Net art contro le grandi opere

Singolare exploit del Comitato che si batte anche in rete contro una serie di grandi opere che si vorrebbero realizzare in Italia. Colpito un sito (quasi) ministeriale. Per protesta

Roma - Ieri pomeriggio si è diffusa una notizia inquietante che sembrava venire da una celebre agenzia di stampa e che raccontava di un attacco di hackers informatici ad un sito ministeriale, una notizia del tutto fasulla ma resa credibile perché prodotta con quella competenza terminologica che contraddistingue i lanci di quell'agenzia di stampa quando si occupa di tecnologie:

"(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Defacciata" e smascherata ad opera di hackers informatici la homepage del sito ministeriale www.ministerograndiopere.it che ancora stamattina riportava la frase "Le grandi opere non esistono". Lo scopo dell'attacco rivendicato dalla sigla "postAvanguardia teleVisionaria No Zero Zero" non sarebbe ancora noto ma gli inquirenti sarebbero già al lavoro. Con una circolare il Dipartimento di pubblica sicurezza ha chiesto a questure e prefetture di intensificare l'attività investigativa. Non è stata esclusa la pista anarco-insurrezionalista".

La rivendicazione degli... hackers informatici Inutile dire che la home page "defacciata" è ancora lì: non è infatti la pagina di un qualche ministero ma, nei fatti, un sito che vuole pubblicizzare una protesta che anche in rete viene portata avanti contro una serie di grandi opere in programma in Italia.
Se il sito è un fake , la rivendicazione politica è invece reale e, accanto alla grafica e al lessico tipicamenti usati dai defacer, questo fasullo defacement è stato annunciato su Indymedia con un post firmato dal Comitato No Zero Zero .

Inutile dire che un annuncio così ben organizzato non poteva non offrire un link di riferimento. Eccolo qui.
7 Commenti alla Notizia Net art contro le grandi opere
Ordina
  • ...e la sinistra li ha pure portati in Parlamento, ora "i migliori" hanno pure la pensione da parlamentare a vita !
    Roba da pazzi.
    Dovrebbero solo stare in galera e gli viene pure data l'immunità.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ...e la sinistra li ha pure portati in
    > Parlamento, ora "i migliori" hanno pure la
    > pensione da parlamentare a vita !
    >
    > Roba da pazzi.
    > Dovrebbero solo stare in galera e gli viene pure
    > data
    > l'immunità.

    Ma sei sicuro di aver compreso l'articolo?Sorride
    non+autenticato
  • Quindi il 'succo' della notizia si riduce all'apertura di un sito di protesta promozionato da un finto comunicato Ansa? Di per sé il sito non è nulla di originale, né il primo arrivato sulla materia, e il finto comunicato, una volta scoperto che è finto, lascia il tempo che trova: ben altra figura avremmo avuto se fosse stato vero.

    A parte questo però, l'iniziativa sembra, oltre che poco meritevole di menzione, più autocelebrativa che altro: c'è il rischio che tutti plaudano all'originalità dell'idea e alla grafica scarna ma evocativa, e poi si disinteressino ampiamente di quella che doveva essere la problematica. In altre parole, è il media, e non la protesta contro le grandi opere che diventa il vero messaggio.
    DPY
    380
  • - Scritto da: DPY
    > In altre parole, è il
    > media, e non la protesta contro le grandi
    > opere
    che diventa il vero
    > messaggio.

    Ma non è la retorica delle Grandi Opere forse una grande invenzione mediatica?

    più che il medium è il messaggio (formulina ormai trita ritrita...) oggi direi che il medium è la realtà. E' quindi normale che il conflitto lo si sposti dalle strade ai nuovi canali della comunicazione elettronica, con tutte le contraddizioni che essa implica.
    non+autenticato
  • Scusate, ma penso che un giornalista, prima di prendere un comunicato ANSA e metterlo in circolazione, faccia qualche verifica...

    Basta mandare una email che sembra venire dall'ANSA e la bufala si propaga? Sono quelle le garanzie offerte dai media "tradizionali"?

    Allora valgono meno di un blog...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Scusate, ma penso che un giornalista, prima di
    > prendere un comunicato ANSA e metterlo in
    > circolazione, faccia qualche
    > verifica...
    >
    > Basta mandare una email che sembra venire
    > dall'ANSA e la bufala si propaga? Sono quelle le
    > garanzie offerte dai media
    > "tradizionali"?
    >
    > Allora valgono meno di un blog...

    Esatto.

  • - Scritto da:
    > Scusate, ma penso che un giornalista, prima di
    > prendere un comunicato ANSA e metterlo in
    > circolazione, faccia qualche
    > verifica...

    leggo:

    "una notizia inquietante che sembrava venire da una celebre agenzia di stampa"

    non ti e' chiaro? Geek
    non+autenticato