Novell sfida Office con Open Workgroup

L'azienda mette insieme alcuni dei suoi prodotti chiave per la collaborazione e la gestione dei sistemi e li sposa con OpenOffice. Il risultato è una soluzione open che ambisce a rivaleggiare con Office System

Waltham (USA) - Novell fa ancora leva sul software open source per sferrare un nuovo attacco alla rivale di sempre, Microsoft. Questa volta il bersaglio è Office System, la suite di applicazioni client e server di Microsoft per la produttività e la collaborazione aziendale.

L'alternativa open source proposta da Novell porta il nome di Open Workgroup Suite , una soluzione basata su software e standard aperti che comprende componenti server e desktop, strumenti di gestione e collaborazione, e la famosa suite per l'ufficio free OpenOffice.

La mamma di Netware afferma che, se paragonata ai costi di una analoga soluzione di Microsoft, la propria suite è in grado di far risparmiare le aziende fino al 70%.
"I nostri clienti preferiscono poter scegliere tra diverse opzioni quando devono configurare la propria infrastruttura IT", ha affermato Parker Pearson, director of marketing di Novell. "Necessitano di alcune funzionalità per le applicazioni desktop in modo da soddisfare le richieste dei loro utenti, ma non vogliono sentirsi legati o pagare per funzionalità che non gli servono".

I clienti di Open Workgroup Suite possono scegliere tra due opzioni. Per le implementazioni con server Linux e su qualsiasi piattaforma desktop, la suite include Open Enterprise Server (con SUSE Linux Enterprise Server), GroupWise per la collaborazione, ZENworks Suite per la gestione dei sistemi cross-platform, Novell Linux Desktop e il popolare OpenOffice per Windows e Linux. La suite è disponibile anche in versione cross-platform, che permette l'implementazione degli stessi componenti della suite su qualsiasi delle piattaforme supportate.

Open Workgroup Suite sostituisce Novell Small Business Suite e Novell Linux Small Business Suite, con patch di aggiornamento per i clienti di entrambi i prodotti.

La versione solo Linux di Novell Open Workgroup Suite è accompagnata da una licenza su abbonamento, del costo di 80 dollari l'anno, e da una licenza per postazione/utente dal costo di 110 dollari. La versione cross-platform della suite è invece disponibile a 150 dollari per postazione/utente.
TAG: sw
18 Commenti alla Notizia Novell sfida Office con Open Workgroup
Ordina
  • quello che nessuno ama è il problema delle licenze a postazione e ancora peggio dei costi di abbonamento, da ripagare ogni anno

    almeno si spera che non siano legati "alla macchina" come la roba m$
    non+autenticato
  • Tu non ami essere pagato?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Tu non ami essere pagato?

    Si, come tutti, ma non amo pagare... come tutti! A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Tu non ami essere pagato?


    No io lo faccio per amore
    non+autenticato
  • figuramoci se un nome come novell, puo' esere preso sul serio nel mondo it italiano...

    un nome del genere che assomilgia a un mediinale, verra' subito scambiato dai manager per l'ennesimo programmucolo finsoft da supermercato.

    non c'e' speranza.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > figuramoci se un nome come novell, puo' esere
    > preso sul serio nel mondo it
    > italiano...
    >
    > un nome del genere che assomilgia a un mediinale,
    > verra' subito scambiato dai manager per
    > l'ennesimo programmucolo finsoft da
    > supermercato.
    >
    > non c'e' speranza.

    Parola di ex admin :

    I PC Server Novell in Italia erano l' 80%.
    Poi la Novell decide di non supportarlo più e vinse windows server (per molti copiato da Server Novell).

    Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > figuramoci se un nome come novell, puo' esere
    > preso sul serio nel mondo it
    > italiano...
    >
    > un nome del genere che assomilgia a un mediinale,
    > verra' subito scambiato dai manager per
    > l'ennesimo programmucolo finsoft da
    > supermercato.
    >
    > non c'e' speranza.

    Si vede che sei giovane e non sai che Novell e' una ditta "anziana", e che fino a 10 anni fa era sinonimo di affidabilita'.
    Poi e' arrivata Microsoft e ...
    11237

  • - Scritto da: Giambo
    >
    > - Scritto da:
    > > figuramoci se un nome come novell, puo' esere
    > > preso sul serio nel mondo it
    > > italiano...
    > >
    > > un nome del genere che assomilgia a un
    > mediinale,
    > > verra' subito scambiato dai manager per
    > > l'ennesimo programmucolo finsoft da
    > > supermercato.
    > >
    > > non c'e' speranza.
    >
    > Si vede che sei giovane e non sai che Novell e'
    > una ditta "anziana", e che fino a 10 anni fa era
    > sinonimo di
    > affidabilita'.
    > Poi e' arrivata Microsoft e ...

    Forse non ci ricordiamo pero' che societa' come Novell, Sun e IBM erano degli strozzini. Se non fosse arrivata MS oggi pagheremmo ancora un file server 50 milioni delle vecchie lire

    Con questo non sto difendendo MS che di porcate ne ha fatte e continua a farne molte, ma di certo Novell & C. non sono certo degli stinchi di santi
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Forse non ci ricordiamo pero' che societa' come
    > Novell, Sun e IBM erano degli strozzini. Se non
    > fosse arrivata MS oggi pagheremmo ancora un file
    > server 50 milioni delle vecchie
    > lire

    Pero' il server farebbe il suo porco lavoro, non sarebbe da upgradare ogni 3x2 con la nuova versione del SO e non necessiterebbe di un plotone di sysadmin che patchano, rebootano, ripatchano, rebootano,Sorride ...
    11237

  • - Scritto da:
    > figuramoci se un nome come novell, puo' esere
    > preso sul serio nel mondo it
    > italiano...
    >
    > un nome del genere che assomilgia a un mediinale,
    > verra' subito scambiato dai manager per
    > l'ennesimo programmucolo finsoft da
    > supermercato.
    >
    > non c'e' speranza.

    il mondo bancario ne è pieno!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > il mondo bancario ne è pieno!

    Sì, su marte forse.

    In Italia ci sono solo alcune assicurazioni che ancora ce l'hanno e intendono tenerlo. Ma altrove la migrazione verso Windows da Novell è stata fatta negli ultimi anni anche in feudi Novell di lunga data.
    non+autenticato

  • Mentre Sun e RedHat dormono, Novell sta davvero facendo qualcosa di concreto per fare a pezzi Microsoft... la sua piattaforma offre un desktop davvero alternativo a quello Microsoft, e con mono sta letteralmente rubando sviluppatori a MS ogni giorno.

    Novell XSP (la versione open source di MS IIS) regge già 230 richieste al secondo... questo significa che presto si potranno hostare siti asp.net senza pagare la licenza a MS.
    non+autenticato
  • a me quello che fa Novell non sembra poi tanto più efficiente della minestra riscaldata microsoft (leggasi Windows)
    per dire... la SuSE è una grande distro, ma è anche un pachiderma indecente imho.
    cambiare XP per passare al suse mah.... imho è un po' da bischeri. meglio qualcosa in grado veramente di fare la differenza, e ce ne sono di sistemi tali anche nel mondo linux.


    comunque bene così... anche se poco, meglio avere più concorrenza.


    ...col fuoco dietro alle chiappe la gente lavora meglio, MS compresa.
    chissà che finalmente non si vedano finalmente e di nuovo delle belle innovazioni. non importa da dove vengono

    negli ultimi anni le poche novità che ci sono state le ho viste solo targate novell, apple, sony, IBM e poca altra gente.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > comunque bene così... anche se poco, meglio avere
    > più
    > concorrenza.
    >
    >
    > ...col fuoco dietro alle chiappe la gente lavora
    > meglio, MS
    > compresa.
    > chissà che finalmente non si vedano finalmente e
    > di nuovo delle belle innovazioni. non importa da
    > dove
    > vengono

    Quoto al 100% sante paroleOcchiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > comunque bene così... anche se poco, meglio
    > avere
    > > più
    > > concorrenza.
    > >
    > >
    > > ...col fuoco dietro alle chiappe la gente lavora
    > > meglio, MS
    > > compresa.
    > > chissà che finalmente non si vedano finalmente e
    > > di nuovo delle belle innovazioni. non importa da
    > > dove
    > > vengono
    >
    > Quoto al 100% sante paroleOcchiolino

    Per carità, ma non sarebbe meglio non dover necessariamente configurare per poter vedere delle performance decenti?

    Omissis Fan Apple
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    > > - Scritto da:
    > > > comunque bene così... anche se poco,
    > > > meglio avere più concorrenza.

    > > > ...col fuoco dietro alle chiappe la gente
    > > > lavora meglio, MS compresa.
    > > > chissà che finalmente non si vedano
    > > > finalmente e di nuovo delle belle
    > > > innovazioni. non importa da dove vengono
    > > Quoto al 100% sante paroleOcchiolino

    > Per carità, ma non sarebbe meglio non dover
    > necessariamente configurare per poter vedere
    > delle performance decenti?

    Dovrebbero cominciare tutti a rispettare veramente gli standard per ottenere cio'.
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > per dire... la SuSE è una grande distro, ma è
    > anche un pachiderma indecente

    questione di punti di vista, e poi Linux si può riconfigurare facilmente: lo puoi anche usare a init 3 fai andare tu qeullo che vuoi e la gestione dei demoni è molto più trasparente dei mille strai e forse inutili servizi di Windows.
    Per non dire che nel kernel ci carichi quell oche tiserve...
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > per dire... la SuSE è una grande distro, ma è
    > anche un pachiderma indecente
    > imho.

    Dipende, se te la tieni cosi' come si installa si, ma come tutte le distro te la puoi riconfigurare come ti pare, per esempio levando i demoni che non servono e lasciando solo Wmaker (invece di gnome o Kde). Non e' che ci voglia una grande scienza.