InterLex, speciale sull'Editoria online

Esce un numero speciale dell'osservatorio su diritto e rete, da non perdere

Roma - Quali sono gli adempimenti per i siti alla luce della legge sull'editoria e delle necessità di chiarimento ancora non risolte? Come conviene comportarsi? Cosa dice la giurisprudenza in questi mesi?

Queste ed altre sono le domande che hanno spinto il direttore di InterLex, l'importante osservatorio su Internet e diritto, a pubblicare un numero speciale in attesa della ripresa delle pubblicazioni periodiche. Un numero che risponde alle impellenze e necessità di tutela da parte dei siti italiani.

Per consultare lo speciale clicca qui.
TAG: italia
3 Commenti alla Notizia InterLex, speciale sull'Editoria online
Ordina

  • non si può lasciare l'informazione onlie in totale anarchia
    non+autenticato


  • - Scritto da: ASTON MARTIN
    >
    > non si può lasciare l'informazione onlie in
    > totale anarchia

    neanche un forum pieno di TROLL come te.

    ma che dici?

    ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: ASTON MARTIN
    >
    > non si può lasciare l'informazione onlie in
    > totale anarchia

    pero' chi controlla i controllori?
    chi verifica che non si escluda tutto cio' che e' scomodo...

    secondo me puo' essere una buona cosa quella del "bollino di qualita'" rilasciato da vari enti (e magari integrato nei sistemi di filtro _client_side_ e non attivati di default)
    ad esempio, l'ordine degli editori potrebbe certificare la qualita' dei siti che considera affidabili, cosi' come potrebbe fare direttamente ogni stato, cosi' come potrebbe fare l'ultimo cittadino...

    dopodiche' pero' il comportamento di default dei programmi dovrebbe essere o ignorare le informazioni, oppure avvisare della presenza di eventuali certificazioni, e l'utente dovrebbe avere la possibilita' di scegliere, ad esempio, di avvisare prima della visione di un sito privo di certificati, oppure impedire la visualizzazione di tutti i siti certificati dall'ordine dei giornalistiSorride

    cosi' come idea iniziale, un contenuto di tali "bollini" potrebbe essere qualcosa del tipo:
    nome/codice del certificatore, e poi un elenco di categorie con rispettivo "punteggio" (es: violenza: minima, pornografia: nulla, ecc.) piu' qualche sistema di firma o simili...

    l'importante e' che non sia un obbligo, ma una scelta...
    non+autenticato