IBM: ecco l'RFID che difende la privacy

Big Blue ha realizzato un'etichetta RFID destinata alla grande distribuzione: i consumatori, una volta acquistato il prodotto chippato ne possono strappare una parte. Per tutelarsi

Anchorage (USA) - I laboratori di ricerca IBM hanno creato una etichetta a radiofrequenza per salvare la privacy dei consumatori. Nata da un'idea semplice ma efficace, la nuova tecnologia a radiofrequenza permette alle grandi catene di distribuzione di lasciare inalterate le proprietà identificative dei chip inseriti nei prodotti in vendita ed al tempo stesso di salvaguardare la riservatezza degli acquirenti. Questo perché le etichette possono essere strappate, così da limitare la portata del segnale radio .

In questo modo, spiega Eric Gabrielson di IBM, "si può sempre leggere le informazioni contenute nel chip RFID, ma soltanto da una distanza di pochi centimetri". Il consumatore, al momento dell'acquisto di un prodotto "chippato", potrà infatti staccare l'antenna integrata nell'etichetta a radiofrequenza.

Senza antenna, la portata del chip scende da molti metri a pochi centimetri. L'accorgimento servirà ad evitare a monte le potenziali spiacevoli conseguenze della tecnologia RFID, quali la possibilità d'essere rintracciati a distanza dopo l'acquisto di un oggetto così etichettato.
Nonostante l'Italia sia ancora indietro, negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna la tecnologia RFID sta prendendo sempre più piede, soprattutto nel settore della grande distribuzione commerciale, dove si avvia a sostituire l'onnipresente sistema di codici a barre. Le etichette a radiofrequenze, solitamente, vengono utilizzate anche in ambito biometrico, come ad esempio nei cosiddetti passaporti elettronici e nelle carte di pagamento dotate di smart-chip.
TAG: rfid, privacy
6 Commenti alla Notizia IBM: ecco l'RFID che difende la privacy
Ordina
  • al momento dell'acquisto immettendolo in un forte campo magnetico, come fanno adesso con gli antitaccheggio...
    il fatto che non lo propongano è indicativo della loro volontà di tracciarti anche fuori dal negozio..
    non+autenticato

  • Ci voleva tanto?

    Un Rfid che si strappa quando lo porti a casa.

    Con l'atenna streappata sei sempre tracciabile, quindi IBM non ha cambiato la sostanza della cosa.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > Ci voleva tanto?
    >
    > Un Rfid che si strappa quando lo porti a casa.
    >
    > Con l'atenna streappata sei sempre tracciabile,
    > quindi IBM non ha cambiato la sostanza della
    > cosa.

    O si che l'ha cambiata. Prima l'unica soluzione era quella dei chip disabilitabili.
    Tecnologia un po' più costosa del "Primo prezzo" ma realmente risolutiva. Ora c'è una finta alternativa che permetterà di usare gli RFID per il controllo (basterà aumentare la potenza del segnale, con i relativi rischi per la salute di cui non frega niente ai vari servizi più o meno segreti, la sicurezza nazionale viene prima di tutto, secondo loro) e allo stesso tempo tranquillizzare il popolo bue, "vedi, basta strappare e non possono più leggerlo". Grande. Un esempio stupendo di manipolazione del pensiero, di sfruttamento delle particolarità della mente umana (l'operazione semplice, l'attività manuale, il rinforzo, ecc.). Un capolavoro.
    non+autenticato
  • staccare l'antenna non salva la privacy, semplicemente rende lievemente piu' difficile leggere il tag rfid!

    leggere difficoltosamente il tag non è sinonimo di proteggere la privacy, xkè io con un palmare in tasca, vicino al tuo tag, lo leggo e volendo lo sovrascrivo!

    leggete http://www.bicocca.net/web/index.php?name=UpDownlo...

    non+autenticato
  • Non sovrascrivi niente. Spesso le aree di memoria contenenti l'ID vengono programmate dal fabbricante del tag e non sono riscrivibili. Inoltre le aree modificabili vengono cifrate in modo diverso da ogni compagnia che ne fa uso
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Non sovrascrivi niente. Spesso le aree di memoria
    > contenenti l'ID vengono programmate dal
    > fabbricante del tag e non sono riscrivibili.
    > Inoltre le aree modificabili vengono cifrate in
    > modo diverso da ogni compagnia che ne fa
    > uso


    ti ha proposto un link molto interessante... perchè non lo vai a leggere prima di scrivere?
    non+autenticato