EMI: via libera al P2P sponsorizzato

La casa discografica distribuirà gratuitamente il proprio catalogo musicale su Qtrax, software P2P basato su Gnutella. Le royalty degli artisti saranno pagate grazie al sistema pubblicitario integrato nel client

Londra - EMI, la casa discografica di Moby e di Robbie Williams, punta al rilancio delle vendite scommettendo sull'ultima generazione di software P2P: i client sponsorizzati. È così che tutto il catalogo EMI sarà disponibile su Qtrax, un sistema di condivisione file basato su Gnutella che si fregia d'essere l'unico client P2P certificato sul mercato. Il funzionamento è semplice: gli utenti possono scaricare gratuitamente una vasta gamma di contenuti perché Qtrax "li trasforma" in target pubblicitario per campagne promozionali online.

Ai reporter è stato spiegato che "gli utenti, dopo aver visualizzato alcune inserzioni pubblicitarie, potranno scaricare musica senza pagare": una rivoluzione se si considera che proviene da una delle grandi sorelle della discografia internazionale, fin qui assai restie a cedere il passo a nuovi modelli di business.

I diritti d'autore verranno pagati direttamente con gli introiti pubblicitari, ed il Financial Times ha svelato che circa metà delle entrate finiranno direttamente nelle tasche di EMI.
Tuttavia, Qtrax offrirà contemporaneamente altre opzioni interessanti, come un abbonamento mensile "premium" per disattivare i messaggi promozionali. In questo, Qtrax somiglia vagamente ad Urge, il servizio lanciato da MTV e Microsoft, che permette di scaricare un numero indeterminato di canzoni al prezzo di una quota "flat" mensile.

Non finisce qui: Qtrax, in quanto client Gnutella, avrà un'opzione speciale che consente di accedere a questa diffusissima rete di condivisione. Un filtro antipirateria, ad ogni modo, limiterà le attività di condivisione e download ai soli contenuti di pubblico dominio: tutti i contenuti protetti da copyright verranno automaticamente censurati dal motore di ricerca interno. Gli utenti potranno poi accedere anche ad un negozio online al dettaglio simile ad iTunes, strutturato in modo verticale e centralizzato.

Stando agli osservatori di Slyck, il servizio Qtrax offrirà download di file protetti da DRM del tipo ad autodistruzione: "I file saranno riproducibili solo alcune volte", si legge in un articolo pubblicato sul sito, "dopodiché una finestra pop-up chiederà all'utente di acquistare definitivamente la canzone oppure di passare all'abbonamento mensile di tipo premium".

Allan Klepfisz, CEO dell'azienda dietro Qtrax, è convinto della bontà di questa iniziativa: "Moltissimi inserzionisti hanno puntato gli occhi sul mondo del P2P, ma finora è sempre stata una zona di confine con l'illegalità", dice in un'intervista rilasciata all'agenzia Reuters. Klepfisz è convinto del successo di Qtrax e mira in alto: "Non lanceremo il servizio fintanto che non avremo il supporto di tutte le major discografiche".

Anche se i creatori dell'iniziativa sono pieni d'entusiasmo ed ottimismo, il P2P "autorizzato" dalle major è un segmento di mercato molto competitivo e rischioso: servizi come PeerImpact e MashBoxx hanno riscosso finora un margine di successo molto al di sotto delle aspettative iniziali. Qtrax è destinato a percorrere una strada già battuta? Il lancio del servizio sperimentale è previsto per la fine del 2006.

Tommaso Lombardi
48 Commenti alla Notizia EMI: via libera al P2P sponsorizzato
Ordina
  • Basta troncare le canzoni a metà.
    Così si mette d'accordo tutti.

    Geek
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 07 giugno 2006 16.04
    -----------------------------------------------------------
  • Domanda stupida, da uno che non ha mai avuto sul suo pc una canzone protetta da Drm.
    Se io faccio partire la canzone con un player e poi la registro IN-LINE con un programma apposito tipo acid, o anche il registratore di suoni del piffero...dovrebbe funzionare no?
    O c'è qualche diaboleria che mi impedisce di farlo?

  • Ma che proposte sono queste?

    Ma davvero nel 2006 c'e' genete che penbsa che con la pubblicita' si possa far girare tutta l'economia del mondo?

    E basta co' ste' schifezze.

    Bisogna creare un business vero: io PAGO per qualcosa, senza trucchi e senza DRM, senza pubblicita'. E' l'utente che deve scegliere non le major con questi schifosi player blindati che profilano la gente e li rincoglioniscono con la pubblicita'.

    Basta.

    Io voglio comprare qualcosa senza schifezze dentro, e al giusto prezzo: si potra' fare o no?
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Ma che proposte sono queste?
    > Ma davvero nel 2006 c'e' genete che penbsa che
    > con la pubblicita' si possa far girare tutta
    > l'economia del
    > mondo?
    > E basta co' ste' schifezze.
    > Bisogna creare un business vero: io PAGO per
    > qualcosa, senza trucchi e senza DRM, senza
    > pubblicita'. E' l'utente che deve scegliere non
    > le major con questi schifosi player blindati che
    > profilano la gente e li rincoglioniscono con la
    > pubblicita'.
    > Basta.
    > Io voglio comprare qualcosa senza schifezze
    > dentro, e al giusto prezzo: si potra' fare o
    > no?

    Fammi capire una cosa: tra il fatto che i contenuti siano a tempo e quello che siano diffusi con sponsorizzazione quello che non ti piace e' il secondo?

    Eh beh allora.... ci lamentaiamo pure se il mondo gira cosi' ?

    Se ti fanno vedere un spot pubblicitario ad alto tasso di rincoglionimento di chi e' la colpa se poi ti convincono? Tua o Di chi ti ha inviato lo spot? La testa per discernere scegliere ce l' hai o no? Se la gente non ce l' ha si merita tutta la pubblicita' che le industrie vorranno mandargli.

    BAh

  • uno scaricone dovrebbe passare a iniziative simili a queste, seppur a mio avviso intelligenti per quel poco che se ne legge, quando ha a disposizione altri canali senza pubblicità, tutte le opzioni possibili e tutte accedibili senza abbonamenti premium et similia, mp3 che vanno sempre e coi quali si può fare tutto, tagliarli, modificarli, taggarli e chi più ne ha... ??
    E chi si tiene un client in più installato sul pc per la sola musica emi, quando per scaricarsi un film si installa emule, sul quale l'ultimo di robbie williams lo trova comunque?
    Per rientrare nella legalità forse? bah...
    certo è un passo avanti che da a intendere che le lobby han capito che col proibizionismo forse riescono solo a peggiorare la loro situazione.
    Saluti
    non+autenticato
  • ma come faranno a fare in modo che il file si autodistruggera? (con la tecnologia attuale?)

    evidentemente non saranno normali mp3

  • - Scritto da: MandarX
    > ma come faranno a fare in modo che il file si
    > autodistruggera? (con la tecnologia
    > attuale?)
    >
    > evidentemente non saranno normali mp3

    purtroppo la scienza ed il progresso ormai si piegano alle evoluzioni di queste negazioni di libertà altruiTriste

    www.gilean.forumfree.org/home.php
    non+autenticato
  • e dimenticavo, se sara p2p allora chi fornira i primi file speciali?

    in pratica guadagneranno facendo spendere agli uteni i soldi per pagare l'adsl?

    gia immagino che gli utenti con il modem 56k saranno bannati perche troppo lenti

  • - Scritto da: MandarX
    > ma come faranno a fare in modo che il file si
    > autodistruggera? (con la tecnologia
    > attuale?)
    >
    > evidentemente non saranno normali mp3

    sarà un file con certificato associato con data di scadeenza in pancia, wma ad aesempio supporta questo.
    non+autenticato


  • > sarà un file con certificato associato con data
    > di scadeenza in pancia, wma ad aesempio supporta
    > questo.

    Potrebbe essere modificato con un editor esadecimale?
    non+autenticato


  • - Scritto da:
    >
    >
    > > sarà un file con certificato associato con data
    > > di scadeenza in pancia, wma ad aesempio supporta
    > > questo.
    >
    > Potrebbe essere modificato con un editor
    > esadecimale?

    Si, ma e' inutile: all'installazione il player provvedera' a ricopiare tale valore in qualche anfratto del registry, cosi' non solo non potrai farci niente per modificare la scadenza, ma ti riempira' di dati inutili il disco e restera' traccia eterna di tutto quello che ti sei ascoltato su quel PC, alla faccia della privacy.

    E' il DRM, baby!
    non+autenticato
  • > sarà un file con certificato associato con data
    > di scadeenza in pancia, wma ad aesempio supporta
    > questo.

    mai usati wmf wmv wma

    li evito come la peste

  • - Scritto da: MandarX
    > ma come faranno a fare in modo che il file si
    > autodistruggera? (con la tecnologia
    > attuale?)
    >

    C'è un virus nel file che, se tenti di riprodurre il file oltre al limite consentito, piega i piedini della CPU e poi imposta la risoluzione della scheda video a 280x457 a 3 colori e ti impedisce di risettare e/o resettare.

  • - Scritto da: MandarX
    > ma come faranno a fare in modo che il file si
    > autodistruggera? (con la tecnologia
    > attuale?)
    >
    > evidentemente non saranno normali mp3

    Aggiungono un pelino di nitroglicerina Rotola dal ridere

  • Semnplicemente magari la qualità sarà infima (bootleg?)...

    - Scritto da: Garson Poole
    >
    > - Scritto da: MandarX
    > > ma come faranno a fare in modo che il file si
    > > autodistruggera? (con la tecnologia
    > > attuale?)
    > >
    > > evidentemente non saranno normali mp3
    >
    > Aggiungono un pelino di nitroglicerina Rotola dal ridere
    >
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)