P2P, in Germania raffica di perquisizioni

130 le abitazioni e i locali perquisiti, 3.500 gli indagati: sono tutti utenti di sistemi peer-to-peer, eDonkey ed eMule in particolare, a cui si attribuisce il download e la condivisione di molti file protetti da diritto d'autore

Berlino - Quanto avvenuto nelle scorse ore non s'era ancora visto in Germania: le forze dell'ordine tedesche hanno infatti dato vita a quella che viene considerata la più imponente operazione di contrasto all'uso del peer-to-peer fin qui messa in atto.

Stando a quanto riferito dalla Federazione internazionale dei fonografici IFPI, la polizia ha effettuato 130 perquisizioni in altrettanti locali e abitazioni nell'ambito di una indagine che coinvolge 3.500 utenti , la maggiorparte dei quali ora rischia un procedimento giudiziario.

Ad essere presi di mira, in particolare, sarebbero gli utenti delle reti eDonkey ed eMule , da tempo le più frequentate non solo in Germania, persone che avrebbero condiviso sul P2P mediamente circa 8mila file pirata ciascuno, ossia musica ed altre opere protette da diritto d'autore.
Secondo IFPI, ciascuno degli indagati ora rischia un procedimento di tipo penale nonché richieste molto salate di danni da parte dell'industria dei contenuti.

L'azione, coordinata dalle autorità di Colonia e Bergheim, arriva dopo alcuni mesi decisamente "bollenti" per gli utenti di sistemi di file sharing tedeschi. Lo scorso gennaio una imponente operazione partita da Francoforte aveva preso di mira utenti considerati colpevoli di aver diffuso warez sul P2P.

Applausi per l'operazione sono arrivati proprio da IFPI che attraverso i suoi funzionari locali ha ribadito che "il rilevante messaggio (derivato dall'operazione, ndr.) che viene dato a tutti gli utenti Internet è che non si può sperare di non venire scoperti quando si commettono crimini online". IFPI ha formalmente ringraziato le forze dell'ordine tedesche per questo "superbo successo investigativo".

Secondo John Kennedy, chairman e CEO di IFPI, "la pirateria Internet ha danneggiato l'intera comunità musicale in Germania, e le vendite legali sono crollate di un terzo in soli cinque anni". Un vecchio refrain per le major, convinte da sempre che le attività P2P siano direttamente responsabili del calo delle vendite dei supporti tradizionali nonché, dall'arrivo dei jukebox legali online, di una grossa parte di mancati incassi.
54 Commenti alla Notizia P2P, in Germania raffica di perquisizioni
Ordina
  • mah... tanto se non ti bekkano attraverso i server spia ti mandano a casa i cc alle 06:30 per privarti del tuo pc con l'accusa di essere un pedofilo. E magari il tuo vicino tiene nell'armadio 5 cadaveri di bambini e milioni di foto cartacee di abusi su minori.
    E tu nel pc hai solo dieci mp3 degli iron maiden e i documenti per farti assumere co.co.pro. nell'unica azienda che ti ha promesso un posto di lavoro.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 maggio 2006 12.22
    -----------------------------------------------------------
    m00f
    445
  • E' ufficiale, da fake servers la Ifpi in due mesi ha raccolto 14 gigabyte di logs, quindi chiunque si sia connesso ad un fake probabilmente e' stato catalogato con gli ip che ha avuto e tutto il materiale che ha scaricato e condiviso; mi domando se sia legale da punto di vista privacy e ritenzione dei dati.

    Ricordate che il server ed2k a cui siete connessi e' in grado di sapere tutto quello che avete in condivisione, quanto questo e' stato richiesto, tutte le richieste che avete fatto, lo stato dei vostri download, i vostri crediti e statistiche e il necessario per tenere traccia di voi quando ci si sposta da un server fake ad un'altro; e' stato scritto u server ed2k appositamente per effettuare questo lavoro, cioe'fornire funzionalita' alla rete ed2k e costruire il profile degli utenti.

    Ricordate inoltre che non e' sufficente cambiare il nome che usate sotto enule per cambiare identita' ma bisogna eliminare alcuni files dalla directory Config , questo pero' vi azzera i crediti.

    Anche per questo suggerisco l'uso della rete Kad e a mio parere la rete server dovrebbe essere disattiva per default quando si installa il client.

    tradotto da una dichiarazione di Ifpi in lingua tedesca:

    "IFPI related group announces they used their own invented software to watch servers activity.During 2 months of invigilation they collected 14Gb of logs."
    non+autenticato
  • Propongo di organizzarci, recuperare i nomi delle vittime e chiedere in rete donazioni per aiutarli a sostenere le cause legali. Facciamogli vedere che non abbiamo paura, che siamo disposti a spendere per difendere i nostri diritti anche se non spendiamo più per le loro schifezze.
  • Ai p2ppari teteschi particolarmente debilitati verranno sparati direttamente in vena con le flebo Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • scrivi il tuo conto corrente che ti mando i soldi da dare alle vittime!
    non+autenticato
  • ...riportata alla legalità.
    E pure santificata, grazie ai buoni uffici di Paparatzo, grazie al quale resterà legale solo registrare i contenuti di Radio Maria AngiolettoAngiolettoAngiolettoAngiolettoAngioletto
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)