Il massacro di Columbine? Un videogioco

Controversa iniziativa di un anonimo utente statunitense: lancia un gioco di ruolo dove i protagonisti sono Dylan Klebold ed Eric Harris, i due adolescenti che uccisero 13 persone in una scuola superiore del Colorado

Denver (USA) - Il massacro di Columbine è diventato un videogioco gratuito scaricabile dal web: si chiama Super Columbine Massacre RPG ed ha già scatenato le ire delle persone che durante quel triste episodio hanno perduto figli, parenti o amici.

Assemblato grazie ad RPG Maker, uno strumento che permette di realizzare giochi di ruolo senza alcuna conoscenza informatica specifica, Super Columbine Massacre mette il giocatore nei panni dei due assassini. L'obiettivo del gioco è di ripercorrere le fasi della strage , dall'uccisione dei compagni di scuola fino all'epilogo della storia, conclusasi col suicidio dei due assassini. L'intero videogioco contiene numerose immagini prese da quotidiani e telegiornali.

"I giocatori più distruttivi, alla fine, avranno una serie di belle sorprese", si legge sul sito di Super Columbine Massacre. Per Brian Rohrbough, padre di una delle vittime uccise a sangue freddo dai due studenti Dylan Klebold ed Eric Harris, questo videogioco è una triste rappresentazione della società contemporanea: "Viviamo immersi nella cultura della morte", ha detto ai reporter di AP, "e questo videogioco mi inorridisce, poiché minimizza le azioni di due assassini che hanno tolto la vita a persone innocenti".
L'autore del gioco, nascosto dietro il soprannome di "Columbin", si difende pubblicamente sul sito ufficiale: "Voglio solo spingere le persone a riflettere su quanto accaduto, ed invece di starmene seduto di fronte alla TV ho deciso di fare qualcosa di creativo". Columbin ha aperto un forum di discussione online, dove non mancano assalti frontali da parte dei parenti delle vittime: "Mi fai schifo, sei un essere abominevole", si legge in un messaggio rivolto al creatore di Super Columbine Massacre.

Il caso sta suscitando molto interesse negli Stati Uniti, tra sentimenti di disgusto e condanne. Le autorità del Colorado, dopo la strage di Columbine, sono sempre in guardia e sorvegliano Internet alla ricerca di segnali importanti da parte degli adolescenti, nel timore che qualcosa di simile possa ripetersi: molti, negli USA, credono che i videogiochi violenti come Super Columbine Massacre possano generare altrettanta violenza.

Tommaso Lombardi
79 Commenti alla Notizia Il massacro di Columbine? Un videogioco
Ordina
  • E' sempre stato uno dei miei più grandi desideri, quando frequentavo la scuola superiore, fare irruzione una mattina nella mia classe e trucidare barbaramente tutti i compagni e le compagne che odiavo. Sfortunatamente (o dovrei dire fortunatamente?) allora, come adesso, non possedevo "strumenti" adatti allo scopo...tipo un Kalashnikov AK-47 o un fucile disgregatore romulano (http://www.ex-astris-scientia.org/gallery/artoftre...) Occhiolino.
    Però sono ancora in tempo, in fondo, seppur abbia concluso il corso da qualche anno ormai, i suddetti dovrebbero essere ancora vivi e pronti per essere privati delle loro principali funzioni vitali...definitivamente.
    Dato che ritengo molto improbabile che potrò godere di tanta libertà d'azione nella realtà, almeno potrei divertirmi con lo stupendo videogioco in questione Indiavolato.
    Onore e gloria ai massacratori della Columbine! Troll
    non+autenticato
  • Un livello custom di Half-Life o un mod per GTA ti darebbero più soddisfazione. Dopo quasi un'ora di "corri dietro allo sprite - seleziona attacco - seleziona arma - aspetta che il tizio crepi" tiravo avanti per semplice forza di volontà.

    non+autenticato
  • Allora dato che ci sono ,per par condicio, lo facciano anche sulla Santa Inquisizione ! Indiavolato
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Allora dato che ci sono ,per par condicio, lo
    > facciano anche sulla Santa Inquisizione !
    >Indiavolato

    Qualcuno te lo impedisce?

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Allora dato che ci sono ,per par condicio, lo
    > > facciano anche sulla Santa Inquisizione !
    > >Indiavolato
    >
    > Qualcuno te lo impedisce?
    >
    L'incompetenza, sia storica che informatica...
    non+autenticato
  • Si è sempre pronti a "sparare a zero" sui videogiochi, ma lo sapete che della strage di Columbine è uscito anche un film? Si intitola Elephant se non sbaglio e di quello nessuno ha detto nulla... bah... sinceramente penso che la gente viva di luoghi comuni... un gioco che parla di una strage è una cosa abominevole, ma un film invece va bene?! Ma per favore!!

    I videogiochi sono un modo diverso per raccontare storie... e come i film possono essere usati in modo giusto o improprio.

    Chi non ha capito questa cosa parla solo per pregiudizi, e farebbe meglio a stare in silenzio...
    non+autenticato
  • Elephant è vers. bigotta ed "americana" di Bowling infatti mentre nel film di Moore si cerca di scavare per capire quale sia il malessere che porta a queste cose nell'altro si spara a zero su metal e videogiochi tanto è vero che tale film può essere solo di due categorie (ma fondamentalmente la stessa):

    Spazzatura voluta per distogliere l'interesse dai veri problemi
    Spazzatura commerciale atta ad attirare gli imbecilli che credono che basta sostituire una polka a manson per risolvere tutto
    non+autenticato
  • Il film Elephant, personalmente mi è piaciuto...!
    Riguardo al film di Moore, direi che è un documentario e anche se viene proposto come cinema secondo me non ha nulla a che fare con il cinema.

    Riguardo il gioco: io non sono un Americano per cui potrei anche divertirmi, dipende se è realizzato bene ed è coinvolgente.
    non+autenticato
  • Dove sarebbe coinvolgente Elephant ?

    Un ragazzo che si spara una sessione a wolfstein e dopo va ad ammazzare i suoi compagni di scuola sarebbe coinvolgente ? Vuole per caso trasmettere un messaggio ?
    Questo è lavaggio del cervello perchè è dimostrato ogni schifosissimo giorno che l'equazione giocatore di fps = killer non sta in piedi e quando ci scappa l'eccezione, ci sta sempre una motivazione ben più grave e profonda, altro che "se ho steso gli strogg allora posso ammazzare tutti"

    Tutti questi registi che realizzano ste putt-nate andrebbero spediti a raccogliere cotone.

    Sulla questione di Moore trovo sia stato giusto trasmetterlo al cine perchè purtroppo la massa è incapace di considerare la tv anche un'opportunità per approfondire oltre ai soliti reality
    non+autenticato
  • Approfondire coi film di Moore?
    Anche lui, né più ne meno dei bigotti, non fa affatto delle buone inchieste, perché parte col risultato che vuole ottenere già nella sua testa e gira il film allo scopo e in modo da dimostrare le sue tesi...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Approfondire coi film di Moore?
    > Anche lui, né più ne meno dei bigotti, non fa
    > affatto delle buone inchieste, perché parte col
    > risultato che vuole ottenere già nella sua testa
    > e gira il film allo scopo e in modo da dimostrare
    > le sue
    > tesi...

    Se ne deduce che, secondo te, i giocatori di FPS sono tutti potenziali killer... Triste
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Se ne deduce che, secondo te, i giocatori di FPS
    > sono tutti potenziali killer...
    >Triste

    Siamo TUTTI potenziali killer. Solo i morti sono innocui. Ogni persona vivente é un assassino potenziale.
    non+autenticato
  • No anche i morti sono pericolosi:

    se non vengono seppelliti marciscono e formano batteri

    se non gli si taglia la testa, risorgono

    (collegata alla precedente) se poi prima di morire dovevano andare in bagno diventano centometristi come quelli dell'alba dei morti viventi il remake

    se non gli cuce la boca con dell'aglio e gli si pianta un paletto di frassino nel cuore gli crescono i denti e diventano vampiri

    Se sono stati uccisi con il cubo delle anime di doom rinascono come Imp

    Altro che se sono pericolosi i morti
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    >
    > Altro che se sono pericolosi i morti

    Quelli sono non-morti. Abbiamo la Cacciatrice per quel genere di problemi.

    non+autenticato
  • Beh è chiaro, il lavoro di studio non viene fatto durante le riprese ma prima. Il film è solo un ulteriore sostegno
    non+autenticato
  • > Si è sempre pronti a "sparare a zero" sui
    > videogiochi, ma lo sapete che della strage di
    > Columbine è uscito anche un film?


    un buon film, di Gus van Sant
    http://italian.imdb.com/title/tt0363589/
    che riporta i fatti e non cerca di sicuro di allietarci le serata come dovrebbe fare questo videogioco.

    Creare degli svaghi o lucrare su fatti così incresciosi è alquanto cinico, un film è fatto per raccogliere soldi ma il punto è anche come si fanno certe opere.
    Akiro
    1906
  • "Viviamo immersi nella cultura della morte"...

    Balle! Viviamo semmai nella cultura dell'apparenza e della visibilità a tutti i costi, basta vedere i reality show e le altre caxxate che trasmettono continuamente in tv... quindi anche una strage può servire per diventare il centro dell'attenzione di tutti...

    La morte come strumento per diventare visibili, non il contrario...
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Balle! Viviamo semmai nella cultura
    > dell'apparenza e della visibilità a tutti i
    > costi, basta vedere i reality show e le altre
    > caxxate che trasmettono continuamente in tv...
    > quindi anche una strage può servire per diventare
    > il centro dell'attenzione di
    > tutti...

    Una strage in un reality, ecco cosa ci serve. Big Brother Rampage. I concorrenti massacrati senza pietà il primo giorno (quando ce ne sono abbastanza), a colpi di arma da fuoco e coltellate. Tutta la nazione a guardarli in diretta mentre vengono selvaggiamente uccisi implorando pietà.

    Che bello.
    non+autenticato
  • Vuoi Man Lò che mentre accoltella qualcuno urla Boing boing boing A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Vuoi Man Lò che mentre accoltella qualcuno urla
    > Boing boing boing
    >A bocca aperta

    Gia' e credo si sia divertita parecchio nello spot: fateci caso...la prima volta dice effettivamente boing; poi come tiritera inizia a fare boin! boin! boin! Cosa c'e' di tanto strano? Non credo che lei non sappia che in una ben nota lingua asiatica (scopritelo da soli quale) boin significa "grosse tette" o "tettona"!Gia'mi immagino le risate degli stranieri che guardano lo spot....!!!A bocca aperta


    non+autenticato


  • - Scritto da:

    > Gia' e credo si sia divertita parecchio nello
    > spot: fateci caso...la prima volta dice
    > effettivamente boing; poi come tiritera inizia a
    > fare boin! boin! boin! Cosa c'e' di tanto strano?
    > Non credo che lei non sappia che in una ben nota
    > lingua asiatica (scopritelo da soli quale) boin
    > significa "grosse tette" o "tettona"!Gia'mi
    > immagino le risate degli stranieri che guardano
    > lo spot....!!!A bocca aperta
    >
    >
    >

    Adesso il moige oscurerà anche questa pubblicità Oo
    non+autenticato
  • > Una strage in un reality, ecco cosa ci serve. Big
    > Brother Rampage. I concorrenti massacrati senza
    > pietà il primo giorno (quando ce ne sono
    > abbastanza), a colpi di arma da fuoco e
    > coltellate. Tutta la nazione a guardarli in
    > diretta mentre vengono selvaggiamente uccisi
    > implorando
    > pietà.
    >
    > Che bello.


    Ci hanno gia' pensato...

    Non so se hai visto My Little Eye
    http://imdb.com/title/tt0280969/
    non+autenticato
  • alla fine del gioco dalla PS o dal joystick magari parte una scarica elettrica o un colpo di arma da fuoco che uccide il giocatore. Bisogna renderlo reale, no? Essere fedeli al "gioco" fino in fondo

    Triste

    leo
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > alla fine del gioco dalla PS o dal joystick
    > magari parte una scarica elettrica o un colpo di
    > arma da fuoco che uccide il giocatore. Bisogna
    > renderlo reale, no? Essere fedeli al "gioco"
    > fino in fondo

    Mha, forse a te priacerebbe, nel caso organizzati in tale senso.

    Altri preferiscono fare una parta prendendola leggera, senza farsi troppo problemi.
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Mha, forse a te priacerebbe, nel caso
    > organizzati

    no non piacerebbe, tra l'altro finche' si gode, e' un mondo bellissimo
    avro' postato di impulso, certo anche io da piccolo giocavo a F117 e bombardavo i "comunisti" in guerra fredda, il discorso e' vagamente identico.

    vagamente

    > .. prendendola leggera, senza farsi troppo
    > problemi.

    non la prenderei alla leggera
    e si' mi farei qualche problema
    in teoria ci si dovrebbe evolvere ed evitare che la Storia si ripeta

    senza troppi problemi non e' che si arriva al punto in cui si scoppia tipo cent'anni fa e si ricomincia da capo o quasi?

    ma poi e' vero che problemi mi metto

    ciao, leo
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    >
    > > Mha, forse a te priacerebbe, nel caso
    > > organizzati
    >
    > no non piacerebbe, tra l'altro finche' si gode,
    > e' un mondo
    > bellissimo
    > avro' postato di impulso, certo anche io da
    > piccolo giocavo a F117 e bombardavo i "comunisti"
    > in guerra fredda, il discorso e' vagamente
    > identico.
    >
    > vagamente
    >
    Dai, bombardare i comunisti è peccato veniale... perfino D'Alema non è riuscito a resistere alla tentazione! A bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaAngiolettoIndiavolatoAngioletto Troll chiacchierone
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)