Intel lancia i chip new generation

Il chipmaker annuncia modelli e prezzi di Xeon serie 5100, la prima famiglia di processori basati sulla microarchitettura Core. I nuovi chip - assicura - fanno mangiare la polvere agli Opteron dual-core di AMD

Santa Clara (USA) - Mancano ormai poche settimane, forse giorni al lancio in grande stile con cui Intel inizierà la diffusione dei primi processori basati sulla sua nuova architettura "universale" Core. Si tratta di Xeon della nuova serie 5100, CPU dual-core dedicate ai server e alle workstation di fascia alta.

Intel afferma che il core Xeon 5100, già noto con il nome in codiceWoodcrest , sia in grado di fornire prestazioni fino al 125% maggiori rispetto ai suoi diretti predecessori efino al 60% superiori a quelle degli Opteron di AMD . Per misurare le performance del suo nuovo chip, Intel ha utilizzato i benchmark standard SPEC: i risultati ottenuti con un sistema basato sul processore Xeon 5160 sono stati confrontati con i risultati di un equiparabile sistema basato sull'Opteron dual-core 285.

"I valori delle prestazioni e del consumo energetico a livello di sistema riscontrati con le piattaforme Intel basate sulla nuova microarchitettura Core hanno superato le nostre aspettative", ha proclamato Kirk Skaugen, vice president e general manager del Server Platforms Group di Intel. "Ma i clienti si aspettano di più oltre a prestazioni e bassi consumi. Per questo motivo Intel ha sviluppato una piattaforma capace di offrire le più recenti tecnologie per server, tra cui una memoria più veloce e affidabile, la tecnologia Intel Virtualization, Intel Active Server Manager e la tecnologia Intel I/O Acceleration".
La tecnologia di memoria fully-buffered (FB-DIMM), qui al suo primo debutto, promette di incrementare velocità di accesso ai dati, affidabilità e densità di memorizzazione. La specifica FB-DIMM è stata sviluppata da Intel e altre aziende con l'obiettivo primario di semplificare il design delle schede madri per PC e di incrementare il numero di slot di espansione generalmente disponibili su queste ultime.

Le altre tecnologie integrate in Woodcrest sono già note: Intel Virtualization offre il supporto in hardware alla virtualizzazione, semplificando e incrementando le performance di software come VMWare e Xen; Intel Active Server Manager integra componenti hardware, software e firmware per gestire gli attuali ambienti complessi dei data center e del computing di fascia enterprise; la tecnologia Intel I/O Acceleration accelera il trasferimento dei dati tra l'interfaccia di rete e le applicazioni.

Le nuove piattaforme server e workstation di Intel, i cui nomi in codice sono rispettivamenteBensleyeGlidewell , sono state progettate per gli attuali processori dual-core. Ma supportano anche i quad-core realizzati con la tecnologia di processo a 65 nanometri e con quelle che via via si renderanno disponibili. I primi processori per le piattaforme Bensley e Glidewell sono stati i processori Xeon dual-core serie 5000, il cui nome in codice eraDempsey .

Gli attuali modelli della serie 5000, ancora basati sull'architettura del Pentium 4, sono i seguenti: il 5080, con clock di 3,73 GHz e prezzo (per ordini di 1.000 unità) di 851 dollari; il 5063 MV, con clock ci 3,2 GHz e prezzo di 369 dollari; il 5060, con clock di 3,2 GHz e prezzo di 316 dollari; e il 5050, con clock di 3 GHz e prezzo di 177 dollari. I primi tre modelli condividono un front-side bus a 1.066 MHz, che nell'ultimo è invece di 667 MHz, e tutti hanno in comune una cache L2 di 2 MB per ciascuno core. Ilmodello 5063 MVsi distingue dal 5060 perché consuma un massimo di 95 watt contro i 130 di quest'ultimo.
23 Commenti alla Notizia Intel lancia i chip new generation
Ordina
  • Forse l'estensore dell'articolo intendeva VMWare...
    non+autenticato
  • Eviterei di evidenziare in grassetto quelle che sono le dichiarazioni della casa madre senza aver prima avuto riscontri. Alla luce di questi test:

    http://www.2cpu.com/review.php?id=112

    il "fino al 60% in più rispetto agli Opteron" i Woodcrest se lo sognano.
    Rapportando la velocità degli Opteron provati ( 2,6 GHz ) a quella dei Woodcrest ( 3 GHz ) quando questi ultimi risultano più veloci il divario si assesta sul 10% circa.

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Eviterei di evidenziare in grassetto quelle che
    > sono le dichiarazioni della casa madre senza aver
    > prima avuto riscontri. Alla luce di questi
    > test:
    >
    > http://www.2cpu.com/review.php?id=112
    >
    > il "fino al 60% in più rispetto agli Opteron" i
    > Woodcrest se lo
    > sognano.
    > Rapportando la velocità degli Opteron provati (
    > 2,6 GHz ) a quella dei Woodcrest ( 3 GHz ) quando
    > questi ultimi risultano più veloci il divario si
    > assesta sul 10%
    > circa.
    >


    E quindi de facto se intel non è credibile, tu lo sei gioco forza?

    mah
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Eviterei di evidenziare in grassetto quelle che
    > > sono le dichiarazioni della casa madre senza
    > aver
    > > prima avuto riscontri. Alla luce di questi
    > > test:
    > >
    > > http://www.2cpu.com/review.php?id=112
    > >
    > > il "fino al 60% in più rispetto agli Opteron" i
    > > Woodcrest se lo
    > > sognano.
    > > Rapportando la velocità degli Opteron provati (
    > > 2,6 GHz ) a quella dei Woodcrest ( 3 GHz )
    > quando
    > > questi ultimi risultano più veloci il divario si
    > > assesta sul 10%
    > > circa.
    > >
    >
    >
    > E quindi de facto se intel non è credibile, tu lo
    > sei gioco
    > forza?
    >
    > mah


    Tu non sei buono a fare i calcoli da te?Prova, non e' difficile.Poi le considerazioni da trarre le potrai fare anche quelle da solo.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > Eviterei di evidenziare in grassetto quelle
    > che
    > > > sono le dichiarazioni della casa madre senza
    > > aver
    > > > prima avuto riscontri. Alla luce di questi
    > > > test:
    > > >
    > > > http://www.2cpu.com/review.php?id=112
    > > >
    > > > il "fino al 60% in più rispetto agli Opteron"
    > i
    > > > Woodcrest se lo
    > > > sognano.
    > > > Rapportando la velocità degli Opteron provati
    > (
    > > > 2,6 GHz ) a quella dei Woodcrest ( 3 GHz )
    > > quando
    > > > questi ultimi risultano più veloci il divario
    > si
    > > > assesta sul 10%
    > > > circa.
    > > >
    > >
    > >
    > > E quindi de facto se intel non è credibile, tu
    > lo
    > > sei gioco
    > > forza?
    > >
    > > mah
    >
    >
    > Tu non sei buono a fare i calcoli da te?Prova,
    > non e' difficile.Poi le considerazioni da trarre
    > le potrai fare anche quelle da
    > solo.


    soprattutto divergeranno dalle tue trollate...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Eviterei di evidenziare in grassetto quelle che
    > sono le dichiarazioni della casa madre senza aver
    > prima avuto riscontri. Alla luce di questi
    > test:
    >
    > http://www.2cpu.com/review.php?id=112
    >
    > il "fino al 60% in più rispetto agli Opteron" i
    > Woodcrest se lo
    > sognano.
    > Rapportando la velocità degli Opteron provati (
    > 2,6 GHz ) a quella dei Woodcrest ( 3 GHz ) quando
    > questi ultimi risultano più veloci il divario si
    > assesta sul 10%
    > circa.

    Sì, vabbè. Tu sei un fanatico AMD che nega la realtà. La realtà che non ti piace è che la tecnologia Centrino di Intel ora in versione desktop e server è la migliore sul mercato. Punto. Woodcrest è dal 30 al 60% più veloce degli AMD e dal 50 al 70% più veloce dei Pentium D.
    non+autenticato
  • La tecnologia Centrino che tu citi a sproposito non ha nulla a che fare con le cpu. E' la piattaforma completa di chipset di controllo, wireless lan e altro hardware integrativo, proposta da Intel per il segmento mobile.
    Quanto alle millantate prestazioni dei Woodcrest nei confronti degli Opteron, negare la realtà è immaginarsi cose che non ci sono e crederci. E' ridicolo affermare qualcosa non potendola sostenere.
    I numeri non mentono. Calcoli alla mano, obiettivamente la dichiarazione di Intel è una bufala.
    Le prestazioni sono sì superiori, ma non sempre e assolutamente non nella grandezza dichiarata da Intel. Le considerazioni atte a confutare questi fatti sono soltanto illazioni senza costrutto, smentite immediatamente nel mondo reale. Con le dichiarazioni da spaccone non si va lontano. I numeri non mentono.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > La tecnologia Centrino che tu citi a sproposito
    > non ha nulla a che fare con le cpu. E' la
    > piattaforma completa di chipset di controllo,
    > wireless lan e altro hardware integrativo,
    > proposta da Intel per il segmento
    > mobile.
    > Quanto alle millantate prestazioni dei Woodcrest
    > nei confronti degli Opteron, negare la realtà è
    > immaginarsi cose che non ci sono e crederci. E'
    > ridicolo affermare qualcosa non potendola
    > sostenere.
    > I numeri non mentono. Calcoli alla mano,
    > obiettivamente la dichiarazione di Intel è una
    > bufala.
    > Le prestazioni sono sì superiori, ma non sempre e
    > assolutamente non nella grandezza dichiarata da
    > Intel. Le considerazioni atte a confutare questi
    > fatti sono soltanto illazioni senza costrutto,
    > smentite immediatamente nel mondo reale. Con le
    > dichiarazioni da spaccone non si va lontano. I
    > numeri non
    > mentono.



    http://www.intel.com/products/centrino/

    http://www.hexus.net/content/item.php?item=5692&pa...

    http://www.presence-pc.com/actualite/woodcrest-ben.../
    non+autenticato
  • Quanta distrazione!
    Conosco tutti quei test e diversi altri.
    Ne ho fatti anche personalmente.
    Il Woodcrest a confronto con un Opteron dalla tecnologia vecchia di tre anni, nella migliore delle circostanze *a parità di clock* va il 10% - 15% più veloce. Nei calcoli scientifici è anche più lento. Il 60% è per coloro che credono. E contro la fede non c'è ragione che tenga.
    Non effettuerò ulteriori interventi su questo post.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Quanta distrazione!
    > Conosco tutti quei test e diversi altri.
    > Ne ho fatti anche personalmente.
    > Il Woodcrest a confronto con un Opteron dalla
    > tecnologia vecchia di tre anni, nella migliore
    > delle circostanze *a parità di clock* va il 10% -
    > 15% più veloce. Nei calcoli scientifici è anche
    > più lento. Il 60% è per coloro che credono. E
    > contro la fede non c'è ragione che
    > tenga.
    > Non effettuerò ulteriori interventi su questo
    > post.


    meglio visto che la tua attendibilità è tutta da dimostrare, contrariamente a quei link che ti hanno citato.
    non+autenticato
  • CIAO A TUTTI
    indubbiamente in questa nuova generazione di processori sara` inclusa la tanto "amata" (da Intel) tecnologia conosciuta come "LaGrande" che altro non e` che una delle svariate implementazioni del Trusted Computing... e chi e` che vuole ridursi alla totale sottomissione nell'utilizzo di quello che una volta era il suo Personal Computer?
    Nessuno credo, quindi, la cosa migliore da fare e` semplicemente non comperare nessuno di questi Processori, in pratica, attuare una violenta campagna di boicottaggio dei Processori Intel al fine che Intel capisca che non vogliamo perdere il possesso dei nostri Computer, noi, li vogliamo usare liberamente.
    Biocottare il Trusted Computing e` per il nostro bene Futuro, cerchiamo di informare il piu` possibile sul perche` e come evitare che il TC diventi il futuro delle prossime generazioni.
    DISTINTI SALUTI
    Crazy
    1945

  • Sono Destinati al mercato Server ......

    TAZZONE .....

    dove regnano incontrastati BSD e Linux


    TAZZONE2 .....
    non+autenticato
  • Mi sà che non hai ben capito in che mercato si posizionano i server x86.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Mi sà che non hai ben capito in che mercato si
    > posizionano i server
    > x86.

    siegacelo tu einstein...e spiegaci il nesso con il post dello psicopatico anti drm...che ormai se li sogna anche nel panino al salame della merenda delle 16
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > - Scritto da:
    > > Mi sà che non hai ben capito in che mercato si
    > > posizionano i server
    > > x86.

    > siegacelo tu einstein...e spiegaci il nesso con
    > il post dello psicopatico anti drm...che ormai se
    > li sogna anche nel panino al salame della merenda
    > delle
    > 16

    Non c' entra nulla, che siano destinati a server o workstation cio' che conta e' che il TC comincia a diffondersi, logico che in questi ambiti desta meno scalpore e meno curiosita'....
    Si deve cominciare sempre da qualche parte no? E quindi si inizia da dove e' piu' facile penetrare.

  • - Scritto da: Alessandrox
    > - Scritto da:
    >
    > > - Scritto da:
    > > > Mi sà che non hai ben capito in che mercato si
    > > > posizionano i server
    > > > x86.
    >
    > > siegacelo tu einstein...e spiegaci il nesso con
    > > il post dello psicopatico anti drm...che ormai
    > se
    > > li sogna anche nel panino al salame della
    > merenda
    > > delle
    > > 16
    >
    > Non c' entra nulla, che siano destinati a server
    > o workstation cio' che conta e' che il TC
    > comincia a diffondersi, logico che in questi
    > ambiti desta meno scalpore e meno
    > curiosita'....
    > Si deve cominciare sempre da qualche parte no? E
    > quindi si inizia da dove e' piu' facile
    > penetrare.


    si ma tanto se non sono usati da tutti gli OS, puoi anche metterci un criceto..
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > Sono Destinati al mercato Server ......
    >
    > TAZZONE .....
    >
    > dove regnano incontrastati BSD e Linux
    >
    >
    > TAZZONE2 .....

    E quindi? Anche i processori desktop con nome in codice Conroe, che verranno presentati il prossimo luglio, avranno LaGrande.
    non+autenticato
  • server o no, sono processori che integrano LaGrande e quindi da BOICOTTARE. Per il bene nostro e delle future generazioni.

    p.s.: che regni incostratato linux/bsd mi pare un'affermazione (purtroppo) un po' tanto esagerata.. fatti un giro a vedere cosa davvero usano enti come banche o poste italiane (ribadisco: purtroppo..)
    non+autenticato
  • Caro amico, l'idea che il TC sia il male è comune; cio' che purtroppo non condividiamo è l'ottimismo dell'azione comune, della "class action", del "popolo che scende in piazza".
    Probabilmente sei giovane e per questo con genuinità ed ingenuità invochi il boicottaggio; che è certamente una cosa fra le tante da fare, ma serve a poco perchè siamo in pochi ad aderire concretamente.

    Uno dei filosofi che fornirono la base ideologica ai movimenti degli anni '60 era H. Marcuse, scappato dalla Germania nazista e rifuggiato in USA. Tra le tante pillole di saggezza che tradusse in scritti per noi ignoranti fu una rivisitazione del concetto latino del "panem et circensis" secondo cui basta sfamare e far divertire il popolo, per controllarlo tutto. Nessuno che ha la pancia piena, la testa distratta ed il pisello contento, muoverà mai un dito per il progresso etico a cui io e te siamo sensibili. Perchè un uomo che ha i suoi istinti primordiali soddisfatti, dovrebbe rischiare di vederli insoddisfatti per un benessere superiore che non vede?

    Fino a 3-4 anni fa ero come te; ed a scuola, pur eccellendo nelle materie scientifiche, non ho mai studiato le materie umanistiche... finendo per essere uno studente mediocre. Mai poi a forza di soffrire per l'inerzia della società che ho attorno, ho iniziato a studiare l'uomo ed a trascurare l'ingegneria informatica.
    Oggi penso che se anche siamo in tanti a soffrire per le cose scriteriate che vediamo intorno, siamo troppo pochi per cambiarle. Non che mi sia arreso, ma penso che faremmo bene a parlare di meno ed agire di più, ognuno nel proprio piccolo. In modo che invece di cercare il consenso delle masse, che non aderiranno mai per ignoranza o beata idiozia, potremo realizzare piccoli fatti che saranno i semi della rinascita dopo la prossima catastrofe che, la storia insegna, costringerà l'uomo a fermarsi per ripensare le idee che hanno portato a quella catastrofe. Sbagliare e' l'inevitabile destino di un animale che ha coscienza di se, ma che subisce le pulsioni al paro di tutti gli altri animali.

    Con affetto,

    Renton78
    non+autenticato
  • Il miglior intervento mai letto su questi forum

    Congratulazioni

    Ciao

    Davide


    - Scritto da:
    > Caro amico, l'idea che il TC sia il male è
    > comune; cio' che purtroppo non condividiamo è
    > l'ottimismo dell'azione comune, della "class
    > action", del "popolo che scende in
    > piazza".
    > Probabilmente sei giovane e per questo con
    > genuinità ed ingenuità invochi il boicottaggio;
    > che è certamente una cosa fra le tante da fare,
    > ma serve a poco perchè siamo in pochi ad aderire
    > concretamente.
    >
    > Uno dei filosofi che fornirono la base ideologica
    > ai movimenti degli anni '60 era H. Marcuse,
    > scappato dalla Germania nazista e rifuggiato in
    > USA. Tra le tante pillole di saggezza che
    > tradusse in scritti per noi ignoranti fu una
    > rivisitazione del concetto latino del "panem et
    > circensis" secondo cui basta sfamare e far
    > divertire il popolo, per controllarlo tutto.
    > Nessuno che ha la pancia piena, la testa
    > distratta ed il pisello contento, muoverà mai un
    > dito per il progresso etico a cui io e te siamo
    > sensibili. Perchè un uomo che ha i suoi istinti
    > primordiali soddisfatti, dovrebbe rischiare di
    > vederli insoddisfatti per un benessere superiore
    > che non
    > vede?
    >
    > Fino a 3-4 anni fa ero come te; ed a scuola, pur
    > eccellendo nelle materie scientifiche, non ho mai
    > studiato le materie umanistiche... finendo per
    > essere uno studente mediocre. Mai poi a forza di
    > soffrire per l'inerzia della società che ho
    > attorno, ho iniziato a studiare l'uomo ed a
    > trascurare l'ingegneria
    > informatica.
    > Oggi penso che se anche siamo in tanti a soffrire
    > per le cose scriteriate che vediamo intorno,
    > siamo troppo pochi per cambiarle. Non che mi sia
    > arreso, ma penso che faremmo bene a parlare di
    > meno ed agire di più, ognuno nel proprio piccolo.
    > In modo che invece di cercare il consenso delle
    > masse, che non aderiranno mai per ignoranza o
    > beata idiozia, potremo realizzare piccoli fatti
    > che saranno i semi della rinascita dopo la
    > prossima catastrofe che, la storia insegna,
    > costringerà l'uomo a fermarsi per ripensare le
    > idee che hanno portato a quella catastrofe.
    > Sbagliare e' l'inevitabile destino di un animale
    > che ha coscienza di se, ma che subisce le
    > pulsioni al paro di tutti gli altri
    > animali.
    >
    > Con affetto,
    >
    > Renton78
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Il miglior intervento mai letto su questi forum
    >
    > Congratulazioni
    >
    > Ciao
    >
    > Davide
    >
    >
    > - Scritto da:
    > > Caro amico, l'idea che il TC sia il male è
    > > comune; cio' che purtroppo non condividiamo è


    e bravo, non ti dico quanto apprezzo che tu abbia quotato tutto l'articolo solo per fargli i complimenti. Visto che ti e' piaciuto tanto, senza nulla togliere a renton, potevi anche quotarlo piu' volte, finche' non venivi definitivamente.
    non+autenticato