Creative: Apple viola un nostro brevetto

Partita la denuncia: il celebre iPod violerebbe un brevetto Creative utilizzato nei lettori multimediali della gamma Zen. Chiesta la messa al bando degli iPod dagli Stati Uniti

San Francisco (USA) - Terremoto nel mercato della musica digitale: Creative ha denunciato Apple per violazione di brevetto . Il lettore multimediale iPod, punto focale della strategia commerciale di Apple, utilizzerebbe le stesse tecnologie d'interfaccia che nel 2005 sono state attribuite a Creative dall'Ufficio Brevetti degli Stati Uniti.

"Il primo apparecchio portatile che ha utilizzato questo tipo d'interfaccia", disse a suo tempo Sim Wong Hu, CEO di Creative, "è stato il nostro NOMAD Jukebox MP3 prodotto nel 2000". Il CEO della multinazionale di Singapore, nota soprattutto per le schede audio della serie Sound Blaster, iniziò a propugnare un' aggressiva offensiva legale nei confronti di Apple all'indomani dell'attribuzione del brevetto. Secondo gli osservatori di BetaNews, Creative è passata al contrattacco per via della sua situazione finanziaria non certo rosea .

I legali di Creative si sono così rivolti alla Commissione Internazionale sul Commercio di Washington per ottenere un risarcimento danni e soprattutto la messa al bando di iPod dagli scaffali dei negozi statunitensi. In base alla legislazione statunitense, infatti, le aziende sono costrette a cessare immediatamente la vendita di prodotti che violano brevetti legalmente riconosciuti. Se quindi le richieste dei rappresentanti di Creative venissero accolte, Apple potrebbe perdere il suo mercato più importante.
Le vendite del lettore iPod costituiscono la primissima e più importante voce in nero nell'ultimo bilancio quadrimestrale dell'azienda di Steve Jobs. Creative non è la prima azienda che si scaglia contro Apple e reclama provvedimenti o risarcimenti per violazione di brevetto: ultimamente, l'azienda californiana Burst.com ha denunciato la Mela per aver utilizzato indebitamente alcune tecnologie di riproduzione multimediale.

Il ricorso agli avvocati, con le conseguenti battaglie in tribunale per difendere l'esclusività di un'invenzione, è una pratica molto comune nell'industria ICT statunitense. Da Autodesk e Microsoft fino ad eBay, quasi tutte le grandi aziende del settore sono finite più o meno nei guai per questo tipo di questioni. Spesso, tali situazioni si risolvono con enormi risarcimenti in denaro. Altre volte, come fanno notare molti cittadini americani con autoironia ed un pizzico di sgomento, i veri vincitori di queste diatribe vestono le livree dell' esercito degli avvocati .

Tommaso Lombardi
6 Commenti alla Notizia Creative: Apple viola un nostro brevetto
Ordina