Google Video s'aggiorna e sfida YouTube.com

Il servizio di condivisione audiovisiva offerto dal gigante di Mountain View diventa più semplice e più accessibile. Il target questa volta è il popolarissimo YouTube.com

Mountain View (USA) - Tanto per cambiare, tira aria di novità a Mountain View: il colosso californiano della ricerca online, Google, ha aggiornato il proprio servizio Video per trasformarlo in una piattaforma di pubblicazione audiovisiva estremamente semplice, intuitiva e veloce. L'obiettivo dell'azienda, concordano tutti gli osservatori, è raggiungere un buon livello di competitività con YouTube.com, un sito estremamente popolare che permette ai visitatori di condividere i propri filmati personali.

Gli utenti di Google Video non hanno più bisogno di un apposito software per eseguire l'upload del video, ma potranno selezionare i clip da inviare utilizzando una semplice interfaccia web . Ciascun video inviato verrà messo in linea entro poche manciate di minuti. Grazie a questa piccola modifica, il "palinsesto" creato dagli utenti acquista una rinnovata dinamicità e freschezza. Precedentemente, gli utenti erano costretti ad attendere 24 ore prima dell'approvazione dei contenuti spediti.

Google Video diventa così un sistema realmente partecipativo dove gli utenti vestono contemporaneamente il duplice ruolo di consumatori e di produttori dei contenuti messi a disposizione. I server di Google possono ricevere video in formato AVI, ASF, QuickTime, Windows Media, MPEG, H.264, H.263, MPEG-1, MPEG-2, MPEG-4 ed mJPEG. Attraverso il portale del servizio, Google vende inoltre numerosi contenuti commerciali , per un'offerta che va dagli episodi di numerose serie televisive di successo fino alle partite del campionato NBA di pallacanestro.
Negli ultimi tempi, grazie alla diffusione sempre più capillare della connettività a banda larga ed all'interesse che i grandi colossi dell'intrattenimento multimediale hanno iniziato a dimostrare per Internet, il mercato della distribuzione audiovisiva online ha iniziato ad acquisire un'importanza centrale. Anche AOL, tra i più grandi ISP dell'America settentrionale, è recentemente entrata nel mercato con il portale UnCut Video.
Il settore resta comunque dominato da YouTube.com, che ogni mese riceve le visite di oltre 12 milioni d'utenti. Ora, dopo l'ultima mossa di Google, qualcuno si chiede "fino a quando?"

Tommaso Lombardi
TAG: google
23 Commenti alla Notizia Google Video s'aggiorna e sfida YouTube.com
Ordina
  • - Scritto da:
    > ....di recente, incomincio proprio a non
    > sopportare piu' google..... molto meglio
    > indymedia per le notizie, youtube per i
    > video......e per ultimo (ma non ultimo - visto
    > che è google l'ultimo) per le ricerche yahoo e
    > sitini italiani....
    > Anonimo

    Eccolo, il primo post che illustra il futuro prossimo venturo.

    Microsoft è da anni oggetto di attacchi per la sua posizione dominante guadagnata nel bene o nel male grazie a una politica commerciale molto aggressiva.

    Ora Google, che ricordiamoci, è una azienda e non un ente no profit, cerca di allargarsi e differenziarsi ripercorrendo i passi che MS ha segnato anni fa.

    Il risultato ? Le prime antipatie da parte di chi non riesce a digerire il fatto che le aziende pur di aumentare il fatturato debbano differenziarsi e allargare il business.

    Ms è leader sul mercato desktop? Si.
    Google lo sarà sul mercato internet. SOno bravi, hanno una strategia commerciale aggressiva e basata su servizi di qualità. Si chiama merito, se lo hanno è giusto che guadagnino fette di mercato e visibilità.

    Diamo un anno agli utenti del forum, tra un anno circa i nemici saranno 2: MS e Google.
    E se per caso qualcuno avrà una nuova idea e farà soldi in breve periodo.. ecco un nuovo nemico da combattere!

    Non riesco a capire questo atteggiamento da parte delle utenze del forum, non parlo delle solite guerre di religione win/linux ma della tendenza a mettere in croce chiunque abbia successo.

    Bho, aiutatemi a capire, ditemi la vostra.
    E vi prego di dirmi la vostra non di fare l'analisi logica/del periodo del mio post, chiedo solo il vs parere.
    Marco
    non+autenticato
  • secondo me non e' un problema di "invidia del successo" come si evince dal tuo post, o almeno penso,ma e' piu' un problema di monopolio.

    Mi spego meglio. Su di un mercato "potenziale" di 2 miliardi di persone e' mai possibile che ci sia una sola azienda per settore informatico????????
    Se osservi il mercato delle auto, puoi scegliere +   case, o no? Nel mercato dei prodotti alimentari, puoi scegliere + marche, o no? e via dicendo....

    Quindi e' mai possibile che nel mercato dei os posso scegliere solo un produttore? e nel mercato internet un solo produttore?

    Ma forse hai ragione te: l'azienda piu' brava prende tutto, e non si puo' scegliere altro, e' la piu' brava.....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > secondo me non e' un problema di "invidia del
    > successo" come si evince dal tuo post, o almeno
    > penso,ma e' piu' un problema di
    > monopolio.
    >
    > Mi spego meglio. Su di un mercato "potenziale" di
    > 2 miliardi di persone e' mai possibile che ci sia
    > una sola azienda per settore
    > informatico????????
    > Se osservi il mercato delle auto, puoi scegliere
    > +   case, o no? Nel mercato dei prodotti
    > alimentari, puoi scegliere + marche, o no? e via
    > dicendo....
    >
    > Quindi e' mai possibile che nel mercato dei os
    > posso scegliere solo un produttore? e nel mercato
    > internet un solo
    > produttore?
    >
    > Ma forse hai ragione te: l'azienda piu' brava
    > prende tutto, e non si puo' scegliere altro, e'
    > la piu'
    > brava.....

    non è l'azienda a scegliersi i clienti, sono i clienti a scegliersi l'azienda, dai...
    non+autenticato
  • premetto che sono anche io un pochino preoccupato da google.
    sopratutto il sistema "sociale" che sta mettendo su... iscrizioni su invito (così sanno chi conosce chi) i gruppi personali e cose del genere


    > Ora Google, che ricordiamoci, è una azienda e non
    > un ente no profit, cerca di allargarsi e
    > differenziarsi ripercorrendo i passi che MS ha
    > segnato anni
    > fa.

    beh, google sta entrando in molti settori perchè offre prodotti (per certi versi) superiori agli altri e innovativi. non mi pare Gates abbia mai introdotto _grosse_ innovazioni. Per citarne una ajax è rimasto nell'ombra per parecchio prima di gmail.

    > Non riesco a capire questo atteggiamento da parte
    > delle utenze del forum, non parlo delle solite
    > guerre di religione win/linux ma della tendenza a
    > mettere in croce chiunque abbia successo.

    beh, è tipico della gente lamentarsiA bocca aperta
  • - Scritto da: ciccio666
    > premetto che sono anche io un pochino preoccupato
    > da
    > google.
    > sopratutto il sistema "sociale" che sta mettendo
    > su... iscrizioni su invito (così sanno chi
    > conosce chi) i gruppi personali e cose del
    > genere

    senza contare che se utilizzi la casella di gmail e contemporaneamente utilizzi google per fare delle ricerche, è possibile associare CHI ricerca COSA, e non è per niente bello dal punto di vista della privacy
    non+autenticato
  • e' che la differenza sta nel metodo : google ti da servizi ottimi GRATUITAMENTE.

    Microsoft invece usa tecniche commerciali discutibili e fa pagare il suo prodotto, e il "al massimo non lo compri" non vale, visto che per avere un rimborso per la licenza di un notebook e' un'odissea.

    Il giorno in cui microsoft rilascia, non dico con licenza opensource, ma semplicemente gratuitamente i suoi prodotti, non credo ci sara' modo di criticarla.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > e' che la differenza sta nel metodo : google ti
    > da servizi ottimi
    > GRATUITAMENTE.

    i servizi sono ottimi, davvero.
    però google, con i nostri dati personali, ci lucra alla grande. forse dovrebbero pagarci per utilizzare i loro servizi...
    non+autenticato
  • La frase:
    "non hanno più bisogno di un apposito software per eseguire l'upload del video, ma potranno selezionare i clip da inviare utilizzando una semplice interfaccia web. Ciascun video inviato verrà messo in linea entro poche manciate di minuti. Grazie a questa piccola modifica, il "palinsesto" creato dagli utenti acquista una rinnovata dinamicità e freschezza. Precedentemente, gli utenti erano costretti ad attendere 24 ore prima dell'approvazione dei contenuti spediti. "

    Mi chiedo quale sia il nesso tecnico tra l'aver utilizzato l'interfaccia web per fare l'upload ed il fatto che i video vadano online in pochi minuti... Mi sembra una sciocchezza...
  • non devi scaricare il programma ed usarlo, ma basta andare sul sito e uploadare. In più non devono (Google) stare dietro a fare/mantenere client per l'upload compatibili con Linux/MacOSX e Windows.
    non+autenticato
  • Io ho espresso un concetto diverso però:

    "Mi chiedo quale sia il nesso tecnico tra l'aver utilizzato l'interfaccia web per fare l'upload ed il fatto che i video vadano online in pochi minuti..."

  • - Scritto da: HotEngine
    > Io ho espresso un concetto diverso però:
    >
    > "Mi chiedo quale sia il nesso tecnico tra l'aver
    > utilizzato l'interfaccia web per fare l'upload ed
    > il fatto che i video vadano online in pochi
    > minuti..."

    Se avessi dovuto installare qualche programma, ci avresti messo più che pochi minuti.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: HotEngine
    > > Io ho espresso un concetto diverso però:
    > >
    > > "Mi chiedo quale sia il nesso tecnico tra l'aver
    > > utilizzato l'interfaccia web per fare l'upload
    > ed
    > > il fatto che i video vadano online in pochi
    > > minuti..."
    >
    > Se avessi dovuto installare qualche programma, ci
    > avresti messo più che pochi
    > minuti.

    Ti rispondo io in quanto qualcun altro non ha abbastanza pazienza con te.

    Io sono daccordo con te sul fatto che non puoi usare l'applicazione senza averla scaricata e installata, ma questo non vuol dire che tutte le volte che vuoi usare un programma lo devi scaricare e (re)installare.

    E questo deve essere per te un punto fisso, farai fatica ma ti servirà per capire i passi successivi.

    Il fatto è che prima per inviare un filmato era necessaria un'applicazione e il tempo richiesto per l'attivazione era di 24 ore.
    Ora non serve l'applicazione e il tempo necessario è di pochi minuti.

    Se ora (subitissimo) ti rileggi i post precedenti capirai di avere frainteso per ben 2 volte.

    Non fa niente ma la prossima volta cerca di fare più attenzione.
  • mi chiedo, dato che i video saranno pubblicati praticamente instantaneamente, dove andranno a finire le verifiche che precedentemente google imponeva.

    se uno uppa porno finchè qualcuno non se ne accorge il filmato rimane?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > mi chiedo, dato che i video saranno pubblicati
    > praticamente instantaneamente, dove andranno a
    > finire le verifiche che precedentemente google
    > imponeva.
    >
    > se uno uppa porno finchè qualcuno non se ne
    > accorge il filmato
    > rimane?

    non dovrebbe?
    non+autenticato
  • ieri ho uploadato un video e in meno di 5 minuti era online. Peccato che dopo alcune decine di minuti google abbia rimosso il video perchè non conforme alle regole. Ovviamente non mi è stata data nessuna spiegazione dettagliata...
    Il bello è che il video non viola i diritti di copyright, nè contiene scene di nudo o altro... insomma... non c'è motivo di censurarlo... Si tratta di uno spettacolo musicale di cui ho partecipato alla realizzazione!
    Leggendo nel forum di google video la stessa cosa è capitata anche ad altri e nessuno si spiega il motivo.
    Certo che se cominciamo così siamo a posto...cassiodoro
    non+autenticato
  • > praticamente instantaneamente, dove andranno a
    > finire le verifiche che precedentemente google
    > imponeva.

    Si saranno accorti che era impossibile verificare manualmente i video uploadati...
    Allora tanto vale pubblicarli subito e mettere un link per segnalare materiale illegale/immorale/che fa ingrassare
    Sorride
    non+autenticato
  • ....di recente, incomincio proprio a non sopportare piu' google..... molto meglio indymedia per le notizie, youtube per i video......e per ultimo (ma non ultimo - visto che è google l'ultimo) per le ricerche yahoo e sitini italiani.... Anonimo
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ....di recente, incomincio proprio a non
    > sopportare piu' google..... molto meglio
    > indymedia per le notizie, youtube per i
    > video......e per ultimo (ma non ultimo - visto
    > che è google l'ultimo) per le ricerche yahoo e
    > sitini italiani....
    > Anonimo


    ecchisenefrega.
    non+autenticato
  • a me invece frega... ma quali "sitini" italiani ???!?!?!?!?!?!
    gira due link please.... Sorride

    br1

    P.s. in effetti google sta un po esagerando... ma quaero dov'e` ????
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > a me invece frega... ma quali "sitini" italiani
    > ???!?!?!?!?!?!
    > gira due link please.... Sorride
    >

    virgilio, iltrovatore, libero/arianna, supereva(:s)

    poi vabbé: Altavista.it ....
    non+autenticato
  • il problema è che nessuno di questi offre mappe con immagini satellitari e ibride, nessuno offre 3 giga di email, nessuno offre un calendario veloce e rapido...

    sul search ci sono anche siti italiani interessanti, ma sul resto....
    non+autenticato
  • Da quello che so io:

    - libero/arianna <USA GOOGLE>
    - supereva <USA GOOGLE>
    - virgilio <????? dovrebbe usare GOOGLE>
    - iltrovatore (Massimo Miccoli e` un mito Sorride
    - altavista non e` italiano Triste

    credo che di questi solo iltrovatore sia un vero motore di ricerca...

    br1

    - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > a me invece frega... ma quali "sitini" italiani
    > > ???!?!?!?!?!?!
    > > gira due link please.... Sorride
    > >
    >
    > virgilio, iltrovatore, libero/arianna,
    > supereva(:s)
    >
    > poi vabbé: Altavista.it ....
    non+autenticato
  • in che senso esagerando? danno tanti servizi che funzionano e gratis... se poi ci guadagnano con le pubblicità che ti frega!
    non+autenticato