Russia, stop al software estero

La proposta del partito Russia Unita arriva alla Duma: mettere al bando il software proveniente dagli Stati Uniti e dall'Europa. La svolta autarchica rischia di azzoppare le aspettative dei colossi del settore

Mosca - La Russia è dipendente dal software estero ? Ne sono convinti i membri del partito populista "Russia Unita" che, forti di 222 rappresentanti su 450 nel parlamento moscovita, hanno presentato una proposta di legge alla Duma per mettere al bando molte delle tecnologie informatiche sviluppate al di fuori delle frontiere nazionali e utilizzate in ambito pubblico.

La bozza di normativa, presentata da un gruppo di giovani legislatori, mira alla salvaguardia degli interessi nazionali ed indica la via dell' autarchia digitale come "l'unica possibilità per garantire la sicurezza della Federazione Russa". Se approvata, la legge vieterebbe l'uso di sistemi operativi ed applicativi sviluppati all'estero su tutti i computer statali o utilizzati dal governo. "Per salvaguardare l'integrità dei sistemi informatici dello stato", dice Alexander Khinshtein, uno dei proponenti, "abbiamo bisogno di questo tipo di protezione".

Oltre il 90% dei software utilizzati in Russia, attualmente, è sviluppato altrove. "La nostra nazione è completamente dipendente dall'estero per tutto quello che riguarda l'informatica", dice Gennady Gudkov, un altro rappresentante del partito populista. "Alcuni responsabili e dirigenti del settore pubblico", continua Gudkov, "hanno addirittura ricevuto mazzette per favorire l'uso di software estero".
La Russia conta attualmente su alcuni dei migliori programmatori al mondo grazie anche all'enorme quantità di giovani studenti plasmati dal rigido sistema accademico locale, incentrato su un'educazione di tipo tecnico e scientifico .

Va detto che di recente le esportazioni dell'industria informatica russa hanno conosciuto un boom commerciale : con un incremento annuo attorno al 33%, la Russia potrebbe presto avere le carte in tavola per diventare un agguerrito competitore di Stati Uniti ed Unione Europea.

Tra le aziende occidentali che hanno maggiori interessi in Russia spicca Microsoft che, nel tentativo di stroncare l'allarmante fenomeno della pirateria, ha cercato di promuovere la vendita di Windows Lite sul mercato locale.

Tommaso Lombardi
50 Commenti alla Notizia Russia, stop al software estero
Ordina
  • MS ha proposto ai russi Windows Pezzent Edition?
    Mo' gli sta bene che l'abbiano preso come un insulto e gliela facciano pagare cara.
    Se MS non abusasse della sua posizione dominante, sarebbe naturale valutare i pro e i contro del suo SW e decidere serenamente, e ci sarebbe comunque da ridire sulla sua arroganza, sul paternalismo nel decidere al posto dell'utente di quali funzioni accessorie ha bisogno e sulla sciatteria riguardo a stabilità e sicurezza, ma quello che la rende intollerabile è la sua brama irrefrenabile di potere.
    non+autenticato
  • Un'idea è che se il nuovo governo imponesse anche in Italia che il software utilizzato dagli enti pubblici debba essere autoprodotto, si creerebbero nuovi posti di lavoro e la bilancia commerciale migliorerebbe.

    Ma lo faranno? Oppure dobbiamo pensare che Bill paghi tangenti alle classi dirigenti del mondo intero per far adottare il suo software ovunque?

    Oppure non è insensato temere che il software autoprodotto in Italia verrebbe a costare più di quello estero senza averne la qualità, specialmente a livello di usabilità?
    non+autenticato
  • e cosa dovremmo? pagarla noi cittadini la tangente per far produrre un sistema operativo italiano?
    Ilò pubblico spende i nostri soldi. Ciò che viene prodotto con soldi pubblici, se usato solamente dalla pubblica amministrazione, non crea ricchezza.
    Se a produrre un OS italiano servono 100 programmatori per 5 anni a 2k euro al mese... scusate ma preferisco che continuino a comprare 2k licenze microsoft per 5 anni a 100 euro l'una (con un risparmio del 92.3 % per le casse pubbliche, e quindi per le mie tasche)
    non+autenticato

  • > Se a produrre un OS italiano servono 100
    > programmatori per 5 anni a 2k euro al mese...
    > scusate ma preferisco che continuino a comprare
    > 2k licenze microsoft per 5 anni a 100 euro l'una
    > (con un risparmio del 92.3 % per le casse
    > pubbliche, e quindi per le mie
    > tasche)

    Il ragionamento non è sbagliato, ma i calcoli si.
    Le licenze che lo stato compra sono certamente nell'ordine del milioni e non di qualche migliaio!
    non+autenticato
  • Le tue tasche saranno presto vuote se l'italia continuerà a comprare all'estero,e quello che vende è (e sarà sempre più) costruito all'estero.

    Ma almeno i ragionamenti elementari riuscite a farli?

    Bho. Io non vi capisco. Veramente.

    Continuate a sperare che le cose si aggiustino da sole.
    Sento sempre dire: "E un ciclo. Passerà"

    Ma il ciclo è sempre stato mosso dalle rivoluzioni. Non è che si mangiano tutto e poi ce lo ridanno di spontanea volontà.
    non+autenticato
  • Sono d'accordissimo.

    Il criterio di costo (a pari specifiche) dovrebbe essere quello guida (anche perché c'è comunque di mezzo un appalto, sbaglio?)

    - Scritto da:
    > e cosa dovremmo? pagarla noi cittadini la
    > tangente per far produrre un sistema operativo
    > italiano?
    > Ilò pubblico spende i nostri soldi. Ciò che viene
    > prodotto con soldi pubblici, se usato solamente
    > dalla pubblica amministrazione, non crea
    > ricchezza.
    > Se a produrre un OS italiano servono 100
    > programmatori per 5 anni a 2k euro al mese...
    > scusate ma preferisco che continuino a comprare
    > 2k licenze microsoft per 5 anni a 100 euro l'una
    > (con un risparmio del 92.3 % per le casse
    > pubbliche, e quindi per le mie
    > tasche)

  • - Scritto da:
    > Un'idea è che se il nuovo governo imponesse anche
    > in Italia che il software utilizzato dagli enti
    > pubblici debba essere autoprodotto
    cioè, io dovrei usare un OS fatto da 4 pagliacci?
    dittatura
    se non riescono a fare un sito (www.italia.it)
    che speranze di fare un OS decente.
    Basta con questa dittatura. Ognuno usi quello che preferisce a seconda delle sue esigenze.
    Questo antiamericanismo ha rotto

    non+autenticato
  • Ben venga tutto ciò che possa arrestare il monopolio Microsoft.
    non+autenticato
  • tutti ormai cercano di aumentare la produzione
    in tutti i campi, specie in quelli strategici, come il settore dell'energia e quello della
    gestione dell'informazione, sia per avere
    sotto controllo comparti di importanza cruciale, sia per permettere lo sviluppo
    delle industrie pertinenti, l'evoluzione
    tecnologica e scientifica, la realizzazione
    di posti di lavoro ad alto valore aggiunto

    TUTTI TRANNE L'ITALIA

    Lo fa la cina, lo fa l'iran, lo fa la russia,
    lo fa la germania, lo fa l'inghilterra, lo fa
    la repubblica ceca, lo fa la polonia, etc.

    Se un paese ha perso qualsiasi elementare
    istinto di sopravvivenza ed è convinto che
    sarà sempre possibile pagare tutto il doppio
    o il triplo degli altri senza produrre nulla,
    facendosi salassare dai vari billo gates delle
    varie multinazionali, si merita di scomparire
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > tutti ormai cercano di aumentare la produzione
    > in tutti i campi, specie in quelli strategici,
    > come il settore dell'energia e quello
    > della
    > gestione dell'informazione, sia per avere
    > sotto controllo comparti di importanza cruciale,
    > sia per permettere lo sviluppo
    >
    > delle industrie pertinenti, l'evoluzione
    > tecnologica e scientifica, la realizzazione
    > di posti di lavoro ad alto valore aggiunto
    >
    > TUTTI TRANNE L'ITALIA

    Credo che questa analisi sia quantomeno pertinente... il che non è per nulla rincuorante...

    Omissis Fan Apple
    non+autenticato
  • Dopo le ultime uscite sulle armi nucleari di Putin, ci mancava anche questa...
    Ritorna la guerra fredda?
    A bocca storta
  • Non capisco per quale motivo, ogni entità politica o culturale di quel grande paese, che si prenda a cuore il benessere e la prosperità della massa, e più in generale tenga alla credibilità internazionale del suo stato, debba prima o poi passare sotto la scure della nostra propaganda, applicando alle suddette entità ora l'etichetta del "populista", ora dell'"autoritario", e via dicendo(facendo esattamente quello che lo zio Sam ci ha impartito). La verità e che molta gente (soprattutto ai piani alti del potere, ma non solo)vorrebbe la Russia come una colonia da sfruttare,ricca di "materiale umano" e materie prime; come succedeva in passato, prima del comunismo, con gli zar amici dei regnanti europei.
    non+autenticato
  • La Russia posso sfruttarla solo per due cose: materiale di riciclaggio militare (vecchi sottomarini, aerei, carriarmati, armi) e prostituzione.
    Per il lavoro schiavista c'è la Cina con il miliardo di schiavi pronti a tutto, dalla zappa per le patate ogm alla costruzione di materiale hi-tech.
    m00f
    445
  • Evidentemente non sei ben informato sul potenziale militare di cui dispone la Russia al giorno d'oggi (leggi missili Bulava, sottomarini classe Borei, carri T-90, aerei Su-47, MiG 1.44, etc.), ; ed ignori anche il fatto che un terzo del gas che consumiamo è il loro, e se facciamo gli schizzinosi, può venderlo ad un'altra mezza dozzina di paesi in vertiginosa crescita economica. Ignori il fatto che si tratta del primo paese a livello di risorse energetiche (se si considera il combinato gas-petrolio), ignori il fatto che hanno immense riserve di metalli pregiati e diamanti. Hanno inoltre una classe ingegneristica di prim'ordine, che è sopravvissuta anche all'era Eltsin (lui si che stava per trasformare il paese in un puttanaio, insieme ai suoi amici oligarchi). Quindi il mio consiglio è di andarci piano quando si parla di Russia, i commenti a riguardo sono spesso condizionati da una diffidenza di fondo nei confronti di questo paese, e, peggio ancora, dalla non conoscenza delle sue dinamiche interne.
    non+autenticato
  • > Evidentemente non sei ben informato sul
    > potenziale militare di cui dispone la Russia al
    > giorno d'oggi (leggi missili Bulava, sottomarini
    > classe Borei, carri T-90, aerei Su-47, MiG 1.44,
    > etc.), ; ed ignori anche il fatto che un terzo
    > del gas che consumiamo è il loro, e se facciamo
    > gli schizzinosi, può venderlo ad un'altra mezza
    > dozzina di paesi in vertiginosa crescita
    > economica. Ignori il fatto che si tratta del
    > primo paese a livello di risorse energetiche (se
    > si considera il combinato gas-petrolio), ignori
    > il fatto che hanno immense riserve di metalli
    > pregiati e diamanti. Hanno inoltre una classe
    > ingegneristica di prim'ordine, che è
    > sopravvissuta anche all'era Eltsin (lui si che
    > stava per trasformare il paese in un puttanaio,
    > insieme ai suoi amici oligarchi). Quindi il mio
    > consiglio è di andarci piano quando si parla di
    > Russia, i commenti a riguardo sono spesso
    > condizionati da una diffidenza di fondo nei
    > confronti di questo paese, e, peggio ancora,
    > dalla non conoscenza delle sue dinamiche
    > interne.

    Quoto tutto quanto. Tra tutti i politici criminali di oggi. Putin è quello che salvo proprio per quello che sta facendo per riportare il suo grande paese alla riscossa senza svenderla agli ameri-cani.
  • mi sembrano entrambi velivoli di concezione alquanto vecchiotta. Il Su-47 riprende concetti già sperimentati con protipi dell'F-16 (poi abbandonati perchè non davano i risultati sperati) e il MIG 1.44 mi sembra una versione ingrandita dell'attuale Eurofighter... Insomma due velicoli completamente privi di tuta quell tecnologia stelth (bassa impronta radar, superfici angolate per deflettere gli echi radar, scarichi con sistemi di abbasamento della temperatura e scatolati per orientarne con precisione il flusso) che invece fanno parte della dotazione di ogni velicolo che si appresti a venir prodotto dall'altra parte del Pacifico. Il gap tecnologico non è stato colmato... riusciranno a mantenere ancora un rapporto di 5 caccia russi ogni 1 caccia americano? non credo...
    non+autenticato
  • Mai sentito parlare di Plasma Stealth? Non credo proprio sia un'invenzione americana, si basa su concetti completamente diversi rispetto alle tecnologie stealth occidentali. Per quello che riguarda l'Su-47, credo che tu ti riferissi all'X-29, che non è un F-16 modificato, inoltre, non vuol dire che se gli americani non hanno avuto frutti dalla sperimentazione dell'ala inversa, non debbano averne i russi. Per quanto riguarda l'obsolescenza dei progetti, vatti ad informare su quando è stato approntato il progetto del Raptor, che non è certamente più recente o innovativo del Berkut russo. Dicesi la stessa cosa per il MiG, che ha una vaga somiglianza con l'Eurofighter solo nella parte anteriore, ma che risulta complessivamente superiore in termini prestazionali, al progetto "made in Europe".
    non+autenticato

  • > La Russia posso sfruttarla solo per due cose:
    > materiale di riciclaggio militare (vecchi
    > sottomarini, aerei, carriarmati, armi) e
    > prostituzione.

    Dimentichi un piccolisssssimo particolare.
    Se mr. Putin decide di chiudere il rubinetto del gas ho idea che noi europei (ed italiani in primis) passeremo un inverno -come dire- al freddo.
    non+autenticato
  • > La verità e che molta gente
    > (soprattutto ai piani alti del potere, ma non
    > solo)vorrebbe la Russia come una colonia da
    > sfruttare,ricca di "materiale umano" e materie
    > prime; come succedeva in passato, prima del
    > comunismo, con gli zar amici dei regnanti
    > europei.

    Temo che tu non abbia capito nulla. E' da dire che anche PI, con quell'aggettivo "populista", si schiera (e lo fa in maniera surrettizia), invece di raccontare i fatti. Ma questa non e' una novita'.
    non+autenticato
  • Poi mi spiegherai il perchè.
    non+autenticato
  • Sottoscrivo in pieno. Invece di cercare l'amicizia con la Russia (conveniente per noi) ci ritroviamo sempre a descriverla come un troiaio.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)