P2P, chiuso sito di link bulgaro

Le autorità pompano il caso cercando di dimostrare all'Unione Europea che intendono perseguire i pirati. Il sito offriva tonnellate di link a materiali protetti, e lo faceva a pagamento. Sofia spera che il gesto venga apprezzato

Roma - Pressoché sconosciuto in Europa occidentale, "ArenaBG Torrents" è stato a lungo un sito rivolto alla comunità peer-to-peer bulgara: garantiva l'accesso agrandi quantità di linkutili per scaricare illegalmente musica, film ed altri contenuti protetti dal diritto d'autore.

Ora il sito, che fino a qualche giorno fa risultava accessibile su www.arenabg.com, è stato chiuso al termine di una indagine condotta dalla polizia bulgara, che ha anche comunicato di averdenunciato i due gestori del sitoper violazione delle leggi sul diritto d'autore.

Al contrario di quanto avviene tradizionalmente sui siti che permettono di accedere gratuitamente ai tracker con i più variclient BitTorrent , ArenaBG metteva a disposizione i propri 20 milioni di linkdietro abbonamento mensiledal costo di circa 2 euro. Gli utenti venivano così consideratipower usered ammessi all'intero catalogo di link.
La polizia locale ha spiegato di aver fermato e denunciato i due gestori del sito: secondo l'industria di settore, i danni provocati dall'attività dei due superano i24 milioni di euro . Una cifra probabilmente legata ad una stima empirica di quanti hanno avuto accesso ai materiali linkati dal sito e quanto avrebbe ciascuno di loro speso se avesse acquistato in modo legale una copia di quella musica o di quei film.

"Questa gente - ha dichiarato alle agenzie un portavoce della polizia - sono tra i più grossi pirati Internet in Europa. Qui parliamo di perdite enormi". Un'affermazione interessante se si considera che Googleindicizzasolo 42 siti contenenti link a ArenaBG Torrents.

Ma ciò che emerge con maggiore rilevanza è il fatto che con questa operazione le autorità bulgare si allineano ad una posizione ormai invalsa in molti paesi europei, secondo cui la semplice esistenza di un linkpuò costituire un reato , sebbene sui server del sito non fossero ospitati i materiali linkati.

Nelle abitazioni dei due, gli inquirenti bulgari hanno riferito di aver sequestrato alcune centinaia di CD contenenti film pirata. Dal ministero degli Interni è stato segnalato che i due facevano uso di una connessione a banda larga per scaricare materiali dalla rete.

Va detto che l'operazione rientra in una strategia di Sofia tesa arecuperare creditopresso l'Unione Europea, alla quale il paese spera di poter presto aderire: richiamate in varie occasioni ad un più efficace contrasto alle attività pirata, le autorità con questa operazione, ed altre che si annunciano, sperano di riuscire a convincere i partner europei di voler davverostroncare la pirateria . Come in tutta Europa, peraltro, il fenomeno del P2P anche in Bulgaria ha un certo seguito ed è di interesse ricordare che nei paesi dove più severe sono le pene per i comportamenti illegali sul P2P, non si hanno segnali concreti di diminuzione nell'uso di questi sistemi di scambio.
16 Commenti alla Notizia P2P, chiuso sito di link bulgaro
Ordina
  • Azz! Veramente un colpaccio! Ora si che i pirati sono in ginocchio!
    Va vaff...
    J.J.
    Cylon
    non+autenticato
  • No stanno a 90 ma prima hanno mangiato fagioli a volontà e tra loro e la riaa sta una torcia...
    non+autenticato
  • ...e che è? tutta l'Europa combatte il P2P con sistemi bulgari e noi no?
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > ...e che è? tutta l'Europa combatte il P2P con
    > sistemi bulgari e noi
    > no?

    no, noi con i sistemi bulgari combattiamo l'informazione di biagi e santoro e la satira di luttazzi.. http://video.google.com/videoplay?docid=6840986114...
  • NON CE FREGA...NULLA...APRIRANNO SEMPRE ALTRI...SIAMO TROPPI E FORTI...ANZI SONO...I VERI ROBIN-HOOD DELLA RETE.....


    GRANDII....IMMENSI...GRANDI...PER SEMPREEE!!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > NON CE FREGA...NULLA...APRIRANNO SEMPRE
    > ALTRI...SIAMO TROPPI E FORTI...ANZI SONO...I VERI
    > ROBIN-HOOD DELLA
    > RETE.....
    >
    >
    > GRANDII....IMMENSI...GRANDI...PER SEMPREEE!!

    GIUSTO !
    Invece di prendersela contro sistemi p2p e file sharing, perchè stì maledetti poliziotti e finanzieri non danno la caccia ai pedofili e ai " veri " criminali" italiani e non italiani? Ma si sa,siamo in Italia!E cmq ...scaricate gente scaricate..purchè sia per uso personaleSorride
  • Perchè vuoi che ti diano la caccia, dovresti essere contento...
    non+autenticato
  • Gli sta bene sono contento che li abbiano chiusi!
    Il p2p nasce libero e come simbolo di libertà!
    Chiunque faccia pagare per un p2p come quel sito deve essere perseguito e chiuso!
    Sono questi la feccia della rete!
    non+autenticato
  • Potevi usarlo anche aggratis, se pagavi ti dava un accesso da power-user. E cmq 2€ al mese non son certo la rovina, dato che c'è gente che per 5€ al mese paga un pessimo modem adslSorride

    A parte questo, era un iniziativa, altri ti chiedono donazioni per tenere in piedi e server, loro ti chiedevano 2€ se volevi essere un utente privileggiato. Altrimenti scaricavi lo stesso.
    m00f
    445
  • Ma scusate un dubbio: Ma Google non è complice per la diffusione dei link (42!!!) per poter scaricare "dai bulgari"???
    Ah no, Google non ne può nulla se diffonde a macchia d'olio link di pirati, eh no.....


    - Scritto da: m00f
    > Potevi usarlo anche aggratis, se pagavi ti dava
    > un accesso da power-user. E cmq 2€ al mese non
    > son certo la rovina, dato che c'è gente che per
    > 5€ al mese paga un pessimo modem adsl
    >Sorride
    >
    > A parte questo, era un iniziativa, altri ti
    > chiedono donazioni per tenere in piedi e server,
    > loro ti chiedevano 2€ se volevi essere un utente
    > privileggiato. Altrimenti scaricavi lo
    > stesso.

  • - Scritto da:
    > Gli sta bene sono contento che li abbiano chiusi!
    > Il p2p nasce libero e come simbolo di libertà!
    > Chiunque faccia pagare per un p2p come quel sito
    > deve essere perseguito e
    > chiuso!
    > Sono questi la feccia della rete!

    Il fatto che fornire un link a un oggetto sia considerato un reato pari a fornire l'oggetto è gravissimo invece: così possono essere incriminati tutti.

    Così si può giungere a incriminare Andrea Camilleri per associazione mafiosa.

  • > Il p2p nasce libero e come simbolo di libertà!

    Ok, questo è un ottimo pensiero e condivido questa idea con te.Il p2p è libero e tale deve rimanere.L'internet è libero e tale deve rimanere!
    Cordiali saluti
  • - Scritto da: SardinianBoy
    > perchè stì maledetti poliziotti e
    > finanzieri non danno la caccia ai pedofili

    hei dimenticato i terroristi...A bocca storta
    non+autenticato