MS reinventa la censura audio

I ricercatori dell'azienda di Redmond hanno inventato un sistema per censurare automaticamente i flussi audio digitali. Il sistema, ancora in attesa di brevetto, potrebbe rivoluzionare il broadcasting radiofonico digitale

Redmond (USA) - Bottoni rossi, addio: Microsoft ha inventato un sistema di censura audio automatica in grado di riconoscere fonemi "sospetti" ed aggiungere, senza bisogno d'interventi esterni, il classico bip che neutralizza parolacce ed ingiurie. La multinazionale di Redmond ha depositato una richiesta di brevetto nel 2004.

Se la paternità dell'invenzione venisse regolarmente affidata a Microsoft, l'azienda potrebbe avere in mano una carta importantissima da giocare nel settore della radiofonia digitale : vista la forza di mercato dell'azienda potrebbe facilmente avere presa su emittenti satellitari e Internet radio di varia natura. Le emittenti, infatti, potrebbero trasmettere molti programmi "aperti" senza dover monitorare preventivamente tutti i contenuti messi in onda col contributo degli ascoltatori.

Stando al testo contenuto nella richiesta di brevetto, il sistema inventato da Microsoft "analizza il flusso di dati e compara la presenza di fonemi "sospetti". Una volta individuato il fonema, il software ne contestualizza l'uso all'interno del discorso e lo compara ad una lista di probabilità: se ci sono le giuste possibilità che il fonema sia una parolaccia, l'autocensura interviene e copre il suono con un "bip".
Fantascienza? Microsoft è probabilmente molto concreta: c'è chi scommette che possa decidere di usare questa tecnologia anche sulla propria piattaforma multiplayer Xbox Live, che include una chat vocale spesso utilizzata da minorenni. Per la felicità dei genitori, le arene di Xbox Live saranno presto libere da qualsiasi tipo d'ingiuria o parola offensiva?
45 Commenti alla Notizia MS reinventa la censura audio
Ordina

  • pianificazione
    coreografica
    magnifica
    specifica
    edificato
    ...


    Rotola dal ridereA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • Come qualsiasi protezione sarebbe aggirabile in qualche modo.

    Quando questa tecnologia uscirà sul mercato, ci saranno migliaia di hackers che cercheranno maniere per far venire meno la censura:

    -rumori di sottofondo
    -ParoleTutteAttaccate
    -neologismi
    -....

    Poi ne consiglio uno formidabile:
    Se considerassimo la parola MICROSOFT come un'offesa cosa faranno?
    nessuno la potrebbe più dire?

    "che testa di MICROSOFT che sei"
    "sei un FIGLIO DI MICROSOFT"
    "LI MORTACCI MICROSOFT"


    Quindi chi sa come farlo potrà dire le parolacce, gli altri saranno censurati.

    E togliere il controllo umano peggiorerà solo le cose.



    E VAI CON LA FANTASIA
    114
  • E se Microsoft creasse anche un bel programmino che censura oltre l'audio anche il video di scene osè? Tipo la scena di Timberlake mentre "spoglia" l'amica Jackson durante una ormai famosa esibizione a Washington?
    http://www.repubblica.it/2004/b/sezioni/sport/supe...

    Non sarebbe una bella idea?

    Come dite?

    Dovrebbero oscurare la tv 24 ore su 24?

    In effetti non serve nessu programma particolare per farlo...non serve la genialità della Microsoft...basta premere il telecomando sul tasto rosso.
    non+autenticato
  • Ma te lo immagini lo studente universitario che cerca di sbobinarsi la lezione di matematica ?

    bip due alfa uguale 2 per bip alfa per cobip alfa ...

    Alla fine che bip capisce ?!?!?
    non+autenticato
  • Microsoft destinata a cadere

    Otto motivi per cui il futuro del gigante di Redmond non è affatto roseo.

    Un interessante editoriale è apparso su MarketWatch, a firma di John Dvorak (no, non quello delle tastiere Dvorak), sintetizzabile in una frase: Microsoft è destinata a fare la fine dei dinosauri, come profetizza uno spot di Apple.

    Dvorak chiarisce subito che non capiterà da un giorno all'altro che Microsoft smetterà di fare soldi, tuttavia esprime seri dubbi sul futuro della multinazionale, principalmente perché ultimamente non ha fatto nulla di particolarmente innovativo, con l'eccezione forse della nuova Xbox 360 (pur avendo commesso errori fatali anche con questa console). A questo proposito segnaliamo l'articolo di Luigi Saggese: Xbox 360: avrà fortuna? e la relativa discussione nei Forum dell'Olimpo informatico.

    Ma veniamo agli otto motivi che secondo Dvorak causeranno il fallimento di Microsoft (per una trattazione esaustiva vi rimandiamo all'editoriale su MarketWatch).

    1) Lo slittamento dell'uscita di Windows Vista, unitamente alla cancellazione delle sue feature piu' innovative.

    2) L'assenza di nuove funzionalità realmente utili in Office 2007, che tuttavia verrà commercalizzato in sette versioni differenti.

    3) L'insistenza di Microsoft nel proporsi come venditore di pubblicità piuttosto che come acquirente, come dovrebbe essere: Microsoft è un'azienda che produce e vende software, non un editore.

    4) Il motore di ricerca Msn Search, per lo stesso motivo di cui sopra: l'unico motivo della sua nascita è il vendere spazi pubblicitari.

    5) Una pessima gestione nella produzione dell'Xbox 360, non avendo saputo approfittare dei ritardi di Sony con la Playstation 3.

    6) Il flop dei Tablet Pc e in generale dei Pc con schermo touchpad (per intenderci, stile Star Trek) profetizzati da Microsoft già nell'89.

    7) Il fallimento del framework Dot Net, soppiantato da analoghe (se non più potenti) soluzioni open source.

    8) La competizione con Google e l'ossessione nel cercare di contrastarla (compreso un possibile accordo con Yahoo!), piuttosto che concentrarsi sul proprio business.
    non+autenticato


  • - Scritto da:
    > 1) Lo slittamento dell'uscita di Windows Vista,
    > unitamente alla cancellazione delle sue feature
    > piu'
    > innovative.

    Puo' permettersi anche piu' anni di ritardi, visto che linux ancora e' agli anni 80.

    > 2) L'assenza di nuove funzionalità realmente
    > utili in Office 2007, che tuttavia verrà
    > commercalizzato in sette versioni
    > differenti.

    E' difficile migliorare un prodotto ormai perfetto e standard de factio.

    > 3) L'insistenza di Microsoft nel proporsi come
    > venditore di pubblicità piuttosto che come
    > acquirente, come dovrebbe essere: Microsoft è
    > un'azienda che produce e vende software, non un
    > editore.

    Chi vende pubblicita' e' Google. Sorpreso ehh!!

    > 4) Il motore di ricerca Msn Search, per lo stesso
    > motivo di cui sopra: l'unico motivo della sua
    > nascita è il vendere spazi
    > pubblicitari.

    Msn e' gia' superiore a Google.

    > 5) Una pessima gestione nella produzione
    > dell'Xbox 360, non avendo saputo approfittare dei
    > ritardi di Sony con la Playstation
    > 3.

    Xbox e' la console miglire al mondo. Come al solito Bill parte sempre in ritardo ma poi sorpassa tutti, vedi la consolle xbox ed il suo motore di ricerca.

    > 6) Il flop dei Tablet Pc e in generale dei Pc con
    > schermo touchpad (per intenderci, stile Star
    > Trek) profetizzati da Microsoft già
    > nell'89.

    Flop? Ma e' il futuro, anche se non molto vicino.

    > 7) Il fallimento del framework Dot Net,
    > soppiantato da analoghe (se non più potenti)
    > soluzioni open
    > source.

    A me il framework risolve molti problemi.

    >Ficoso La competizione con Google e l'ossessione nel
    > cercare di contrastarla (compreso un possibile
    > accordo con Yahoo!), piuttosto che concentrarsi
    > sul proprio business.
    >

    Oddio questa e' nuova visto che e' google che trema e va all'assalto della $M alleandosi tacitamente con linari e open sorciari.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    >
    > - Scritto da:
    > > 1) Lo slittamento dell'uscita di Windows Vista,
    > > unitamente alla cancellazione delle sue feature
    > > piu'
    > > innovative.
    >
    > Puo' permettersi anche piu' anni di ritardi,
    > visto che linux ancora e' agli anni
    > 80.
    >

    si certo
    link?


    > > 2) L'assenza di nuove funzionalità realmente
    > > utili in Office 2007, che tuttavia verrà
    > > commercalizzato in sette versioni
    > > differenti.
    >
    > E' difficile migliorare un prodotto ormai
    > perfetto e standard de
    > factio.
    >

    si certo
    link?

    e poi si scrive "de facto"

    > > 3) L'insistenza di Microsoft nel proporsi come
    > > venditore di pubblicità piuttosto che come
    > > acquirente, come dovrebbe essere: Microsoft è
    > > un'azienda che produce e vende software, non un
    > > editore.
    >
    > Chi vende pubblicita' e' Google. Sorpreso ehh!!
    >


    non hai capito una mazza di quello che ti ha scritto...peccato


    > > 4) Il motore di ricerca Msn Search, per lo
    > stesso
    > > motivo di cui sopra: l'unico motivo della sua
    > > nascita è il vendere spazi
    > > pubblicitari.
    >
    > Msn e' gia' superiore a Google.
    >

    si certo
    link?

    > > 5) Una pessima gestione nella produzione
    > > dell'Xbox 360, non avendo saputo approfittare
    > dei
    > > ritardi di Sony con la Playstation
    > > 3.
    >
    > Xbox e' la console miglire al mondo. Come al
    > solito Bill parte sempre in ritardo ma poi
    > sorpassa tutti, vedi la consolle xbox ed il suo
    > motore di
    > ricerca.
    >

    non hai capito quello che hai letto e si vede dalla risposta

    > > 6) Il flop dei Tablet Pc e in generale dei Pc
    > con
    > > schermo touchpad (per intenderci, stile Star
    > > Trek) profetizzati da Microsoft già
    > > nell'89.
    >
    > Flop? Ma e' il futuro, anche se non molto vicino.
    >

    è un FLOP MS ormai da tempo...


    > > 7) Il fallimento del framework Dot Net,
    > > soppiantato da analoghe (se non più potenti)
    > > soluzioni open
    > > source.
    >
    > A me il framework risolve molti problemi.
    >

    il che non implica che sia la migliore soluzione

    anche qui rimedi magra figura

    > >Ficoso La competizione con Google e l'ossessione nel
    > > cercare di contrastarla (compreso un possibile
    > > accordo con Yahoo!), piuttosto che concentrarsi
    > > sul proprio business.
    > >
    >
    > Oddio questa e' nuova visto che e' google che
    > trema e va all'assalto della $M alleandosi
    > tacitamente con linari e open
    > sorciari.

    si certo l'alleanza yahoo & MS è una balla eh...


    ma tu sai di che si va scrivendo?
    non+autenticato


  • - Scritto da:
    > si certo
    > link?

    Questa mi mancava da parte dei linari. Uno afferma che gli asini volano senza dimostarlo, io affermo il contrario e tu mi chiedi di dimostrare che gli asini non volano? Deluso

    > si certo
    > link?

    Vedi sopra

    > e poi si scrive "de facto"

    Ok hai l'appellativo di linaro doc. Cosa e' il linaro doc? Il linaro doc e' quella persona che messa in difficolta' guarda gli errori di battitura.
       
    > non hai capito una mazza di quello che ti ha
    > scritto...peccato

    La verita' ti rode.

    > si certo
    > link?

    Vedi sopraA bocca aperta

    > non hai capito quello che hai letto e si vede
    > dalla
    > risposta

    Si vede invece dalle tue non argomentazioni che la verita' ri rode, eh quanto ti rode A bocca aperta

    >
    > è un FLOP MS ormai da tempo...
    >

    Ma nel futuro sara' diverso

    > il che non implica che sia la migliore soluzione
    >
    > anche qui rimedi magra figura
    >

    Ammesso e non concesso, caro sorciaro, la soluzione migliore non e' di certo linzoz.

    > si certo l'alleanza yahoo & MS è una balla eh...
    >
    >
    > ma tu sai di che si va scrivendo?

    Perche' Microsoft non puo' fare alleanza? Ti rode la cosa? Deve chiedere il permesso a Google? Ah gia' voi siete quelli per cui Bill Gates non puo' metter il proprio motore di default in IE se prima non ha fatto richiesta in carta bollata a Google!!!A bocca aperta
    non+autenticato
  • > La verita' ti rode.

    Questa è la firma dei winari DOC.

    Sei un patetico troll
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Microsoft destinata a cadere
    >
    > Otto motivi per cui il futuro del gigante di
    > Redmond non è affatto
    > roseo.
    >
    > Un interessante editoriale è apparso su
    > MarketWatch, a firma di John Dvorak (no, non
    > quello delle tastiere Dvorak), sintetizzabile in
    > una frase: Microsoft è destinata a fare la fine
    > dei dinosauri, come profetizza uno spot di
    > Apple.
    >
    > Dvorak chiarisce subito che non capiterà da un
    > giorno all'altro che Microsoft smetterà di fare
    > soldi, tuttavia esprime seri dubbi sul futuro
    > della multinazionale, principalmente perché
    > ultimamente non ha fatto nulla di particolarmente
    > innovativo, con l'eccezione forse della nuova
    > Xbox 360 (pur avendo commesso errori fatali anche
    > con questa console). A questo proposito
    > segnaliamo l'articolo di Luigi Saggese: Xbox 360:
    > avrà fortuna? e la relativa discussione nei Forum
    > dell'Olimpo
    > informatico.
    >
    > Ma veniamo agli otto motivi che secondo Dvorak
    > causeranno il fallimento di Microsoft (per una
    > trattazione esaustiva vi rimandiamo
    > all'editoriale su
    > MarketWatch).
    >
    > 1) Lo slittamento dell'uscita di Windows Vista,
    > unitamente alla cancellazione delle sue feature
    > piu'
    > innovative.
    >
    > 2) L'assenza di nuove funzionalità realmente
    > utili in Office 2007, che tuttavia verrà
    > commercalizzato in sette versioni
    > differenti.
    >
    > 3) L'insistenza di Microsoft nel proporsi come
    > venditore di pubblicità piuttosto che come
    > acquirente, come dovrebbe essere: Microsoft è
    > un'azienda che produce e vende software, non un
    > editore.
    >
    > 4) Il motore di ricerca Msn Search, per lo stesso
    > motivo di cui sopra: l'unico motivo della sua
    > nascita è il vendere spazi
    > pubblicitari.
    >
    > 5) Una pessima gestione nella produzione
    > dell'Xbox 360, non avendo saputo approfittare dei
    > ritardi di Sony con la Playstation
    > 3.
    >
    > 6) Il flop dei Tablet Pc e in generale dei Pc con
    > schermo touchpad (per intenderci, stile Star
    > Trek) profetizzati da Microsoft già
    > nell'89.
    >
    > 7) Il fallimento del framework Dot Net,
    > soppiantato da analoghe (se non più potenti)
    > soluzioni open
    > source.
    >
    >Ficoso La competizione con Google e l'ossessione nel
    > cercare di contrastarla (compreso un possibile
    > accordo con Yahoo!), piuttosto che concentrarsi
    > sul proprio business.
    >

    Mi sembrano tante speranze da frustrato anti-MS.

    Qualcosa è vero, altro interpretato male, altro ancora palesemente falso.
    non+autenticato
  • LOL se funziona come il blocco dei pop up di internet explorer, allora passeranno solo le parolaccie!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 08 maggio 2006 12.25
    -----------------------------------------------------------
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)