Blindano tutto? Non angosciamoci

L'Arte, quella con la A maiuscola, lascia il segno, lascia qualcosa dentro, e vive di una vita indipendente dai supporti blindati. Ne parla un lettore che spiega: se perderemo la battaglia forse non avremo perso la guerra

Roma - Gentile Redazione, seguo con interesse la vostra testata da diverso tempo ormai, e, fin dall'inizio, sono rimasto molto affascinato dalla questione DRM, e in particolare dal suo aspetto e dalle implicazioni legate alla piattaforma Palladium (forse il nome Palladium non è corretto, il nome di questa tecnologia cambia di giorno in giorno, ma capite tutti benissimo a cosa mi riferisco). La rubrica Untrusted ci prefigura scenari apocalittici, tecnicamente possibili, purtroppo.

Chiunque sia appena un po' informato su queste nuove tecnologie comprende benissimo tutti i pericoli connessi al loro possibile, anzi, probabile, uso da parte di certi gruppi di interesse. Problemi che vanno a intaccare una libertà fondamentale dell'uomo, ovvero la libertà d'espressione, alla quale tutti teniamo moltissimo. Certo la tentazione, almeno all'inizio, di sacrificarla all'ultimo film HD è grande. Accidenti! Qui si parla di altissima risoluzione, non so se mi spiego!

Mi piacerebbe essere certo di poter usare un tono ironico quando affermo cose di questo tipo, ma in realtà non ne sono così sicuro. Quando sapremo la risposta, potrebbe essere troppo tardi. Ma vorrei tentare di portare un cauto ottimismo.
Vi ho scritto per ricordare a tutti che l'Arte, quella vera, quella che nasce da un bisogno interiore, l'umana trasmissione di emozioni, il tentativo di trasmettere se stessi e ciò che si pensa, non dipende dal supporto, per fortuna. Penso di poter fare a meno di guardare X-Men 4 ad alta definizione, con schermi misurabili in piedi e impianti audio che ti scompigliano i capelli.

L'Arte, quella vera, è piuttosto restia a farsi mercificare.
L'Arte, quella vera, ti lascia qualcosa, non la dimentichi dopo una estate come una torrida canzonetta che trasuda ritmo e banalità.
L'Arte, quella vera, non ce la può togliere nessuno.

Con questo non intendo affatto dire che non vale la pena combattere i mostri che si stanno creando sotto i nostri occhi e che temo, entro pochi anni, saranno maturi e pronti a sostituire i contenuti con l'apparenza.
Voglio solo ricordarvi che, se anche una cosa del genere accadrà, forse non avremo perso troppo e non tutto sarà perduto.

Andrea W. Ruggerini
37 Commenti alla Notizia Blindano tutto? Non angosciamoci
Ordina
  • Security Upgrade Required
    The owner of the protected content your are trying to access requires you to upgrade some of the Miscrosoft digital rights management (DRM) components on your computer first

    Click OK to upgrade your DRM components

    Details
    When you click OK, a unique identifier and a DRM security file are sent to a Microsoft service on the Internet. The file is replaced with a customized version thet contains your unique identifier.

    This increases the level of protection provided by DRM

    OK/Cancel
    non+autenticato
  • L'Arte non c'entra per nulla nel tentativo delle Major di consolidare e perfezionare la loro posizione di GESTORI di contenuti multimediali, quali PROPRIETARI, non creatori artistici o meno.
    Non si ignora da nessuno che i piu' e meno recenti 'successi' sono pilotati abilmente per creare nel pubblico aspettative puntualmente disattese.
    I casi di scoperte realmente artistiche si fanno nel tempo sempre piu' rare, mentre le vendite di opere surrettizie la fanno da padrone in un campo dove, tutto considerato, ogni cosa sembra sempre piu' opinabile.
    Ma qui non si discute di Atristi e di Opere d'Arte, bensi' di un profondo stravolgimento della Rete in se', che rischia di essere asservita una volta e per sempre agli interessi economici di chi detiene la FORZA di farli valere.
    E mi sembra l'ennesima grande porcheria ordita dal potere economico, null'altro che questo.

    E allora?
    Allora non resta che darci fare, se desideriamo continuare ad essere liberi almeno quel tanto che ci consente di esprimerci e di farci ascoltare... se non e' troppo pretendere!

    doct.alfridus
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 maggio 2006 14.54
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 21 maggio 2006 02.18
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: alfridus
    > L'Arte non c'entra per nulla nel tentativo
    > delle Major di consolidare e perfezionare la
    > loro posizione di GESTORI di contenuti
    > multimediali quali PROPRIETARI, non creatori
    > artistici.
    > .........
    > Ma qui non si discute di Artisti e di Opere
    > d'Arte, bensì di un profondo stravolgimento
    > della Rete (della libertà digitale, ndr) in
    > sè, che rischia di essere asservita
    > una volta di più e per sempre agli interessi
    > economici di chi detiene la FORZA di farli
    > valere.
    > E mi sembra l'ennesima grande porcheria ordita
    > dal potere economico, null'altro che questo.
    >
    > E allora?
    > Allora non resta che darci fare se desideriamo
    > continuare ad essere liberi almeno quel tanto
    > che ci consente di esprimerci e di farci
    > ascoltare... se non e' troppo pretenderlo!
    >
    > Doct.alfridus
    >

    Quoto tutto, condivido perfettamente.

    Consigllierei a te ed a tutti noi di consultare
    http://www.no1984.org/
    associazione che molti di noi gia conoscono, perchè ci può fare da guida e collettore per le gli atteggiamenti e le azioni che possiamo intraprendere per contrastare il mostro liberticida.
    Proporrei di incominciare a diffondere nei punti caldi (esempio ingresso centri commerciali al sabato pomeriggio) valantini come questo
    http://www.midimarcus.com/component/option,com_doc.../
    Con meno di un euro per stampa in più copie e un'oretta di tempo possiamo salvare molte persone. E più ne salviamo più salviamo noi stessi.

    Diamoci da fare. Io non mollo, non molliamo!

    rockroll
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 maggio 2006 15.49
    -----------------------------------------------------------
  • Security Upgrade Required
    The owner of the protected content your are trying to access requires you to upgrade some of the Miscrosoft digital rights management (DRM) components on your computer first

    Click OK to upgrade your DRM components

    Details
    When you click OK, a unique identifier and a DRM security file are sent to a Microsoft service on the Internet. The file is replaced with a customized version thet contains your unique identifier.

    This increases the level of protection provided by DRM

    OK/Cancel
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Security Upgrade Required
    > The owner of the protected content your are
    > trying to access requires you to upgrade some of
    > the Miscrosoft digital rights management (DRM)
    > components on your computer
    > first
    >
    > Click OK to upgrade your DRM components
    >
    > Details
    > When you click OK, a unique identifier and a DRM
    > security file are sent to a Microsoft service on
    > the Internet. The file is replaced with a
    > customized version thet contains your unique
    > identifier.
    >
    > This increases the level of protection provided
    > by
    > DRM
    >
    > OK/Cancel

    Cancel, defenitely
    non+autenticato
  • Grazie per le indicazioni, che ho seguite.
    Grazie anche per il tuo apprezzamento.

    doct.alfridus
  • Non si tratta di Arte (quella con la "A" maiuscola. E questo già mi insospettisce) ma del panino giornaliero.

    Non di anime belle ma di gente sudata con il sedere su una sedia. Scendi di un livello almeno.

    Della censura e dell'esclusione (non troppo remota, basta seguire le intercettazioni di Bush).

    Non domani ma oggi.

    Saluti Piero



  • Tutto questo per far passare nel modo meno doloroso possibile che:

    - il TC é qui. Nessuno lo ha fermato. L'abbiamo visto arrivare da lontano, ne abbiamo parlato e straparlato e mentre noi stavamo qui a parlare il consorzio ha agito. Ora non é più questione di anni. E' arrivato. E non andrà via.

    - le Grandi Imprese hanno vinto. Anzi, vinto é la parola sbagliata. Sottintende che ci potesse essere qualche tipo di confronto, che invece non é mai realmente esistito. In ogni caso, hanno avuto e avranno quello che volevano.

    - noi, i "fruitori", restiamo al nostro posto e ci consoliamo con pensieri sulla "vera arte" e cose del genere, perché é tutto quello che abbiamo. Ci possiamo magari illudere che tra 200 anni il nostro filmatino di duelli con le spade laser fatto con LSMaker sarà più considerato che non l'intera saga di Lucas.

    Bene. Continuiamo a illuderci. Non c'é altro da fare.

  • - Scritto da: borg_troll
    > Tutto questo per far passare nel modo meno
    > doloroso possibile
    > che:
    >
    > - il TC é qui. Nessuno lo ha fermato. L'abbiamo
    > visto arrivare da lontano, ne abbiamo parlato e
    > straparlato e mentre noi stavamo qui a parlare il
    > consorzio ha agito. Ora non é più questione di
    > anni. E' arrivato. E non andrà
    > via.
    >
    > - le Grandi Imprese hanno vinto. Anzi, vinto é la
    > parola sbagliata. Sottintende che ci potesse
    > essere qualche tipo di confronto, che invece non
    > é mai realmente esistito. In ogni caso, hanno
    > avuto e avranno quello che
    > volevano.
    >
    > - noi, i "fruitori", restiamo al nostro posto e
    > ci consoliamo con pensieri sulla "vera arte" e
    > cose del genere, perché é tutto quello che
    > abbiamo. Ci possiamo magari illudere che tra 200
    > anni il nostro filmatino di duelli con le spade
    > laser fatto con LSMaker sarà più considerato che
    > non l'intera saga di
    > Lucas.
    >
    > Bene. Continuiamo a illuderci. Non c'é altro da
    > fare.

    Scusami, ma non sono d'accordo. Non è una questione di verità, è solamente una questione di soldi. Se continuiamo a ragionare su di un altro piano logico rispetto alle cosiddette "Grandi Imprese" certo non ci sarà mai alcun confronto. Prendi l'esempio della Starforce, a questo prodotto ignobile si può rispondere solo con il non acquisto dei giochi da esso "protetti" e comprando quelli che non lo usano. Se poi il gioco è più brutto pazienza, preferisco avere il PC libero da spazzatura. Stessa cosa per i DRM. Qualcuno ci costringe a comprare i film che li usano?
    duffo

  • - Scritto da: duffo

    > Qualcuno ci costringe a comprare i film che li
    > usano?

    No. Io non li compro. Ma una stragrande maggioranza di gente invece lo fa. Le scelte di quella maggioranza di gente si ripercuotono sulle nostre possibilità di scelta.

    Se il 99% della gente si compra i DVD con il DRM, allora il mercato produce solo DVD con il DRM. E basta.

    E il 99% non é necessario. Basta molto meno. Al resto pensano le leggi.

    Una volta potevo comprare DVD regione 1 nei negozi. Poi l'hanno vietato.

    Posso ancora farlo via Internet, ma ora hanno aggiunto dei dazi che lo rendono molto meno conveniente. Un altro piccolo sforzo e non sarà più possibile.

  • - Scritto da: borg_troll
    >
    > - Scritto da: duffo
    >
    > > Qualcuno ci costringe a comprare i film che li
    > > usano?
    >
    > No. Io non li compro. Ma una stragrande
    > maggioranza di gente invece lo fa. Le scelte di
    > quella maggioranza di gente si ripercuotono sulle
    > nostre possibilità di
    > scelta.
    >
    > Se il 99% della gente si compra i DVD con il DRM,
    > allora il mercato produce solo DVD con il DRM. E
    > basta.
    >
    > E il 99% non é necessario. Basta molto meno. Al
    > resto pensano le
    > leggi.
    >
    > Una volta potevo comprare DVD regione 1 nei
    > negozi. Poi l'hanno
    > vietato.
    >
    > Posso ancora farlo via Internet, ma ora hanno
    > aggiunto dei dazi che lo rendono molto meno
    > conveniente. Un altro piccolo sforzo e non sarà
    > più
    > possibile.
    >

    Il quadro che tu mi dipingi è deprimente: dici in sostanza che abbiamo già ineluttabilmente perso su tutta la linea.
    una tua frase mi ha colpito a fondo:
    > Io non li compro (prodotti con DRM). Ma una
    > stragrande maggioranza di gente invece lo fa.
    > Le scelte di quella maggioranza si
    > ripercuotono sulle nostre possibilità di
    > scelta.

    Io continuo ad illudermi che questa maggioranza non sia stragrande, e che gli scenari da incubo che descrivi sarebbero reali tra almeno cinque anni se ora noi li lasciassimo fare bovinamente.

    Ti dirò, per le canzonette non me ne frega niente, facciano quel che vogliono.
    Qualche interesse nutro invece per i Film, perchè alcuni, ma solo alcuni (non certo i nostrani) sono di buona anzi ottima fattura, e mi piacerebbe fossero di libera diffusione e fruizione come patrimonio di cultura cui nessuno dovrebbe essere escluso. Ma se non sarà possibile, pazienza, non ne faccio un dramma.
    Il dramma invece me lo faccio in campo informatico: qui ci vogliono portare veramente al condizionamento più totale togliendoci ogni forma di libertà di utilizzo che non sia da loro voluta per perseguire i lori scopi di egoistico lucro e di plagio mentale.

    Ma per fortuna il TC non è ancora diffuso come il DRM (oltretutto bypassabile). Il TC TPM e compagnia bella è un qualcosa sulla carta non aggirabile o bypassaabile (salvo ricorrere alla cattura della versione "operativa" dei files che ci interessano nell'istante in cui operano, ma le difficoltà sono tali che forse il gioco non varrà la candela).
    Però proprio per la radicale revisione che tale tecnologia impone su ogni componente (HW in primo luogo ma anche SW e dati) componeti che comunque devono mantenere compatibilità di funzionamento non thrusted, la sua piena operatività è prevista dagli esperti non prima del 2010 (vedi articoli in merito),e questo, aggiungo io, ammesso che il mercato dei consumatori accetti lo stato delle cose.
    Il 2010, anzi taluni parlano del 2012, sarebbe il momento, anche per obsolescenza del materiale del passato gelosamente conservato dai pochi oppositori al regime, sarebbe il momento del raggiungimento della "massa critica" di utenza sistemi TC Thrusted, oltre la quale sparirebbe dal mercato qualunque oggetto, apparecchiatura, prodotto non allineato.
    Ma questo incubo, che tu giudichi praticamente già presente, viene datato in un tempo che ci lascia comunque spazio ad iniziative per contrastare il fenomeno, sopratutto educando l'opinione pubblica.

    Io sono ligure, genoano (e vorrei giustizia), e come il nostro ex presidente Preziosi, colpevole o meno che fosse, grido anch'io:
    IO NON MOLLO, IO NON MOLLO, NON MOLLOooooo....
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 19 maggio 2006 19.08
    -----------------------------------------------------------
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)