Vietare le pedocarte di credito online

Lo suggerisce il senatore diessino Costantino Garraffa come possibile soluzione al problema dell'acquisto di materiale pedo-pornografico su internet. Una provocazione?

Roma - Il pedofilo che compra immagini di pedo-pornografia su internet utilizzando la propria carta di credito potrebbe vedersi presto togliere dalle mani questo strumento, almeno se il governo andrà nella direzione suggerita pur con prudenza dal senatore diessino Costantino Garraffa.

Sebbene non sia assolutamente chiaro come le carte di credito possano ostcolare, più di quanto già non facciano, il business pedo-pornografico, appare naturalmente perigliosa e irta di ostacoli la via del blocco dell'uso delle card su internet.

Ma ecco il testo completo dell'interrogazione presentata da Garraffa:
"Ai Ministri per le pari opportunità, dell'interno e della giustizia.

Premesso che la lotta alla pedofilia, a prescindere dalle diverse collocazioni politiche, non deve mai interrompersi;

considerato che nonostante gli interventi nel territorio da parte delle forze dell'ordine coloro che praticano abusi nei confronti dei minori trovano, attraverso gli strumenti informatici, punti di riferimento per perpetrare le loro deviazioni;

visto che attraverso la rete Internet si può accedere a siti che vendono immagini di minori;

tenuto conto che per l'acquisto delle immagini viene anche data l'indicazione di utilizzare le marche di note carte di credito (Visa, Mastercard, Diners);

l'interrogante chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo ritengano necessario intervenire presso la Banca di Italia e presso le aziende che rilasciano le carte di credito, in modo da inibire l'uso di credenziali bancarie o altri titoli per acquisti di codesto genere;

quale sia la programmazione degli interventi predisposta dalle forze dell'ordine per combattere tali crimini ed il numero dei procedimenti giudiziari avviati nei confronti di coloro che si sono macchiati di questi reati.

L'interrogante ritiene opportuno segnalare ai Ministri che le fonti dalle quali ha recepito quanto inserito nella premessa sono i siti Internet www.ilbarbieredellasera.com e www.fuoricronaca.it ed i giornalisti Alessandra Verzera e "Mata Hari" (quest'ultima da ritenersi chiaramente uno pseudonimo)."
9 Commenti alla Notizia Vietare le pedocarte di credito online
Ordina
  • Ma possibile che Garaffa non abbia un collega , un amico , un compagno di partito , un parente , un collaboratore, un segretario o un portaborse a cui far vedere le bozze delle proprie proposte prima di presentarle?
    non+autenticato
  • traduzione dell'interrogazione:
    Care autorità,
    visto che le carte di credito sono usate per comprare materiale pornografico su Internet propongo che la Banca d'Italia, munitasi dell'elenco dei siti pornopedofili (notoriamente in vendita in tutte le edicole), blocca la possibilità di pagare con carta di credito su questi siti.

    Come se i siti pornopedofili fossero negozi online come gli altri, con tanto di insegna e vetrina, con attaccati gli adesivi delle carte di credito accettate...

    anni fa lavoravo in un'agenzia di pubblicità, e c'era questo art director quarantenne che pretendeva che i grafici più giovani lavorassero con la tempera e la colla, perché secondo lui (cito testualmente) "grafica-no creatività-computer-internet-pedofili".
    Magari è imparentato con quello che ha presentato l'interrogazione...
    non+autenticato
  • L'uso della carta di credito, non è poi uno strumento che lascia una firma indelebile.

    Cioè, ipotizziamo che io acquisti un qualsiasi bene su internet, (quindi nel caso specifico anche materiale ...), attraverso la mia cc, ammesso di fidarsi dei sistemi sicuri, e sopratutto di chi c'è dall'altra parte, comunicando i dati della mia cc, ho lasciato una traccia abbastanza precisa del mio passaggio.

    Ovviamente questi dati sono coperti da infinite leggi, ma possono diventare accessibili alle forze dell'ordine per scoprire chi sono i pedofili, (l'uso della cc prova l'intenzionalità del gesto, e l'unico richio e che questi dati possano essere stati inseriti da terzi a conoscenza degli stessi).

    Alla fine la cosa più importante non è quella di scoprire chi sono i p. in questione al fine di poterli punire/RIEDUCARE?

    E poi analizzando le varie transazioni di questi, non è possibile che si possano scoprire nuovi siti o quant'altro, anche al di fuori di quello che è lo stretto mercato informatico?

    Danilo
    non+autenticato
  • Tanto il commercio online non funge a questo punto chi ci perde? Secondo me e' una buona idea. Fermiamo i pedofili.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tibetan monk
    > Tanto il commercio online non funge a questo
    > punto chi ci perde? Secondo me e' una buona
    > idea. Fermiamo i pedofili.

    Forse non funge A TE.
    A me funziona benissimo e continuero' ad utilizzarlo.
    non+autenticato
  • Dovendo fare l'opposizione, il minimo che si chiede è quello di fare un'opposizione perlomento intelligente.
    Questa proposta qui di intelligente ha solo il chiaro intento di autosmartellarsi i coglioni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stefano
    > Dovendo fare l'opposizione, il minimo che si
    > chiede è quello di fare un'opposizione
    > perlomento intelligente.
    > Questa proposta qui di intelligente ha solo
    > il chiaro intento di autosmartellarsi i
    > coglioni.

    Perche'?
    non+autenticato
  • Perchè:

    1 - l'affermazione indica chiaramente una completa ignoranza sull'argomento. E che si pargli di internet, di pedofilia, di pesca, di petrolio o di pensioni è assolutamente ininfluente.
    E questo non mi piace da un parlamentare.

    2 - la proposta, così com'è, è irrealizzabile e quindi serve solo a far perdere tempo a chi la deve esaminare.
    E questo può voler dire che il parlamentare non ha nulla di meglio da fare.

    3 - l'unico modo di raggiungere il risultato è quello di effettuare un controllo censorio su tutta la rete e su tutte le transazioni, il che mi pare equivalga a combattere le zanzare con la bomba atomica.
    E questa mi pare miopia politica.

    4 - Affermazioni del genere non fanno altro che radicare sempre di più i concetti internet=pedofilia nelle menti di chi internet non lo conosce (e con questo andazzo si rifiuterà ancora di più ad ignorarlo).
    E questo non contribuisce alla riduzione dell'analfabetismo informatico.

    Posso continuare, ma mi fermo qui.





    4 -
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)