicali molto settorizzate in
    > specifici generi mosicali dove quelle che fanno
    > musica disco anni '80 stanno sempre in alto; fra
    > le varie ricordo anche una radio che trasmetteva
    > solo materiale dei Pink Floyd 24 ore al giorno ed
    > aveva nel suo archivio una grande quantita' di
    > rarita'
    > introvabili.
    > In particolare ho trovato la musica che
    > interessava a me con almeno 4 o 5 radio che fanno
    > space rock, psichedelia, ambient e derivati e si
    > tratta di materiale molto di
    > nicchia.
    >
    > Se questa legge passa tutto questo sparisce, non
    > esiste un sistema di diffusione alternativo che
    > abbia lo stesso potenziale per cui l'intero
    > sistema di radio su Shoutcast e' destinato a
    > sfaldarsi; forse e' a questo che
    > mirano.

    Se si pensa che e' possibile salvarsi il locale lo stream...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)